Il microscopio maledetto

 

I ricercatori acquistano fama e accumulano ricchezze. All’estero! In Italia, più che farsi una fama, fanno la fame. Perlomeno quelli che fanno di testa loro, come accade nell’informazione: va tutto bene, ma devi scrivere quello che ti dico io. Cos’hanno in comune Giampaolo Giuliani, Stefano Montanari e la moglie Antonietta Morena Gatti? Fanno di testa loro. Fanno bene? Fanno male? Non ne ho la più pallida idea: io sono solo un umile informatore. E faccio di testa mia.
Nel 2006 la rete comprò un microscopio elettronico a scansione ambientale a due ricercatori di Modena che pestavano piedi a destra e a manca. Avevano la mania di individuare nanoparticelle negli alimenti più comuni, rimasugli di processi industriali o frutto di contaminazioni ambientali. Stilavano elenchi, facevano nomi e cognomi, marche e prodotti, con i quali Beppe Grillo ci terrorizzava nei suoi spettacoli. Ricordo ancora quando mi accorsi con orrore che nella lista – a dire il vero non esaustiva – dei cibi a nanovalore aggiunto c’erano anche la macine. Fu allora che capii che non avrei più potuto passare sotto a un metal detector. Oggi mi accorgo con sollievo che non erano quelle del Mulino Bianco.
Oltre a depositarsi nei tessuti causando nanopatologie, le nanoparticelle escono allegramente dai camini degli inceneritori, come bambini all’uscita dell’asilo, e svolazzano pigramente sulle ali del vento finché non si depositano nei vostri polmoni, oppure nelle foglie verdi di una gustosa insalata.
Voi capite che una simile ricerca disturbi molti. Così, viene detto che l’Italia dei diversamente onesti, un’epidemia che sembra aver contagiato ormai quasi tutti, trovi l’escamotage burocratico per togliere il microscopio ai due ficcanaso. Montanari si rivolge a Grillo. Grillo ne fa un cavallo di battaglia e chiama a raccolta la rete. La rete mette mano al portafoglio e ricompra il microscopio a Stefano Montanari e ad Antonietta Gatti. Scroscio di applausi. Pacche sulle spalle. Come siamo bravi, come siamo belli. Foto ricordo e tutti a casa. La ricerca è salva.
Oggi, la Onlus Bortolani, cui era stato intestato il microscopio, prende  accordi con l’Università di Urbino e decide di riconvertire la preziosa attrezzatura ad altri scopi. Questa volta, Superman sembra non accorrere più in aiuto della ricerca vessata e imbavagliata: Montanari chiama Grillo, ma Grillo non è in casa.
Il microscopio è stato comprato dalla rete e regalato a Stefano Montanari e ad Antonietta Gatti. Quando fate un regalo a qualcuno, poi vi secca sapere che viene riciclato. La Onlus Bortolani è sicuramente la proprietaria legale del microscopio, ma chi potrebbe negare che questo, eticamente, appartenga alla rete? Quale che sia l’uso che i due ricercatori ne stanno facendo, è solo la rete che ha titolo per chiedere il conto alla Nanodiagnostics.
Dunque che la rete indaghi, ed emetta il suo verdetto!

183 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sono allibito da quello che ho letto ed ascoltato… non riesco ancora ad abituarmi a queste cose anche se ormai sono diventate una consuetudine in italia… è vergognoso… sono queste cose che mi spingono sempre di più a dirigermi all’estero una volta terminati i miei studi in biotecnologie… pagherei oro per lavorare con il dottor Montanari e la dottoressa Gatti, ma mi rendo conto che, se non riescono a lavoare loro che hanno un grandissimo nome (almeno all’estero) come voglio pretendere di riuscire a lavorare io!!!
    la cosa che più mi sconvolge è la posizione di Beppe Grillo im questa faccenda…incredibile, lo seguo da tanto tempo ho sempre apprezzato il suo impegno contro il bavaglio della ricerca e dell’informazione, ma ora un pò mi ricredo e penso che non sia tanto diverso da quelle persone che lui demonizza…
    come si fa a dire che questi ricercatori non fanno ricerca???
    di quello che hano fatto l’onlus e l’università di urbino neanche mi meraviglio più. però è comunque una cosa gravissima… si sono approfittati dei soldi e dei buoni proprositi delle persone che hanno fatto il versamento per acquistare il microscopio per poi farne ciò che vogliono…
    Dottor Montanari, lo so che è una cosa brutta da pensare e fare, ma le consiglio di andare via dall’italia… in qualsiasi altra parte, anche non tanto lontano (basti vedere cosa sta facendo la spagna) voi sareste accettati subito e non dovreste aspettare che qualche cittadino sano di mente e volenterosi finanzi l’acquisto del microscopio per poter lavorare, perchè glielo darebbero subito chi di dovere…
    grazie claudio per averci portato all’attenzione l’ennesico caso di soppruso che avviene in Italia ora sono sempre più convinto di partire e raggiungere i miei amici in europa…
    ciao…
    continua così
     
  • aspetto le risposte di grillo certo che in questa storia ci sono troppe stranezze e anche un po’ di colpe da parte di montanari per come ha gestito questo maledetto microscopio…azzo ti regalano un microscopio da 400.000 € e lo intesti al primo che capita?
    spero che grillo ci dia delle risposte al più presto è importante!!!
    grazie claudio per il tuo grande lavoro
  • CLAUDIO (x quello che può valere) LA MIA STIMA NEI TUOI CONFRONTI STA SALENDO A LIVELLO ESPONENZIALE
     
    Se tu fossi un giornalista ti darei il PULIZER  :ò)
  • > Fanno bene? Fanno male? Non ne ho la più pallida idea: io sono solo
    > un umile informatore. E faccio di testa mia
    Questa mi piace davvero. Bravo.
     
     
  • Ottima iniziativa Claudio, se non altro per far innalzare il livello di attenzione sulla questione, in quanto effettivamente a prima vista io non capisco chi ha ragione…..
     
    Se non trovi nessun altro per la trascrizione una mano te la do io, ovviamente a distanza…..
  • Claudio, grazie per il servizio. Ho qualche perplessità, non in merito alla ricerca del dott.Montanari e consorte, ma sui fatti. Forse sono condizionato dal fatto che Montanari si candidò? Mi confondono le idee certe scelte.Parecchio.E’ un mestiere che impegna fare il segretario di partito e campagna elettorale.Ci vogliono risorse. Tempo. La sua ricerca è importantissima, perche’ i suoi risultati condizionano la nostra vita e mettono in luce e relazione le cause di tantissime patologie che provocano la morte di migliaia di persone. Una missione insomma. La ONLUS Bortolani rivendica il diritto di conoscere gli studi effettuati con tre anni di utilizzo e altre cosette. Certo che si, la raccolta fondi, la donazione, era per loro e su questo non si discute. 
    Dott.Montanari, stia lontano dalla politica, e’ per il suo prestigio.Non si sporchi. Ci faccia sapere i risultati delle sue ricerche attraverso il suo blog, produca insieme a Claudio (magari) un video dopo gli Inglesi,Giapponesi e Russi. Ci informi. Non solo attraverso i suoi libri e le pubblicazioni dell’universita’ di Cambridge.Grazie e buona ricerca.
  • Qualcuno dice: "E’ la parola di Montanari contro quella di Grillo".
    SBAGLIATO!!!!
    Grillo non si è mai espresso, quindi per ora la sua parola in proposito NON ESISTE. Io ho postato commenti sul sito di Beppe e scritto email su questa questione. I commenti sono stati censurati (erano solo commenti di invito a dirci il suo punto di vista) le email non hanno MAI avuto un seguito.
     
    Qualcosa non torna.
    Grillo sta in effetti razzolando piuttosto male. Anche perchè, avesse argomentazioni valide che bilanciano o, di più annientano, quelle di Montanari, perchè non comunicarcele??????
     
     
    Molto molto strano. Assomiglia davvero alla censura delle info, molto in voga in questi ultimi tempi. Se non ne parli la notizia non esiste. Una massima che ho sentito proprio da Beppe … Ma’
    • Io ho postato un commento sul suo blog, non è stato censurato ed è abastanza aggressivo nei confronti di Beppe, e come te ci sono molti altri commenti di "richiesta informazione".
       
      Aspettiamo e vediamo.
  • Da un po’ seguo questa vicenda… la nebbia del dubbio non si è mai diradata. I rapporti tra Grillo e Montanari  sono turbolenti da parecchio tempo (credo dall’incomprensione che cita il professore sulla questione dei metalli pesanti nei cibi).  Vi è stata anche una polemica sul forum di un meet up di grillo(non ricordo quale) con la ex moglie di Grillo (almeno credo fosse lei). Eh eh Claudio mi sa che ti sei buttato in un dedalo di minoica memoria.Comunque bravissimo come sempre . Seguirò con interesse anche questa vicenda.
  • Leggetevi ”Il girone delle polveri sottili” ,e ci si rende conto,per chi non ha le idee chiare il perche’ il microscopio deve sparire…..
  • Grazie per avermi informato, e grazie per lo sbattimento.
     
    ho visto altri tuoi video su you tube soprattutti mi sono piaciuti quelli dello sclero…se ti serve una mano contattami pure.
     
    Saluti
     
    Matteo Pandolfi
     
  • Credo che Grillo sia uno sfruttatore,una volta usata la persona per i suoi spettacoli e suoi interessi,tutto finisce. Ormai ne abbiamo a sufficienza
    di precedenti. Non accetta uno che sia uno di contraddittorio e scappa.
    Veronesi (che non stimo) dopo tante accuse subite gli scrisse una lettera e lo invitò ad un confronto aperto nel blog e nei modi a lui più comodi. Ancora aspettiamo questo confronto,resta il fatto che da allora non parla più di Cancronesi . Stesso vale per l’intervista ad Alessandro Gilioli,vedere "l’intervista mai fatta a beppe grillo" e potrei citarne altre.
    Bisogna prendere atto che Grillo non è quello che si pensi,lui ha una casta tutta sua,con uno staff efficientissimo che lo protegge dall’insidie della verità e che sta già preparando accuratamente una replica meticolosa
    che partirà dal suo blog dove la critica al padrone di casa non è tanto ben accetta. Caro Claudio, lì girano parecchi bei soldoni e i beppi- gianroberti, che comunque hanno un certo peso in rete,non prenderanno molto bene questa tua intervista e se la segneranno al dito.
    I loro armadi incominciano ad avere ormai  parecchie ossa e credo bisogna iniziare ad aprirli.
    Il microscopio Montanari e Gatti se lo sono guadagnati,i soldi erano destinati a loro quindi, qualsiasi altra destinazione non esiste proprio.
     
    Bravo Claudio,un giornalista e soprattutto un uomo realmente libero
    e forza Stefano Montanari e Antonietta Gatti
     
     
     
    con tantissima stima
     
    A. M.
  • no, io saro’ cretino, ma mi domando:
     
    per quale cacchio di stupido motivo Montanari (che su certe cose non mi piace), è andato a intestare il microscopio a una Onlus?
    La raccolta è stata fatta per lui? SI
    Era lui il destinatario? SI.
     
    E allora porca misera ladra, per quale cavolo di motivo? Doveva essere di proprietà sue. Punto. Che cacchio c’entra la trasparenza?
    Potevo capire se era per la onlus e se lo intestava lui, ma era proprio per lui invece….
     
    io penso che gli italiani si sono tutti rimbecilliti.
     
    pvp
    • anche io come tanti pensano che abbia commesso un errore, come pure il fatto di candidarsi alle politiche e di attaccare a testa bassa una marea di potenti: cazzo fai una battaglia per volta! non 10 contemporaneamente con tante bestie feroci…..
       
      Doveva gestirla meglio la storia della donazione, ma pensa se al contrario lo fosse intestato personalmente: avrebbe avuto degli attacchi mediatici subito dall’inizio che lo avrebbero massacrato per questa storia dello SCOPO di LUCRO e via dicendo…. certo che se sarebbe potuto anche sbattere altamente e continuare le ricerche dato che il microscopio sarebbe stato di sua proprietà…..ma non sarebbe comunque stata una situazione facile (come deve essere svegliarsi ogni mattina per andare a lavorare e leggere sui giornali degli articoli diffamatori nei tuoi confronti? Si può andare anche via di testa come ha fatto Boffo….) 
       
      COL IL SEBO DI POI (come direbbe Bergonzoni), Montanari avrebbe dovuto fondare LUI una "Senza scopo di lucro", con a capo persone di SUPER-FIDUCIA, o lui stesso, o sua moglie, e poi fare la donazione a questa "ONLUS DOC"
  • Carissimo Claudio, complimenti.
     
    E’ la prima volta che intervengo e intendo andare subito al sodo.
     
    Secondo me la causa  della improvvisa rottora dei rapporti Grillo-Montanari è  l’on Di Pietro.
     
    Per Grillo utile alla causa.
    Secondo Montanari un mistificatore che, portandosi appresso i cementificatori alla Misiti (MOSE, TAV; cita nell’intervista), rivela la sua reale natura, al pari dei costruttori di inceneritori.
     
    Andate nel suo Blog e fate una ricerca su misiti.
     
    ciao
    Claudio
     
     
  • DI sicuro c’è che la sottoscrizione e la visibilità, Grillo a Montanari gliel’ha data. Credo che Montanari, ( io lo stimo…) si sia innervosito per la mancata presa di posizione dell’ IDV  e Grillo a totale sostegno delle ipotesi che il suo lavoro porta avanti. Ma la scienza ha i suoi tempi, purtroppo e anche se  credo che la coppia Gatti Montanari abbia ragione riguardo alle nanopatologie,  la presa di coscienza generale dovrà passare attraverso  i tanti, troppi malati che le nanopolveri produrranno. l’IDV e Grillo hanno deciso per la politica, e purroppo la politica è piena di compromessi… Morale della favola?Con questa diatriba ci rimette tutto il movimento che cerca disperatamente di far trapelare uno squarcio di verità in questo paese, che sta sempre più diventando simile ad un museo degli orrori.
     
    Angelo Mantini
  • DI sicuro c’è che la sottoscrizione e la visibilità, Grillo a Montanari gliel’ha data. Credo che Montanari, ( io lo stimo…) si sia innervosito per la mancata presa di posizione dell’ IDV  e Grillo a totale sostegno delle ipotesi che il suo lavoro porta avanti. Ma la scienza ha i suoi tempi, purtroppo e anche se  credo che la coppia Gatti Montanari abbia ragione riguardo alle nanopatologie,  la presa di coscienza generale dovrà passare attraverso  i tanti, troppi malati che le nanopolveri produrranno. l’IDV e Grillo hanno deciso per la politica, e purroppo la politica è piena di compromessi… Morale della favola?Con questa diatriba ci rimette tutto il movimento che cerca disperatamente di far trapelare uno squarcio di verità in questo paese, che sta sempre più diventando simile ad un museo degli orrori.
     
    Angelo Mantini
  • DI sicuro c’è che la sottoscrizione e la visibilità, Grillo a Montanari gliel’ha data. Credo che Montanari, ( io lo stimo…) si sia innervosito per la mancata presa di posizione dell’ IDV  e Grillo a totale sostegno delle ipotesi che il suo lavoro porta avanti. Ma la scienza ha i suoi tempi, purtroppo e anche se  credo che la coppia Gatti Montanari abbia ragione riguardo alle nanopatologie,  la presa di coscienza generale dovrà passare attraverso  i tanti, troppi malati che le nanopolveri produrranno. l’IDV e Grillo hanno deciso per la politica, e purroppo la politica è piena di compromessi… Morale della favola?Con questa diatriba ci rimette tutto il movimento che cerca disperatamente di far trapelare uno squarcio di verità in questo paese, che sta sempre più diventando simile ad un museo degli orrori.
     
    Angelo Mantini
    • … daccordo in pieno. La ricerca ha tempi comunque lunghi … in passato ho cercato ad esempio di invitare Giuliani a pubblicare su riviste scientifiche e avere pazienza … il caso Giuliani è comunque diverso dalla situazione Montanari, il cui gruppo comunque ha diverse lavori già riconusciuti. personalmente anche a me in un certo momento è stato tolto l’utilizzo di un sem per me, meglio per il gruppo a cui appartengo strumento fondamentale. in un intervento iniziale è stato già citato un pezzo riportato nel sito di http://www.bortolanionlus.it che deve essere comunque preso in considerazione riporto due passi di seguito :… Come più volte sollecitato ai due dottori, rimaniamo in attesa di una reportistica sui risultati e sulle scoperte scientifiche – confermate da pubblicazione e da attestati della comunità scientifica – prodotte in questi tre anni di possesso del microscopio. Ciò crediamo sia doveroso nei confronti dei benefattori. E’ evidente che riferimenti a ricerche e studi svolti prima dell’acquisto del microscopio in oggetto non sono inerenti a tale ripetuta richiesta, ma, anzi, possono risultare fuorvianti. …RICHIESTA APPROPRIATA … MA IN SOLO TRE ANNI … UN PO’ POCO … ALCUNI LAVORI INNOVATIVI TRA RICERCA E SUCCESSIVI REFERAGGI VENGONO PUBBLICATI ANCHE DOPO … DIECI … – che il microscopio ESEM a scansione ambientale e lo strumento di microanalisi di proprietà dell’Associazione Carlo Bortolani Onlus, erano vincolati a un contratto di comodato d’uso fra l’Associazione Carlo Bortolani Onlus e il Centro di Geobiologia dell’Università di Urbino diretto dal Prof. Rodolfo Coccioni, stipulato in condivisione con la Dott.ssa Antonietta Gatti e il dott. Stefano Montanari;- che l’Associazione Carlo Bortolani Onlus, nel rispetto della normativa, non può occuparsi di ricerca scientifica, né finanziare essa;- che da Luglio 2008 il Centro di Geobiologia, al pari degli altri Centri dell’Università di Urbino, ha cessato di esistere;- che l’Università di Urbino, attraverso la Facoltà di Scienze e Tecnologie, si è resa disponibile ad accettare in donazione il microscopio, accollandosi tutte le spese di gestione, ferma restando la clausola contrattuale che consente ai dottori Gatti e Montanari di proseguire nell’utilizzo dello strumento ai fini della ricerca scientifica così come previsto nella campagna di raccolta fondi lanciata da Beppe Grillo nel Marzo 2006;- che il coinvolgimento dell’Università consente di allargare e implementare ulteriormente la ricerca scientifica sulle nanoparticelle, sulle patologie ambientali e su altre tematiche relative all’ambiente, ad altri scienziati e ricercatori così da consentire il massimo sfruttamento delle potenzialità e delle opportunità offerte dal microscopio; …VOLENDO ANCHE CORRETTO MA FORSE NON CORRISPONDENTE AGLI ACCORDI PRESI PORECEDENTEMENTE …trovo sbagliato portare avanti una critica on attacchi a distanza … forse sarebbe davvero interessante cercare di organizzare un dibattIto tra le parti, penso che la ricerca non si avvantaggi con diffide, censure o … querele. ciao luca.

    • sono curiosa di sapere, perchè non è stato mai detto, quali sono Prof. o Dott. (nomi e cognomi) che dovrebbero lavorare con il microscopio all’Università di Urbino, intendo esperti in nanopatologie e che abbiano pubblicato lavori scientifici e che potranno garantire mggiore attività di quella effettuata dai Dott. Montanari e Gatti da quando hanno questo microscopio, ovvero due anni?
       
      qualcuno lo sa?
    • … cercando cercando ho trovato dei nomi ma non li ho salvati … ho però trovato ed è sicuro tra le altre cose un progetto tra philips research e università di urbino sinceramente strana e portava tra i patners il prof mauro magnani “project leader del NACBO (Novel and Improved Nanomaterials, Chemistries and Apparatus for Nano-Biotechnology), … mi interesso di geologia non ho capito esattamente di che progetto si tratta certo ha a che fare con nanoparticelle incapsulate nei globuli rossi …. data settembre 2008 … le cose putroppo non sono chiare …. ciao luca.

    • Luca, grazie ma cerchiamo ancora perchè mi sembra MOOOOLTO strano che per "amore della ricerca" come dice la Onlus( !!!) si voglia togliere (o comunque renderne difficoltoso l’utilizzo ai Dott. Montanari e Gatti che hanno all’attivo moltissime ricerche e darlo al primo "personaggino che passa" senza esperienza alcuna in "nanopatologie" , che bada ben, sono le patologie sanitarie (malattie) che derivano dalla permanenza umana in un ambiente inquinato  con particolare riguardo agli effetti dell’inquinamento derivato da nano-particolato inorganico (metalli o leghe e quindi non bio-degradabile) all’interno del nostro organismo …..  
       
  • Salve ragazzi.
     
    Ma è vero che la decisione dell’Associazione Bortolani Onlus di trasferire il microscopio sarebbe “condivisa dallo stesso Grillo”  ?
     
     
  • Il Dottor Montanari pare essere finalmente interessato ad occuparsi delle scie chimiche, meglio tumorali. Occorre pungolarlo. Lasciamo perdere grillo e la casaleggio, organici al sistema satanico. 
     
     Cordialità
  • Sempre difficile avere un ‘idea esauriente su una questione quando si conosce solo una campana, ma nel momento in cui una parte si sottrae al confronto …  io faccio 1+1=2
     
  • non conoscevo questo blog, ne sapevo nulla di questo microscopio. poco fa leggendo l’ultimo articolo posato nel sito dell’IDV, ho letto anche i commenti. uno di questi commenti parlava di beppe grillo e di questo microscopio mettendo anche il vs link/indirizzo (scusate non conosco i termini giusti) x aprire questa pagina. così x curiosità con copia incolla ho aperto ed ascoltato questa intervista. dopo sono andata di nuovo sui commenti dell’articolo, di cui sopra, e stranamente non c’era più il commento con questo link.
    poichè ricordavo perfettamente il commento precedente ero sicura che non ci fosse più. ma x sicurezza mi sono collegata nuovamente e letto tutti i commenti e non c’è più.
    quindi qualcuno deve averlo tolto.
    qulcuno di voi lo ha notato?
     
  • Ho inviato la trascrizione, ma ho dovuto mandarla come allegato perché ci sono stati dei problemi con il browser Opera 10.0.
    Spero non ci siano problemi.
  • Attendo una spiegazione da Beppe (anche perchè versai 20 miseri euroz per il microscopio). Fino ad allora per me valgono le parole del dott.Montanari.
  •  Calma gente, leggo il blog di Grillo dal primo giorno, come leggo byoblu, danielemartinelli, pieroricca, dongiorgio, antefatto, etc.
    Grillo potrà anche avere un carattere non amabile, per alcuni di voi.
    Ma non si possono cancellare le idee di Beppe Grillo.
    Sono uno di quelli che legge il blog seduto sulla tazza del w.c., nel mio portachiavi c’è una pennetta USB con tantissimi video che INIETTO nei pc altrui. 
    Mi farebbe piacere se Claudio ponesse l’accento sul fatto che uno può anche sbagliare, ma le idee buone non si cancellano.
    Apprezzo tantissimo il lavoro di Claudio e ha fatto bene a dare voce al Prof. Montanari.
    Per il resto ne possiamo parlare. Non intendo fare l’avvocato di Grillo ma vorrei invitare quelli "delusi" come me, alla riflessione.
    ciao a tutti. 
  • Sul caso Montanari – ONLUS Bordoni gli sviluppi sono questi:
     
     
    quindi CALMI a dare giudizi prematuri(anch’io l’ho fatto e me ne scuso col Beppe e gli altri coinvolti). Claudio Messora(ByoBlu)darà lo spazio dovuto alle parti e poi pubblicherà di nuovo il post con le risposte dei diretti interessati.
     
    Per ORA … standby, e vale per TUTTI!
  • Ho tanto rispetto nel dott.Montanari,ma penso che il rapporto con Grillo sia cambiato nel momento in cui il Dott.Montanari ha scelto di far parte della lista civica per il comune,mi ricordo la scena quando era ospite a porta a porta e cercava di chiamare Grillo al cellulare e non riusciva a parlare.
  • Anch’io versai soldi per il microscopio, e mi sento preso per il culo dal comportamento di Grillo.
     
    Con questo non voglio dire che Montanari abbia ragione, dico solo che Grillo poteva degnarsi di dare una cacchio di spiegazione a quanti si sono fidati dei suoi appelli. Invece finora silenzio di tomba.
     
    Comunque ho appena scritto una mail a Grillo, sollecitandolo. Tanto non servirà a nulla.
     
  • … quanti, partendo da chi ha fatto l’intervista, sono informati sul punto di vista della onlus ? … grillo perché è tato messo in mezzo ? … per capire bisogna informarsi … proviamo a farlo autonomamente … ciao luca.

  • Grazie Claudio per l’informazione che fai. Veramente!
    Vedremo come finirà questa faccenda … a questo punto penso che una risposta da parte di Grillo sia doverosa: il non dare una risposta nei prossimi giorni sarebbe anch’essa una risposta.
    • non c’è alcun dubbio che anche "non dare una risposta" è  "una risposta"  ma a meno che non inventi "col diavolo" una qualche risposta dell’ultimo momento, non gli fa certo onore  che da giugno ad oggi CON UN CHIASSOSO SILENZIO ha ignorato la moltitudine di richieste informazioni e spiegazioni che in moltissimi gli hanno richiesto su questa vicenda  è come dire "se non ne parlo il problema non esiste" se poi  è proprio Grillo che  ha generato il problema  … potete immaginare la goduria !!!! 
    • Nel caso in cui avesse sbagliato, personalmente mi andrebbero bene anche delle scuse. Altre volte in passato ha sbagliato, ma non ha tenuto nascosto niente: nei suoi spettacoli lo diceva apertamente. Anche sul primo dvd che ha pubblicato, Beppegrillo.it, sul retro della custodia c’era una lista di errori che aveva commesso in passato, tipo quello di aver preso a mazzate un computer durante un suo spettacolo, dicendo tante cose contro. Questo è il Beppe Grillo che mi piace: un uomo che sa anche ammettere i propri errori e i propri ripensamenti.
  • BYOBLU … non hai qualche leggero dubbio ? …… http://www.nanodiagnostics.it HOME …. 28 agosto 2006 – Per motivi di pura sopravvivenza, ci è impossibile da oggi eseguire indagini a titolo gratuito.Per eventuali preventivi di spesa, rivolgersi a ….INTESTATO A ONLUS PER QUESTIONI DI TRASPARENZA …NON PUO’ ESSERE INTESTATO A GATTI E MONTANARI PERCHE’ … PROBABILMENTE SONO UNA SRL CHE ESEGUE ANALISI SU MATERIALI …Nanodiagnostics SrlVia Enrico Fermi, 1/L – 41057 San Vito di Spilamberto (Modena)Tel. 059 798778 – Fax 059 7579182 – P.IVA 02915440362TRA LE Pubblicazioni SI ARRIVA ALL’ANNO 2006 …. ????diversi lavori precedenti sono su riviste non soggette a referaggio … !GRILLO E’ TERRORIZZATO FORSE PERCHE’ PENSA DI AVER PRESO UNA CANTONATA …. GRILLO … DI TEMPO NE HA TANTISSIMO … anche grillo ha una giornata di 24 ore…. qualche dubbio … no?ciao luca.

    • Nella vicenda Grillo/Montanari, c’è dietro una "dolorosa vicenda familiare" di cui ne ha parlato Sonia Toni (ex compagna di Grillo)…..
      Se fossi in Voi io ci andrei piano con i giudizi verso una o l’altra parte….. anche perchè non credo che il Dr Montanari sia una vittima di questa situazione, forse la gestione del microscopio doveva essere fatta con più cura!
      Anche a me interessa che questo microscopio che abbiamo acquistato tramite la rete vada nelle mani "giuste" e quindi mi va bene fare pressione affinchè chi è chiamato in casua  ci dia delle spiegazioni, MA MI DISSOCIO nel  dare giudizi e sparare sentenze come già molti di voi stanno facendo!
    • I personaggi veramente grandi quando prendono una cantonata non sono terrorizzati ma trovano la forza di dire ho sbagliato.

       
      In questo caso a maggior ragione Grillo dovrebbe avere il fegato di dire al dr. Montanari e a sua moglie quello che pensa veramente della loro attività, se il problema è veramente questo.Come pure avrebbe il dovere di dire come stanno le cose a tutti quelli che lo seguono.
      In ogni caso il silenzio non fa che privarlo di credibilità.
      Se questa faccenda non dovesse essere chiarita non vedo come possa proporsi in futuro al suo pubblico con altre invettive delle sue.
      Potrebbe anche sorgere il dubbio che di cantonate ne abbia prese molte altre e che tutti i demoni che ha additato fino ad oggi non erano che dei bravi angioletti.
      O forse con tanti soldi tra le mani si è ritrovato all’improvviso a ragionare nel modo che ha sempre contestato ad altri e guardandosi intorno magari ha avuto un’illuminazione inaspettata che lo ha convinto che tutto sommato questo mondo gli sta bene così, tanto per chi ha i soldi non è male, sempre che regga abbastanza.
      Sta a vederte che piano piano si è integrato e tutti noi che abbiamo fatto la sua fortuna siamo solo degli st…zi convinti che sarebbe rimasto dall’altra parte anche da ricco.
  •  Stavolta non ci siamo, ha avuto l’uso esclusivo per 3 anni.
     
    Quali sono i risultati???
     
    E’ giusto che sia messo a disposizione GRATUITA ad altri ricercatori.
     
    Grillo non commenta perchè non c’è niente da commentare. 
  • Certo che se il dr. Montanari si fosse limitato a fare solo ricerca scientifica forse un pò di cose sarebbero andate diversamente.Attaccare sul ponte dello stretto di Messina per esempio è un impegno che si può lasciare a chi non ha da  studiare le nano particelle.
    Ma in ogni caso gli ingredienti del bavaglio sembrano proprio esserci ; sicuramente lui e la moglie non sono dei soggetti comodi.Se le loro ricerche dovessero dare sempre più riscontri ci sarebbe da rivoluzionare troppe cose e sacrificare troppi interessi.Forse non a caso questo è il secondo microscopio che gli viene sottratto.
    Mi preoccupa anche un’altra cosa ; se non dovesse essere fatta chiarezza, soprattutto da Beppe Grillo, lo straordinario risultato che ha conseguito la rete mettendo insieme buona parte dei soldi non so se potrebbe facilmente ripetersi per altre importanti iniziative di questo genere ; si rischia di danneggiare anche delle potenzialità importanti della rete stessa.
  • Anch’io versai soldi per il microscopio, ma non mi sento preso per i fondelli da Grillo bensì da Montanari.
    E’ stato Montanari su suggerimento di Grillo a intestare il microscopio a una associazione e la questione ora è chi ha ragione tra l’associazione e Montanari.
    L’associazione ha già risposto sul suo sito, ora….
    Che cavolo c’entra Beppe Grillo che ha il solo "demerito" di aver aiutato Montanari ad acquistare il microscopio?
    Che titolo avrebbe Grillo per determinare dove debba stare il microscopio dato che è proprietà della Bortolani onlus?
    Perchè Montanari dice e non dice?
     
    Caro Montanari, quando si fanno certe accuse bisogna avere il coraggio di andare fino in fondo e fare i nomi altrimenti si tace. Nel suo falso buonismo ascolto accuse pesanti tipo "predica bene e razzola male" oppure "nuovo politico in ascesa", però non fa nessun riferimento a cosa e perchè. Le pare corretto?
    Perchè non mette tutte le carte in tavola?
    Da quel poco che leggo in giro non credo che Grillo risponderà perchè SEMBRA e ripeto SEMBRA che ci siano molte questioni aperte che riguardano le persone e non i professionisti che siano essi dottori o comici:
    • Infatti Montanari non se la prende con Grillo per aver preso in giro qualcuno, ma perchè non spiega il suo cambio di atteggiamento. Come dici giustamente, Grillo non ha alcun titolo per stabilire dove debba stare il microscopio, ma è la Bortolani che dice "Grillo è d’accordo". E’ la Bortolani che sta prendendo in giro tutti, strumentalizzando anche Grillo; ha fatto un accordo con l’università violando quello che aveva precedentemente con Montanari.
      E a parte i nomi dei politici coinvolti (cosa che comprendo perfettamente), non vedo cosa altro nasconda Montanari; mi sembra estremamente chiaro e dettagliato.
      E a proposito di chi "dice e non dice" l’articolo che indichi è perfetto; parla di dubbi e di cose da chiarire senza specificare niente e lasciando tutto alla fantasia.
  • Ciao Claudio,
     
    voglio raccontarti una storia curiosa che mi è capitata oggi sul blog di Grillo.
     
    Spinto dal tuo mitico articolo, metto un bel commento per chiedere spiegazioni.
    Il commento viene votato e finisce in testa in breve tempo.
    Fin qui tutto ok, altri visitatori fanno le stesse domande condivise da molti.
     
    Verso l’una di questa notte però succede un fatto alquanto strano, 3 commenti che erano in cima alla lista dei commenti più votati spariscono dalla circolazione.
    Dopo 5 minuti li ritrovo in fondo alla lista (uno dietro l’altro) in netta minore visibilità.
    Questi 3 commenti erano chiare domande rivolte a Beppe sul microscopio.
     
    Qualcuno mi ha fatto notare che la discesa era collegata all’ "arrossamento" del commento, ovvero non aveva più una valutazione di 5 su 5 ma di 4 su 5.
    Cosa completamente errata perchè un commento di 36 voti con valutazione 4/5 non è mai stato sotto un 3 voti con 5/5.
    A conferma di ciò un altro commento aveva 17 voti, 4/5 ma era sopra il mio di 36 e altri con 20 circa e stessa valutazione.
     
    Morale della favola mi hanno bloccato l’Account prima che potessi dire questo fatto.
     
    All’1 e 30 di notte 3 commenti che disturbano Grillo insomma vengono fatti "sparire", o per meglio dire vengono nascosti dalla massa che dà un occhiata solo ai primi messaggi dei commenti più votati.
     
    Questa censura e blocco di informazione e squallida e spero ne vorrai approfondire, se serve posso passarti qualche screenshot.
     
    Fammi sapere…
    • Aggiornamento:
       
      il mio post è rischizzato in prima posizione, mentre gli altri 2 sono ancora giù…
       
      Ma a che gioco stanno giocando?
       
  •  Ciao Claudio, 
     
    questa mattina ho letto le precisazioni della ONLUS e non mi sembra che abbiano torto. Per tre motivi sostanziali:
     
    – La Nanodiagnostic è una Srl e pertanto una società a scopo di LUCRO
    – Montanari e la Gatti potrenno utilizzare il microscopio ALMENO una volta a settimana, comunque
    – La ricerca verrà allargata anche ad altri campi permettendo ad altri ricercatori di utilizzare il SESM, evitando il suo sottoutilizzo
     
    Compito della ONLUS sarà secondo me quello di VIGILARE il corretto uso di tale strumento. Cosa che tra l’altro sta facendo con Montanari al quale chiede riscontro del lavoro effettuato negli ultimi due anni grazie al microscopio che gli è stato donato.
     
     
    • Secondo me non hai ascoltato tutta l’intervista a Montanari, perchè risponde a tutte le domande che hai fatto. A meno che, ovviamente, non si voglia mettere in dubbio la veridicità di quello che dice; scelta legittima ma da sostenere con argomenti concreti.
      A questo proposito vorrei rivolgere un invito a Montanari. Il fatto di non aver utilizzato il microscopio a scopo di lucro dovrebbe essere dimostrabile fornendo qualche dato sui costi e sui ricavi che ne sono derivati; una sorta di bilancio economico dell’attività di ricerca. Aiuterebbe sicuramente a scansare un po’ di nubi.
  • Hai trovato per la trascrizione ? se no, passami il video che lo do alla mia ragazza. Facceva le trascrizioni audio in tribunale quindi credo che possa fare anche la tua.
     
    Ciao
  • Sembra proprio che le cose siano piuttosto ingarbugliate. A leggere
    le ragioni di Montanari sembrano essere davvero solo una parte della vicenda.
    La onlus dicendo: "Resta inteso, coerentemente con la finalità della raccolta fondi, che tale strumento non poteva e non potrà essere utilizzato in alcun modo a scopo di lucro da parte di singoli o di società. Questa sì che sarebbe una truffa ai danni dei benefattori."
    sembra quasi suggerire che Montanari e sua moglie utilizzassero il microscopio anche a fine di lucro (non solo, quindi, di recupero delle spese di gestione del microscopio). Tra l’altro la onlus parla di “oggettiva sottoutilizzazione” dello strumento, (non) giustificata dagli impegni politici di Montanari e da altri impegni part-time di sua moglie. Senza tanti veli accusa i due ricercatori di non aver fatto realmente ricerca in questi 3 anni. Li sfida perfino a mostrare i risultati delle loro ricerche fatte a partire dalla acquisizione del microscopio. Questi neanche tanto velati giudizi di truffa ai danni dei benefattori potrebbero spiegare quello che dice Montanari intorno al minuto 9 del video. Ovvero che sia Beppe Grillo che la onlus hanno improvvisamente interrotto i contatti con i due ricercatori. Le ragioni del silenzio di Grillo potrebbero inoltre essere in gran parte contenute nel link: http://www.meetup.com/GrilliFirenze/boards/thread/5420800/0/ post ad opera di Sonia Gatti, madre di due dei figli di Grillo e collaboratrice per un anno dello stesso Montanari.
    Montanari nel video enfatizza i risultati delle sue ricerche in modo direi eccessivo, che risulta quasi stonato a chi ha un minimo di idea di come funzionano queste cose in ambito accademico. Per esempio, quando dice al minuto 14 circa che l’unione europea ha dato un progetto da portare avanti… Non sapevo che l’unione europea facesse progetti di ricerca e li affidasse a ricercatori volenterosi. Credevo che l’unione europea stanziasse dei fondi e chi volesse utilizzare quei fondi dovesse presentare il proprio progetto e sperare nell’approvazione… Che poi l’approvazione arrivi depone a favore della bontà del progetto. Ma non è proprio la stessa cosa dire che un progetto è stato finanziato e che un progetto è stato affidato, lasciando intendere una fama internazionale probabilmente non esistente (almeno su wikipedia in inglese alla voce nanotoxicology non c’è traccia di Montanari e di sua moglie, e nemmeno sull’unica rivista dedicata all’argomento. Ci sono altri italiani ma loro no.). Quando poi intorno al minuto 16 dice che le sue ricerche sono valide perché il suo libro è contenuto nelle biblioteche delle università più prestigiose, beh lì sfiora il ridicolo. Tutti sanno che quelle biblioteche sono enormi. Contengono una quantità di libri spropositata. Nessuno può pensare che tutti i libri contenuti in quelle biblioteche siano validi, né che vi siano finiti dopo approvazione da parte dei vari luminari. Inoltre non è neanche detto che le citate biblioteche abbiano speso dei soldi per avere il libro in questione. Potrebbe benissimo essere stato lo stesso Montanari ad aver mandato il suo libro in dono a quelle biblioteche. Il fatto che lo abbiano messo negli scaffali depone a suo favore ma non al punto da costituire una qualche prova di bontà delle sue ricerche.
    In definitiva…i dubbi rimangono. Non sono così sicuro che portare il microscopio all’università di Urbino sarebbe un tradire la volontà dei donatori.
    • Ma dai.
       
      "Non sono così sicuro che portare il microscopio all’università di Urbino sarebbe un tradire la volontà dei donatori"
       
      Vorrebbe forse dire che quella volontà andrebbe "riadattata" alla situazione attuale ?
      Siamo arrivati a voler decidere a posteriori le intenzioni dei donatori ?
      Credi che alla luce dei fatti intervenuti dopo ci sarebbe stata comunque una donazione alla stessa maniera, con la stessa partecipazione e come destinatari Bortolani ed università di Urbino ?
       
      Io credo che i contributi di sensibilizzazione rispetto al serio problema delle polveri sottili apportato dal dr. Montanari sia stato decisamente rilevante.
       
  •  Io mi aspetto assolutamente che Grillo risponda a questa intervista, se non ha paura che motivo ha di non rispondere?? Grillo per me  ,come per molti altri e’  e rimane tutt’ora un punto di riferimento ma quello che ci ha fatto avvicinare a lui e’ stata proprio la sua trasparenza.
     
    LUi ci ha insegnato che la Rete e’  trasparenza , e’ per questo che mi aspetto un suo intervento adesso. Tutti vogliamo capire cosa cacchio sia successo a questo microscopio. La gente comune che lo ha pagato ha il diritto di saperlo.
     
    Tanto alla fine la verita verra in superficie .. inutile nascondersi ora
     
    la Rete non perdona
    • Complimenti per l’ottimismo; vorrei poterlo condividere.
      Purtroppo non credo che Grillo risponderà e non sono neanche convinto che si riuscirà a fare la giusta chiarezza su tutta la vicenda.
      "Grillo ci ha insegnato che la rete è trasparenza"? Peccato che la pretenda dagli altri e si dimentichi un po’ troppo spesso di sè stesso.
    •  Lo so anche io ho questa impressione.. pero sai in tal caso non credo che ne uscira molto bene .. di gente come me che lo segue da anni ce ne sta tantissima , migliaia .
       
      Una non risposta in questo caso farebbe scendere a picco la sua credibilità.
       
      E non credo che questo gli faccia tanto piacere dato che sono anni che dice che di questi tempi solo chi e’ credibile va avanti.
  • leggo alcuni commenti di gente che dice che il microscopio in realtà potrà essere utilizzato da montanari e gatti quando e come vogliono…
    questo è sbagliato, la bortolani onlus ha affermato che potranno utilizzarlo almeno un giorno a settimana.
    dato che ci vogliono certezze, almeno non significa un fico secco. ergo, la certezza è di un giorno a settimana. se ci mettiamo dentro anche 3 ore di viaggio all’andata e 3 ore al ritorno è ovvia la conclusione.
    la possibilità di utilizzare il microscopio è stata data solo per fare balla figura, per non passare per cattivi… per fare un favore… nella realtà si escludono i due ricercatori dall’utilizzo DI FATTO del microscopio e questo quelli della bortolani lo sanno bene.
    detto questo, montanari ha detto più volte che è stato molto ingenuo a intestare questo microscopio alla onlus e gli do ragione.
    sappiamo tutti in che mondo viviamo. occorreva essere più previdenti.
  • Ritengo che il dott. Montanari abbia in effetti commesso una grossa ingenuità facendo intestare il microscopio ad un altro soggetto. Purtroppo, ormai non si può tornare indietro.

     
    Per recuperare o mantenere credibilità, secondo me sarebbe opportuno (o necessario?):
    – da parte di Beppe Grillo, esprimersi attraverso il suo blog circa gli aspetti della ricerca effettuata o meno dal dott. Montanari; Grillo è padronissimo di ritenere (in buona fede) che quella del dott. Montanari non sia ricerca ma qualcos’altro; dovrebbe però manifestarlo pubblicamente attraverso il blog anche a rischio di rimetterci qualcosa in quanto quello che infastidisce la gente che vuole essere informata sono l’assenza di replica e le non risposte;
    – da parte del dott. Stefano Montanari trasformare la Nanodiagnostics Srl in ente non commerciale (o effettuare comunque gli spostamenti in capo ad un ente non commerciale nuovo nel modo giuridicamente corretto) rendendo pubblici i documenti di importanza critica con una trasparenza maggiore di quella richiesta dalla legge.
  • riguardo alla questione del lucro: c’è chi accusa montanari e gatti di aver lucrato con il microscopio.
    ma dico, sono dei ricercatori porca pupazza, che cavolo devono fare? mica è il loro hobby! un hobby, come il bricolage, richiede soldi, non genera soldi. un hobby assorbe parte dei guadagni di un lavoro al fine di perseguire una passione. l’hobby si fa per passione. il lavoro si fa per vivere.
    montanari e gatti fanno i ricercatori per lavoro, che cavolo vi aspettate che il bilancio di fine mese sia nullo? cosa mangiano? con cosa si vestono? è un lavoro e in quanto tale  dovranno guadagnare. semplice!
    chi ha donato il microscopio, in che modo pensava venisse utilizzato? tralaltro si sapeva benissimo in anticipo come sarebbe stato usato, era ovvio.
    il mio interesse in quanto donatore NON è che montanari e gatti non guadagnino nulla a fine mese. AL CONTRARIO è quello di verificare che il microscopio venga usato in modo corretto. ovvero, se stanno effettivamente conducendo gli studi che si erano prefissati. LO STANNO FACENDO SI O NO? questo dovete chiedervi, non se ci guadagnino qualcosa perchè è ovvio che qualcosa devono guadagnare, è il loro lavoro! certo se li si vede girare in ferrari e non lavorare mai è un altro discorso. ma così non è.
  • Scrive Bortolani

     
    "Come più volte sollecitato ai due dottori, rimaniamo in attesa di una reportistica sui risultati e sulle scoperte scientifiche – confermate da pubblicazione e da attestati della comunità scientifica – prodotte in questi tre anni di possesso del microscopio. Ciò crediamo sia doveroso nei confronti dei benefattori."
     
     
    1) PER QUALE DIAVOLO DI MOTIVO MONTANARI NON DOVREBBE GUADAGNARE CON LE RICERCHE CHE FA. CHE CAMPA DI ARIA?
    SE LAVORA è GIUSTO CHE GUADAGNI.
    NON DICIAMO IDIOZIE.
     
     
    2) A QUALE TITOLO LA BORTOLANI SI ARROGA IL DIRITTO DI FARSI GARANTE DEI DONATORI (CHE HANNO DONATO A MONTANARI E NON A LORO)?
     
     
    • condivido
      PERCHE’ GRILLO E LA BORTOLANI SI ARROGANO IL DIRITTO DI FARSI GARANTE DEI DONATORI CHE HANNO DONATO A MONTANARI E NON A LORO
      chiediamolo ai donatori , visto che la Bortolani ha tutti i versamenti con nome cognome e indirizzo del donatore lo possono fare … scrivono e chiedono quale è il volere dei donatori … è semplice !
  • CLAUDIO LEGGI ATTENTAMENTE
     
    Bortolani scrive per giustificarsi:
    "Come più volte sollecitato ai due dottori, rimaniamo in attesa di una reportistica sui risultati e sulle scoperte scientifiche – confermate da pubblicazione e da attestati della comunità scientifica – prodotte in questi tre anni di possesso del microscopio"

     
    1) MENTONO PERCHE IL MICROSCOPIO E’ STATO ACQUISTATO A MARZO DEL 2007, QUINDI POCO PIU D DUE ANNI
     
    2) MENTONO SUI RISULTATI PERCHE LORO STESSI LI HANNO GIà PUBBLICATI NEL MAGGIO 2008
    Scrivevano
    "Task 5 Sono già stati presentati 2 lavori a due Congressi Internazionali:

     
    1 A.M. Gatti, J. Kirkpatrick, A. Gambarelli, F. Capitani, T. Hansen “In-vivo toxicity of 5 types of nanoparticles: ESEM evaluation”, Nanotoxicology Conference, San Servolo (Venezia) april 2007 Abstract Book , p. 46
    2 Gatti, Montanari , Gambarelli, Gazzolo Evidence of environmental traslocation from mother to foetus. 4th Int. “Conference on children’s health and the environment” Vienna June 2007 , p. 30 Book of abstracts vol. 10 n. 1 supplement 1 2007"
     
    Vedi il link
  • Comunque Claudio complimenti per l’intervista. Sei sempre molto bravo nel fare il tuo lavoro. Chissà se Grillo si farà vivo, non gli fa onore questo comportamento.
    • Lo penso anch’io.
      Visto che si è creato questo contatto con  il dr. Montanari si dovrebbe chiarire più cose possibili.
      Comunque mi chiedo perchè interviene la signora Sonia Toni e non in prima persona Beppe Grillo.
  • Ciao a tutti
    ho letto il post su byoblu e anche i due comunicati della onlus, facilmente potrei sbagliarmi ma al momento la mia teoria e’ che lo strumento sia stato passato all’universita di urbino per rallentare la ricerca di montanari (‘almeno un giorno’ significa ‘minimo un giorno’ ma non si puo escludere nemmeno ‘massimo un giorno’). Penso una nostra pressione sulla onlus non sia male e ho mandato la mail. Riguardo i dubbi sul Montanari e i costi di gestione del microscopio e il lucro, vediamo come evolvera la situazione, quali informazioni aggiuntive verranno date; stesso discorso per Grillo, penso non si sia ancora ben accorto della situazione, vediamo a quando una sua reazione (xke spero vivamente ci sia).
    Grazie a Claudio per questo suo post, l’attenzione deve essere alta soprattutto per questo progetto nato anche da noi della rete per non permettere venga vanificato da qualche malintenzionato
  • Forse non e’ chiaro a molti in cosa consistono e dove arrivano gli studi di Gatti-montanari,avendo capito l’ antifona,al di la’ dei dettagli si arriva a capire che si vanno ad intaccare grandissimi interesssi economici,politici,e se si puo’ dire :mafiosi.
    Dimostrare che i cosidetti ” termovalorizzatori” sono inquinanti e anti economici,dice qualcosa ? :li’ ci sono in ballo miliardi di euro !
    Se poi si va ad indagare sui vaccini :
    le multinazionali del farmaco i governi sono contenti ?
    il resto sono veramente barzellette….
    • … GIUSTO … STAVO PERDENDO TEMPO A METTERE GIU UNA SERIE DI LINK SUL TEMA … MA SMETTIAMOLA NEI POST PRECEDENTI TROVATE TUTTO …DATECI UN’OCCHIATA E METTIAMO PUNTO . ciao luca.

  • A proposito di nanopatologie:
     
    Weather modification, chemtrails, and geo-engineering what is happening in the sky?
     
     
     
    Succede in tutto il mondo senza alcuna approvazione pubblica.
    In Germania, Italia, Regno Unito, Cina, America, ovunque, aerei rilasciano scie minacciose nel cielo. Queste scie di aerosol contengono particelle che permangono per ore, venendo disperse dal vento per poi cadere a terra.
    A partire dalla seconda guerra mondiale, come modo per manipolare i sistemi radar, i militari avrebbero diffuso nubi di particelle in cielo contenenti alluminio, fibre di vetro metallizzato, o plastica. Le particelle darebbero un falso eco sui sistemi radar rivelandosi una perfetta copertura per gli aerei su un campo di battaglia.
    Questo programma chiamato CHAFF è ancora utilizzato nei cieli americani, senza alcuna vera spiegazione sul perché.
    Ora, questo tipo di intervento nella nostra stratosfera è stato applicato alla geo-ingegneria, sotto forma di modificazioni climatiche. L’evento più pubblicizzato è stato quello delle Olimpiadi del 2008 quando i cinesi usarono prodotti chimici per il controllo delle precipitazioni a Pechino. Questo sta accadendo in tutto il mondo, senza alcun riguardo per il rilascio di sostanze chimiche nell’ambiente.
    In Germania, un meteorologo ha citato in giudizio i militari per le scie chimiche che egli ha ripetutamente registrato sul radar. Le scie erano così grandi, ha detto, che devono avere rovesciato tonnellate di particelle per creare nuvole così grandi che apparivano istantaneamente sul radar.
    Tutte queste particelle cadono a terra e vengono assorbiti nell’ambiente.
    Negli Stati Uniti un uomo in Arkansas registrò aerei che rilasciavano scie nel cielo e raccolse in seguito un campione di particelle che fluttuavano in aria. Diede il campione ad una agenzia di stampa che l’analizzò e i risultati mostrarono livelli insolitamente elevati di bario.
    Mark Ryan direttore del Centro per il controllo delle malattie ha detto che l’esposizione a breve termine di bario può portare a problemi allo stomaco, dolori al petto e l’esposizione a lungo termine provoca problemi di pressione sanguigna e di indebolimento del sistema immunitario.
    Il Council on Foreign Relation (CFR) ha scritto, in una conferenza dal titolo Unilateral Geo-engineering, che, nonostante la grande incertezza e i rischi significativi, come l’acidificazione degli oceani, la distruzione delle barriere coralline, e le modifiche nella composizione di ecosistemi terrestri le geo-ingegnerie potrebbero essere necessarie per evitare o invertire alcuni drammatici cambiamenti nel sistema climatico.
    L’aspetto di fondo è che la geo-ingegneria potrebbe non funzionare come previsto, comportando ingenti conseguenze impreviste sui sistemi climatici come pure gli ecosistemi terrestri, e ai cittadini non è data una scelta in merito alla questione."
     
     
  • claudio prendi in considerazione questo e ripeti l’intervista Il punto sul “caso Montanari” e sul microscopio elettronico di VALERIA ROSSIhttp://95.211.14.139/?p=17727ciao luca.

  • Grande Claudio, non guardare in faccia a nessuno.
     
    Lo sponsor IdV, seppur anch’io ho votato loro alle Europe e alle politiche 2008, mi aveva un po’ intimorito ma per fortuna ragioni in maniera indipendente. Non penso nemmeno fosse da dimostrare 🙂
     
    Riguardo l’INGV giusto che tu sia informato delle accuse da loro ricevute:
     
  • Jazzo scrive:
    Speriamo solo che nessuno strumentalizzi la vicenda per attaccare la giusta causa della ricerca sulle nanopatologie.
    Se per ipotesi il microscopio se ne va a Urbino vorrei sapere chi sono i luminari che ci lavoreranno, che nessuno lo ha mai detto …
    ho anche provato a fare ricerche su google "nanopatologie università" ma non esca nulla se non i nomi di Gatti e Montanari….. chi sa quali sono i luminari che pretendono il microscopio per continuare le ricerche ????
     
    • Jazzo
      ho trovato solo questo:
      Il Prof. Rodolfo Coccioni sarà il responsabile scientifico del microscopio. Sarà premura del Prof. Coccioni informare ogni tre mesi l’Associazione sull’utilizzo del microscopio, sulle ricerche effettuate dai diversi scienziati e ricercatori che utilizzeranno questo strumento e sui risultati delle loro ricerche pubblicati su specifiche riviste scientifiche.
       
      cercando su google ho trovato che Coccioni  si occupa di geologia medica, disciplina che studia l’inquinamento ambientale e la sua interazione con l’ambiente geologico 
      dal suo curriculum http://www.noseonline.org/gruppo/coccioni.html non sembra che sia un uomo molto impegnato fra spedizioni oceanografiche e pubblicazioni    … anche se non si occupa di nanopatologie, ammettiamo che sia solo il coordinatore  ma chi sono, nomi e cognomi,  gli scienziati e ricercatori che effettivamente effettueranno la prosecuzione della ricerca sulle nanopatologie ? e che tipo di nanopatologie ?
      e non vorrei fare troppe domande ma come fa a garantire  che "ogni tre mesi sarà in grado di fare ricerca, avere risultati e pubblicarli su riviste scientifiche" …  mi sembra veramente un mago se può fare questo  non essendosi mai occupato di nanopatologie!
       
       
       
    • … questo lo conosco … quasi un collega …. caz.. non lo ho trovato … DATE UNA OCCHIATAhttp://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=arcoiris%20tv&tipo=testo&lb=3180http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=6102&ext=_big.ram

  • …purtroppo non ho stampato le pagine dei miei vari inserimenti sul blog..ma tutti i commenti che avevo postato chiedendo chiarimenti sulla situazione di Montanari e il microscopio..SONO STATI CANCELLATI.
     
    Penso che sia proprio un comportamento inacettabile da chi dice che la rete è un luogo che deve restare libero. Non avevo inserito nessuna offesa e niente di sgarbato. Solo richieste di chiarimento e segnalavo il post di BYOBLU.
     
    Ora riproverò ad inserirne degli altri.
  • la malafede della bortolani è lampante.
    viene tolto il microscopio e viene dato ad una università che fino ad oggi non ha mai affrontato studi anche solo vagamente nel campo delle nanopatologie e dove non c’è nessun esperto in questo campo. infatti ad oggi NON C’E’ nessuno studio pronto ad essere avviato così come NON C’E’ nessun team che si occuperà di nanopatologie.
    insomma il futuro del microscopio è un punto interrogativo enorme! non c’è uno straccio di programma nemmeno per il futuro prossimo!
    e il bello è che si accusano gatti e monanari di non produrre risultati! veramente patetici. e ipocriti non dimentichiamolo. ipocrisia senza fine. "gatti e montanari potranno utilizzare il microscopio almeno una volta a settimana". un giorno a settimana? tolte 6 ore di viaggio complessive cosa rimane?
    l’inganno è palese.
    • la bortolani sarebbe stata più credibile se avesse fatto un discorso tipo questo:
      guardate il microscopio è stato comprato per essere utilizzato da montanari e gatti però abbiamo visto che non sono brave persone o quantomeno non lavorano bene e infatti non concludono studi soddisfacenti. dunque, dato che la missione si deve ugualmente perseguire, e consiste nella ricerca sulle nanopatologie, doniamo il microscopio ad A dove c’è pronto per partire lo studio chiamato B e finanziato con XXXXX€ da C. onde evitare di incappare nello stesso errore vi terremo informati sugli studi e i risultati ottenuti ecc.
      semplice, no? e invece nulla di tutto ciò. il microscopio viene tolto e non si sa come, quando e da chi verrà utilizzato. mi sembra abbastanza!
  • LA RICERCA SULLE NANOPATOLOGIE RESTA SENZA MICROSCOPIO
     
    questo è il mio commento:  se il microscopio finirà ad Urbino sicuramente ciascun "donatore o gruppo di donatori" pretenderanno di essere informati PREVENTIVAMENTE dal Prof. Rodolfo Coccioni responsabile scientifico del microscopio sull’utilizzo del microscopio, sulle ricerche che intende effettuate e sui nominativi degli scienziati e ricercatori che utilizzeranno questo strumento e PRETENDERANNO DI DARE O NEGARE IL LORO CONSENSO ALLE RICERCHE poichè il rischio è che il miscroscopio venga utilizzato CONTRO GLI INTERESSI E LA SALUTE di coloro che hanno finanziato l’acquisto
     
     
    • Per quanto riguarda l’articolo di Rossi non voglio giudicare, per quanto invece riguarda le parole dell’ex moglie di Grillo, vorrei ricordare – riscontrabile in rete – che la signora si è candidata con la lista dei consumatori per la regione Emilia-Romagna nel 2008: il primo candidato era Toni Sonia. E ovviamente contrapposta a PBC di Rossi e Montanari. Grillo invece supportava IDV. Ora, possiamo fare tutti i discorsi che vogliamo, è chiaro che dal punto di vista politico ci sia stato uno scontro non indifferente.
       
  • L’articolo di Valeria Rossi è molto carente e incompleto. E contiene anche delle inesattezze, che ho provveduto a segnalare alla Rossi.
     
     
  • L’articolo di Valeria Rossi è molto carente e incompleto. E contiene anche delle inesattezze, che ho provveduto a segnalare alla Rossi.
     
     
  • L’articolo di Valeria Rossi è molto carente e incompleto. E contiene anche delle inesattezze, che ho provveduto a segnalare alla Rossi.
     
     
  • Il punto sul “caso Montanari” e sul microscopio elettronico
     
    questi sono i dati di fatto:
     
    a) il dottor Montanari lamentò la sottrazione di un microscopio che in realtà era ancora in uso a sua moglie per le proprie ricerche;
    b) raccontò a Beppe Grillo la storia delle merendine inquinate e permise a Grillo di basare, su questa “scoperta” che in realtà non aveva alcun fondamento scientifico, una serie di spettacoli mirati alla raccolta di fondi per un nuovo microscopio;
    c) a raccolta terminata e microscopio acquisito, negò la validità delle ricerche sulle merendine attribuendo a Grillo la responsabilità di aver “capito male, perché non era uno scienziato”.
     
    • D) le spese di mantenimento del microscopio sono state indicate da Montanari in 90.000 euro/anno; ma anche questo costo è stato smentito dalla ditta produttrice, che invece le ha quantificate in circa 25/30.000 euro/anno.

       
       
      Praticamente, quel furbetto del Montanari faceva la cresta anche sulle spese di manutenzione.
      PS. montanari smentisca l’articolo di Valeria Rossi punto per punto se ne è capace.
       
    • Eccoti la(le) risposta(e).
       
      LA RICERCA SULLE NANOPATOLOGIE RESTA SENZA MICROSCOPIO
      Guarda il filmato
       
      Stefano Montanari racconta come e perchè il microscopio elettronico che fu acquistato nel 2007 con i fondi di una raccolta popolare iniziata l’anno prima gli sarà tolto.
      La motivazione della raccolta appoggiata da Beppe Grillo fu quella di dotare gli scienziati Antonietta Gatti e Stefano Montanari di un microscopio elettronico in sostituzione di quello la cui disponibilità era stata loro tolta. Ora, a distaza di qualche anno, la ragione della raccolta risulta stravolta.
       
    • NON SOLO RISULTA STRAVOLTA  ma potrebbe configurarsi in un "effetto boomerang" per chi (privati, comitati, ditte, etc) che contribuirono all’acquisto del microscopio,  perchè NESSUNO dice CHI e  COME  utilizzerà il microscopio !!!
      l’unica cosa che è già  sicura è  che finisce in mano a personaggi  che
      — o si occupano di ricerche che non hanno nulla a che fare con le nanopatologie  mediche umane
      — o che sono contro gli interessi di chi ha finanziato il microscopio !!! 
  • dal blog di Stefano Montanari apprendo che
    "la sig.ra Bortolani ha minacciato di querela ByoBlu."
    Quindi questa Bortolani minaccia di querelare un giornalista per un’intervista?
    Mi ricorda qualcuno questa "signora". Incredibile!!!!
    Evito di commentare il mio pensiero su questa "signora",sicuramente mi prenderei una querela e beffardamente potrei anche chiedere aiuto alla nuova iniziativa di Grillo "Lo scudo della rete", ma conoscendolo preferisco non rischiare visto anche il conflitto d’interessi.
    Spero  siano i donatori che hanno regalato il microscopio a Montanari
    a decidere,non altri.E un regalo è un regalo!
     
    Mi scusi signora Bortolani se mi sono permesso di parlare!!!
    saluti
  • la bortolani non sa fare altro che querelare ahahahah.
    è un’ulteriore prova della sua malafede.
    bortolani? bortolani? perchè non si fa fare un’intervista da byoblu così da poter rispondere a quella di montanari?
    ma si… questa domanda non riceverà risposta…
  • Dal blog di Montanari: 
    "Ieri la sig.ra Bortolani ha minacciato ByoBlu di querela. Nel mondo dei bavagli era la sola cosa che ci si potesse aspettare."
     
    Claudio, è vero?
     
    Se si, mi pare ci sia rimasto poco su cui discutere o avere dubbi.
     
     
  • INCREDIBILE!!
     
    Dopo aver messo un po’ di commenti sul blog di Grillo scrivendo dell’intervista apparsa su Byoblu…questi sono "magicamente scomparsi"!!
     
    Spero che si tratti solo di un problema tecnico..ma non mi era mai successo prima.
     
    Oggi non riesco addirittura più a pubblicare nessun commento.
    Possibile che sia censura nel blog di chi dice che la Rete è democrazia?
    Ovviamente nei commenti non c’era alcuna offesa, c’erano solo il link all’intervista apparsa qui su Byoblu  e la richiesta di fare chiarezza sul caso.
     
    Cosa ne pensa Claudio Messora?
    • caro newsmile, tu e i tuoi soci siete solamente dei provocatori. se le tue richieste nel blog di Grillo non sono più visibili, questo non lo devi imputare ne a beppe ne tantomeno al suo staff. il blog di beppe consente agli utenti certificati di cancellare i posts non graditi. vista la tua /vs. insistenza nel chiedere lumi  a grillo riguardo al microscopio, in tanti hanno risposto che Grillo stà preparando un post a riguardo . pertanto non capisco perchè continuiate ad intasare il blog con la solita richiesta. allora, non lamentarti se vieni considerato inopportuno dagli altri utenti.
      Per quanto riguarda il video qui sopra, considerato che montanari accusa grillo, senza fare i nomi delle altre persone che lo avrebbero ostacolato,  prima di pubblicarlo mi sarei almeno chiesto il perchè montanari sia omertoso a riguardo, e per completezza di informazioni avrei perlomeno sentito le altre parti interessate. Ma forse lo scopo è solo quello di cercare di imfamare Grillo.
  • MONTANARI QUI  risponde punto per punto a tutte le accuse.
     
     
    L’articolo di VALERIA ROSSI contiene delle falsità:
    E’ vero che la dott.ssa GATTI è a capo di due progetti di ricerca finanziati dalla CE, mentre Valeria scrive che Montanari avrebbe millantato posizioni ufficiali in questi progetti.
     
    Tuttavia quando ho chiesto alla ROSSI dove Montanari avrebbe millantato questo , mi ha mandato un link della casa editrice di Montanari con una scheda biografica dove si dive semplicemente che La Gatti (in compagnia del marito) lavora per la CE.
     
    QUINDI ATTENZIONE! VALERIA ROSSI O NON E’ ATTENDIBILE O DEVE COMPLETARE IL SUO ARTICOLO GRAVEMENTE CARENTE (CI SONO ALTRE INESATTEZZE)
     
    CIAO
     
  •  Mi sto accorgendo a causa di questo episodio come sia estremamente difficile farsi delle idee chiare in merito a "tutto" anche in rete….è vero che nella rete non puoi mentire (parafrasando un detto di Beppe Grillo)..ma è altrettanto vero che è pieno di trash e mezze verità che confondono solo le idee e spesso non ti aiutano a cercare la verità (se mai esiste) ma ti confondono solamente.
    Ahime, rileggere  quel bellissimo articolo di Claudio riguardo alle persone collegate in rete è stato deprimente…perchè nei prossimi decenni vedo un futuro nebuloso….vedo si milioni e miloni di persone collegate  ma quale irrilevante % di queste avrà :
    1)il tempo  2)la voglia 3) la criticità necessaria   per districarsi da questo universo di incertezze quale è la rete e farsi un opinione basata su fatti e non parole (parole in rete).
    Questo caro Claudio sarebbe un tema veramente interessante di discussione  e credo risponda anche alla questione sull’intasamento del Blog di Grillo….ormai in rete ci sono individui che si fermano alla prima, seconda fonte…. io per quest’episodio ho perso almeno un ora ieri girando tutti i link postati qui all’interno dei commenti….e ancora non riesco a farmi un idea "esatta" di come le cose siano andate.
    Questo sviscera un grossisimo problmema e limite della rete…:"l’attendibilità"…. perchè domani ci saranno 10-1000-100 000   Claudio Messora con altrettanti Blog e altrettante notizie….  e se  è vero che la rete con il sistema dei feed etc..farà emergere i più rilevanti…è altrettanto vero che mancherà il tempo fisico e la voglia credo di perdere mezze giornate alla ricerca della fonte più attendibile…..
    La conclusione non so quale sia……certo è che avremmo davvero bisogno di un organo ufficiale realmente indipendente (o almeno il più possibile) che dia l’informazione….(Europa 7 sarebbe stato un buon inizio)…..
  • Beppe Grillo è l’unico in Italia a riuscire a combattere lo strappotere di Berlusconi. Ora, metti pure che abbia commesso una cazzata anche grossa (ancora tutto da verificare), quale sarà il primo effetto se Beppe Grillo perde la sua credibilità? Chi ne trae maggior vantaggio se non proprio Berlusconi e la casta? Non siate precipitosi! Su questo fatto, la verità è ancora lontana, mentre è molto più facile far perdere la credibilità a Grillo. Attenzione agli effetti!
    • … mi associo all’invito …LA VERITA’ E’ DIFFICILE DA POSSEDERE, MA NELLA RETE E’ POSSIBILE DECIDERE COSA NON E’ VERO. NON LUNGHE RICERCHE MA TANTI PICCOLI PASSI, … ciao luca.PS. NEI LINK RIPORTATI ANCHE PIU’ VOLTE IN QUESTO BLOG VI SI TROVA UN SUFFICIENTE QUADRO DELLA SITUAZIONE … senza vanificare ciò che di buono è stato detto e scritto sul tema nanoparticelle.riciao a tutti, luca.

  •  
    Ciao. Non capisco perché tu dica che io starei intasando il blog di Grillo o che io lo stia infamando. Ho scritto solo 5 commenti (su 1500 che ne compaiono) nei quali chiedevo a Beppe Grillo, senza nessuna offesa e senza richieste fuori da chissà quale canone, di rispondere a Montanari.
    Cosa ne posso sapere io se Grillo stia preparando una risposta?
    Mi sembra che la corsa ad infamare qualcuno ce l’abbia tu con me. Io ho solo scritto che ho messo dei post che sono scomparsi.Non li ho cancellati anche perché lo scopo è proprio quello di far sapere a tutti cosa sta succedendo..proprio non avrebbe senso.
     
     
    Da ora in avanti metterò dei commenti non certificati (che non si possono cancellare) e stamperò su schermo la prova che sono stati inviati.
     
    Se tu sapessi quanto sta a cuore a me che Beppe Grillo risponda e chiarifichi questa situazione, per il bene di tutti (di certo anche il suo) non avresti scritto queste cose.
     
    D’altra parte non era una cosa di adesso, sono mesi che chiedo allo staff di grillo e sul contatto apposito messo sul suo sito, che lui dica qualcosa a riguardo, senza pensare di screditare nessuno e senza alcuna offesa. Solo domande, come si fa in un paese normale e civile.
     
    Se anche le domande vengono prese come "mira a screditare" allora qui si fa lo stesso gioco di Berlusconi che querela Repubblica.
     
    Io come molti altri, vorrei solo che il Beppe dicesse la sua e si confrontasse con Montanari, magari, e la mia speranza maggiore è proprio questa, riavvincinandosi e dandogli una mano a portare avanti la ricerca.
  • Ciao Claudio,
    sarebbe opportuno leggere anche la risposta su
     
    Da ciò che scrivono non sembrerebbe che Montanari avesse tutte queste ragioni, anzi!! Avrebbe preso in giro non solo Beppe Grillo ma anche tutti coloro che hanno fatto le donazioni per l’acquisto del secondo microscopio senza contare che sua moglie continua ad usare il primo senza grossi problemi.
    Beppe Grillo si è riservato di rispondere a breve con un comunicato ed evitare di creare polemiche inutili.
    Urge un chiarimento da tutte le parti prima di sparare sentenze.
  • Mi sono letto l’articolo della giornalista Valeria Rossi che "viene raccontato" sul sito della ONLUS Bortolani (non capisco propiro perchè non sia l’avvocato Bortolani, che rappresenta l’ONLUS, ad esporre i fatti, la propria versione. Ma’).
     
    Prendendo anche per oro colato le tre motivazioni addotte, dal punto di vista etico/legale, è una porcata totale.
     
    Basta considerare che i fondi per l’acquisto, l’obiettivo da raggiungere ed i destinatari del microscopio, sono da sempre (da inizio campagna) Montanari/Gatti. Ora come si fa a vedere due persone non destinatarie di quella cosa (ONLUS/Bortolani, Grillo) decidere dove e come portare quel microscopio? E’ un metodo totalmente scorretto.
     
    Ripeto anche ammesso che Montanari abbia commesso tutti gli errori citati, Grillo e Onlus avrebbero solo DOVUTO dare voce e spazio alla loro versione per informare la gente, i donatori. SOLO questi ultimi (ammesso fosse possibile rintracciarli) avrebbero potuto eventualmente contestare qualcosa ed eventualmente decidere (se possibile) cosa fare.
     
    Le altre soluzioni sono semplicemente ARROGANZA!!!! come quella contestata e sbandierata tutti i giorni da tanti urlatori … che spessissimo URLANO A RAGIONE!!! peccato poi si contraddicano nei fatti. Dispiace.
  •  Dopo aver visto tutti e 30 e più minuti della video spiegazione su Arcoiris tv non resta che aspettare altre news (magari con documenti alla mano)…
    Tutti sappiamo cosa gira negli ambienti universitari…conosco moltissimi ricercatori 30enni emigrati all estero (e che hanno enorme successo) perchè superati dal nipote di turno….e non mi stupisce la coincidenza che Montanari spiega nel video…
    Quindi per ora , visti tutti i documenti attuali disponibili on line (intervista di Valeria, byoblu,sito Bortoloni, blog mettup, forum vari….) propendo più a credere a Montanari perchè va a toccare interessi per decine di miliardi di euro non noccioline…..e quando c’ è di mezzo il dio denaro tutto diventa inevitabilmente più torbido….
    Ma come dicevo sopra…..c’è davvero da andarsi a cercare tutto….e stare attenti anche alle virgole e all’uscita di un nuovo documento o intervista ricominciare tutto da capo….
     
    P.S Su pubmed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov il sito di ricerca biomedica più grande ed usato al mondo)
    se digitate la ricerca per autore e inserite gatti AM escono 59 articoli scientifici pubblicati su riviste anche internazionali (molti su nanoparticelle).
    Insomma non so e sono cusioso di saperlo ma se e dico "se" Grillo ha mai detto che non sono ricercatori….ha davvero preso un abbaglio…oppure ha dato retta a qualcuno che abbia indotto a farglielo dire…….ma una ricercatrice che ha 59 articoli pubblicati e molti su riviste intenazionali eccome se è una ricercatrice…
     
     
     
     
  •  Alcune domande:
     
    quanti di quelli che argomentano su questo post hanno cacciato soldi per l’acquisto del microscopio? (io ho finanziato e continuo a finanziare)
     
    quanti di quelli che argomentano su questo post hanno mai assistito ad una conferenza del dott. Montanari? (io ho assistito a tre diverse conferenze)
     
    quanti di voi hanno letto, come me, il libro il girone delle polveri sottili?
     
    sapete che razza di interessi sono in gioco?
     
    sapete a chi da fastidio Montanari con le sue ricerche?
     
    Tenetevi stretto il vostro Veronesi!
     
     
  • Le mie
    10 domande a Beppe Grillo sulla vicenda microscopio/Bortolani/Montanari:
     
     
     
    1 – Aveva mai sentito parlare di inceneritori, termovalorizzatori, nanoparticelle, nanopatologie, prima di sentir parlare di Stefano Montanari?
     
    2 – Cosa la convinse a contattare Montanari e a usare la storia del microscopio scippato all’interno dello spettacolo?
     
    3 – Ritiene che la storia del microscopio scippato abbia incrementato la visibilità del suo blog e/o la vendita dei suoi spettacoli e prodotti? In sostanza, al netto dello spettacolo donato al microscopio, ritiene di avere beneficiato economicamente della storia o di averci rimesso soldi e popolarità?
     
    4 – Prima di presentare la storia delle merendine al suo spettacolo era al corrente che Montanari non aveva direttamente informato le aziende produttrici?
     
    5 – Ritiene che prima del suo spettacolo le aziende produttrici fossero a conoscenza dei risultati delle indagini sulle merendine o comunque, ha provato lei o uno dei suoi collaboratori a contattare anche solo uno dei produttori citati nella documentazione Montanari prima di raccontarne la storia nel suo spettacolo?
     
    6 – Come avvenne la scelta della Bortolani Onlus quale destinatario delle donazioni?
     
    7 – Dal momento della donazione ha mai verificato o chiesto informazioni sul lavoro di Gatti/Montanari?
     
    8 – Quale è stata la sua parte nella decisione della Bortolani di donare il microscopio alla Università di Urbino?
     
    9 – Ritiene che sia casuale la contemporaneità della decisione di rendere difficili e lente le ricerche Gatti/Montanari e la progettata costruzione di svariati nuovi termovalorizzatori in varie regioni italiane?
     
    10 – Ritiene che lo spostamento del microscopio a Urbino faciliti le ricerche sulle nanopatologie, che le renda più efficaci, che in questo modo le persone che fino ad ora si sono rivolte alla Nanopatology abbiano una possibilità in più di ottenere analisi gratuite, di capire i loro problemi, di essere aiutate a trovare la causa dei problemi, di trovare una soluzione?
     
  • pubblicato sulla lista no inc, copio e incollo perchè utile per verificare
     
     
    Innanzitutto la storia dello "scopo di lucro" (sic)è palesemente una sciocchezza: basterebbe prendersi la brigadi andare un giorno al laboratorio o verificarne i bilanci…
     
    Chi ha scritto quell’articolo (su il Ponente) poteva prendersi la briga di leggere almeno "Il girone delle polveri sottili" prima di ritenere che le approssimazioni fossero da una parte e non da una altra.
    Se c’è qualcuno che deve spiegare certe "approssimazioni" dette in pubblico, forse, è Grillo e non Montanari (visto che lui le ha già spiegate decine di volte in decine di incontri pubblici).
    Si attende da settimane una risposta di Grillo su questa vicenda. Settimane, mesi.
    (al telefono a chi sta per essere privato di uno strumento essenziale di lavoro semplicemente non risponde. Posso intuire che dare una spiegazione non sia così semplice ma non è certo il mio parere che conta).
     
    Un effetto la Onlus Bortolani lo otterrà sicuramente con la
    annunciata querela a Montanari: di verificare (a questo punto nelle sedi più adatte) chi ha fatto qualcosa di sbagliato.
     
    Si allega anche un bel filmato "laziale" d’epoca (registrato da persone dei meetup romani):
    …rende abbastanza l’idea.
     
    Mentre su:
    si illustra la diffida alla Bortolani Onlus preparata dal Coordinamento dei Comitati di Difesa delle Valli del Metauro, Cesano e Candigliano.
     
    (peccato infine, che la Nanodiagnostics forse sarà costretta a chiudere: come tutti sanno, i tempi della magistratura in Italia non perdonano)
     
    ***
    Di seguito la comunicazione inviata dallo staff di Beppe il 9 marzo 2007 a tutti gli organizer dell’epoca dei meetup (ai tempi della fine della raccolta fondi)
    Il senso mi pare inequivoco e a prescindere dalle simpatie personali ognuno può farsi una idea sulla vicenda.
    NB la data è importante:
     
    Reggio Emilia, 8 Marzo 2007
    Carissimi, la raccolta fondi è terminata!!!
    Dopo dodici mesi l’avventura è finita e ora gli scienziati Dott.ssa Antonietta Gatti e Dott. Stefano Montanari potranno finalmente proseguire le loro ricerche senza ostacoli e senza bavagli grazie al microscopio che tutti voi avete comprato attraverso le vostre offerte.
    Inizia quindi la nuova avventura di una libera ricerca che porteranno avanti Antonietta e Stefano. Avverrà grazie a tutti voi, ma in particolare a chi un giorno, passando da Modena, non si è fatto contagiare dalla comoda indifferenza, denunciando un’anomalia tutta italiana che durava da troppo tempo.
    Un immenso grazie a Beppe Grillo!
    Se non ci fosse stato lui a promuovere la campagna e a sostenerla, oggi non saremmo certo qui a festeggiare.
    Ma anche senza tutto il popolo dei meetup di Beppe Grillo che ha risposto con offerte e passione (grazie per i bellissimi messaggi affettivi e di incoraggiamento per Stefano e Antonietta), il microscopio non sarebbe mai stato acquistato.
    L’Associazione Carlo Bortolani Onlus è diventata quindi proprietaria del microscopio a scansione Q200FEG e dello strumento accessorio di Microanalisi a Dispersione d’Energia EDS indispensabili per le ricerche sulle Nanopatologie. Proprietaria legale, in quanto “moralmente” siamo tutti proprietari di questo microscopio, tutti avremo il diritto ad essere informati sempre e tempestivamente delle ricerche scientifiche e dei risultati ottenuti tramite l’utilizzo del microscopio.
    Da domani quindi Antonietta e Stefano concentreranno i propri sforzi in un primo progetto di ricerca sui possibili effetti che l’inquinamento da polveri può avere sui bambini già dallo stato fetale. Ma non è tutto. Altri progetti sono in cantiere e verrete informati di volta in volta.
    Diversi di voi hanno continuato a fare donazioni nonostante la raccolta sia terminata da due giorni, per cui oggi abbiamo sul conto 3.947,00 euro in più. Tale importo (anche nel caso dovesse risultare maggiore) verrà utilizzato per sovvenzionare parte delle ricerche della Dott.ssa Antonietta Gatti e del Dott. Stefano Montanari. Comunque, la raccolta fondi per il microscopio lanciata da Beppe Grillo è finita, quindi NON fate più versamenti per questo scopo. Ragazzi, è stata un’esperienza bellissima! Grazie davvero di cuore anche per l’opportunità che avete dato alla Onlus di essere partecipe in questa indimenticabile avventura. Grazie quindi di cuore a tutti voi e ancora grazie a Beppe Grillo!
    Un abbraccio.
    Marina Bortolani (Presidente Associazione Carlo Bortolani Onlus)
     
    Subject : [Rete NoInc] microscopio: articolo direttrice rivista online IL PONENTE
     
     
  • la rete chiede trasparenza e Montanari è pronto…
    http://www.stefanomontanari.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1860&Itemid=1

     
     
    Ripeto io non sto a tutti i costi con lui…però voglio vedere se grillo
    e la onlus faranno lo stesso…
     
     
    Invito Valeria ad andarci….visto che ha aperto le porte a tutti..!
    Se questa non è trasparenza…voglio fare l’illazione che se uno sa di avere così tanto torto non si sbottona nemmeno così tanto, che dite?
    Cmq ripeto, ancora non si sa nulla di certo, però il comportamento più trasparente tra i 3 attori è innegabile lo stia tenendo Montanari….
    Ai Blogger…..l’ardua sentenza….
  • @ i vari sputtanatori di mestiere (alcuni dei quali devono essere proprio in "strettissimo" contatto con Montanari, perché  lui viene a conoscenza di quello che viene scritto su questo blog e sul mio giornale in tempo reale; in alternativa, l’impegnatissimo scienziato trascorrerebbe tutte le sue giornale a leggere blog):
     
    a) la mia intervista è talmente inventata che Montanari si è precipitato a scrivermi cercando di coprire di fango – fango "privato", ovvero con fatti che non c’entrano NULLA con quanto dichiarato – il "Gianni" che me l’ha rilasciata, che ovviamente lui ha immediatamente identificato perché non è che alla Nanodiagnostisc lavorino mille persone;
    Publio Valerio, stai cadendo nel patetico.
     
    b) nella sua ultima mail (nella quale è tornato a toni civili, forse accorgendosi che con gli insulti non otteneva molto) Montanari mi spiega che "ha fatto cambiare la pagina della biografia per evitare sciocchezze come quella che spara lei" .
    Ovvero, ha sostituito il "sono stato consulente" con "mia moglie è stata consulente", e l’ha tranquillamente ammesso mentre Publio Valerio continua a parlare di mie "illazioni".
     
    Non aggiungo altro, perché al fanatismo è difficile replicare. Però le infamie sul mio lavoro non le accetto.
    Cmq io sono tuttora in contatto sia con la Onlus che con Montanari e stiamo discutendo "quasi" pacatamente di tutta la vicenda, senza i toni da stadio che si leggono qui (e non solo).
     
  • Ciao Claudio resto basito di fronte a questa intervista e segnalo che subito dopo aver visto il video sono andato sul blog di Grillo per segnalare la cosa lasciando un commento che ribadiva da subito l'ammirazione che ho per l'operato di Grillo e staff ma sottolineando che rimanevo legittimamente confuso dall'accaduto, ma dopo aver pubblicato il commento,sono immediatamente stato apostrofato da un altro commentatore che mi ha repentinamente consigliato di smetterla.L'integralismo gratuito di certe persone mi sconvolge,non si pongono o fanno finta di non porsi mai nessuna domanda,agiscono e non pensano.

  • una riflessione di Ida Magli, in un suo articolo, su altra questione,  si adatta perfettamente anche allo “SCIPPO DEL MICROSCOPIO”

    ” … La cosa più grave, però, è che politici e giornalisti non permettono neanche ai singoli cittadini di discutere di questo argomento. Non appena qualcuno ci prova, scatta appunto quella STRATEGIA DEL “SILENZIO”, adottata da tutti, che è la forma moderna di censura, molto più grave e più efficace nell’attuale mondo dell’informazione planetaria, di una censura dichiarata ed esplicitamente coercitiva in quanto se una notizia non viene “raccolta” e ripetuta passando da uno strumento di comunicazione all’ altro, è inesorabilmente condannata ad una morte peggiore della morte perché, quale che sia la sua importanza, NE VIENE NEGATA L’ESISTENZA. …”

    ecco che,  l’allegra combriccola ce l’ha fatta!!! IN UN CHIASSOSO SILENZIO LO SCIPPO DEL MICROSCOPIO è AVVENUTO!!!

    E ADESSO, AL LAVORO!

    http://www.stefanomontanari.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1924&Itemid=1

    per chi, come me, ha donato i suoi soldini perchè il micoscopio fosse utilizzato dai Dott. Montanari e Gatti per lo studio delle nanopatologie, ovvero…

    … chi non se la sente di cedere all’arroganza di chi difende interessi che non ha nemmeno il coraggio di confessare, può contribuire al finanziamento della ricerca, ricerca che ha bisogno subito di rimpiazzare la voragine acquisendo un altro microscopio. Basterà rinunciare ad una serata in discoteca o al ristorante o, magari, allo spettacolo di qualche comico.

    L’associazione Onlus Ricerca è Vita raccoglie donazioni allo scopo, e, se donare qualche Euro non è certo obbligatorio, è, però, un atto di dignità ed un rifiuto ad essere presi in giro. http://www.stefanomontanari.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1521&Itemid=1 è il link per avere informazioni in proposito. Si sia avvertiti: stavolta il microscopio sarà intestato a noi e, sa la cosa non piace, non si doni un centesimo.

    L’ IBAN dell’Associazione Ricerca è Vita è  IT 38 L 07601 028 000000 93844736, mentre il numero di conto corrente postale è 93844736.

  • Ad oggi, dopo 8 mesi, il microscopio rimane fermo ed inutilizzato.
    La mancanza di fondi, strutture, tecnici, attrezzature di controno, ecc. erano note fin da subito.

    Eppure (o, a pensare male, proprio per questo) si e’ proseguito ad espropriare Gatti e Montanari di un microscopio che ha contribuito a ricerche importanti.

    Gatti e Montanari hanno pubblicazioni internazionali, collaborazioni eccellenti con NATO, Osservatorio Militare, Commissioni Parlamentari, universita’ europee, Comunita’ Europea, ecc.

    Perche’ allora si e’ proseguito a spostare il microscopio, a renderlo inutilizzato ed inutilizzabile?

    Se coordiniamo questi fatti anche lontani, mettiamo insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, a dirla con Pasolini, non si fa fatica a capire: “Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.”

    • in una società che

      • da una parte, si  intitola a Veronesi  il Lungomare delle Stelle e per l’occasione e in segno di riconoscenza (sic!) “le associazioni di categoria hanno staccato un assegno da 26 mila euro da devolvere alla lotta contro il cancro che ha in Veronesi il primo alfiere
      • dall’altra: si toglie lo strumento di ricerca a Montanari e Gatti dicendo che non lo usano e poi si OFFRE, alla fine della fiera -transitando per l’Università di Urbino- all’ARPA Marche (per chinon lo sapesse le ARPA sono quelle Agenzie Ambientali  che ci tranquillizzano ogni qual volta avviene un disastro ambientale e link ) ed inoltre i “SOLITI noti/ignoti” che hanno contribuito a toglierlo a Montanari/Gatti a causa, anche,  del mancato uso, tollerano 8 (OTTO) mesi ad oggi (ma state pur certi che non saranno i soli), di INUTILIZZO totale da parte di CHIUNQUE (compresi Montanari e Gatti!!! spettava loro l’utilizzo, ALMENO una volta la settimana!!!)
      • inoltre, finalmente, QUALCUNO, ovvero il giornalista David Gramiccioli, assieme a Montanari,  dopo OTTO mesi , si è preso la briga di andare all’Università di Urbino a chidere conto del microscopio (lo aveva promesso anche Claudio Messora e poi non è mai andato!) ha ricevuto l’accoglienza documentata  in questo video
      • se per  Veronesi si stacca un assegno di 26mila euro, …  a Gatti e Montanari con un intervento , dei SOLITI noti/ignoti si “briga” per far chiudere la Onlus Riverca è Vita che in un anno ha raccolto poco più di 30mila euro e … ci si riesce link e link
      • se l’unica risposta di Grillo è rappresentata da questo video (dove di veste e si pettina Papa per creare una forte somiglianza con Montanari !!!)

      NON CI SONO DUBBI il pensiero di Pasolini è perfetto Io so. Io so i nomi dei responsabili … non ho le prove … anche se sono chiare e davanti a tutti”  ciò che sconvolge è che non tutti vogliono vedere,  eppure sarebbe nel loro interesse e soprattutto nell’interesse dei loro figli e nipoti che esistano scienziati come Montanari e Gatti,  che portano avanti la ricerca sulla patogenicità “dell’inquinamento “quotidiano”  NONOSTANTE TUTTO!!!

      Ciò che conforta (SIC!!!) è che secondo un recentissimo rapporto dell’OMS nel 2030 il cancro sarà la prima causa di morte nel mondo e già oggi in Italia la probabilità di ricevere una diagnosi di cancro nell’arco della vita (da 0 a 84 anni) riguarda ormai il 50% di noi, quindi 1 su 2 sia fra i maschi che fra le femmine si ammalerà di questa malattia e sempre più saranno colpiti giovani, donne, bambini … e che, se non verrano adottate politiche che favoriscano la prevenzione primaria e il principio di precauzione,  malattie come la “sensibilità chimica miltipla”, “malattie autoimmuni”, e tutte “le nuove patologie” , nei prossimi 10 anni interesseranno, a vario titolo e gravità, tutta la popolazione residente in aree inquinate!!!

      Grazie ai SOLITI noti/ignoti , complimenti, BEL LAVORO!!!! occorre sostenere i vari scienziati di regime, i vari Prof.ZERO!!! e creare quanti più problemi sia possibile a chi (Montanari e Gatti) porta avanti la ricerca indipendente e nell’interesse del bene comune !!!

      Grazie, soprattutto, a chi fa informazione!

       


       

  • Ad oggi, dopo 8 mesi, il microscopio rimane fermo ed inutilizzato.
    La mancanza di fondi, strutture, tecnici, attrezzature di controno, ecc. erano note fin da subito.

    Eppure (o, a pensare male, proprio per questo) si e’ proseguito ad espropriare Gatti e Montanari di un microscopio che ha contribuito a ricerche importanti.

    Gatti e Montanari hanno pubblicazioni internazionali, collaborazioni eccellenti con NATO, Osservatorio Militare, Commissioni Parlamentari, universita’ europee, Comunita’ Europea, ecc.

    Perche’ allora si e’ proseguito a spostare il microscopio, a renderlo inutilizzato ed inutilizzabile?

    Se coordiniamo questi fatti anche lontani, mettiamo insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, a dirla con Pasolini, non si fa fatica a capire: "Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi."

  • Mi spiace, ma i modi convincenti di Stefano Montanri, il suo sollevare problemi condivisibili sui rischi delle emissioni degli inceneritori hanno convinto, in buona fede, molta gente, compreso Grillo e tutti i donatori ….. inizialmente…. ma un riassunto che credo sia illminante su questa squallida vicenda lo trovate qui:

     

    http://www.savonaeponente.com/2010/01/29/microscopio-montanari-grillo-stavolta-e-finita-davvero/

     

    Io, che sono tra i donatori, mi sono fatto la mia idea. Montanari sollava problemi concreti e condivisibili, ma su questa vicenda mente spudoratamente.

     

    Saluti

     

  • “…Pesaro è estremamente vicina al treno e poteva semplificare l’accesso dei due ricercatori che fino adesso hanno lavorato su questo strumento…”

    questo fra le altre cose è quanto dichiara il professore Stefano Papa, Preside della facoltà di Scienze e Tecnologie di Urbino.

    Premetto che nel mio piccolo ho contribuito anch’io a suo tempo all’acquisto del microscopio, e sono contento che oggi possa essere usato da molti più ricercatori e NON SOLO esclusivamente dal Dott. Montanari e dalla Dott.ssa Papa, oltretutto, visto che hanno dichiarato di “…averlo usato per la loro attività PRIVATA (quindi remunerata) per sostenere i gravi costi di gestione dello strumento, ORA POTRANNO CONTINUARE AD USARLO GRATUITAMENTE, visto che i costi di gestione li sosterra l’Università, insieme a decine di altri ricercatori e magari scambiarsi dati e opinioni…

    A mio parere chi ha contribuito all’acquisto lo ha fatto perchè possa progedire la RICERCA, e non 2 RICERCATORI… Ora potrà comunque essere usato per ricerche sulle Nanopatologie e mille altre cose, mentre prima non era possibile… Oltretutto penso che potrà essere sfruttato A TEMPO PIENO, non credo che Montanari lo usasse 24 ore su 24 e secondo me era uno spreco.

    CREDO CHE IL MICROSCOPIO DEBBA ESSERE USATO COME UNA RISORSA COMUNE PER IL BENE COMUNE…

    A prescindere da quali siano le ragioni che hanno indotto l’associazione Bortolani a togliere il microscopio dall’uso esclusivo di Montanari e Gatti, credo che quelle che ho appena elencato siano più che sufficienti…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi