Come stanno derubando questo blog. Serve il vostro aiuto.

In questi 10 anni di onorata attività (giudizio non unanime, come si può intuire), da pensatore libero e da divulgatore indipendente finanziato solo dai suoi lettori, questo blog ne ha subiti tanti di attacchi. Dalle querele alle denunce vere e proprie, dagli attacchi hacker agli oscuramenti, dalle intimidazioni al taglio delle fonti di finanziamento (Youtube in pochi mesi ha tagliato la pubblicità fino a 10/11 volte). Ogni volta, Byoblu è sopravvissuto. Qualche volta senza dire niente a nessuno, qualche volta è bastato scrivere perché tutti i lettori del blog si manifestassero, improvvisamente, come un’onda gigantesca, un’apparizione misteriosa di un’entità superiore e silenziosa, uno scudo invisibile fatto di tutte le persone che hanno appreso tanto, in questi anni. E non è questione di informazioni. Anche quelle, ma più che altro, questo è un posto dove si condividono idee, un approccio alle questioni fondamentali completamente differente rispetto a quello del sistema, vissuto come artefatto, manipolato. Qui ci si sente a casa e si dà espressione al bisogno fondamentale dell’essere umano: stare insieme e condividere valori, emozioni, interrogativi e obiettivi. Questa è la casa di tante persone che trovano conforto nel sapere che non sono soli, che i loro pensieri non sono folli, ma al contrario sono ragionevoli e condivisi da tanti. Qui si resta umani, si lotta per non essere fagocitati dal tritacarne dell’omologazione.

Sono queste le ragioni che spiegano numeri come le oltre 42 milioni di visualizzazioni video, le centinaia di migliaia di iscritti su tutti i network, i milioni e milioni di pagine viste sul blog ogni anno e così via. Forse una goccia nel mare dell’informazione, ma comunque una presenza ben definita e percepibile, come una radiofrequenza a impulsi regolari che arriva da una costellazione lontana, con alle spalle un quasar o una pulsar che racconta una storia diversa sulla vera natura dell’universo e della vita stessa.

Abbiamo bisogno di “storie diverse”, proprio perché ognuno vorrebbe raccontare solo “la sua storia”, quella che piace a lui, e cerca di distruggere tutto il resto in nome di una presunzione: quella di rappresentare il buono, il giusto, il bene, mentre dipinge tutto il resto come il cattivo, lo sbagliato, il male. E così facendo non si rende conto di diventare egli stesso il cattivo, lo sbagliato, il male. E io questo storie diverse non ho mai smesso di cercare di raccontarle, fin dai tempi del terremoto dell’Aquila, passando per l’economia, quando parlare di euro ed Europa era considerato un sacrilegio e io denunciavo Monti, intervistavo Bagnai, vi raccontavo cos’era il MES, passando per la politica, cercando di dare voce ai movimenti che ancora non ne avevano, fino alla comprensione di un fatto: che sia cioé necessario allargare il nostro respiro e ricercare una connessione tra gli individui a un livello superiore, esistenziale. Da qui sono nate le recenti interviste a Mauro Scardovelli, Ilaria Bifarini, Marco Guzzi, e tante altre possono ancora arrivare.

Ma di tutti gli attacchi che potevano essere fatti a un blog libero, senza padroni, uno si sta consumando in maniera tanto ingegnosa quanto efficace. Il progetto di “bruciare i granai” per tagliare le gambe all’informazione indipendente, iniziato con la nuova politica di Google Adsense qualche mese fa, ha trovato il suo gemello ideale in un’attacco diretto alle risorse finanziarie, non limitandosi ad eroderle, ma direttamente derubandole.

Come sapete, per il fatto che siete in molti a sostenerlo, byoblu si regge sulle donazioni. Queste donazioni vengono raccolte attraverso bonifico bancario, Paypal, carta PostePay, bitcoin e anche attraverso carta di credito, grazie al circuito gestito da Stripe. Bene, da qualche mese arrivano su tale circuito una quantità sterminata di microdonazioni, anche centinaia e centinaia in poche ore, spesso dall’importo estremamente ridotto, anche soli 50 centesimi. Tali donazioni provengono da decine, forse centinaia carte di credito clonate, che un algoritmo preleva e tenta di sfruttare generando transazioni ad alta frequenza. La maggior parte di queste transazioni vengono bloccate dal meccanismo di sicurezza di Stripe, ma una minima quantità, comunque per me rilevante, riesce a passare tra le maglie dei parametri valutati.

Perché lo fanno? Sembrerebbe un controsenso: se uno ha un numero elevato di carte di credito clonate, perché prova ad usarle nel circuito di donazioni di un blog? Mi è stato spiegato che i numeri di carta di credito clonati finiscono nelle mani dei card tester: sistemi automatizzati che ne testano la capienza e le soglie di utilizzo, per poi, una volta verificati, destinare le carte ad usi selezionati. Il problema è che i miei donatori sono spesso anonimi, e non è sempre immediato distinguere una donazione autentica da una generata da un card tester. In più, la loro frequenza rende difficile identificarle e rimborsarle. Ma ogni volta che una transazione fraudolenta non viene identificata e rimborsata come frode, viene poi contestata e finisce nel meccanismo della “disputa”. Questo comporta che non solo gli importi vengono rimborsati (questo sarebbe il minimo), ma dal portafoglio vengono dedotte le spese di transazione e viene applicata una commissione a perdere di 15 euro. Moltiplicate 15 euro, più il costo di transazione, per una serie di transazioni sfuggite al controllo, magari di soli 50 centesimi, e avrete un indebitamento netto di migliaia di euro.

Questo è quello che sta dunque accadendo: stanno derubando il blog. Oltre a generare una significativa perdita di tempo, ragione per cui il blog è fermo da qualche giorno. Ho un colloquio continuo con le forze dell’ordine, a cominciare dai carabinieri e dalla polizia postale, per indagare sugli autori della frode e per spiegare – laddove anche i magistrati me lo richiedano come persona informata sui fatti (raramente indagata, perché al di là delle verifiche tecnico-informatiche sugli indirizzi IP degli autori delle frodi, sull’estratto conto dei proprietari delle carta clonate appare in chiaro il mio nome e cognome, insieme al mio numero di telefono, dunque risulta abbastanza irragionevole pensare ad un mio coinvolgimento diverso dal ruolo di vittima).

Insieme ai gestori di Stripe abbiamo implementato tutte le regole di sicurezza per limitare al massimo l’attività dei card tester, ma poiché qualche transazione sfugge ancora al controllo, i trasferimenti in denaro verso il mio conto corrente sono stati temporaneamente sospesi, per non dare luogo ad accrediti automatici che poi evolvono in nuove dispute e in nuove commissioni da pagare, ma gli importi di tali dispute assommano già a qualche migliaio di euro (i conti precisi devono essere ancora fatti, ci vuole tempo), cifra che ovviamente un blog libero e indipendente non può sostenere senza il vostro aiuto.

Se ritenete opportuno conservare questo spazio di libertà, vi chiedo dunque di svolgere un ruolo di editore attivo, e costruire un ombrello contro i danni di questo nuovo, sottile quanto brutale attacco. È importante capire che il circuito di donazione attraverso carta di credito è sicuro e non è stato in alcun modo compromesso: si tratta unicamente di algoritmi che lo usano per testare numeri di carte di credito già clonate, quindi donare via carta di credito è non solo sicuro, ma anche molto importante perché ogni versamento contribuisce ad andare a ripianare il saldo negativo delle dispute accumulate.

Come sempre, trovate qui tutti i modi per contribuire: “tutti i metodi per donare“.

Nei prossimi giorni pubblicherò i rendiconti delle somme ricevute e l’elenco dei donatori (anche solo tramite iniziali), in modo che possiate riconoscervi.

Supereremo anche questa, tutti insieme. Come sempre. E ne usciremo più forti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Siamo entrati in un nuovo Neolitico – Marco Guzzi

Claudio Messora intervista Marco Guzzi, poeta, filosofo e fondatore del movimento “Darsi Pace”, laboratorio di nuova umanità.

Marco Guzzi, poeta, filosofo e fondatore del movimento “Darsi pace”, un laboratorio di nuova umanità. È un piacere ospitarti su Byoblu.com.

Anche per me, guarda Claudio, perché io sono un tuo assiduo visitatore e trovo sempre spunti di novità, di cultura alternativa, ma fondata. Quindi mi trovo proprio a mio agio.

Parliamo di questa crisi. Si può affrontare solo dal punto di vista dei numeri?

La crisi è antropologica, quindi molto più profonda, molto più radicale. Ma è anche una grande crisi di crescita. Io sono positivo. È una grande crisi, ma non è più grande di noi: è alla nostra portata. Dobbiamo renderci conto della sua radicalità e prenderla di petto. È una crisi di crescita, è una crisi sostanzialmente evolutiva, e noi non siamo ancora in grado di interpretare questa direzione evolutiva e facilitarla. E questo la aggrava. Questa è la cosa più pericolosa.: non tanto che la crisi sia antropologica, cioè è una crisi paragonabile a quella del Neolitico, perché sta cambiando un’antropologia, cioè un modo di essere uomini…

In che senso è paragonabile a quella del Neolitico?

La crisi antropologica del Neolitico è il momento in cui (grossomodo dall’8.000 al 5.000 a.c.) l’umanità si dà una forma che è poi quella che – con moltissime evoluzioni – arriva fino a noi. Inizia l’agricoltura, gli uomini cominciano quindi a stabilizzarsi in un luogo, a costruire le città e sorge la civiltà che poi – con enormi mutazioni – arriva fino a noi. Noi siamo in una fase di trasformazione ancora più grande per l’essere umano. Questo vuol dire – in termini semplici – che tutto un modo di “essere umani”, come il diritto, l’economia, la filosofia, la democrazia, la politica, i rapporti sessuali, i rapporti familiari… cioè tutte le forme antropologiche (le istituzioni antropologiche sono le forme in cui l’umanità organizza la sua vita), ecco: tutte queste forme sono in travaglio. Perché quelle che appartengono alla modalità che sta finendo tracollano. Ecco perché c’è una crisi generale. Tutto è in crisi perché le forme storiche – le forme storiche del matrimonio, le forme storiche della democrazia, le forme storiche dell’Università, le forme storiche delle religioni – è come se si stessero esaurendo. Non ci soddisfano più. Per cui noi non sappiamo che fare. Siamo in una fase caotica, che è una fase, però di transizione. Se noi riuscissimo a capire un po’ meglio quale figura di uomo, cioè quale modalità di Marco Guzzi o di Claudio si sta consumando e quale modalità nuova di essere Marco Guzzi o Claudio od ognuno dei nostri ascoltatori sta emergendo, riusciremmo a vivere questo passaggio per quello che è: un enorme momento di crescita.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Paola Taverna distrugge Aifa, Iss il Governo e la Lorenzin sul Decreto Vaccini al Senato.

È di poche ore fa la conferenza stampa del Movimento 5 Stelle al Senato dove Paola Taverna, segretario della Commissione Sanità al Senato, distrugge l’Aifa e l’Istituto Superiore della Sanità (“incompetenti e pericolosi”) e il Decreto Vaccini della Lorenzin, sempre più sola dopo che anche la Regione Veneto ha impugnato il Decreto.

Ascoltatela.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

I Mini Blu

I vaccini in discussione al Senato, per Youtube, non sono adatti alle famiglie! Siamo all’apoteosi del ridicolo!

Youtube - Vaccini Senato - Restricted - Modalità con restrizioni - thumbCaso mai non sapeste cos'è la modalità "con restrizioni" di Youtube, ve lo spiego in due parole. Per venire incontro alle preferenze degli inserzionisti, che adorano i bimbiminkia che bestemmiano mentre fanno saltare le cervella dei nemici nell'ultimo gioco horror, oppure scherzi telefonici volgari e di cattivo gusto, oppure poveri dementi...--> LEGGI TUTTO

UE: test gender ai nostri ragazzi nei licei. E NON sono anonimi!

liceo Nievo Gender L'Unione Europea avrebbe un progetto in corso per testare i nostri ragazzi su tematiche matematico-sessuali (quale attinenza abbiano le due branche del sapere, forse, si può spiegare argomentando che il Kamasutra in fondo è un testo di geometria). Questo progetto consta della somministrazione di test contenenti affermazioni come:...--> LEGGI TUTTO

Lucia Annunziata e il fallimento al contrario del M5S

Lucia Annunziata Lucia Annunziata, conduttrice di In Mezz'ora su Rai Tre e direttrice dell'Huffington Post, risponde alla mia analisi dei dati sulle elezioni comunali 2017. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Hanno radiato quest’uomo. Io invece lo voglio Ministro della Salute! Dario Miedico

Dario Miedico - Ministro della Salute - Play Questo è Dario Miedico, il medico radiato ieri dall'Ordine dei Medici. A questo mondo dove un Ordine farisaico, una casta medioevale si permette di radiare un uomo che parla in questo modo, io rispondo dicendo senza mezzi termini che voglio quest'uomo Ministro della Salute subito! E la Lorenzin...--> LEGGI TUTTO

Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine!

Ivan Cavicci vs Virologo Pregliasco Ordine dei Medici Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine. Il filosofo dell'Università Tor Vergata Ivan Cavicchi affronta il virologo Fabrizio Pregliasco. Il secondo è l'emblema dell'atteggiamento dei cosiddetti gran sacerdoti della scienza (anche in senso posturale, durante il confronto, fateci caso), verso il buon senso...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie

Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter

Video dal web

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>