Le verità crollate

il racconto dei testimoni
 Il 9 aprile il blog titolava I morti che non vi dicono. Decine, forse centinaia di persone che non dovevano essere lì. Molti i clandestini. Solo due settimane prima erano stati sgomberati molti locali abitati da bulgari e romeni, che si erano trovati sistemazioni differenti. Nessuno aveva voglia di dirlo, ma molti lo sapevano. Molti di più quelli che non te lo avrebbero mai detto davanti a una telecamera. Come un vigile del fuoco di Pescara, che ha prestato servizio a L’Aquila nei primi giorni dopo il terremoto.
A distanza di tre settimane qualcuno inizia a sbilanciarsi. E’ nientemento che il Procuratore capo della Repubblica al Tribunale dell’Aquila, Alfredo Rossini. Gli chiedono se sotto, negli scantinati del centro storico, possano trovarsi i corpi di clandestini, assenti dalle liste ufficiali degli scomparsi. E lui risponde: «Purtroppo tutto è possibile. Succederà sicuramente, chissà tra quanto tempo! Potrà accadere che scoperchiando delle situazioni si troveranno salme di persone che da anni di trovano sotto terra. Purtroppo i soccorritori fanno il possibile, ma i miracoli li fa solo Dio».
Il 12 aprile il blog titolava I prossimi a morire. Ovvero, tutti quelli che avevano respirato l’amianto contenuto nei tetti e finito in dispersione nell’aria. Non si muore subito, ma una sola fibra di amianto può bastare per condannarti a morte dopo venti o trent’anni. L’hanno sbriciolato a lungo, con le loro macchine tritatutto. Disperdendolo nell’aria, dove resta in sospensione per giorni e giorni. Poi qualcuno, probabilmente qualche navigatore di internet – sono più furbi -, gli ha fatto segno di no con la manina. Ora, tra le macerie della tendopoli di Piazza D’Armi è stato trovato amianto. Ci hanno pensato loro, gli sfollati, a segnalarlo. Quelli che leggono i blog. Agli altri, quelli che guardano i TG, ovviamente è stato tenuto segreto. Per non generare allarme.
Voglio essere allarmato. Voglio sapere a cosa vado incontro. Non voglio che la protezione civile mi mandi a casa se ho paura, mentre la prefettura viene sgomberata in fretta e furia. Voglio che se la RAI, pochi giorni prima del 5 aprile, fa un’intervista a un ricercatore perchè dice che ci sarà una forte scossa, quell’intervista venga trasmessa. Magari affiancando Boschi che dice che va tutto bene. Ma voglio essere io a decidere.
Voglio che non si screditi l’unica fonte di informazione non filtrata, autentica, diretta che possiamo sperare di avere: la rete.
Televisioni e giornali, che ignorano costantemente il grido di dolore che si leva dal web su questioni fondamentali, si sono buttati a pesce sulla notizia di un’intervista montata che avrebbe scatenato tutti gli allarmi del 27 di aprile. I TG RAI, il TG5, il TG4, il Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, Vespa… l’unica montatura l’hanno fatta loro. Hanno montato un caso inesistente. L’intervista non solo era autentica, ma descriveva un allarme che arrivava addirittura dai carabinieri. Alle 13.30, ora in cui Giuliani mi rilasciava le sue dichiarazioni, erano già in atto evacuazioni e sfollamenti: alla Edimo se ne erano già andati tutti. Sacerdoti, vescovi e cardinali stavano già pensando a come rinviare il viaggio del Papa. I supermercati erano già stati evacuati dalla mattina.
Ma per gli italiani, l’allarme è stato causato da un video falso, apparso alle 14.30, che girava su internet.
Internet va oscurata subito!

19 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Rispondo solo alla tua domanda e spero di tranquillizzarti almeno un po’:

      se una persona viene in contatto con degli agenti cancerogeni, non è detto che sviluppi la malattia. E’ una questione di probabilità che spesso aumenta in relazione alla dose assorbita, allo stile di vita e di alimentazione sbagliato, alla predisposizione genetica ed una marea di altri fattori.

      Non è che si ammalano tutti (fortunatamente).

      La speranza è che tra 15-20 anni si sia trovata una cura a questa patologia ancora non curabile efficacemente.

      buon proseguimento

    • Ti do il suggerimento che ha dato il medico a me:

      -Mangia moltissima frutta e verdura di stagione
      -Fai almeno 2 ore di esercizio fisico al giorno (da resistenza, come corsa, ciclismo, nuoto)
      -Mangia carni bianche e pesce non surgelato
      -Prendi vitamine in modo controllato (ovvero fai degli esami trimestrali e compensa le carenze con vitamine che si trovano nella frutta)
      -Non essere pigro, un controllo ogni 6 mesi ti salva la vita (leggasi diagnosi precoce=meno medicine e intervento di modesta entità)

      Tanto basta, ti assicuro.

  • Il Giornale… bah…

    Comunque sia, questi si che son servizi, cavolo. a guardare i TG si nota quanto il reporter sia interessato alla propria faccia sul luogo del disastro piuttosto che a quella di chi lo sta vivendo o di cosa stia accadendo.
    Speriamo venga tutto a galla, prima o poi.

    Ti stimo in maniera abnorme. Grazie.

  • Non capisco… ma questi pennivendoli COME SI PERMETTONO di dire che le tue notizie sono delle invenzioni digitali???

    Prima di tutto sono dei vigliacchi, perche’ sanno benissimo che ogni loro forma di diffamazione non avrebbe seguito… ed inoltre sono proprio dei venduti!!!!!

    Spero per te che tu non sia iscritto all’albo dei giornalisti    mischiarsi con gentaglia simile farebbe venire strane malattie!

  • Se mi trovassi in Abruzzo una paghetta/abbonamento al Giuliani gliela darei volentieri, tanto per essere avvisato sui dati registrati dai suoi strumenti…

    In effetti si potrebbe creare anche un sistema di invii automatico di SMS…

    Cmq cose da pazzi con gli articoli dei media "nazionali"… ma c’è qualche giornalista che verifica una fonte prima di sparare cazzate? Probabilmente no.
    Forse è per questo che non guardo + la TV

    Grande Claudio… con i tuoi scoop ti sei meritato una "paghetta" ; )

  • Giuro, il post di ieri mi aveva lasciata  perplessa…oggi posso solo mandarti un grande abbraccio . Vai, che sei grande!

    Certo che, mi chiedo, ma chi sei?
    Sei un agente zero-zero-sette-tè per godere di tutta questa attenzione dai "nemici"? Bah!

  • quante, troppe menzogne.    appena calerà il sipario i politici si occuperanno di spartirsi il denaro, costruiranno baracche  che  ospiteranno  quei  poveretti per anni. lo sforzo del papa è stato  encomiabile, tanta generosità commuove, ha donato   l’  8 x 1000  dei  400  ricavati.  ancora una volta il clero  ha perso   l’occasione di aiutare concretamente  i    poveri cristi in croce, del resto  da oltre 2000 anni   prendono in moneta e pagano in candele e benedizioni.

  • Ciao Claudio,
    volevo solo dirti che ti sono vicino in questo momento e vedrò di solidarizzare col tuo lavoro in Abruzzo riportando qualche tuo post sul mio blog. Ho letto parecchi commenti ai tuoi video anche direttamente su Youtube che tentano in tutti i modi di screditare il tuo operato. Finora intanto alcune notizie le hai date coraggiosamente solo tu attraverso le videointerviste che pubblichi regolarmente su Byoblu, pertanto penso di poter dire con assoluta certezza che gli sciacalli e i cialtroni sono ben altri.
    Sempre con stima,
    stefano

  • citazione: marcosolare [Utente registrato] ha scritto il 30 aprile 2009 alle 21.06

    La speranza è che tra 15-20 anni si sia trovata una cura a questa patologia ancora non curabile efficacemente.
    —-
    mi viene in mente un vecchio proverbio
    chi visse sperando, morì ca****o
    a parte gli scherzi se i mirabolanti progressi nella cura del cancro
    ci salveranno, il problema di un danno biologico resta.

    la montagna di falsità che si vedono sui giornali e tv e imbarazzante.
    se avessero le palle dovrebbero trasmettere in prima serata a reti unificate (skraiset) la smentita con allegato il tuo video!
    non smettiamo di sognare ed anzi impariamo dalle nostre fantasie, sono sicuramente più reali delle caz***e che dicono in TV

  • Insomma, hanno pensato che ci fosse un’altra scossa sismica pericolosa. Hano fatto il nome di Giuliani per essere credibili e hanno evaquato gli stabili. Se arrivava la scossa si prendevano i meriti ma siccome la scossa non è avvenuta allora sono passati al piano b. Hanno trovato qualcuno a qui dare la colpa. Mi pare che tu Claudio, eri a contatto con Giuliani proprio in quei giorni e non lavori per nessun giornale e/o rete televisiva se non erro. Questo sarebbe l’unica spiegazione plausibile. Morale o eri al posto sbagliato nel momento sbagliato o la gente ha interpretato male il tuo video con l’intervista a Giuliani. Poi qualcuno ha chiamato YT per oscurare da prima il tuo video. Cosi si spiegerebbe anche l’oscuramento del tuo sito.
    Io rimango dell’idea che hai pestato la coda a qualcuno. Vedi il lato positivo, non so quale sia ma tu vedilo..

  • E c’è di più: l’amianto contenuto nelle macerie del terremoto sarà smaltito come rsu (rifiuto solido urbano): vedere decreto legge 28 aprile 2009, n. 39 Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella regione Abruzzo nel mese di aprile 2009 e ulteriori interventi urgenti di protezione civile.  (GU n. 97 del 28-4-2009 )
    Sembra che i miliardi che spenderanno per la ricostruzione saranno pochini e spalmati su 20 anni , che le decisioni sulle aree e sulla ricostruzione saranno prese a Roma e le nuove c.a.s.e. provvisorie mi sà tanto che saranno provvisorie per un bel pò di tempo (fonte "Il Manifesto" del 29 aprile)
    Ciao, continua a tenerci informati su come vanno le cose nelle zone terremotate, nelle tendopoli, cosa dice la gente, etc.
    Patrizia

  •  Speriamo che tutti i politici che sono andati là ne abbiano respirato a pieni polmoni cosi ce li leviamo di torno …

  • secondo me chi stava intercettando giuliani appena ha sentito che allo stesso risultava un aumento del radon si è preoccupato e ha dato l’allarme a qualche amico o parente e poila notizia si è divulgata e si è causato il panico
Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi