PIIGS: adesso è il momento di andare al cinema

Ricevo e pubblico la lettera degli autori di PIIGS. Se andate tutti al cinema, il film che racconta la storia di tutti noi resta in sala. Vedete voi

Le cose hanno iniziato a non tornarci alla fine del 2011, prima delle dimissioni di Berlusconi. Per un pelo, altrimenti saremmo stati anche noi in piazza a festeggiare la soluzione a un falso problema. Perché, anche se per anni lo abbiamo creduto, la rovina dell’Italia, in corso già da tempo, non dipendeva solo da lui, ma dalla mancanza degli strumenti di politica economica per fronteggiare la feroce spallata che la crisi statunitense del 2007/2008 aveva dato all’Italia. E questa mancanza, avevamo capito, dipendeva dalla perdita di sovranità monetaria (e costituzionale, vedi Fiscal Compact e pareggio di bilancio) che l’Italia aveva accettato fin da quando aveva firmato i trattati europei.

Ma il sollievo di non essere in quella piazza a reiterare sempre lo stesso errore è durato lo spazio di una settimana. Perché si poneva un problema molto più grande e complesso: “Ok, e adesso? Si può fare qualcosa? Perché da questa crisi non si esce? Perché è stato imposto un presidente del consiglio senza elezioni (Monti), espressione della volontà della Troika? Perché quella che a noi già sembrava un male peggiore del male, l’austerità, veniva applicata all’Italia? A chi faceva gioco? Qualcuno stava facendo male i conti? Oppure li stava facendo fin troppo bene?”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Uber: ma siamo sicuri che questa è la modernità che vogliamo?

Dal 16 aprile Uber non potrà più operare in Italia.  Non voglio discutere delle ragioni dei tassisti, lobby che si dimostra potentissima in Italia  (fu capace perfino di fermare le liberalizzazioni di Monti), e neppure di quelle di Uber, che in molte altre città europee svolge un servizio pratico, velocissimo e a prezzi popolari.  Nell’era degli smartphone  e della sharing economy siamo tutti tentati dal restare delusi e dall’identificare la modernità con un’app che realizza la promessa della rete: mettere i cittadini in contatto diretto con altri cittadini.  E del resto le lunghe file sotto alle pensiline dei taxi (e il costo a fine corsa) non rappresentano un paradigma di servizio efficiente, in grado di non far rimpiangere, appunto, la “modernità”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Quello che dobbiamo fare adesso

tempo di volare alto

La politica non è tutto. C’è qualcosa che viene ancora prima della politica: siamo noi. Sono i rapporti tra gli esseri umani, la loro considerazione di se stessi, degli altri, del mondo. Chi siamo forse non lo sapremo mai, se non dopo morti, ma sapere cosa vogliamo e dove vogliamo andare – e con chi – questo sì che viene prima. Un prete vi direbbe che il più grande successo del demonio è farvi dubitare della fede. Allo stesso modo, il più grande risultato del vangelo neoliberista è fare in modo che ognuno di noi diffidi degli altri e perfino di se stesso, al punto da credere che oltre alla bieca logica della competizione, oltre alla religione del successo, oltre al tradimento e all’ipocrisia elevati al rango di inevitabile consuetudine, non vi sia nient’altro. Il mantra ripetuto alla televisione e sui giornali insinua in chiunque il dubbio che sia davvero tutto qui, che non ci sia altro. Sul lavoro è cosa buona e giusta fare le scarpe ai colleghi; a scuola non c’è tempo per aiutare i compagni in difficoltà; Darwin e la selezione naturale sono citati a sproposito per giustificare qualunque egoismo. Ogni autorità viene messa in discussione: i genitori sono messi in stato d’accusa dagli psicologi davanti ai figli; le religioni vengono massacrate e ridicolizzate; i professori vengono messi dietro alla lavagna dai parenti degli studenti; la politica viene smantellata e sostituita da anonimi prestanome; il matrimonio è un vincolo superato: siamo tutti “compagni” di qualcun altro, ma nessuno si sceglie per la vita; uomini e donne sono uguali (si badi bene: non ci si limita a dire che hanno gli stessi diritti, ma che sono proprio identici); bianchi, neri, culture, ideologie, storia, confini, perfino il cibo: tutto viene messo in un grande frullatore, sminuzzato e rimescolato affinché assuma un colore grigiastro e una consistenza molliccia.

Certo, entro una certa misura tutti gli ambiti e le categorie umani portano con sé arbitrarietà, ingiustizie, pericoli, muri, diffidenze, in una parola: diversità. E dove c’è diversità ci possono essere le radici dello scontro, del sopruso, dell’abuso. La violenza sulle donne trova proprio nella famiglia la sua scena del crimine elettiva. Nel silenzio delle sagrestie delle chiese sono accaduti fatti molto spiacevoli e i vecchi partiti hanno prodotto corruzione e hanno consacrato grandi colletti bianchi inamovibili dalle loro poltrone. Però gettare il bambino con l’acqua sporca è l’esagerazione opposta. L’universo e la vita stessa si basano sulla diversità. Le leggi di gravitazione creano sistemi che mettono in rotazione alcuni corpi intorno a un centro, il quale a sua volta orbita intorno a centri più grandi. Dalla carica negativa degli elettroni scaturisce un flusso che fa muovere oggetti presumibilmente inanimati. Le farfalle cercano il fiore, il calore porta l’acqua nel cielo e la sua assenza la fa precipitare. E la biologia ha avuto bisogno di differenziare gli organismi con il sesso, pur di creare uno scambio continuo che avesse le maggiori probabilità di successo. La gioia e il pianto, il piacere e il dolore, non c’è bisogno di continuare.

E così, insieme all’abolizione fattuale del matrimonio abbiamo perso la principale motivazione a rispettare una scelta, e con questa motivazione abbiamo anche rinunciato a quel senso di identità personale che deriva dal sentirsi fieri di se stessi, della propria lealtà. Abbiamo cioè perso l’onore. E abbiamo perso anche potere contrattuale: una famiglia, con i suoi valori, i suoi principi, con il suo capofamiglia, con il suo patriarca, era una roccaforte, un piccolo feudo, un piccolo sistema produttivo, aveva un peso specifico nell’ecosistema sociale di residenza, e trovava nella casa le sue radici. Insieme poi alle tradizioni religiose e al riconoscimento delle loro autorità, abbiamo anche smarrito un intricato sistema di punti di riferimento che, come i sistemi di posizionamento satellitare, era in grado non solo di indicare una realtà superiore all’individualismo cieco e sfrenato, ma anche di fare da mappa, da sistema di misura, di comparazione rispetto a un insieme di valori di riferimento stabili e condivisi. Dai quali ci si poteva anche discostare, certo, ma proprio l’ampiezza di tale scostamento restituiva un senso topologico alla traiettoria della nostra vita. Era il “Voi siete qui” sulla cartina. Senza punti di riferimento, siamo ovunque e in nessun luogo. La mortificazione della cultura, del sapere, l’appiattimento della professionalità dei docenti e l’accorciamento dei percorsi universitari in nome di della necessità di competere sul mercato del lavoro (cioè, alle condizioni attuali, più che altro di soddisfare la domanda di sfruttamento di chi ha le risorse per investire, e lo fa non per contribuire al benessere collettivo – per esempio portando l’acqua corrente a chi non ne ha – ma per aumentare la propria ricchezza), la distrazione della spesa pubblica dal settore sociale per conferirla alla soddisfazione della finanza speculativa, hanno creato generazioni di cittadini convinti che la conoscenza valga meno di un posto nelle nuove catene di montaggio digitali. Studiano tutti, ma quelli che davvero sanno ormai sono sempre di meno. Lo svilimento delle discipline filosofiche, letterarie e umanistiche in genere, e l’accentuazione di quelle tecnologiche hanno prodotto una maggioranza di individui preparatissimi in settori sempre più verticali, ma totalmente inconsapevoli di se stessi, delle loro origini, dei temi della contemporaneità, della loro legittimazione come portatori di diritti e conseguentemente totalmente incapaci di leggere trasversalmente le dinamiche sociali che li vedono giocare un ruolo da comparsa, funzionale ad essere utilizzati e riutilizzati a seconda dell’utilità di chi ne acquista la capacità produttiva. Noi siamo i discendenti delle grandi civiltà mediorientali, del pensiero filosofico greco, degli storici e dei poeti latini, delle grandi teologie medievali, degli ardimenti rinascimentali, delle sanguinose rivoluzioni sociali, dei giganti della musica e del pensiero che si sono avvicendati negli ultimi tre secoli. Eppure, tranne una minoranza esigua, non ne conosciamo le conquiste, le vette, gli slanci verso l’infinito, i grandi dilemmi, le solide impalcature sulle quali potremmo salire per spiccare il volo o semplicemente guardare le nostre meschinità da una prospettiva superiore. Dell’immensità della nobile traiettoria della civiltà umana non sapremmo citare che pochi sparuti luoghi comuni spesso attribuiti a persone ed epoche sbagliate.

La pretesa di creare una società multiculturale indiscriminata si è rivelata nel suo opposto: e cioè la distruzione di tutte le culture, annichilite da uno scontro innaturale, subìto anziché spontaneamente cercato. Ai ragazzi, orfani dell’autorità paterna, dell’autorità religiosa, dell’autorità culturale e anche di quella istituzionale, destituita insieme alla fine delle ideologie – deposte ma non superate – non resta che seguire le star di Youtube e chiedersi a cosa serva nascere con un bagaglio pieno di perché, se poi in questo mondo sembrano mancare del tutto le risposte. E in questo deserto indifferenziato pieno zeppo di stimoli sensoriali che non indicano nulla, come miraggi costruiti ad arte, finiscono per essere preda del primo che agita una convinzione qualsiasi, purché – almeno lui – appaia mosso da granitica certezza.

Chi non offre soluzioni in grado di soddisfare l’ego, l’unico propulsore rimasto all’individuo ormai privo di sovrastrutture identitarie e sociali, non ha speranze di incontrare un consenso significativo. Per questo l’impegno politico non è sufficiente ad imprimere una svolta alla decadenza inarrestabile dei nostri tempi, perché per agire con successo ha comunque bisogno di entrare in sintonia con le maggioranze oceaniche sofferenti ma prive di strumenti e di vocabolari per interpretare una complessità difficile da cogliere, prima ancora che da affrontare. Siamo come esseri bidimensionali. Viviamo su un foglio di carta e pensiamo in termini di larghezza e di lunghezza. Ma quando un essere che esiste anche nella terza dimensione – l’altezza – attraversa il nostro foglio di carta con le dita di una mano, noi vediamo cinque circoletti separati apparire in cinque posizioni diverse del nostro mondo, senza riuscire a comprendere che fanno tutti parte di uno stesso fenomeno, che va compreso nel suo insieme e non separatamente.

Per questo è fondamentale abbandonare l’estremismo della specializzazione eccessiva e diventare interdisciplinari. È necessario, anzi vitale, compensare la sofferenza individuale e la decadenza sociale con un nuovo rinascimento spirituale, che nasca innanzitutto dal recupero della consapevolezza di noi stessi come persone capaci di compiere un balzo e prendere quota verso le altezze del pensiero, a lungo abbandonate nella convinzione di non saper volare. E per fare questo dobbiamo rivalutare l’uomo e costruire una nuova rappresentazione di noi stessi, lontana da quella miserabile che ci rimanda l’appartenenza a un sistema calibrato per schiacciare ogni aspirazione al suolo e mortificare la nobiltà che ci caratterizza di diritto, insieme alla libertà e all’appartenenza al meraviglioso ordine naturale dell’universo. Bisogna creare e poi sostenere una comunità dove chi ha le chiavi di lettura di uno specifico ambito le condivida e si confronti con altri che hanno maturato significative competenze in settori diversi e complementari. Dobbiamo inaugurare l’era di una nuova università popolare, dove gli scienziati non abbiano paura di confrontarsi con i poeti, i filosofi con gli ingegneri, i religiosi e i mistici con gli economisti e i medici con gli sciamani, spiegando ognuno il loro sapere e la loro prospettiva in una maniera comprensibile e in un’ottica di contaminazione reciproca, al fine di sconfiggere le nicchie di pensiero e l’alterigia della sapienza ottusa, rinchiusa in una torre d’avorio. Non servono conferenze mono disciplinari, condotte a suon di tabelle e grafici al fine di prevalere e fare carriera in un settore specifico, che si risolvono nella creazione di fazioni opposte di seguaci fanatici e integralisti i quali alimentano la divisione e l’intolleranza al posto di una visione universale, integrata e coerente che rende manifeste le correlazioni, invece di isolare le differenze. E soprattutto non serve sapere tutto sulle medicine alternative, sulle innovative terapie geniche o sul ciclo di Frenkel, se non sappiamo rispondere agli interrogativi fondamentali della vita. Il primo dei quali è capire, grazie all’aiuto di ogni branca del pensiero, qual è il senso del nostro cammino in questa Terra e come possiamo renderlo più felice.

Quello che dobbiamo fare è lavorare alla nascita di un uomo novo, che alzi lo sguardo dal petto e torni a guardare gli altri negli occhi, scoprendo che era tutt’altro che solo. E che poi, insieme a tutti gli altri, sollevi finalmente il mento a riscoprire il cielo sopra di sé.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

I Mini Blu

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – I veri numeri dei giornali, Pier Luca Santoro (Datamediahub)

Pierluca Santoro Datamediahub - playI veri numeri dei giornali e della rete, nell'intervento di Pier Luca Santoro, Datamediahub, a #SUM01, il primo evento organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie

Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter

Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>