Byoblu incontra Costantini – In Abruzzo mettiamoci la faccia!

 

Regionali d’Abruzzo – Byoblu incontra Costantini
prima parte

 

Ho incontrato Carlo Costantini. Gli ho fatto parecchie domande. Ne è uscita una prima intervista di una quarantina di minuti, che pubblicherò via via sul blog. Cercherò di incontrare anche gli altri candidati, anche se tutto dipende dalla singola disponibilità di ognuno di loro. Carlo è stato molto disponibile. Dopo l’intervista, me lo sono portato anche a Ortona. Abbiamo incontrato uno dei proprietari terrieri della zona, lo zoccolo duro della resistenza contro il Centro Oli. Ci ha spiegato per filo e per segno cosa sta succedendo. Questa, però, è un’altra storia, prossimamente su questi schermi.

Byoblu incontra Carlo Costantini prima parte

Byoblu: “Siamo qui con Carlo Costantini, il candidato IDV alla carica di Presidente della Regione Abruzzo. Candidato unico… candidato non unico… Non si sa. Per l’IDV un dato è certo: Carlo Costantini Presidente e nessun indagato nelle liste. Ma che cosa ne pensano il Partito Democratico e l’UDC? C’è ancora un pò di maretta, ma forse ce lo può spiegare meglio Carlo

Carlo: “Credo che la loro maretta sia una maretta tutta interna, tutta legata a giochi di potere, ad opportunità, a cariche da assegare. In Abruzzo, il 14 luglio sono stati arrestati il Presidente della Giunta Regionale, l’assessore regionale – più assessori regionali – il capogruppo regionale del Partito Democratico. E’ successo un disastro che ha fotografato, al di là delle responsabilità penali che interessano i singoli, una situazione davvero devastante con un bilancio regionale che non regge più, con un debito per la sanità straordinario e davvero insostenibile per la comunità regionale abruzzese. Gli altri partiti evidentemente pensano di poter inseguire in un momento così difficile delle opportunità personali per la propria classe dirigente. Noi invece abbiamo deciso dal principio di inseguire la soluzione dei problemi, perchè i problemi possono essere risolti. Una regione come l’Abruzzo ha tutte le carte in regola per voltare pagina. Ce le ha per il suo territorio, per le risorse economiche di cui dispone, per la possibilità di sviluppare il turismo, per una economia che poggia essenzialmente su un sistema di piccole imprese che producono, fatto di persone che la mattina si svegliano con la consapevolezza di dover lavorare, di conquistare mercati e possibilità di fatturato senza nessuna assistenza da parte di nessuno. Questo è il pilastro economico della nostra regione, una regione sana, piena di valori con un popolo orgoglioso e determinato, c’è semplicemente la necessità di cambiare.
Ieri ho parlato con un economista molto noto in Abruzzo, che mi ha chiesto la riservatezza. Parlavo con lui per cercare di capire dal suo punto di vista, dal punto di vista di un tecnico, di un professionista, quale era la ricetta per l’Abruzzo. Lui mi ha risposto l’onestà. Per un economista l’unica ricetta possibile per risolvere i mali dell’Abruzzo sono l’onestà, la legalità, il ripristinare un contesto di regole all’interno delle quali tutti sanno cosa devono fare e chi sbaglia paga. Questo è mancato in Abruzzo e questo cercheremo di reintrodurre nei prossimi cinque anni.

Byoblu: “Ecco Carlo, nel concetto di onestà rientra il concetto di limpidezza, di trasparenza. I cittadini cioè, tra i quali io mi annovero, vogliono sapere cosa succede nei consigli comunali, nelle aule parlamentari e in molti casi questo ci è precluso perchè non è possibile filmare. Io so che tu in tal senso ti sei impegnato attivamente nel tuo programma

Carlo: “Certamente sì! C’è una parte del programma definita amministrazione trasparente all’interno della quale assumo l’impegno di rendere pubbliche tutte le sedute, non solo del consiglio regionale ma anche di giunta ed anche le riunioni tecniche più importanti. I cittadini forse non sanno che dalla riforma Bassanini in poi gli atti di gestione più importanti, quelli che partoriscono incarichi, consulenze e prebende, molto spesso avvengono al di fuori del ristretto cerchio della politica e si trasferiscono nelle competenze dei dirigenti. Basta una detèrmina di un dirigente per produrre la devastazione del bilancio e il conferimento di un incarico che in realtà non serve. Noi renderemo trasparente la gestione dei consigli regionali, delle giunte e dicevo delle riunioni tecniche più importanti. Io voglio però fare una sottolineatura ancora più forte: non solo i cittadini non sono in grado di capire e di sapere, molto spesso anche i politici, gli stessi consiglieri regionali non sono in grado di capire e di sapere! I più grossi scandali si sono consumati in consiglio regionale attraverso emendamenti presentati a mezzanotte, all’una di notte, alle due di notte, quando non c’era la stampa a seguire le sedute, e quando non erano piu’ presenti nemmeno le strutture tecniche e legislative di supporto dell’attività dei consiglieri regionali, che si sono ritrovati in tantissimi casi degli emendamenti e sono stati messi nella condizione di votarli da un momento all’altro senza avere la possibilità di comprendere un emendamento che esprimeva dizioni solo tecniche ed astratte. Gli effetti prodotti da questi emendamenti – i più grandi scandali della nostra regione – si sono cosumati con emendamenti presentati a mezzanotte e all’una di notte.
Quindi non solo c’è il problema di intervenire per rendere trasparente la gestione della Pubblica Amministrazione, ma bisogna intervenire anche sui regolamenti per il funzionamento del consiglio regionale e della giunta, perchè le proposte di disegni di legge ed anche le soluzioni emendative devono essere messe in rete a conoscenza dei cittadini prima ancora che dei consiglieri regionali, almeno con uno o due giorni di anticipo. In questo modo si consente al consigliere regionale che esercita la funzione pubblica e al cittadino di sapere per tempo le ricadute concrete dei provvedimenti che si dovranno votare. Inoltre si espone il proponente alla vergogna legata al contenuto della proposta che mette in campo in consiglio regionale, perchè molto spesso questi emendamenti si consumano attraverso firme illeggibili, attraverso frasi e terminologie che non fanno sapere assolutamente nulla.
Noi vogliamo che le persone, i consiglieri regionali che propongono, che mettono in campo proposte vergognose – ne potrei citare decine che si sono consumate in questi anni in consiglio regionale – ci mettano nome e cognome, che ci mettano anche la faccia prima che i provvedimenti vengano dati. Io sono convinto che il controllo democratico, il controllo diretto del cittadino resti il controllo più efficiente. Per l’eletto arriva sempre il momento in cui deve tornare a confrontarsi con l’elettore. Se si comporta in maniera scorretta, se mette in campo dei provvedimenti indecenti – perchè in molti casi si è trattato di provvedimanti indecenti – lo deve fare mettendoci la faccia!

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  •  Ottimo lavoro!

    speriamo che anche gli altri si prestino alle tue interviste… così potremo fare dei paralleli sulle risposte… per quanto riguardi una regione dove non vivo (anche se vi sono legato dalle mie radici) trovo la cosa appassionante, sperando in un modello esportabile in altre regioni.

    Buon duro lavoro Claudio 😀

  • Non avverra mai un’Amministrazione limpida…il sistema non lo permette..!!
    Belle parole ma restano solo quelle…!!
    La Faccia, l’immagine del Paese la dignita…!!!
    Ma ci credete ancora a questi teatrini…!!
    Ci rubando tutto..hanno privatizzato l’acqua…e tenetevi forte…la sapete l’ultima….stanno privatizzando a lotti …IL MARE….!!!

  • molto molto bene.
    Idee chiare, onestà e contenuti.

    Vai Costantini, sarai ambasciatore di IdV e primo esempio per le altre regioni di gestione onesta e trasparente. Non ci deludere e i valori di IdV si propagheranno ancor più velocemente di quanto già stan facendo in tutta Italia.

    Grazie Byoblu

  • come fai a fare tutte le interviste intorno a 6 minuti e 20 secondi…jejee che eri musicista si sente…quando parli sembra che tu canti.
    (è congiuntivo questo). Ragazzi: occhio alle persone a cui fanno capo i partiti dei candidati per le regionali! Non tutti sono indipendenti…Ripeto che a Silvi cerchiamo persone per raggiungere il quorum di 15 sufficiente a fondare una sede dell’IDV. Sul mio canale youtube c’è il link al blog dell’IDV di Silvi e al forum! Anche per appoggiare Costantini!

  • Ho sentito Del Turco affermare che ha tenuto certi comportamenti perchè si è adeguato ad un sistema consolidato…ma che razza di affermazione è questa? Certo che la gente ha voglia di legalità! Mi auguro che l’IDV conquisti la regione e che insegni al resto d’Italia il significato di questa parola

  • sabato 25 ottobre 2008
     

    Domanda: ma per quale motivo, io, Daniele, sono andato alla manifestazione del PD ?
    MA PER MANIFESTARE CONTRO IL PD, XD, AVRO’ DATO 300 VOLANTINI IN GIRO PER IL CIRCO MASSIMO…
    MENTRE VELTRONI FACEVA IL SUO COMIZIO PER RECUPERARE I VOTI PERSI…
    E ALLA FINE INNO NAZIONALE, BIM BUM BAM PATATRACCHETE, E I GREGGI DI PERSONE APPLAUDIRONO L’AMERICAN BOY,
    IN POCHI STETTERO QUIETI TURBATI DA CIO’ DA ME FORNITOGLI…

    PS NON SONO UN VOTANTE DELL’IDV PERO’ DI PIETRO DELLA P2 HA ACCENNATO…
    POI TUTTA QUESTA PUBBLICITA’ PER LA MANIFESTAZIONE, L’IDV NON L’HA AVUTA…

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi