Andate e pubblicatene tutti

Tutti sappiamo che il sole sorge. Eppure ogni alba porta con sè una promessa che rinnova le nostre speranze. Allo stesso modo io so che ci siete; conosco la vostra refrattarietà all’ingiustizia, la vostra sete di informazione libera. So che è meglio non farvi incazzare. Lo so, eppure quando vedo la reazione a chi cerca di comprimere i vostri diritti di cittadinanza, lo stupore e la meraviglia illuminano il mio sguardo, e un sorriso lo attraversa.

 Avete tappezzato YouTube, Facebook, MySpace e i vostri blog con centinaia di manifesti. Ognuno di essi è una voce che si leva per dire no alla censura. Tutti insieme rivendicano la rete come un luogo di condivisione e verità, di confronto e di dubbio, di accanita discussione, di riflessione e arricchimento. Ma soprattutto, un luogo di libertà. La nuova rivoluzione francese aggiunge un termine a quella vecchia: libertà, eguaglianza, fraternità e… condivisione.
Possiamo non essere d’accordo, possiamo contestare, possiamo cambiare idea e di certo sappiamo anche come chiedere scusa. Ma non possiamo essere messi a tacere.

 Riporto uno stralcio delle norme della community di YouTube: «Quando un video è segnalato come non appropriato, lo passiamo in rassegna per stabilire se vìoli i nostri Termini e condizioni d’utilizzo: i video segnalati non vengono automaticamente rimossi dal sistema. Se rimuoviamo un tuo video dopo averlo esaminato, puoi stare certo che l’abbiamo fatto intenzionalmente; prendi quindi molto seriamente il nostro avvertimento.»
E ancora: «Noi incoraggiamo la libertà di parola e difendiamo il diritto di ognuno di esprimere i propri punti di vista, anche se mal graditi. Tuttavia è vietato l’utilizzo di linguaggio ostile (linguaggio che attacchi o sminuisca un gruppo in base a razza o origine etnica, religione, disabilità/invalidità, sesso, età, condizione di veterano o orientamento/identità sessuale).»
Dunque fanno outing da soli. Se un video viene rimosso, l’hanno guardato, l’hanno considerato inappropriato e intenzionalmente oscurato. Ergo, il racconto di Stefania Pace, di come sia sopravvissuta al terremoto, di come la protezione civile insistesse perchè la gente rientrasse nelle case, di come lei e molti altri si siano salvati perchè erano in contatto telefonico con Giuliani è stato giudicato inappropriato dallo staff di YouTube.
Sembra che incoraggino la libertà di parola e il diritto ad esprimere i propri punti di vista, anche se mal graditi, purchè non diano una versione dei fatti difforme da quella governativa. Purchè non svelino qualcosa che sui giornali non si scrive, che alla televisione non si mostra, che Bertolaso non dice.
Ho chiesto conto a YouTube dell’operato dello staff circa l’oscuramento del video “Giuliani – L’uomo che ci salvò la vita“. Non mi interessa ricaricarlo sul mio canale. Voglio che venga riconosciuto l’errore, se di errore si è trattato, oppure che si dichiari pubblicamente a quale telefonata si deve l’oscuramento della voce di Stefania. In entrambi i casi, chiedo il dissequestro del video, insieme a tutto il suo patrimonio di commenti , voti e visualizzazioni. Un patrimonio che ci appartiene e che deve essere tutelato.
Se volete potete scrivere anche voi. Copiate il testo seguente, modificatelo e miglioratelo se volete, e inviatelo dal modulo di supporto di YouTube.

Dear YouTube Staff,the video “Giuliani – L’uomo che ci sarvò la vita”, published by “byoblu” channel, was nothing more than an interview made to a woman, mother of two sons, survived after the earthquake in Abruzzo. It contained no copyrighted material, no offence, no words of race or violence. The woman was just telling her experience, explaining how she survived and what happened to her, her family and her friends.The video had more than 50.000 views when has been removed for unknown, non understandable reasons. After the removal, the video has been uploaded again by many other channels, even by YouTube partners such as “staffgrillo” and “idvstaff”, plus hundreds of other users with title “E ADESSO CENSURATE ANCHE QUESTO” (And now remove this one too).The italian YouTube community, my blog readers, many other famous italian blogs and hundreds of thousands people deserve to know why the video has been removed, a fact that might be interpreted just as pure censorship.
We do ask for YouTube to re-enable the video, as it does not contain any community rules infringment.
Freedom of speech is a priority and YouTube should enhance this right.
Best regard,
Claudio Messora
http://www.byoblu.com

Qualcuno ha fatto i conti senza l’oste. Voleva rimuovere un video indesiderato, se ne è ritrovato mille. Voleva che il silenzio calasse su una testimonianza scomoda, ma non ha fatto altro che accendere i riflettori e illuminarla a giorno:  la copia ricaricata da Beppe Grillo ieri campeggiava sulla homepage di YouTube.
Questa è la rete. Questa è la voglia di libertà. Questi siete voi.
E questo sono io, che sono tornato immediatamente da Stefania Pace. Potete scaricare gratuitamente il file originale della videointervista a questo indirizzo. Gratuitamente.
Andate e pubblicatene tutti, con il mio beneplacito. E’ giusto così.
 

Intervista a Stefania Pace
E adesso, censurate anche questo!

Claudio Messora: «Stefania, è di una settimana fa la nostra video-intervista che è stata prontamente ripresa anche dal sito di Beppe Grillo e che ha raggiunto in pochi giorni le 50.000 visualizzazioni, in cui tu muovevi delle precise accuse, facevi delle precise denunce e raccontavi, in qualità di testimone oculare, i fatti.
Dopo alcuni giorni  di live dell’intervista, e successivamente ad una tua apparizione nella trasmissione Chi l’ha visto? di lunedì scorso, il video è stato misteriosamente, per ragioni ancora non meglio precisate dallo staff di YT – semmai le vorranno precisare – oscurato. E’ la prima volta, nella mia opinione, che accade che un video non sia censurato per questioni di copyright, ovvero per un problema di video o di immagini protette da diritto d’autore, ma per un problema di opinioni. E’ stata censurata l’opinione di una madre di famiglia, testimone dei fatti della tragica notte fra il 5 e il 6 aprile. Un fatto che, a mio parere, è di una gravità inaudita.
A tuo parere che cosa può avere scatenato questo tentativo di oscuramento delle tue parole?»
Stefania Pace: «Allora, innanzitutto voglio fare una premessa: sono incazzata nera per questo tentativo di censura. Penso che l’unica parte che poteva dare fastidio in qualche modo a chi ha oscurato la video-intervista fosse quella relativa alla denuncia fatta sulla protezione civile, e cioè quando ho detto che la protezione civile aveva avvisato le persone dopo il terremoto delle 23,30 e aveva detto a tutti quanti di rientrare in casa. Ora, penso che l’unico passaggio diciamo scomodo di tutta l’intervista sia stato questo, anche perché non conteneva musica coperta da copyright, non conteneva parole offensive, non conteneva nulla che potesse in qualche modo turbare.
Claudio Messora: «Non offendeva la sensibilità religiosa, forse offendeva la sensibilità istituzionale di alcuni soggetti preposti al potere?»
Stefania Pace: «Si, senz’altro. Probabilmente offendeva la sensibilità istituzionale, e più che altro questa affermazione minava in qualche modo tutto questo tentativo, anche da parte dei media, di far vedere che va tutto bene, che la protezione civile si sta occupando in maniera eccellente delle persone che vivono nei campi e che siamo protetti da questi angeli che fanno in modo che non ci succeda più niente.
In realtà non è vero. Voglio ribadire ancora una volta che quella notte, non solo a Paganica, ma – <i>ho saputo da altre persone che si trovavano lì</i> -, anche a l’Aquila, la protezione civile ha avvisato, dove c’erano macchine o persone fuori, di rientrare nelle case. Addirittura, quando è passata a Paganica, questa persona poi ha detto che non era stata una sua iniziativa, ma che qualcuno gli aveva detto di far rientrare le persone nelle case. Per qualcuno si intende qualcuno al di sopra di lui.
Quindi questo significa che c’è stato proprio un tentativo di mandare la gente al macello, perché so per certo che la Prefettura é stata evacuata alle 24. Se la Prefettura è stata evacuata alle 24, perché non sono stati evacuati anche i centri storici? Questa è una domanda alla quale, tuttora, non trovo una risposta.»
Claudio Messora: «Questa strana coincidenza, questa correlazione che esiste fra la puntata di Chi l’ha visto? e l’immediata, successiva, censura del video che ci riguarda, è qualcosa da approfondire un pò meglio. Puoi raccontarci com’è stato il tuo rapporto con la trasmissione, cosa ti hanno chiesto e cosa hanno successivamente mandato in onda?»
Stefania Pace: «Io sono stata contattata dalla redazione di Chi l’ha visto? subito dopo aver rilasciato l’intervista per il tuo blog.
Loro sono venuti da me e l’intervista è durata circa 45 minuti. In questi 45 minuti io esponevo i fatti, né più né meno di come li ho esposti durante la nostra video-intervista, pubblicata e poi oscurata su YouTube. I 45 minuti sono stati ridotti poi ad una dichiarazione di 30 secondi nella quale dicevo di avere avvertito la mia amica Patrizia perché ha una famiglia numerosa, che comprende una bimba disabile. Il servizio di Chi l’ha visto? ha puntato sul fatto che Patrizia avesse una figlia diversamente abile. Per quanto riguarda il resto è venuto fuori poco, se non in un passaggio, ovvero quando Patrizia racconta anche lei della protezione civile che ha avvisato, subito dopo la scossa delle 23.30 – 24.00, che si doveva rientrare in casa perché non c’era nessun pericolo. Però rispetto alle dichiarazioni da me fatte sulla ricerca di Giuliani, sulla protezione civile, sul fatto che la Prefettura fosse stata evacuata alle 24, non c’era nulla.
Ora, la correlazione tra la messa in onda di questo servizio e la censura su YouTube, io non la riesco a capire. Per questo sono anche molto incazzata, perché significa che in questo paese non c’è la libertà di opinione, non c’è la libertà di esporre i fatti da parte di semplici cittadini, o perlomeno di quei fatti che vanno contro le versioni ufficiali, che tentano di far passare all’opinione pubblica.
Claudio Messora: «Perlomeno in Cina ci sono delle regole chiare. Non si possono dire certe cose e la gente lo sa e le dice clandestinamente, oppure non le dice per niente. Invece qui si vuole far credere che tutti abbiano il diritto di esprimere la propria opinione, l’art. 21 viene magnificato ma poi, nei fatti, il comportamento mediatico delle grosse società assoggettate al potere delle lobbies, al potere politico e al potere economico è quello che abbiamo sperimentato sulla nostra pelle, e che hanno sperimentato migliaia, forse milioni di cittadini italiani che avevano ascoltato la tua video-intervista e che magari l’avevano salvata fra i preferiti, o l’avevano fatta vedere agli amici… e che comunque faceva parte del loro bagaglio documentale sui fatti di questo paese.»
Stefania Pace: «Certo. Penso tra l’altro, ma questa è una mia opinione, che quando si vanno a toccare questi poteri forti, come questo magnifico Bertolaso che tutto può e che ci protegge come un angelo dall’alto… quando si vanno a toccare questi poteri… qualcosa scatta. Qualcosa scatta anche in quelle aziende che per antonomasia dovrebbero pubblicare tutto.
Faccio presente che su YouTube si trova veramente di tutto, però la mia video-intervista è stata censurata. Perché dava fastidio a qualcuno? Io non lo so. Mi piacerebbe anche capire le motivazioni di questa censura e mi piacerebbe che qualcuno mi dicesse perché. Non ho raccontato niente che andasse aldilà dei semplici fatti che ho vissuto quella notte. Voglio ribadire ancora una volta che la Prefettura è stata evacuata alle 24 e che in quello stesso momento, mentre si evacuava la Prefettura, la protezione civile pensava a far rientrare la gente nelle case. Io vorrei capire perché. Questo mi piacerebbe che qualcuno me lo spiegasse.»
Claudio Messora: «Stefania, la Rete ha centuplicato il nostro messaggio davvero con la forza non di cento ma di centinaia di braccia. A decine, a centinaia hanno ripubblicato il video su tutti i social network, da YouTube a Facebook. E’ stata una dimostrazione non tanto di potenza, quanto una dichiarazione di indipendenza della Rete e del Giornalismo libero e indipendente rispetto a quello omologato dei media tradizionali. La Rete va avanti. Credo che un ringraziamento a tutti quanti sia più che mai opportuno.»
Stefania Pace: «Si, desidero ringraziare tutti coloro che hanno ripubblicato il video, tutti coloro che si oppongono alla pseudo-informazione e che portano avanti un pensiero libero. Sono grata a tutti per il lavoro che hanno svolto e anche per il coraggio. Sono convinta che c’è un’altra realtà di persone che non si accontenta di subire passivamente le informazioni che ci vengono propinate dal servizio pubblico e sottolineo servizio pubblico, perché fra l’altro è un servizio che i cittadini pagano e quindi credo abbiano anche il diritto di sapere quello che sta succedendo. Questo non avviene.
Ora, sappiamo che in questo momento si stanno preparando le nomine per i direttori dei TG e tutti, io credo tutti, sono allertati. Quindi non si può sbagliare, bisogna stare attenti a quello che si dice. Ogni mossa sbagliata potrebbe determinare l’esclusione, diciamo il licenziamento, quindi questo significa che non siamo un paese veramente libero.
Però quello che mi fa piacere in tutto questo è che la Rete ci dia ancora la possibilità di sapere, di essere informati su quello che accade.»

75 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • massima solidarietà (inoltrerò la vostra lettera), ma anche una domanda:perché avete immediatamente ripubblicato il vostro video su youtube?sebbene sia scomodo ammetterlo, youtube non è un sito di pubblica proprietà, ma uno strumento privato. siccome si sono qualificati esplicitamente con il loro comportamento, a mio parere questo sito non dovrebbe più utilizzare youtube per le proprie pubblicazioni fino al chiarimento completo della vicenda.per intanto, cercate altri modi per pubblicare (sia pure privati) i vostri contenuti. la libertà si difende anche in questo modo: emarginando chi viola così pesantemente la nostra dignità.

  • Apprezzabilissimo il tuo lavoro, Marco.
    Io sto ancora aspettando notizie sui clandestini rimasti sepolti sotto gli scantinati a L’Aquila. Ancora nessuna notizia in merito pare sia trapelata. Se c’è complotto, congiura o accordo che sia, bisogna convenire che è magistralmente organizzato.

  • Ho fatto anch’io domanda allo staff di YouTube chiedendo i motivi dell’oscuramento del video. Invito tutti ad insistere e fare pressione affinché YouTube risponda.

  • Sto ricaricando anche questo video, Massima solidarietà a te, un Vero Giornalista, e a Stefania! Viva l’informazione libera!!!!

  • ciao Claudio grazie per questo nuovo contributo offerto da Stefania in questa nuova intervista. Ho già inserito il video sul mio blog Il Parafulmine,solo volevo chiederti se lo hai pubblicato anche su vimeo,in tal caso prenderei il codice da vimeo. Youtube mi inizia un po a stare sulle scatole

  • Non è che un personaggino-ino -ino, a caso ha fatto pressione sul tubo forte del fatto che moltissimi video caricati su di esso arrivano da tre televisioni in particolare di proprietà dell’ -ino medesimo?
    La Rai rimuove i video in men che non si dica.
    Non troverete più video di Benigni sul Tubo,perchè la Rai ha pagato per i diritti d’autore dei video stessi.
    Non è che forse l’ -ino in questione con la scusa del copy, ci marcia?
    Claudio continua così che vai bene.

  • Penso che il punto fondamentale e grave della denuncia sia questa gente della protezione civile che andava in giro – anche all’Aquila – a dire alle persone di rientrare nelle case. Bisognerebbe tirare fuori nomi cognomi e testimoni. Se i terremoti non si possono prevedere come fanno a dire alla gente che non ci saranno altre scosse?
    Per Youtube credo che gli indirizzi giusti x denunciare una rimozione arbitraria di video siano questi:

    http://help.youtube.com/support/youtube/bin/answer.py?answer=59826&query=counter&topic=&type=#international
    http://www.chillingeffects.org/dmca/counter512.pdf
    Tienici informati, ciao

  • o lo sono o lo fanno:—– YouTube Support The email address that you have provided does not match the email address of the account in question. In order for us to review your issue, you must be the owner of the account. To resubmit your request, please return to the YouTube Help Center at http://help.youtube.com/support/youtube/bin/request.py. Please keep in mind that if you don’t have access to your email account and have lost your username and/or password, we’re unable to help you. We don’t store private passwords, so we can’t email them to you. If you’re unable to write us from the email address associated with the YouTube account, we can’t release any information about the account to you. Regards, Roberto The YouTube Team——ovviamente, avevo copiato il testo con il taglia incolla, modificando la firma, il sito personale e la mia email. in pratica, si può protestare solo e si è proprietari del video, non se si è utenti che desiderano accedere al video censurato.

    • A beneficio di chi volesse indirizzare a Youtube il messaggio di dissequestro del video, completo le informazioni circa le difficoltà esposte da cloc3 e da Gianni1962Piace.

      A me è andato tutto bene. Questo il messaggio finale (versione in inglese)
      – – – – –
      Thank you
      Thanks for your email. We appreciate your bringing this to our attention, and we’ll investigate.

      We’ll follow up with you only if we require more information or have additional information to share.
      – – – – –

      Qualche precisazione che potrebbe rivelarsi utile (informazioni italiano/inglese):

      1) Ho scelto l’opzione "Video removed"/"Video rimosso" e inserito l’URL del video originale rimosso:
      http://www.youtube.com/watch?v=GvQ2IRsBbGk

      2) ho scelto l’opzione "Unsure"/"Non sono sicuro" alla domanda
      "Why do you feel your account or video was removed from YouTube?"/"Perché pensi che il tuo account o il tuo video sia stato rimosso da YouTube?"

      3) ho scelto l’opzione "No" alla domanda
      "Are you having technical issues with accessing your account?" /"Stai riscontrando problemi tecnici durante l’accesso al tuo account?"

      4) Ho risposto "Yes"/"Sì" alla domanda "Do you feel your video was flagged off the site?"/ "Pensi che il tuo video sia stato segnalato e rimosso dal sito?"

      Teniamoci aggiornati!

      Un caro saluto a tutti

      cs

    • Rettifico,
      ho appena ricevuto da Youtube la stessa email di cloc3.

      Non mi dispiace aver buttato via il mio tempo. Mi spiace che Youtube non sia attrezzata a ricevere reclami dagli utenti video, che sono i beneficiari del servizio.

      Comunque la denuncia prosegue, informo il sito Articolo21 e vedo se vi sono altri canali disponibili su Youtube. Se qualcuno vuole darmi una mano su questo fronte, è il benvenuto.

      Ancora saluti,

      cs

    • Carissimi,
      ogni promessa è debito.
      Faccio seguito alla mia precedente per renderVi noto il contenuto del mio messaggio all’On. Giuseppe Giulietti e ad Articolo 21.
      Invito tutti ad adottare un canale (Marco Travaglio, Paolo Flores D’Arcais, e chi più ne ha più ne metta, comprese le maggiori testate giornalistiche) per la promozione della linea 3 del mio messaggio.
      Sarebbe bene coordinarsi per non mandare duplicati, quindi chi adotta un canale sarebbe bene lo indicasse agli altri Byobluers.

      —– Original Message —–
      From: Claudio Solarino
      To: giulietti_g@camera.it
      Cc: redazione@articolo21.com; corradino@articolo21.infocervo@articolo21.info

      Sent: Sunday, April 26, 2009 11:25 PM
      Subject: Fatti occorsi nella notte tra il 5 e il 6 aprile a Paganica

      Gentile Onorevole Giuseppe Giulietti,
      ritengo di doverLa interessare ai seguenti fatti di pubblico interesse nella speranza che come parlamentare, portavoce di Articolo 21 e redattore di Micromega possa ritenenrli degni attenziaone ed aiutare a dare risalto agli stessi a beneficio dell’opinione pubblica:

      – in data 17/04/2009 il giornalista d’inchiesta Claudio Messora pubblicava sul suo sito web Byoblu (URL http://www.byoblu.com/post/2009/04/17/Linformazione-assassina.aspx) la video-intervista a Stefania Pace dal titolo "L’informazione assassina"/ L’uomo che ci ha salvati", contenente testimonianza diretta su avvenimenti occorsi in Paganica la notte tra il 5 ed il 6 aprile 2009, nonché un delicato passaggio che, onorando la verità, non ha potuto fare a meno di portare nuovi fatti a conferma dell’atteggiamento di sottovalutazione da parte della Protezione civile nelle imminenze del disatro, già precedentemente documentata dalle decisioni della riunione della Commissione Grandi Rischi del 31/03/2009. In esito a quella riunione, come le consterà, la Protezione Civile, dopo aver premesso l’impossibilità di prevedere terremoti, concludeva dover tranquillizzare la popolazione residente in maniera che può definirsi non lineare e non prudente, senza peraltro provvedere – come da molti ritenuto conveniente – ad approntare esercitazioni preventive e misure di pronto intervento.
      Lo stesso video veniva pubblicato anche su Youtube con il titolo: "Giuliani – L’uomo che ci salvò la vita" (URL http://www.youtube.com/watch?v=GvQ2IRsBbGk, attualmente non disponibile).

      – in data 22/04/2009 il programma "Chi l’ha visto" diffondeva sul canale pubblico Rai Tre, analoga e concorde intervista sugli stessi fatti. Il contenuto dell’intervista è verificabile alla pagina http://www.chilhavisto.rai.it/dl/clv/index.html (colonna destra, Link Puntata del 22 aprile 2009 – spezzone compreso tra 1:17:09 – 1:28:19)

      – in data 23/04/2009 Youtube censurava il video anzidetto "Giuliani – L’uomo che ci salvò la vita" (URL http://www.youtube.com/watch?v=GvQ2IRsBbGk) con la motivazione fatta palese da un laconico e non meglio precisato messaggio: "Questo video è stato rimosso a causa della violazione dei termini e condizioni d’uso". Nelle date successive la rete degli utenti (ivi inclusi circa 50.000 utenti di Youtube che avevano già potuto visualizzare il video) reagiva alla sensazione di un ingiusto provvedimento con tre linee d’intervento:
      1. inviando comunicazione a YouTube con richiesta di spiegazioni, eventuali indagini e dissequestro/ripubblicazione del video, ritenuto illegitttimamente lesivo di diritti;
      2. mediante numerosissime ripubblicazioni del video "incriminato" a nome degli utenti su You tube e su altri canali (Facebook, MySpace, current, vimeo, youreporter, dailymotion, etc., nonché su numerosi blog privati) con titolo identico e/o analogo – eventualmente corredato dall’espressione "E adesso censurate anche questo!". Tale azione è stata intrapresa con impressionante unanimità di intento e di azione (http://www.youtube.com/results?search_type=&search_query=giuliani+l%27uomo+che+ci+ha+salvati&aq=f). Questa linea di azione è stata accolta e fatta propria anche da "staffgrillo" and "idvstaff"
      3. informando dei contenuti del video e della inusitata censura – che, ad oggi, presumiamo ingiusta e non sufficientemente motivata. Tra i primi a raccogliere la nostra denuncia è stato il sito web di Antonio Di Pietro che ha pubblicato, il 23 aprile stesso, il video corredato da proprio articolo dal titolo: "Censura cinese" (URL: http://www.antoniodipietro.com/2009/04/un_po_di_cina_in_italia.html). Come può vedere, Lei ed Art. 21 siete inclusi in questa operazione dato l’oggetto sociale della Libertà di Informazione che, eminentemente, Vi contraddistingue.

      – in data 25/04/2009 il giornalista d’inchiesta Claudio Messora ha rilanciato sul suo sito web Byoblu la denuncia originaria con una videointervista-sequel a Stefania Pace dal titolo "Andate e pubblicatene tutti / E adesso censurate anche questo" (URL http://www.byoblu.com/post/2009/04/26/Andate-e-pubblicatene-tutti.aspx)

      Tutta la comunità web interessata resta in vigile attesa degli svilulpi di questa biasimevole iniziativa di censura facile e Vi ringrazia sin d’ora per il Vostro supporto.

      Sperando che la nostra denucia possa essere da Lei e Voi raccolta, porgo cordiali saluti,

      Claudio Solarino

  • Ciao Claudio,
    sono Paolo Bacchella, uno dei tanti che ha caricato il video di Giuliani sul proprio spazio youtube: quando oggi ho letto il tuo post e poi sono andato a cercare su youtube il video incriminato, ne ho trovati a centinaia! E’ stata una sensazione bellissima: per la prima volta ho avuto la riprova del fatto che insieme possiamo farcela!
    Continua così, e se ognuno farà la sua parte forse arriveremo davvero ad una svolta.
    Buona giornata,
    Paolo.

  •  non riesco ad inviare la lettera a youtube, mi dice che il link è sbagliato! Comunque fa lo stesso, sono per la libertà di informazione, FORZA CLAUDIO!!!!!

  • piena e totale soddisfazione da questa seconda intervista
    adesso vedremo…. e ci sarà più chiaro se e a chi darà fastidio…….
    i miei complimenti anche a Stefania Pace.!!!!!!!!!!

    Per la lettera di protesta a youtube chiedono URL originale del video rimosso……????????????

    • questa è la risposta appena ricevuta da youtube in seguito all’invio di mail di protesta:

      Ti ringraziamo per il messaggio.

      L’indirizzo email che hai fornito non corrisponde all’indirizzo email
      dell’account in questione. Per poter esaminare il tuo problema, dobbiamo
      assicurarci che tu sia il proprietario dell’account. Per inviare di nuovo
      la tua richiesta, torna al Centro Assistenza di YouTube all’indirizzo….

      ????????????????????

      non avrebbe senso, sarebbe come se byoblu inviasse 100 1000 volte la stessa mail, quando invece la protesta è di tutti noi!!!!!!!!!!

  • Claudio ma dal link di vimeo mi segnala che il video è privato e quindi non mi fa accedere,tieni presente che io ho l’account free su vimeo ed la volta scorsa ero riuscito a visualizzare il tuo canale con il video precedente,forse qualche problema tecnico ?

  • Stefania ringrazia noi per il coraggio… sono io che ringrazio lei e le persone come lei per il coraggio che dimostrano nel raccontare verità scomode. Grazie anche a te, Claudio, che dai voce a queste persone attraverso i tuoi blog, ricchi di informazione "vera", raccapricciante ma vera… Anch’io vorrei sapere come mai a mezzanotte, mentre evacuavano la Prefettura, la protezione civile faceva rientrare le persone nelle case mandandole al macello.

  • non solo vi ringrazio ma voglio dirvi anche un pensiero che mi passa per la testa da questa mattina: il rumore che stiamo facendo, e che mi auguro sarà sempre più assordante per chi fa finta di non sentire, mi solleva moltissimo dalla tristezza che la tragedia del 6 aprile ha generato in me. sono felice di sapere che c’è un’altra faccia della medaglia, un’altra faccia pulita. sono felice di aver conosciuto claudio, la sua tenacia e l’amore per il lavoro che fa…grazie di cuore!
    stefania pace
    ps sono incazzata nera!!!

  • I COMMENTI IN INGLESE SONO FANTASTICI !!!!

    GENIALE: tutto il mondo potrà capire come siamo messi….

    forse potranno aiutarci?

  • Ciao a tutti,
    ho provato a cercare di recuperare i commenti al video censurato:
    http://209.85.129.132/search?hl=it&q=cache%3Ahttp%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DGvQ2IRsBbGk&btnG=Cerca+con+Google&meta=&aq=f&oq=

    http://74.6.239.67/search/cache?ei=UTF-8&p=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DGvQ2IRsBbGk&fr=yfp-t-501&u=www.youtube.com/watch%3Fv%3DGvQ2IRsBbGk&d=enCu2ExISrU4&icp=1&amp;.intl=it

    Ottimo strumento di recupero è anche il sito clusty.com

    Per quanto riguarda la prevenzione, è possibile fare delle copie di backup delle pagine di un sito qui:
    http://backupurl.com

    Un abbraccio,
    Roberto Lepera

  • Non per ripetermi ma credo che la Url giusta x inoltrare il reclamo per la soppressione di un video sia questa:
    http://help.youtube.com/support/youtube/bin/answer.py?answer=59826&query=counter&topic=&type=#international
    ————————————————————————————-
    (How do I file a counter notice (International complaints*)?

    ——————————————————————————–

    To file a counter notification with us, you must provide a written communication that sets forth the items specified below. Please understand that filing a counter notice may lead to legal proceedings between you and the complaining party to determine ownership. Be aware that there may be adverse legal consequences in your country if you make a false or bad faith allegation by using this process. Please also be advised that we enforce a policy that provides for the termination in appropriate circumstances of subscribers who are repeat infringers. So, if you are not sure whether certain material infringes the copyrights of others, we suggest that you first contact a lawyer.

    Elements of Counter Notification

    To expedite our ability to process your counter notification, please use the following format (including section numbers):

    Identify the specific URLs of material that YouTube has removed or to which YouTube has disabled access.
    Provide your full name, address, telephone number, email address and the username of your YouTube account.
    Provide a statement that you will accept service of process from the person who provided YouTube with the original copyright complaint or an authorised agent of such person.
    Include the following statement: "I have a good faith belief that the material was removed or disabled as a result of a mistake or misidentification of the material to be removed or disabled."
    Sign the notice. If you are providing notice by email, a scanned physical signature or a valid electronic signature will be accepted.
    Send the written communication to the following address:

    YouTube, LLC
    Attn: YouTube DMCA Counter-Notification
    901 Cherry Ave.
    Second Floor
    San Bruno, CA 94066
    Fax: 650.872.8513
    Email: copyright@youtube.com

    or fax to:
    (650) 872-8513, Attn: YouTube DMCA Counter-Notification

    or email to:
    copyright@youtube.com, Subject: YouTube DMCA Counter-Notification

    What happens next?

    After we receive your counter notification, we will forward it to the party who submitted the original claim of copyright infringement. Please note that when we forward the counter notification, it includes your personal information. By submitting a counter notification, you consent to having your information revealed in this way. We will not forward the counter notification to any party other than the original claimant. We may then reinstate the material in question at our discretion.

    *If you have questions about the originating locale of the complaint against your video, please email copyright@youtube.com

    DISCLAIMER: WE ARE NOT YOUR ATTORNEYS, AND THE INFORMATION WE PRESENT HERE IS NOT LEGAL ADVICE. WE PRESENT THIS INFORMATION FOR INFORMATIONAL PURPOSES ONLY.

    updated 4/23/2009
    —————————————————————————————–
    e alla url http://www.chillingeffects.org/dmca/counter512.pdf:
    c’è il modulo che va riempito:
    ——————————————————————————————
    (Important Notices (see DMCA FAQ for more information)
    I will attach a list of works which have been removed or to which access has been disabled. I will include the location of each work before it was removed or access to it was disabled.
    Each of those works were removed in error and I believe my posting them does not infringe anyone else’s rights.
    I understand that I am declaring the above under penalty of perjury, meaning that if I am not telling the truth I may be commiting a crime.
    I live in the United States.
    I consent to the jurisdiction of the district court in whose district I reside.
    I consent to be served by the person who gave notice to my Service Provider, or his agent.

    Your
    Name:
    Phone Number:
    Address Line 1:
    Address Line 2:
    Address Line 3:
    Address Line 4:

    Your Service Provider’s Copyright Agent (see Copyright Agent List [loc.gov])
    Name:
    Address Line 1:
    Address Line 2:
    Address Line 3:
    Address Line 4:
    Address Line 5:
    ———————————————————————————————–

    spero ti sia utile.
    Ciao,
    Patrizia

  • Caro Claudio,

    innanzitutto complimenti per il Blog e per le tue interviste molto chiare ed utili a far vedere punti di vista non "ufficiali"

    Riguardo l’ultima intervista, Stefania dice che un tizio della protezione civile girava per le strade con l’ordine dato da un superiore di far rientrare la gente nelle case… sarebbe interessante sapere chi ha data quell’ordine e per quale motivo.
    … se lo scopri ti censurano dal Web non solo da YouTube!!! 

    continua cosi!! 
    Mick

  • Vorrei chiedere, in tutto questo, che fine ha fatto G. Giuliani? NOn pretendo che venga intervistato selle reti nazionali o mediaset…….. ma perche’ di lui non vi e’ piu’ alcuna traccia? Perche’ noi, che almeno in parte gli crediamo, non lo vediamo, per esempio, intervistato su Byoblu? Perche’ noi, che in parte gli crediamo, non andiamo a chiedergli come andranno le cose, nelle sue possibilita’? Claudio………. puoi spiegarci perche’ non c’e’ una intervista di Giuliani recente su questo blog? Non gli chiediamo di parlare con chi lo ha denunciato, ma potrebbe farlo con noi che vogliamo ascoltarlo.

    Per la Stefania Pace : perche’ non denunci quella persona della protezione civile, conosciuta dalla tua amica Patrizia? Lui dovra’ dire da chi aveva avuto direttive.

    Per Messora : perche’ non vai ad intervistare le altre persone di Paganica che si sono salvate perche’ fatte uscire da Stefania Pace e dai suoi amici? Sarebbe una bella forza mediatica.

    Scusate la mia praticita’, ma e’ facendo che si fanno le cose. Grazie per cio’ che denunciate.

    Angela.

  • citazione:
    RIHOIR.it [Utente registrato] ha scritto il 26 aprile 2009 alle 19.51 | claudio.solarino@rihoir.it

    A beneficio di chi volesse indirizzare a Youtube il messaggio di dissequestro del video, completo le informazioni circa le difficoltà esposte da cloc3 e da Gianni1962Piace….
    ———-^^
    io ho fatto esattamente come te (video rimosso-url-no-si)ma nisba_:-( ho insistito 4 volte e forse 1 e andato ma dico forse, perché mi sono arrivate 2 mail dopo questo tentativo una di conferma come la tua e l’ennesima di diniego perché la mail non corrisponde all’account. comunque ho mandato anche 2 mail al indirizzo segnalato da un utente, una con il testo di Claudio l’altra con scritto:
    oggetto:—unwarranted censorship—itcopyright@youtube.com
    fuck I’m complaining
    for a video censored unfairly
    to another user!
    http://www.youtube.com/user/byoblu
    and you tell me which are not owner?
    are angry, reactivated this video!
    http://www.youtube.com/watch?v=GvQ2IRsBbGk
    without discussion!
    ho messo anche l’attuale video sul tubo-http://www.youtube.com/watch?v=7PwwTwCD36Y
    un caro saluto a Claudio e a tutti gli utenti del sito
    baci…Max.

  • Ciao a tutii er grazie a Claudio per il lavoro straordinario che svolge.

    Volevo segnalare a tutti che alle ore 04.50 di lunedi 26 aprile 2009 il video oggetto di censura funzionava.

    Credo che la campagna contro chi voleva la censura ha funzionato.

    Ora mi auguro che ci saranno delle spiegazioni valide e non il solito ci siamo sbagliati.

    Ciao  a tutti

  • Buongiorno a tutti i byoblu bloggers,avendo letto della iniziativa di reclamo e denuncia presso altri canali come articolo 21 etc vi domandavo se non era il caso di fare una unica lettera e di apporre i rispettivi nominativi ed eventuali email,sarebbe un modo per vedere una certa compattezza di intenti circa l’oggetto della protesta in questione. Rimangoin attesa di eventuali sviluppi

  • Buongiorno a tutti,

    Il mio post non c’entra nulla con l’argomento proposto, vorrei semplicemente invitarvi a scaricare (tramite emule bittorrent etc..) il film documentario "ZEITGEIST" e vedervelo e quindi magari divulgarlo presso i vostri blog oppure semplicemente fare da tam-tam…..(non è illegale scaricarlo è un webfilm no profit prodotto da Peter Joseph).
     

  • @claudio.solarino@rihoir.it:
    Se ricevi riscontro da Giulietti o da Articolo 21 per favore faccelo sapere.
    Potremmo inviare un unico testo con tutte le ns. firme.
    Grazie, ciao
    Patrizia

  • Pubblicato anche questo video.

    Se ne facciano una ragione quelli che vorrebbero zittirci. Siamo i più potenti. Abbiamo in mano l’arma della libera condivisione. Direi che ormai abbiamo raggiunto ciò che una volta era fantascienza: la trasmissione del pensiero. Impossibile arrestarlo.

    Dovrebbero lobotomizzarci tutti.

  • Grazie Byoblu per l’impegno costante che dimostri nel tentativo di voler portare un equilibrio nell’informazione. Io è da poco che frequento i blog, ma da quello che ha visto e sentito finora, a volte ho l’impressione di trovarmi sul set di un film, e facci molta fatica a pensare che invece si tratta proprio della attuale e quotidiana realtà. Ho da pochissimo aperto un mio blog che non so ancora gestire correttamente, mi sono permesso di pubblicare il tuo video ( andate e pubblicatene tutti ), se ho fatto una cosa sbagliata fammelo sapere che lo tolgo dal mio blog. Spero che la tua determinazione nel cercare sempre la verità e nel dare una degna immagine all’informazione pubblica, non si esaurisca mai. Grazie buon lavoro

  • In realtà la rimozione almeno di un altro video è già avvenuta: un video che mostrava immagini raccapriccianti del massacro con le bombe al fosforo di bambini, donne e uomini nella striscia di Gaza da parte dell’ esercito israeliano tra la fine di dicembre 2008 e gennaio di quest’anno.
    Il sito da cui l’avevo copiato, mi pare fosse http://www.ilmercantedivenezia.it e dopo qualche giorno youtube lo rimosse  con la stessa motivazione.

    Fedele

  • E’ la prima volta che scrivo in un blog,mi scuso in anticipo per inesperienze di forma,prolissita’ ecc. ecc.

    Non ripongo cieca fiducia in Giuliani, lo dico chiaro, in anticipo.
    Ma certo mi fido ancor meno di personaggi tipo Boschi e Barberi "illuminati" appartenenti alla scienza omologata e,per cio’ profumatamente pagati con i soldi di noi contribuenti, dato che dall’alto dell’esperienza scientifica sono stati capaci soltanto di ripetere pappagallescamente che un sisma non si puo’ prevedere in nessun  modo e che : "..lasciateci qualche giorno di tempo per monitorare la situazione e potremo dire qualcosa di piu’ preciso…… – Boschi dixit"…beh, io lo sto ancora aspettando. Almeno uno straccio di : "…poveri pezzenti terrorizzati che non avete le mie stesse conoscenze e competenze (anche in money…pare 215.000 euri all’anno), ,sappiate che trattasi adesso di un normale sciame sismico…" Niente, manco quello!!!!! Di fronte a simile silenzio anche a posteriori, come pretendono sti signori-baroni di essere credibili o rimproverare saccentemente la gente di credere agli allarmi? Ad ogni allarme si e’ piu’ sensibili, quando maggiore e’ la non informazione seria. L’INGV NON SA  FARE INFORMAZIONE, basta consultarne il sito per trovarvi solo un link sul "nostro" terremoto, dove si diffondono stechiometricamente i dati riassuntivi della scossa del 6 aprile!
    Complimenti: somma espressione scientifica!!!!!!!!!!!

    Sono disgustato!!!!!

  •  byoblu, la rete civile e democratica sta con te. da youtube non me lo sarei aspettato ed è per questo che ho inviato anche io la lettera a youtube che tu ci riporti in inglese. metterò anche il video sul mio blog, perchè senza libera informazione e libertà di parola ed espressione non si vive in democrazia, ed un paese peggiora le sue condizioni da qualunque punto di vista.

  •  Ho scritto al modulo di supporto di youtube. Ho ripreso la tua missiva e l’ho incollata e spedita. Naturalmente ho messo la mia e-mail. Youtube mi ha risposto così:

    Hi there,

    Thanks for your email.

    The email address that you have provided does not match the email address of the account in question. In order for us to review your issue, you must be the owner of the account. To resubmit your request, please return to the YouTube Help Center at http://help.youtube.com/support/youtube/bin/request.py.

    Please keep in mind that if you don’t have access to your email account and have lost your username and/or password, we’re unable to help you. We don’t store private passwords, so we can’t email them to you. If you’re unable to write us from the email address associated with the YouTube account, we can’t release any information about the account to you.

    Regards,

    Roberto
    The YouTube Team

    Forse dovevo mettere la tua e-mail Claudio?

    Saluti

    3my78

  • …e sicuramente la censura ha certificato, se ce n’era bisogno, quello che diceva la ragazza, e confermato la poca credibilità delle istituzioni.

  • Ciao Claudio, ho inviato la mia richiesta di chiarimenti in merito alla rimozione del tuo video ma la risposta è stata la seguente.

    Ciao,

    Ti ringraziamo per il messaggio.

    L’indirizzo email che hai fornito non corrisponde all’indirizzo email
    dell’account in questione. Per poter esaminare il tuo problema, dobbiamo
    assicurarci che tu sia il proprietario dell’account. Per inviare di nuovo
    la tua richiesta, torna al Centro Assistenza di YouTube all’indirizzo
    http://help.youtube.com/support/youtube/bin/request.py?hl=it .

    Tieni presente che se non puoi accedere al tuo account email e hai
    dimenticato il tuo nome utente e/o la tua password, non possiamo esserti
    d’aiuto. Il sistema non memorizza le password private, quindi non possiamo
    inviarle agli utenti tramite email. Se non puoi inviarci un messaggio
    dall’indirizzo email associato al tuo account YouTube, non potremo
    fornirti alcuna informazione sull’account.

    Cordiali saluti,

    Roberto
    Il Team di YouTube

    Sarebbe stato interessante capire i motivi di quella rimozione, ma per me (come credo anche per molti altri che hanno fatto lo stesso) era soprattutto importante fare capire allo staff di youtube che non abbiamo gradito questo atto di palese censura.

    Tienici informati sugli eventuali sviluppi della vicenda.
    Un saluto.

    Paolo

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi