Silvio e Mubarak: a scuola di regime!

Lo giuro! Io volevo smetterla di parlare di Berlusconi, ma non posso.. Non posso proprio! Perchè questa volta è quasi più imbarazzante del solito!
Sentite cosa dice a Mubarak durante la conferenza stampa del 4 di giugno tenutasi a Palazzo Madama per ufficializzare il partenariato strategico rafforzato tra l’Italia e l’Egitto.

“Presidente, le chiedo scusa ma.. anche lei avrà delle questioni interne ogni tanto, e verrò a scuola da lei per sapere come riesce a superarle, visto i suoi quasi trent’anni di permanenza alla guida del suo paese.”


Giusto. Come riesce a superarle, Mubarak, le sue crisi interne? Vediamo da chi vuole andare a scuola Berlusconi.

Mubarak è il quarto presidente egiziano. In carica dal 14 ottobre 1981, dopo una brillante carriera militare, in parte dovuta alla sua permanenza nella Scuola Sovietica di Addestramento Piloti, nella Repubblica Sovietica di Kyrgyzstan.

Capo della delegazione militare egiziana in URSS dal 1964. Capo di Stato Maggiore delle Forze Aeree Egiziane durante la guerra dell’attrito tra l’Egitto e Israele (1967 – 1972) voluta dal Presidente Nasser. Viceministro della Guerra dal 1972, arrivò fino alla posizione di vicepresidente, ma è solo con l’assassinio dell’allora Presidente Sadat che assurse alla più alta carica dello stato.
Anwar Sadat. Quello che a Cmap David firmò il trattato di pace con Israele, per il quale insieme a Begin vinse il premio Nobel per la pace nel 1978. Quello che diceva:

There can be hope only for a society which acts as a one big family,
not as many separate ones

(ndr: Può esserci speranza solo per una società che si comporta come un’unica grande famiglia, non come tante famiglie divise).

Quello, appunto, assassinato dai fondamentalisti durante una parata al Cairo, il 6 ottobre 1981.

Otto giorni dopo, il 14 ottobre 1981 Mubarak diviene Presidente della Repubblica Araba d’Egitto, e viene rieletto altre quattro volte: nel 1987, 1993, 1999 e nel 2005, nel corso di elezioni molto strane, criticate dagli osservatori internazionali. Quando dico strane, intendo che nessuno, a parte lui ovviamente, aveva potuto parteciparvi, a causa di speciali restrizioni costituzionali.

Il 26 febbraio 2005, a seguito di forti pressioni interne e internazionali, Mubarak chiede alla stampa, a lui asservita, e al Parlamento, a lui asservito, di modificare la Costituzione per permettere un’elezione multi partitica, garantendosi prima però la nomina, sanzionata in un referendum privo di opposizioni.

le istituzioni elettorali e l’apparato di controllo sono sotto la cappa presidenziale, così come gli strumenti di comunicazione di massa ufficiali: tre quotidiani governativi e la televisione di stato che si esprimono all’unisono.
Così, il 7 settembre 2005, data delle elezioni, gli osservatori neutrali segnalano migliaia di voti falsificati a favore di Mubarak, attribuiti a elettori non registrati, che non potevano votare!
Un candidato di un partito avverso, il dottor Nur, si azzarda a contestare i risultati elettorali e chiede la ripetizione delle elezioni. Poco dopo viene pretestuosamente arrestato.

Tutto qui? Macchè!

Circola voce che Mubarak, avviando il processo di privatizzazione, abbia favorito uno dei suo figli, Alà. Una cosa che, non so perchè, mi fa pensare alla storia degli incentivi statali sui decoder per il digitale terrestre, all’epoca del governo Berlusconi, quando si scoprì che il fratello Paolo aveva una percentuale proprio in una società che commercializzava decoder.
Per onorare la tradizione faraonica, quella della linea dinastica di origine divina, per intenderci, sembrerebbe che alla guida dell’Egitto si prepari una successione in pectore dell’altro figlio di Mubarak, Jamal.

Insomma, un regime, quello egiziano, con i fiocchi e con i controfiocchi, dove i bloggers finiscono in galera, sotto il forte peso dell’apparato militare. E ve lo dice uno che in Egitto, c’è nato!

Silvio.. Silvio, dammi retta! Se proprio vuoi tornare a scuola alla tua età, vieni qui in rete: te lo facciamo noi un bel corso di Democrazia Avanzato.

Le riprese visibili nel video sono state effettuate il 7 settembre 2005, con i cellulari, di nascosto, dai blogger egiziani durante le elezioni vinte come sempre da Hosni Mubarak. e mostrano le evidenti falsificazioni ad opera dei burocrati del potere.
Un disperato tentativo di lanciare un messaggio in bottiglia affinchè altri sapessero, e i capi di governo agissero.
In tutta risposta il popolo italiano, per bocca del suo Premier, dichiara di voler imparare da Hosni Mubarak come si prende e si mantiene il potere in una repubblica.

173 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • sei sempre molto informato, complimenti!ma cosa deve ancora dire,-o fare- quell’uomo?sono purtroppo ancora molti gli italiani con i paraocchi!!svegliatevi!Se penso ai prossimi cinque anni mi prende un pò di inquietudine…

  • oddio ma com’è possibile che ste cose si devono apprendere in questo modo? dannati giornalisti…si può fare qualcosa per intervenire o ci arrestano tutti se fiatiamo?comunque byoblu, come sempre, sei un grande.. continua, qui siamo sempre con te !

  • Bel VIDEO ad ogni modo, ottima scelta di Rachmaninoff come colonna sonora iniziale…per quanto concerne Silvio: NON HA SOLO BISOGNO DI SCUOLA DI DEMOCRAZIA, MA DI SCUOLA DI ONESTA’, SCUOLA DI ANTIMAFIA, SCUOLA DI ANTIMASSONERIA COSPIRATRICE, SCUOLA DI ANTICENSURA, SCUOLA DI ANTIMONOPOLIO… questo è solo l’ennesima manifestazione di ciò che sempre dico BERLUSCONI PER INTERESSE E’ DISPOSTO AD APPOGGIARE TUTTO E TUTTI COME SEMPRE HA FATTO: MAFIA, MASSONERIA ASSASSINA, CORROTTI, TERRORISTI, TUTTO!

  • Bel VIDEO ad ogni modo, ottima scelta di Rachmaninoff come colonna sonora iniziale…per quanto concerne Silvio: NON HA SOLO BISOGNO DI SCUOLA DI DEMOCRAZIA, MA DI SCUOLA DI ONESTA’, SCUOLA DI ANTIMAFIA, SCUOLA DI ANTIMASSONERIA COSPIRATRICE, SCUOLA DI ANTICENSURA, SCUOLA DI ANTIMONOPOLIO… questo è solo l’ennesima manifestazione di ciò che sempre dico BERLUSCONI PER INTERESSE E’ DISPOSTO AD APPOGGIARE TUTTO E TUTTI COME SEMPRE HA FATTO: MAFIA, MASSONERIA ASSASSINA, CORROTTI, TERRORISTI, TUTTO!

  • Bel VIDEO ad ogni modo, ottima scelta di Rachmaninoff come colonna sonora iniziale…per quanto concerne Silvio: NON HA SOLO BISOGNO DI SCUOLA DI DEMOCRAZIA, MA DI SCUOLA DI ONESTA’, SCUOLA DI ANTIMAFIA, SCUOLA DI ANTIMASSONERIA COSPIRATRICE, SCUOLA DI ANTICENSURA, SCUOLA DI ANTIMONOPOLIO… questo è solo l’ennesima manifestazione di ciò che sempre dico BERLUSCONI PER INTERESSE E’ DISPOSTO AD APPOGGIARE TUTTO E TUTTI COME SEMPRE HA FATTO: MAFIA, MASSONERIA ASSASSINA, CORROTTI, TERRORISTI, TUTTO!

  • Ottimo documento, grazie byoblu!Tranquilli in Italia c’è Silvio che è anche massone e mafioso (2-in-1).Ora aspira al dominio del paese, con il suo esercito composto da precari e mercenari che non hanno problemi per picchiare donne, bambini, anziani, handicapati che protestano civilmente e con le mani alzate.

  • Ma queste uscite, “simpaticamente” assurde ,le fa perchè le pensa o le pensa perchè ormai le ha fatte? C’è differenza… si può sperare che prima o poi gli esca dalla bocca qualcosa di sensato e che poi il suo ego smisurato lo costringa a crederci…Si, lo so, sono una inguaribile ottimista!!

  • sempre molto ben informato!(tu)grazie!se non fosse una cosa tremendamente seria- a parlare è il capo del governo della nostra povera italia-, beh,sarebbe veramente esilarante!c’è altro ancora che può dire, o fare..?Ci aspettano 5!!anni..ha un vago senso di paura..

  • Perché quel nano pensa davvero di vivere 100 anni? E quante volte si dovrà liftare i bargigli ammesso che ci riesca? Ad ogni modo l’Egitto è un paese preso alle strette fra polzia segreta (creata da un nazista) e fratelli mussulmani. Non dipende da Mubarak il fatto che quel paese sia in quelle condizioni: ci sta pure la cosiddetta università al Azhar, quella che sforna terroristi. sempre ricordando che il terrorista islamico,vero o creato a tavolino o sui media,e’ funzionale solo alla politica imperialistica USA; non serve ad altro!

  • sempre ricordando che il terrorista islamico,vero o creato a tavolino o sui media,e’ funzionale solo alla politica imperialistica USA; non serve ad altro!

  • ignoravo completamente la storia di Mubarak. Vado a documentarmi. Non so ancora se il tuo servizio sia preciso e corretto, ma indubbiamente propone un problema ed è fatto benissimo. Complimenti, davvero.

  • Quell’uomo meriterebbe di finire come “il più grande statista italiano”…solo così si potrà parlare di una vera democrazia!!!Grande Claudio,i tuoi video sono sempre belli e interessantissimi!!

  • E bravo claudio mi hai fregato anche stavolta, avevo sentito ieri per radio la conferenza stampa ed avevo trovato folli quelle parole. Volevo recuperare la trsmissione ma mi hai anticipato, complimenti anche per l’approfondimento. Farò girare il video.ciao mauro

  • mubarak e’ ovvio che e’salito al potere con la forza e con l’ inganno e con l’omicidio di sadath cmq spero che il berlusca abbia detto quella frase senza sapere queste cose ciao byoblu continua cosi’

  • Grande come sempre.Grazie per avermi informato su questa dichiarazione scandalosa di Berlusconi,questo tuo servizio ha dato la conferma che siamo sotto una dittatura “dolce”.Spero che la gente capisca che con questo essere andiamo a finire come un paese del terzo mondo.

  • Se devo essere sincero, questo video mi ha terrorizzato, moltissimo… Speriamo che non succeda anche quì, anche se manca poco…come sempre fai un lavoro eccezionale!!!

  • ecco hai previsto il futuro!nuovo premier: PAOLO BERLUSCONIragazzi sto video fa veramente paura, quanto non siamo informati, una cosa spaventosa!se capiterà/continua così anche qua c’è da mettersi le mani sui capelli e far saltare fuori qualcosa d irivoluzionario! sennò addio tutto

  • Come sempre i tuoi video arrivano dritti al punto e riescono a zittire anche le obiezioni più ardite,come quelle che purtroppo sento sempre più spesso…Di fronte alle palesi incoerenze (per non dire menzogne spudorate!) almeno le persone comuni con un minimo di buon senso riesco a capire, guardando i tuoi video, che “forse” qualcosa che non và c’è…Continua così!

  • Bravo ! :)Non e’un caso che il nano sia malvisto da gran parte di politici dei paesi democratici. Gli stessi conservatori di mezza Europa debbono stringere i denti e fingere di sorridere quando lo incontrano per stare alla prassi…

  • video bellissimo spero beppe grillo di pietro o travaglio lo mettano sui loro blog in quanto hanno piu’ popolarita’ e si riuscirebbe a farlo vedere a molte piu’ persone!! Sei un grande continua cosi’!!

  • Ecco. Da qui si può dedurre che:1. Berlusconi è un ignorante che non si informa neanche su chi sono le persone con la quale parla.2. Berlusconi è un pezzo di merda. (ma questo già si sapeva)3. Siamo nella merda….. anche questo si sapeva..4. Di fronte al Mondo CONTINUIAMO, per via di Berlusconi, a fare figure di merda!

  • E`sempre contento il nostro caro amatissimo presidente berlusconi quando é a contatto con i suoi simili.Vorrebbe arrivare a 30 anni di regime ma io spero che PRESTO la natura faccia il suo lavoro.

  • @youcanbl0wme mi perdonerà Byoblu, ma io quella petizione non la firmerei MAI! :-)))) Continueremo solo a fare circolare l’idea che se le cose non sono in TV non esistono 😉 Byoblu non mi fuggire mai da internet! Sei perfetto per questo media! Rimani con noi!

  • “tutto il popolo italiano in nome del suo primo ministro”Dovremmo fare come diceva Luttazzi, mettere un cartello ai confini italiani con su scritto: “Benvenuti in Italia, le opinioni dei cittadini non corrispondono necessariamente con le opinioni del primo ministro” ;-)))))

  • @pescesardinazzzpensa che veniva da piangere anche a me.. guardando e riguardando gli spezzoni dell’assassinio di Sadat durante il montaggio..

  • quando dici “.. e ve lo dice uno che in Egitto ci è nato!” ho come un brivido che mi corre lungo la schiena.Spero,in questo senso,un giorno, di non dover mai dire “..ve lo dice uno che in Italia ci è nato!”GRAZIE!

  • Non ci voleva molto a capire quali sono i “campioni” della democrazia da cui Berlusconi vuole prendere esempio. Adesso ce l’hai dimostrato “incontrovertibilmente” anche se, a giorni, il Mago di Arcore probabilmente dichiarera’ che lo abbiamo frainteso!!!! Grazie Claudio!

  • Bel video ma non trovo il motivo per scatenarsi contro Berlusconi, era una battuta! Inoltre se le elezioni truccate sono state insabbiate come faceva a saperlo? Ma poi è stata solo una mossa diplomatica quella di elogiarlo! Per il resto il video lo trovo interessante. Ciao

  • @Damix15>era una battuta! non voglio scoraggiare la tua interpretazione, ma considera che a certi livelli le battute non si possono fare come le faresti al bar, perchè ogni parole di un leader di governo è pesante come piombo, deve essere misurata ed esprime una propensione, un’orientamento.>Inoltre se le elezioni truccate sono state insabbiate come faceva a saperlo?Le cose che so io, e che sappiamo tutti, loro le sanno meglio e prima. O crederai davvero che Mubarak a me l’ha detto di persona di avere falsificato le elezioni?>Ma poi è stata solo una mossa diplomatica quella di elogiarlo! La mossa politica, per l’appunto, deve tenere in considerazione il messaggio che si lancia. Bastava invitarlo e stringere l’accordo di cooperazione. Dire al leader di un regime che si vuole andare a scuola da lui è davvero un’affermazione gravissima.

  • Caro (si fa per dire) byoblu, scrivo questo commento per complimentarmi con te nell’impegno che ci metti per raggiungere la perfezione nella faziosità dei tuoi ragionamenti. In questo sei veramente da ammirare. Noto che altri, caratterialmente faziosi, hanno fatto scuola, ma tu – ne sono sicuro – li puoi raggiungere ed anche superare. Ti assicuro che questo commento non è un attacco personale. Non ti conosco, come potrei avercela con te? Oltre alla polemica politica che mi interessa fino ad un certo punto, vorrei spostare la critica su un altro piano, più tecnico e più linguistico. Il problema è che i tuoi video non sono dei video, non basta mettersi davanti alla telecamera e recitare un testo imparato a memoria oppure letto su un gobbo. Non basta perchè Current dovrebbe essere una televisione e come tale dovrebbe ospitare contenuti elaborati con minimo di sintassi propria del linguaggio audiovisivo, cosa che nei tuoi pod non è leggibile in nessun modo. Ostentare il tuo faccione, forse anche simpatico, non carica il pod di forma e significante, ma lo svilisce nella scopiazzatura dello stile “iena” in uno sproloquio politicamente scorretto. Io sono convinto che se Current Italia vuole avere qualche possibilità di realizzare qualcosa, deve riuscire ad ottenere dei risultati, “pod inviati dagli utenti”, linguisticamente belli da vedere, con qualche sperimentazione semantica, con qualche innovazione di editing e postproduzione, insomma qualcosa che possa essere “guardato”, altrimenti basta scrivere un post. Forse l’errore sta proprio qui, al momento sono stati coinvolti quasi esclusivamente dei blogger, a partire dalla presentazione con Al Gore a Roma e non i videomaker. Ritengo che “video come i tuoi” facciano veramente male al progetto Current Italia. Se fallirà, come è probabile considerate alcune premesse, una buona parte di responsabilità dovrà essere imputata proprio a chi realizza video come i tuoi ed a chi ne consente ed incoraggia la pubblicazione. Posso chiederti quanti minuti di ripresa video hai fatto nella tua vita ? In quanto alle lezioni di democrazia credo che occorra, al contrario di quello che affermi, esprimere molta umiltà. Se il tema è: “come si prende e si mantiene il potere” ti suggerisco due situazioni che potrebbero essere interessanti da trattare, la prima è Cuba e la seconda è la Cina. Quando avrò il piacere di vederti trattare lo stesso tema riferito a questi due paesi ? Sei in grado di farlo oppure hai bisogno che Berlusconi ti offra lo spunto e ti dia l’imput ?

  • @hugti ringrazio per i complimenti. Li conserverò nel mio diario. A me non interessa la questione dei POD. Se spostiamo la cosa nella sezione “NEWS” va bene lo stesso. Anzi va pure meglio, perchè questo non è un contenuto stilisticamente adatto alla televisione su Current. Questo è un link ad un video su YouTube. Quindi il metro di valutazione corretto è: “argomenta il contenuto”, non “quanto è bella la regia che vi fugge, tuttavia..” Se preferisci leggere un posto e non guardare il video: non guardarlo. non capisco perchè devi farci su un commento di mezza pagina. Hai uno strumento: la votazione: clicchi OK e l’intervento resta, clicchi KO e l’intervento se ne va. Non è questa la democrazia? Io ho il diritto di esprimermi, tu hai il diritto di ignorare la mia espressione ed esprimerti a sfavore. Mbeh? mi vuoi negare il diritto di dire qualsiasi str°°°ata (come immagino la valuti tu) la mia mente faziosa possa partorire? Se poi invece vogliamo parlare di contenuti, anzichè di forma (ho abbandonato l’amore per la forma fine a se stessa da un bel pezzo), allora parliamo. A te sembra corretto che il massimo rappresentante della democrazia di uno dei paesi (forse “ex”) più industrializzati dica ad un dittatore che vuole andare a scuola da lui? Se lo reputi accettabili abbiamo smesso di parlare dei contenuti, perchè non condividiamo gli assunti di base, e quindi ne traiamo conclusioni diverse. Per tornare alla storia della ripresa video: non ne ho mai fatta. Non sono un regista, non ne capisco niente, e non mi sembra affatto questo il punto. Questo è un contributo di contenuto, che il formato non sia adatto alla linea editoriale di Current ll’abbiamo chiarito nei primi giorni con la redazione, da allora non mi pongo più il problema della scelta per la tv. Forse tra l’altro ho sbagliato io, e l’intervento non è finito tra le NEWS, ma siamo tutti ancora un po’ nuovi qui dentro, Ci sono tanti bottoni da esplorare., Chiedo venia. 🙂 Questo è un link ad un media su di un canale YouTube molto frequentato, dove ci sono persone che sono interessate ad ascoltare quello che dico e a farsi un’opinione personale. Non vedo perchè la stessa cosa non possa accadere anche su Current. Spero che almeno su questo abbiamo sgomberato il punto. Per quanto riguarda la Cina e Cuba.. immagino tu mi stia accusando di essere comunista. E’ un errore frequente. Ti stupirà sapere che ho votato parecchie volte Berlusconi nella mia vita. L’ho già detto su YouTube. Non ho difficoltà a fare outing. Poi sono cambiato. Ho compreso alcune ragioni a mio parere incontrovertibili e ora esprimo liberamente il mio pensiero. Siccome nei battibecchi quotidiani sui media l’opinione pubblica si scanna su certi argomenti, e questi argomenti, un po’ come in una piazza, sono quelli che più fanno scaldare gli animi e i cuori, ho la vocazione ad intervenire con le mie considerazioni. Sono faziose per definizione. Sono le mie. Se fossero le tue sarebbero altrettanto faziose. Non ho l’ossessione di Berlusconi. L’ispirazione mi viene perchè sento castronerie come quella espressa in questo contributo. Tra l’altro mi pare abbastanza taciuta dai media tradizionali. Perchè non è rilevante, dirai tu. Perchè non è conveniente, rispondo io. All’estero sarebbero già tutti indignati. Chi la pensa come me di solito plaude. Chi non la pensa come me, invece di argomentare con considerazioni di tenore opposto che possano alimentare un certo gradi di dialettica, di solito fa considerazioni su di me medesimo, mai sui contenuti. La mia opinione è che siccome i contenuti non lasciano molto margine di discussione a chi ha votato senza troppa coscienza (si troverebbe a guardare in profondità ad una scelta che pone diverse questioni morali) anche inconsapevolmente la strada dell’insulto o dell’attacco laterale (cioè lo sviare dal tema) diviene la più semplice. Quindi invito anche te: resta sul tema, e dimentica per cinque minuti il mio faccione. Se fossi bionda e avessi le tette forse ti indigneresti di meno. 🙂 Se poi la questione non ti interessa, hai uno strumento potente: il click! Ciao, Claudio

  • Byoblu non è un regista e non è uno sceneggiatore. E’ un editorialista che, se trovasse televisioni disposte ad ospitare i suoi interventi, non avrebbe bisogno di montarseli da solo. Byoblu, a me i contenuti interessano. Vai avanti, per favore.

  • @HugUsare il termine “fazioso” per etichettare chiunque non la pensi come noi è puerile, soprattutto se non si portano argomentazioni per contrastare le idee avverse. Ormai chi vota per una certa parte ha inteso la politica come tifo e si adegua snocciolando slogan e ripetendo a memoria quanto sentito dai beniamini in TV. Non è il primo scivolone dell’attuale Presidente del Consiglio sul tema democrazia, a volte parlare a braccio e fare il simpaticone lo porta a dire cose a dir poco preoccupanti, altre volte lo fa con cognizione di causa od addirittura per iscritto con decreti di indubbia anticostituzionalità (ben più grave dell’incostituzionalità).

  • Hug vorrei venire ad impararee la democrazia da te. Posso? e…quanto mi costerebbe?Sei in grado di spogliarti delle tue idee e analizzare il contenuto del servizio senza tifo? Bene. Puoi non condividere le idee del video, ma per favore, cerca di aiutarci a capire dove ha sbagliato chi lo ha realizzato con argomenti riscontrabili non solo nella fantasia.Grazie

  • “Continueremo solo a fare circolare l’idea che se le cose non sono in TV non esistono”..praticamente è la realtà..non è questione di far circolare l’idea…e figurati in italia c’è chi ancora non c’ha l’adsl!!Che poi una cosa non escluderebbe l’altra.Il vero problema credo sia il PERCHE’ queste cose NON POSSONO andare in televisione.

  • “praticamente è la realtà“E i libri? I giornali? Le riviste? Internet? Il cinema? No, pensare che ciò che in tv non esiste è una visione limitante.Ribadisco: ciò che è su internet rimane su internet, lasciare internet per andare in TV è come se durante una guerra cambiare bandiera per allearsi con il paese più grosso, quando i più lungimiranti si sono accorti che quel paese è destinato a perdere la guerra.”praticamente è la realtà“Realtà che puoi cambiare.

  • “Silvio, Silvio, dammi retta: se proprio vuoi tornare a scuola, alla tua età, te lo facciamo noi un bel corso di democrazia avanzata…’NKK ‘NKK”Ahah, ho riso come un matto! :DComplimenti Byoblu, i tuoi video sono sempre ottimi: sia per quanto riguarda i contenuti e le tematiche, sia per la costruzione del video stesso! Continua così, siamo in tanti a seguirti 😉

  • Sei semplicemente un grande Byoblu! Anche perchè stai facendo quello che molte persone cercano di fare. E cioè fare in modo che tutti sappiano chi è veramente Berlusconi così che la gente si ribelli alle sue parole e non applauda sempre come pesci lessi.Byoblu hai molte persone dalla tua parte. grazie

  • questo sig berlnesssuno cerc a sempre il modo che si parla sempre di lui ma e’ solo un essere dagli annunci facili.non portera’ mai niente di utile alla nazione che lui si illude che l’unico capace,io sto’ aspèettando ancora isuoi famosi (1.000.000 posti di lavoro).vi do’ una notizia il sito su chiaiano non lo faranno .

  • di primo acchito avrei voluto scrivere solo “super super super servizio”!!! poi sono incappato in questa polemica dei 4-5 post precedenti al mio. non voglio alimentare l’incendio… mi limito ad esprimere un parere personale riguardo contenuti e forma. personalmente non amo lo stile di ripresa e men che meno il blu o green screen o luma key che sia… ma durante e dopo il servizio non mi è passato neanche per l’anticamera parlare di questo nel voler commentar quanto visto. in sintesi… se ti piace metterci il faccione (per parafrasare chi ti attacca), metticelo pure, basta che continui a sfornare contenuti. personalemente do un attenzione incredibile all’estetica, la forma e, spero, sempre anche ai contenuti nei miei lavori, di qualsiasi natura essi siano; ma stimo qualsiasi lavoro che mi da informazioni e contenuti interessanti a prescindere dallo stile o dall’inquadratura (sennò tanto varrebbe guardare in loop vallette con le chiappe al vento… come già siam bravi a fare in italia). è ovvio che in motli casi, da spettatore con cognizione di causa, farei diversamente da quanto vedo. credo infine sia ipocrisia additare chiunque dicendo che il servizio è una scusa per apparire… sono impegnato nel sociale (faccio quanto posso per rompere le balle a quelli che quotidianamente tentano di fregare i singoli!) ma ammetto senza problemi che una parte delle ragioni che mi spingono a fare quel che faccio sono egoistiche… se durante questo processo informativo (o artistico che sia) riesco a fare del bene… tanto meglio!! byoblu… ascolta un cretino… continua così!

  • Caro primipiani, io credo che l’equivoco su Current derivi dal fatto che io nasco su YouTube, dove ho cominciato a realizzare piccoli interventi con la telecamerina puntata, quindi nulla che avesse a che fare con l’artisticità e la tecnica del mondo delle riprese. Quello che facevo e faccio là è divulgare idee.Poi semplicemente ho iniziato a migliorare dal punto di vista estetico i servizi: meglio vedere una foto come sfondo che i panni stesi della camera. :)Non sono un regista, non un produttore, non uno sceneggiatore.. niente. Sono un editorialista.Quando è nata Current ho inziato a postare anche qui. Ho trovato parecchio interesse, ma alcuni intendono Current esclusivamente come luogo quasi accademico sulle tecniche di realizzazione di filmati.Non è il senso di questo mio esserci. E del resto Current dice a più riprese che non vuole la perfezione nelle riprese, ma vuole una maniera di raccontare storie dinamica e personale.. Non ci ho ancora visto nessuna contraddizione con i miei interventi.Che poi dal punto di vista formale siano meno che amatoriali siamo tutti daccordo.Spero di poter risolvere questo equivoco prima o poi.

  • Ciao byoblu, soltanto alcuni chiarimenti per collocare le cose che diciamo in una corretta dimensione di confronto. Io sono intervenuto perché avendo seguito tempo fa la discussione con la redazione per i tuoi post, mi sono ritrovato il tuo intervento all’interno dei pod, dove è ancora, e non tra le news. Da qui secondo me la necessità di sottolineare l’importanza della forma e del linguaggio, considerato che Current Italia è stata presentata, male, come un possibilità di fare televisione. Tutte le altre considerazioni, soprattutto quelle di tipo politico, sinceramente mi interessano molto poco e sono fermamente convinto che la linea editoriale di Current Italia dovrebbe finalmente uscire da uno stato confusionale, tangibile in tutta l’organizzazione del sito, per favorire contatti e sinergie con videomaker in grado di inviare pod con una maggiore qualità. In sintesi si tratta di chiarire in via definitiva se questo spazio è un altro spazio costituito esclusivamente da blogger che amano discutere e commentare, sempre e solo da un angolo visuale, che si aggiunge ai tanti altri spazi simili che esistono in rete, oppure se si tratta di un contenitore “produzioni televisive indipendenti” che nascono e vengono realizzate per provare a fare televisione con nuovi strumenti, dimostrando che è possibile realizzare buoni prodotti anche con pochi mezzi. Se a voi piace discutere di Berlusconi siete liberissimi di farlo. Lasciatemi soltanto dire che a me la cosa non interessa, non solo, sono fermamente convinto che tali discussioni rechino un danno irreparabile alla possibilità che Current Italia riesca a fare qualcosa di buono. Tutta la costruzione politica che hai elaborato a partire da una “battuta” detta probabilmente più per formale cortesia che per reale convinzione, non è nemmeno “notizia”, non è “informazione”, non è “giornalismo partecipativo”. E’ soltanto la tua personale opinione, legittima ma personale. Capisco che chi condivide le tue opinioni si senta gratificato dai tuoi interventi. Non discuto questo perché prima di pormi il problema se intervenire nel merito del contenuto io sostengo che non può essere questa la sede giusta per farlo, che non si può costruire un progetto televisivo – di questo stiamo parlando o no – con tifoserie di parte e chiacchere politiche da bar sport. Questo piace solo ad una certa categoria di blogger, che in rete è maggioritaria, ma che è assolutamente marginale rispetto alla possibilità reale che Current Italia riesca a fare televisione innovativa. Se si continua così penso che diventerà soltanto una grande occasione persa. Mi fermo qui per non citare altri interventi, sempre in confusione tra “notizia”, “informazione” e “video produzione”, come quelli relativi all’esaltazione di Travaglio oppure di Grillo, ecc. Sono 15 anni che in Italia si discute di Berlusconi. Basta ! Su Berlusconi si è detto scritto almeno 10 volte di più di qualsiasi altro personaggio pubblico. Ormai non si resiste più a questi “contenuti”, come li chiamate voi. Se anche il progetto Current Italia si deve occupare di Berlusconi è meglio lasciar perdere. Proviamo a fare finalmente televisione, se siamo capaci, altrimenti voi continuerete all’infinito ad occuparvi di Berlusconi ed i videomaker cercheranno altre strade. Per fortuna che Berlusconi ha iniziato a fare politica attiva soltanto a 56 anni. Provate ad immaginare la quantità di dibattiti inutili che ci sarebbe piovuta addosso, se avesse iniziato quando ancora portava i pantaloni corti, come ha fatto ad esempio Veltroni o Dalema o Fini. Se volete davvero che Current abbia qualche possibilità, bloggatevi tra di voi, ma lasciate spazio alla produzione audiovisiva di chi con una telecamera sa lavorare.

  • @hug a te sembra marginale il problema di vivere in un paese dove la chi ti racconta le cose (stampa e giornali) ha una forte commistione con chi le cose le fa (i politici). Quindi vivi la cosa come un continuare a rimestare nello stesso calderone. Hai ragione: è come se in Cina si dicesse ad alcuni dissidenti di smetterla di parlare sempre della censura e del regime cinese. C’è altro a cui pensare. Detto questo. per quanto riguarda Current, innanzitutto leggi quello che ho risposto a PrimiPiani (non mi va di ripeterlo) più su. Qui si stava parlando dei contenuti espressi dal servizio fino a che non sei arrivato tu a dire la tua filologicamente su un argomento che non c’entra niente ma proprio niente con il topic, per di più aggiungendo che del topic non sei interessato minimamente. Questo sai come si chiama? Si chiama essere OFF-TOPIC. Continuo a non capire come mai te la prendi tanto con Current. Cosa dovrebbe fare Current: censurare il mio intervento? Current non nasce solo come piattaforma di filmmakers, ma è stata anche presentata come televisione democratica. Funziona così: uno posta, la gente vota. Se votano in tanti (e dunque democraticamente), mi spiace se il singolo disapprova, ma la maggioranza vince. Succede anche in parlamento. Solo che là si comprano i voti. Qui è più difficile. Poi Current si riserva di filtrare alla fine gli interventi da passare in TV. ED E’ QUELLO CHE FA. Infatti nonostante parecchie volte io sia finito in HomePage, gli interventi non sono mai stati selezionati per la televisione. In televisione ci vedi i POD che tu ami tanto, con lo stile giusto (o comunque in quella linea). Quindi di cosa ti lamenti? Vorresti forse che Current togliesse arbitrariamenti i contenuti dal sito? O che almeno li declassasse arbitrariamente? Ma ti rendi conto di quello che dici? Ti rendi conto che la rete funziona in maniera esattamente opposta alla tua rivisitazione dello strumento censorio applicato su tutti i media tradizionali? Mi spiace se Current non è esattamente come la vuoi tu, ma anche questo è la rete: accettare che i contenuti (perlomeno qui) vengano valutati dagli utenti, e non dai “dirigenti”. E poi stai parlando di Current quasi come di un esperimento fallito. Current ha a malapena un mese di vita, e tu la dai già per defunta? Rilassati. p.s. Se Berlusconi avesse cominciato a fare politica con i pantaloncini corti (ammesso che avrebbe fatto carriera), non avremmo il problema che abbiamo oggi, perchè non avrebbe tre televisioni private, più il controllo della televisione di stato, più la Mondandori rubata (con sentenza scritta e definitiva) a De Benedetti. Quindi non sarebbe così protetto dai media, ragion per la quale non ti accorgi di vivere in una democrazia apparente e vivi con irritazione l’argomento.

  • Berlusconi è solo una grossa Cotoletta alla Milanese con Limone a spicchi di condimento!Di Cotolette alla Milanese come te, caro Silvio (amico di porchi quali Mangano, Dell’Utri, Craxi, Bush, Putin), me ne mangio di tanto in tanto nei ristoranti, come nella pizzeria sotto paese.Byoblu: il video è bellissimo!

  • a hug: dici che non lo conosci,che non è un attacco personale, ecc., e poi lo insulti. con quali argomentazioni? arrampicandoti sugli specchi, non potendo attaccarlo diversamente.Prova a ribattere punto su le sue ragioni, con argomenti opportuni, però!!Ti sfido! Cuba, la Cina…ma l’italia di berlusconi ha fatto e fa un sacco di affari con la cina… e anche gli USAdi bush, suvvia…poi:”battuta detta per formale cortesia” …ma scherziamo?E’ il capo del governo italiano che parla,in un consesso pubblico, e non pinco pallino al mercato o al bar!!!…. Ma non è che sei un po’ invidioso? Capisco che tu non voglia che si parli di berlusconi, lo capisco benissimo!!!!

  • Ah davvero, Gottifredi? ahahah… Meno male che le cotolette che mangio io, almeno non sanno di Previti, di Arcore o di Craxi (o anche, volendo, della presunta “cordata Alitalia” 😉 ). Poi dipende da come sono fatte, se sono fatte da Mangano o dala pizzeria sotto paese menzionata…

  • Su Padre Pio, ho trovato un libro, chiamato “Santo Impostore” (lo so che questo non è un campo di dibattito religioso, ma…), sul quale ti chiederei di informarti. Io l’ho ordinato, assieme ad altri libri, ma il postino non dice niente ancora sull’ordine.

  • che domanda del cazzo. Se Silvio fa scuola da Mubarak, vorrà dire che quelle di Aprile sono state le ultime elezioni. Come ha fatto Muby a stare li per 30anni? semplice, ha usato il bastone no?

  • Gran video. Di bene in meglio. Non è che silvio abbia ancora molto da imparare…in cinque anni ha tutto il tempo che vuole per superare il suo “maestro”…che situazione raccapricciante…mi chiedo come abbiamo fatto a permettere tutto ciò…

  • Il conflitto d’interessi che con Berlusconi assume dimensioni enormi è un problema gravissimo della nostra democrazia che l’unica in occidente ad avere questa situazione, impegno civile significa parlarne e proporre soluzioni finchè non verrà risolto. Sfiorando la discussione fuori tema: ma di televisione ggggiovane non c’era già Mtv? Sarebbe inutile cercare di duplicare i suoi spot “eticamente impegnati” ed i suoi concorsi per registi in erba. Spero che current riesca a concentrarsi maggiormente sulla qualità dei contenuti, non sulla moda.

  • Mi si è gelato il sangue…. è davvero un’affermazione pesante questa. Dobbiamo restare tutti uniti per contrastare tutta questa schifezza…

  • IL nano appartiene alla vecchia scula !!!!!L’inizio è formidabile fra poco emanera una legge : la lagge sono io è basta NO intercettazioni SI Corruzione e spreco di danaro pubblico !!!!Cosa dovremmo insegnare ai nosrti figli i valori si rovesciano, siamo persi TONTI svagliatevi aprite il cervelloFORZA ITALIA

  • @marcofriendino”Continueremo solo a fare circolare l’idea che se le cose non sono in TV non esistono”..praticamente è la realtà..non è questione di far circolare l’idea…e figurati in italia c’è chi ancora non c’ha l’adsl!!Che poi una cosa non escluderebbe l’altra.Il vero problema credo sia il PERCHE’ queste cose NON POSSONO andare in televisione.

  • “praticamente è la realtà“E i libri? I giornali? Le riviste? Internet? Il cinema? No, pensare che ciò che in tv non esiste è una visione limitante.Ribadisco: ciò che è su internet rimane su internet, lasciare internet per andare in TV è come se durante una guerra cambiare bandiera per allearsi con il paese più grosso, quando i più lungimiranti si sono accorti che quel paese è destinato a perdere la guerra.”praticamente è la realtà“Realtà che puoi cambiare.

  • Prima cosa,ripeto che andare in tv non comporta il fatto di andarsene da’internet’mentre x te sembra una legge matematica: non lo è.Quindi byoblu potrebbe benissimo stare su tutte e 2;la cosa che non capisco è tutta sta ostinazione,sembra quasi che ti dispiaccia.Per quanto riguarda i giornali,guarda i nomi dei prorietari e chiediti se puoi aprirne uno tu e dire quello che vuoi:la risposta è NO.Si parla di un mondo che non esiste e lo spazio per RIFLESSIONI DI QUESTO TIPO appunto viene negato. ..poi lascia sta gli esempi cola guerra che è meglio coso,e poi “Realtà che puoi cambiare.”: si infatti la cambio con l’idea della petizione e il fatto di volere in tv gente così che parla con questo tono e con quest’ottica.C’hai qualche problema con me o con byoblu in tv?Dai se ci riesco al massimo cambi canale quando và in onda!e lo vieni a vedere su ‘internet’ se preferisci.”MarcoFriendino parla del mondo che vorrebbe.Youcanbl0wme parla del mondo che c’è”:penso che byoblu ha detto tutto!

  • Sei un grande… la TV di Stato se li sogna scorci di verità e di giornalismo come i tuoi… grazie di esistere, te lo dico con tutta la mia forza… 🙂

  • le religioni sono da sempre state usate per fare guerre,che hanno diverse motivazioni tranne quella religiosa(per i potenti)! i poveracci crederanno alla motivazione religiosa, o politica(dx -sx)! ci cascano sempre!

  • E che lo Psiconano se non lo fanno fuori in fretta instaurará un regime totalirio;la legge sulle intercettazioni, l’esercito a Chiaiano, le discariche come zone militari protette, il Nucleare anche se al referendum votammo NO!Come giudicate tutto questo democratico?

  • Bravo Claudio, hai fatto centro un’altra volta. Due righe per coloro i quali non apprezzano questi lavori: non entro nel merito su dove vadano postati questo tipo di pod perchè per fare questo c’è l’assistenza dei bravissimi ragazzi di Current; ma non è questa la questione importante. Il valore di questi video risiede nelle puntuali ricostruzioni che Claudio fa, quanti di voi si ricordavano di Sadat? o avevano mai approfondito in qualche modo la figura di Mubarak? Non fatevi fuorviare dalla battuta di Berlusconi (era una battuta, vero??:)) apprezzate le notizie e gli approfondimenti che ci forniscono in pochi minuti. Grazie

  • @byoblu @livia iacolare Mi sembra di capire che siete tutti d’accordo e non dovrei intervenire ma ho qualche dubbio sulla decisione di spostare questo video nella sezione news e approfitto del primo pomeriggio libero in un mese per esprimerlo 🙂 Faccio una premessa: seguo il progetto Current Tv da parecchio, per motivi di ricerca da ancora prima che apparisse sugli schermi via cavo americani. Sono un grande sostenitore di questa idea, dell’idea di una televisione partecipativa legata al web in generale, di Current Tv come rappresentante più autorevole di questa idea nello specifico. Credo naturalmente che ci sia ancora un gap tra l’idea di una televisione partecipativa e condivisa e l’attuale proposta di Current, ma questa non è una critica al canale, piuttosto una constatazione legata ancora al periodo storico, al contesto tecnologico e ad altre situazioni del genere. Anzi, credo che grandi passi si stiano facendo per colmare questo gap e uno dei più importanti sia stato fatto qualche mese fa con la nuova versione del sito. Il nuovo sito di Current rappresenta l’idea della partecipazione al meglio e soprattutto veicola l’idea che il “contenuto” non sia solo un video girato da filmmaker e videogiornalisti indipendenti ma possa semplicemente essere qualcosa proposto, condiviso e discusso dagli utenti attingendo da altre risorse. E’ l’idea che una nuova opinione pubblica possa nascere, svilupparsi, confrontarsi utilizzando tutti i mezzi e i canali messi a disposizione dalle nuove tecnologie. Il tutto è molto più presente nel sito americano del canale, al momento più ricco e partecipato, ma si può trovare in germoglio nella sezione news di quello italiano. La mia impressione è che al momento ci sia però uno scarto tra le potenzialità che il nuovo sito offre e i contenuti video che il canale trasmette quotidianamente. Ho come l’impressione che si vada incontro ad un appiattimento stilistico che possa portare in futuro ad un appiattimento nei contenuti. Il rischio insomma che Current diventi un brand e nonostante questa enorme potenzialità alle spalle (il sito) mandi in onda esclusivamente contenuti “stile Current”. Secondo me gli elementi di dibattito, di critica, ma soprattutto di diversità che animano o dovrebbero animare la sezione news dovrebbero essere più presenti nella sezione video. Credo perciò che Byoblu, o chiunque adotti un linguaggio audiovisivo diverso ma stimolante nei contenuti possa e debba continuare ad animare la sezione video, possa e debba continuare ad aspirare di essere parte del palinsesto televisivo del canale. Non credo che Current abbia bisogno di opinionisti o editorialisti, ma se capita che Byoblu o chiunque altro faccia o farà parte di questa comunità crei un video documentato e stimolante anche se non conforme a certi canoni possa vederlo in onda. Parlo come uno che di questa comunità fa parte e spera di essere sempre più stimolato da quello che accade e presente nei dibattiti e spero che questo post possa essere letto in questa prospettiva. Un saluto ad entrambi

  • Grazie and757, credo che i requisiti perchè un contributo possa essere validamente considerato un “pod” siano a tutt’oggi un po’ fumosi. Si dice addirittura che perfio una webcam potrebbe andare bene, che l’importante è che “raccontino una storia”, anche “dal punto di vista di chi la racconta”, poi si aggiunge che “devono essere documentati”.. In tutte queste affermazioni non riscontro alcunchè che possa essere in contrasto con il contenuto dei miei video. Posso comprendere perchè Current non li consideri validi, nel senso che posso tentare di interpretare le ragioni, ma dalla spiegazione ufficiale questo non si evince, e questo secondo me dovrebbe essere esplicitato per compiere un’operazione di trasparenza totale nei confronti di una community disposta a dare tanto ma anche a chiedere tanto in cambio, sulla scorta delle dichiarazioni di AlGore. Rinnovo l’invito ai responsabili di fare chiarezza definitiva. Personalmente non nutro nessuna smania di andare in televisione, anche perchè il canale espressivo che è per me un habitat naturale è la rete, e mi sembre di capire che essere scelti per la televisione implicherebbe dover rimuovere il media da tutte le altre piattaforme, cosa che per correttezza nei confronti degli internauti non sono incline a fare. Ritengo però che Tommaso o chi per esso dovrebbe sgomberare il campo da ogni dubbio, o dalla maggior parte di essi, e definire meglio il concetto di POD. Il mio parere è che non ci sia bisogno di moderazione: la rete seleziona da sola i contenuti, fa emergere quelli condivisi e nasconde gli altri. Se però tale selezione viene esplicitamente dichiarata, allora dovrebbe essere inequivocabilmente definita a priori, proprio per differenziare Current rispetto ai media di stampo tradizionale. Ciao, C.

  • Il tuo stile è davvero sagace… un modello da imitare… Adoro l’autoproduzione di qualità… e penso che la professionalità non debba essere disincentivata con da inutili difese di categoria da parte dei “professionisti” del settore. Noi possiamo fare la televisione, la pubblicità, la politica, la colonna sonora e tutte le cosine di cui ha bisogno una società. Berlusconi è solo una frangia di resistenza del vecchio che insiste a voler esistere… un pantano mafioso e fascista. Il futuro che ci aspetta gli dà torto. E’ vecchio. Lo combattiamo studiando, riunendo pratiche e linguaggi il più possibile… usando i nostri PC come fa il nostro stupefacente Claudio, dall’ironia graffiante e dalla capacità comunicativa forse maggiore di quella di Silvio. Bravo. Usciamo dai nostri particolarismi. L’eccentricità e il paradosso sono una chiave. Non il conformismo della protesta e della lamentela cui oggi si assiste. La bellezza, l’arte e la compostezza vogliono la loro parte. Denuncia sì, ma con stile.http://valeriomele.splinder.com

  • Lavoro a contatto diretrto con parecchi ragazzi egiziani,bravissime persone… Mai che abbia sentito da loro parole di elogio per il loro presidente:ora ho capito il perche’…Grazie!

  • si fa riflettere… però… alcuni fotogrammi non mi convncono.. mi riferisco alle riprese effettuate dirimpetto alla finestra in cui si falsificavano voti e proprio li, davanti alla finestra, si imbucavano nell’urna le schede falsificate… non so, mi sembra un tantino ingenuo no? Sembra fatto apposta per essere notati…. Un po troppo…

  • Tieni conto che siamo in Egitto. Lo conosco bene. Non è che sono tutti così svegli, nè così avvezzi alle nuove tecnologie. E poi fa molto caldo… 🙂

  • Purtroppo, la comunità di cui faccio parte (la minoranza Cristiana copta ortodossa d’egitto) simpatizza per Mubarak. è forse l’unico presidente che a livello politico garantisce un equilibrio tale da permettere a questa minoranza di non essere linciata ogni volta che gli estremisti ne avessero voglia(chiese bruciate durante cerimonie, bimbi e donne rapite,drogate e convertite all’islam etc. etc. etc. …)Chiaramente scoccia E disgusta elogiare questo CAMERIERE AMERICANO / PRESIDENTE.

  • Beh per quanto riguarda i voti falsificati Mubarak e’ andato a scuola da Katharine Harris in Florida donna vicino a Bush.Ricordate le elezioni presidenziali USA del 2000?

  • Ciao Claudio e ciao a tutti/e…è la prima volta che ti scrivo anche se ti leggo da un pò.Penso che le cose siano chiarissime: con potere legislativo, esecutivo, economico, mediatico concentrati nelle stesse mani, diventa IMPOSSIBILE non parlare di REGIME.Questo succede perchè i nostri “rappresentanti istituzionali” non rappresentano, appunto, gli interessi della comunità, ma quelli di qualcun’altro e, questo, a QUALSIASI livello.Bene, i difetti/patologie di questo SISTEMA ormai li conosciamo, servono i rimedi/terapie ed io vorrei che cominciassimo a parlare proprio di quest’ultimi.Propongo di partire da qui Marco: http://evolviamoci.blogspot.com/e volevo chiedere a te, e a chiunque ne condivida i contenuti, di divulgarli il più possibile, prima che sia troppo tardi.Prendiamoci la nostra piccola fettina di sovranità, sottrattaci dai nostri “rappresentanti politici” e, purtroppo, PALESEMENTE mal gestita.SVEGLIAMOCI…http://evolviamoci.blogspot.com/

  • Mubarak come altri prima e dopo di lui ha frequentato le Scuole Sovietiche, in Argentina i militari della Junta responabili degli eccidi dei Desaparecidos hanno tutti studiato nella famigerata Scuola delle Americhe;un, Istituto di Formazione Militare, con personale insegnante di varie discipline teoriche e pratiche,essendo il mio paese natale mi addolora vedere anche in italia che criminali di guerra come questo non vengano raggiunti da un mandato di cattura internazionale e processato.

  • davvero complimenti per il video graffiante ed esaustivo. Glielo vogliamo inviare anche allo psiconano? Oppure vi ha già querelato? Mi domando se si può querelare lui per le bestiali dichiarazioni che fa in giro per il mondo. Si tratta di un’offesa all’intelligenza!Silvi@

  • Mi consenta presidente: vada a scuola di umiltà. Purtroppo lei non sarà MAI un gentleman perché l’umiltà,che hanno avuto i grandi della storia, a lei manca. Lei mi ricorda quei BULLETTI di quartiere che vogliono avere potere su tutto e tutti, si circondono di tre quattro perdenti codardi e affrontano con ARROGANZA chi riesce a metterli(con intelligenza) in un situazione di inferiorità.Essere i piu ricchi non significa essere i piu intelligenti, questo é il suo DRAMMA e lei lo sa.Ciao Byo

  • senti, coglione, non lo capisci che Berlusconi era ironico e diceva quella battuta proprio per sottolineare l’incongruenza del “regime” egiziano? Ma perche’ non ci sei rimasto in egitto? chi ti vuole? poi c’hai una voce fa spavento…ma una mentina??no, eh?

  • si, era ironico, come quando ha detto che i giornalisti si beccheranno 5 anni di carcere se pubblicheranno documenti pubblici quali le intercettazioni fatte dal potere giudiziario, o quando ha gestito il G8, ho quando ha fatto il gesto del mitra con l’amico Putin (altro ironico democratico, peccato che in Russia ci siano centinaia di giornalisti morti ammazzati ogni anno, chissa’ da chi, come Anna Politkovskaya). Vai a studiare, ignorantello, e guarda meno TV… ora via, a fare i compiti! 😀

  • ben detto, fila a studiare!ma da dove viene ‘sto frustrato di frao? un consiglio che ti do e’ di provare a trombare di piu’, magari ti rilassa frao, rigidone che non sei altro…

  • era atta proprio ad evidenziare la contraddizione della finta democrazia in egitto. Quello che a me fa tristezza dunque e’ la strumentalizzazione e la demonizzazione di questo episodio al fine di favoreire una massa di consensi basandosi su eventi irreali e su questo odio che, purtroppo molti hanno, un po per invidia, un po per fazione politica nei confronti di Silvio. Si puo’ essere di tutti i colori, ma un giornalismo serio non accetterebbe mai un servizio come questo…ecco perche’ tu non sarai mai un giornalista serio. Vuoi scovare la verita’, ricerchi la notizia la dove la notizia e la verita’ non ci sono. Inoltre, un buon blogger e un bravo giornlista non dovrebbe mai censurare ne bloccare coloro che scrivono commenti non conformi alle loro idee… purtroppo anche in questo tu pecchi, eliminando i miei commenti e bloccandomi… ma come vedi la liberta’ trove sempre il suo spazio… se hai le palle tieni queste mie frasi, altrimenti, cancellale pure.

  • ma io veramente non ho offeso…al massimo ti ho chiamato testa a pinolo… ma sai perche’, caro pseudo giornalista della rete? perche’ purtroppo, tu , come gli altri che ho incontrato nella mia permanenza qua su yt vi salite sull’onda dell’odio nei confronti di Berlusconi e quasi sempre lo fate basandovi su frasi e concetti pretestuosi e facilmente attaccabili. Ecco, contesto questo metodo vigliacco, falso e scorretto. In questo caso, la frase del Presidente era di chiaro stampo ironico, anzi,

  • frao.. innanzitutto mi chiami “pseudo” e già questo non mi sembra un complimento. E’ come se io ti dicessi “pseudo” commentatore di YouTube. Poi in altri post mi hai dato del **cogl____** (non lo scrivo perchè se no dovrei autocancellarmi da solo, visto che rimuovo i commenti volgari che non portano nessun valore aggiunto).Poi parti da premesse sbagliate. Oggi la politica è “tifo da squadre”. Si perde di vista il senso della critica costruttiva, e si appoggia o si demonizza in toto.Questo porta spesso a entrare ideologicamente ed etichettare tutti come “comunisti di mer_a”, oppure “fascisti del c__o”. Ho sempre scoraggiato questo metodo un po’ infantile e dannoso. Anzichè confrontarsi, si chiude subito la porta e ognuno resta della sua idea, con un aggravante: uno strano mix di odio e scherno crescente. La democrazia e il senso di civiltà di questo paese ne fanno le spese.Io sono per un abbattimento delle categorie “destra” e “sinistra”. Io sono per la valutazione delle idee, guardandolo in faccia ad una ad una. Valutandole indipendentemente da chi le ha espresse. Non solo è come dovrebbe essere davvero, ma è la sola cosa giusta da fare.Partendo da queste premesse, trovo molte dichiarazioni di Berlusconi non appropriate ad uno statista quale egli ambisce ad essere. Trovo inoltre la commistione informazione-politica inaccettabile per una democrazia che si basa sulla separazione tra i poteri come qualsiasi democrazia liberale moderna. La separazione include anche il quarto potere (la stampa). Se i cittadini non sono informati “lealmente” non potranno mai formarsi un’opinione che a priori è sgombra da qualsiasi manipolazione. E’ un concetto universale. Non si può contestare questo. Talmente universale che io (e qui ti stupirò) che una volta votavo Berlusconi (quindi non mi dare del comunista), oggi non lo posso più fare, proprio per una scelta ragionata. hai visto, quindi, che non siamo tutti “comunisti”? Non è un difetto solo tuo, ma di molte persone. Chi è di sinistra si preoccupa solo di denigrare e trovare spunti, a torto o a ragione. Chi è di destra spesso arriva e spara a zero. Nessuno discute civilmente e con mente aperta rispetto agli argomenti, ciò che in effetti dovrebbe essere il sale della democrazia. E’ per questo che siamo indietro rispetto a molti paesi del nord Europa. E’ in questo che siamo una nazione di cialtroni. Vogliamo davvero cambiare? Impariamo a non fare il tifo. Impariamo a prendere le distanze dalle persone in quanto “miti” o “dei” (vale per Berlusconi come per Grillo). Impariamo a valutare ogni singola idea nel suo contesto, con la nostra testa.Poi perchè mi dai dello “pseudo”giornalista?Io non sono un giornalista. Sono un cittadino. Utilizzo la rete per comunicare. E comunico le mie idee. Sono disposto a cambiarle, se è per questo. Basta convincermi. Ma per sostenerle, porto tesi, argomenti.Mi faccio un culo così insomma per cercare di partecipare alla vita democratica con le garanzie e gli strumenti di cui essa dispone. Cosa c’è di sbagliato in questo? Se fossero già tutti daccordo su quello che dico, non avrebbe senso dirlo. Ma se non sei daccordo non delegittimare l’opinione screditando chi la adduce. Critica l’argomentazione. Proponi la tua versione. Se non riuscirai a convincere del tutto, magari peoò contribuirai ad allargare la visione del problema.Sono convinto che, posta in questi termini, la questione apparirà ragionevole anche a te.Quindi con questo spirito d’ora in poi, se vorrai, ti attendo sui miei post. Se qualcuno ti offende grauitamente non te ne crucciare, questa è casa mia e decido io chi sono invitati a parlare, e la mia regole è: tutti, tranne quelli che mi insultano non costruttivamente. Se mi offendi in maniera “civile” e argomentata hai tutto il diritto di restare.Ciao.

  • In questo video ti 6 superato. Specialmente quando mostri le riprese fatte con i cellulari delle schede falsificate. Questo a dimostrazione ke non può succedere “solo in Egitto”! Con quanta facilità si possono cambiare le sorti d un’ intera nazione. Byoblu non mollare, spero tu possa trovare alleati, ne avrai bisogno se attiri attenzione. Sforzati d non scegliere vie semplici nella tua vita, è dura lo so, ma subirai pressioni e “tentazioni”. La scelta finale rimarrà sempre e solo la tua.

  • Dovremmo darci tutti una svegliata e capire che il passo è breve, da una “democrazia” (e che democrazia…) ad una dittatura totalitaria…Ricordate il ventennio, rileggete i modi subdoli con cui Mussolini cominciò ad appropriarsi del potere…Ora e sempre: RESISTENZA!!!

  • “Davanti a una strada in discesa e a una in salita scegli sempre la seconda, ti troverai meglio..e saprai guardarti allo specchio quando TUTTO il resto non ci sarà piu. Quando ci sarai solo TU.”(T. Terzani)

  • Grande sei un mito, sei una di quelle persone che mi fanno pensare al futuro con ottimismo, Tu Grillo Daniele Martinelli e Travaglio & C.Non dare retta a quelli che ti offendono, hanno solo gli occhi chiusi, anchio ero cosi fino a qualche mese fà , ma poi ho aperto gli occhi, mi sono INFORMATO DEMOCRATICAMENTE in RETE ed eccomi quà senza fette di prosciutto sugli occhi! Spero che sempre più fette di prosciutto vengano rimosse dagli occhi degli italiani, ognuno di noi è in dovere di farlo fare a più persone possibili, per la NOSTRA nazione, ce la stanno distruggendo!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi