Ecco i nomi dei miei assassini


«Buon pomeriggio,
il mio nome è Rodrigo Rosenberg Marzano e, purtroppo, se vedete o sentite questo messaggio è perché sono stato assassinato dal presidente Álvaro Colom con l’aiuto di Don Gustavo e il senatore Alejos Gregorio Valdez.
Il motivo per cui sono morto è perché fino all’ultimo momento sono stato l’ avvocato del Sig. Khalil Mussa, e di sua figlia Mussa Marjorie, che sono stati vilmente assassinati dal presidente Álvaro Colom, con il pieno consenso di sua moglie Sandra de Colom, e con l’aiuto di Gregorio Valdez e Gustavo Alejos.
Il Guatemala non è più nostro, il Guatemala è dei narcos, dei ladri e degli assassini ma noi giriamo la testa a guardare da un’altra parte. Lo sappiamo tutti ma noi guatemaltechi siamo caduti in letargo.
Non c’è un banchiere serio in questo paese, non vi è un banchiere corretto in questo paese che non conosca il marciume di Banrural, la più grande banca in Guatemala. E nessuno fa niente.»   [Rodrigo Rosenberg Marzano] Ricevo e pubblico questa lettera. Può insegnarci molto.
 

Giovanni Vacca
Aiutateci a chiedere le dimissioni del Presidente Alvaro Colom

Caro Claudio,
si parla tanto dei problemi dell’immigrazione e molto poco del perché tanta gente é disposta a rischiare la propria vita, e a volte anche quella dei propri figli, nella speranza di avere un futuro migliore. Per questo ti vorrei parlare di quello che sta accadendo in questi giorni in Guatemala, terra di origine di mia moglie.
Il presidente del paese Alvaro Colom, insieme alla moglie ed altri funzionari, sono sospettati di riciclare i proventi del narcotraffico attraverso una banca locale, il Ban Rural, e di essere i mandanti degli assassini di Khalil Musa, di sua figlia Marjorie Musa e del suo avvocato Rodrigo Rosenberg.
Ad accusare queste persone é il video dell’avvocato stesso, registrato prima di morire e messo su youtube, in fa i nomi dei suoi assassini e spiega tutta la vicenda. La cosa piu tragica e comica allo stesso tempo é che il presidente, in una intervista rilasciata alla CNN, dice che lascerà la potrona presidenziale solo da morto, e che quello che è successo è tutto un complotto contro il suo governo.
Dopo quanto accaduto, molte persone hanno incominciato a manifestare, non solo per le sue dimissioni, ma anche per la esasperante situazione di violenza che si vive in Guatemala. Le statistiche degli ultimi anni evidenziano che in Guatemala ci sono piu morti di morte violenta che negli anni della guerriglia, e per avere un riferimento attuale c’é chi le compara in percentuale alle morti in Iraq. Inoltre il 98% dei casi resta inpunito.
La reazione del presidente a queste manifestazioni è stata di organizzare una contromanifestazione in cui partecipa la gente delle campagne che viene comprata per pochi soldi, con la promessa di un prazo gratis o semplicemente viene ingannata.
Il paese è diviso profondamente. L’intenzione di Alvaro Colom é di trasformare il tutto in un guerra tra ricchi e poveri, distraendo l’opinione pubblica dal reale problema. Nonostante tutto, gli USA e molti paesi latino americani continuano ad appoggiare il presidente guatemalteco, mentre gli altri paesi non stanno muovendo un dito per favorire le sue dimissioni.
Mi farebbe piacere se attraverso il tuo blog si parlasse di questa vicenda in modo da portare all’attenzione dell’opinione pubblica internazionale la situazione, premendo per chiedere le dimissioni del presidente. Vorrei che i tuoi lettori e gli italiani potessero appoggiare questo gruppo facebook di cittadini guatemaltechi: “Guatemaltecos unidos pedimos la renuncia de Alvaro Colom“.
Allego una serie di links dove approfondire la vicenda:
http://www.facebook.com/note.php?note_id=80144487698&id=584599007&ref=share
http://english.aljazeera.net/news/americas/2009/05/2009513232640854904.html
http://www.youtube.com/watch?v=kZS3bYiJI40
http://news.yahoo.com/s/ap/20090513/ap_on_re_la_am_ca/lt_guatemala_lawyer_killed
http://www.boingboing.net/2009/05/14/guatemala-twittering.html
http://www.youtube.com/watch?v=reVJ17h5b0o&feature=related
http://online.wsj.com/article/SB124260191911428369.html
Ti ringrazio per la tua attenzione,
Giovanni Vacca

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Cavoli sono messi peggio di noi …
    Noi dobbiamo chiedere le dimissioni al premier xk è un corruttore mentre il loro sembra che ordini degli omicidi …
    ke rabbia ! quelli che ci rimettono sono sempre le persone comuni !!
  • Chiaramente gli americani appoggiano il presidente perche’ tiene il paese sotto controllo mentre i narcotrafficanti, insieme ai loro amici americani della cia,  guadagnano gran soldi con la cocaina che ormai da tutti i paesi produttori e limitrofi viene spedita praticamente tutta negli USA.  Non bisogna vedere i narcotrafficanti come un’unita’ separata e delinquenziale, ma a veri e propri collaboratori di chi controlla il governo americano. Sono, come si dice in italia"culo e camicia"
Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi