Il Giornale delle Palle

 «”La Fininvest vinse, ma la sentenza fu comprata“. Non solo una bugia, […] ma prima di tutto e soprattutto una colossale bufala giuridica, perché una sentenza non si compra, non si può comprare. Soprattutto non si capisce […] come può essere stata comprata da chicchessia»

[Gabriele Villa – Il Giornale – 16 ott 2009, pag.2]

 Così parlò Gabriele Villa, riferendosi alla sentenza con la quale il 24 gennaio 1991 veniva sancito che la Mondadori veniva consegnata per intero nelle mani della Fininvest. Una sentenza che Cesare Previti, avvocato di Berlusconi, fece scrivere a qualcuno e poi consegnò al giudice Vittorio Metta, vecchio amico di famiglia cui telefonava notte e giorno perfino a casa – come risulta dai tabulati -, perché si limitasse a darne lettura in aula. Cosa che costò al primo una condanna in via definitiva a 11 anni in primo grado e 1 anno e 6 mesi in cassazione, e al secondo 13 anni in primo grado e 1 anno e 9 mesi in cassazione.
Fu nientemeno Indro Montanelli, nel 1977, a portare il ventiduenne Gabriele al Giornale, perché scrivesse di golf. Gabriele deve avere una vera e propria passione per le palle, perché oltre al golf, di cui scrive nel suo blog tematico, ama molto anche il biliardo. Non voglio pensare che Feltri lo chiami appositamente per sparare palle, specialmente perché qui parliamo di una di quelle palle che non entrerebbero in nessuna buca di nessun campo da golf e di nessun tavolo da biliardo.
Preferisco credere alla sua buona fede, e pensare che davvero non lo abbiano mai informato che sul furto della Mondadori da parte del fratello del suo editore – mai assolto bensì prosciolto per intercorsa prescrizione, essendo trascorsi oltre 7 anni e mezzo – esiste una vasta letteratura giuridica composta di sentenze di primo, secondo e terzo grado. Tutte o quasi, ma soprattutto quelle che contano, dicono la stessa cosa: Berlusconi non poteva non sapere che dai suoi conti esteri partivano miliardi che finivano in mano a Previti che li usava per comprare case e macchine al giudice Metta. Quello che il 24 gennaio 1991 lesse appunto la sentenza in aula.
Io lo capisco, Gabriele: fare il giornalista e curare un blog porta via tempo, ma se volete dargli una mano potreste passargli il pdf della sentenza civile in cui alla Fininvest, in conseguenza della condanna definitiva di Previti & Co., si intima di risarcire i danni patrimoniali alla CIR di Carlo De Benedetti, che ammontano a circa 750 milioni di euro. Leggendo la sentenza, Gabriele potrebbe avere un duro colpo e risvegliarsi dal mondo incantato delle favole. Potrebbe rendersi conto, a quasi 60 anni suonati, che le sentenze si comprano. Si comprano eccome.
Anzi, consiglio a tutti di scaricarla e leggersela, in particolare dal punto 4 di pagina 17: “anomalie nell’iter formativo della sentenza Metta”.
Per chi volesse dare a Gabriele la pillola rossa, la sua email – come si può evincere dal link contatti del suo blog – è gabriele.villa@ilgiornale.it. Non  mandategli tutto il PDF, è troppo pesante. Mandategli solo il link: http://download.repubblica.it/pdf/2009/sentenza-fininvest-mondadori.pdf
Certo che se non ci fossero i blogger, questi giornalisti come farebbero?

16 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • quando leggo certe ose oscillo fra una rabbia furiosissima e una tristezza infinita…. mi chiedo quale sia la prossima fase

  • Inviatooooo gli ho pure scritto che può stare tranquillo perchè i blogger della rete stanno facendo di tutto per spargere bene la notizia… le notizie devono girare, noi c’impegnamo XD

    Adesso lo portiamo pure su F.B. così faccio divertire i miei utenti XD

    Comunisti, Dipietristi, Grillini, Violenti, farabutti, Coglioni… mo pure i calzini turchesi ci tocca sopportare, domani me ne compro un paio, giuro, mi compro un paio di gambaletti di lana turchesi, me li metto e ci vado in giro!!!! 

  • Queste episodi sono, sempre più, la riprova del fatto che qualcosa si impadronisce del cervello di chi circonda la cricca del Cavoliere…si arriva a scrivere banalità del genere, a negare le evidenze, a contraddire pubblicamente il senso di Legge, Istituzioni, Democrazia, Libertà, Verità…..Le cose si possono e si devono raccontare a proprio piacimento, a gusto ed uso esclusivo del padrone, calpestando il comune senso del pudore ed insultando apertamente “l’intelligenza” di chi non appartiene ad una pre-determinata fazione… E lentamente sparisce la dignità…dolcemente, sempre più persone cadono nella trappola….stanno sbagliando VOLUTAMENTE tutto a loro unico vantaggio…e intanto coprono per mezzo del loro impressionante potere mediatico…anche senza entrare in temi prettamente politici, o che almeno non dovrebbero esserlo, la cosa è evidente…. Energia, trattamento dei rifiuti, comunicazione, povertà(locale e globale)sono ormai terreno di scontro e di lotta economica piuttosto che i nuovi traguardi dell’evoluzione e del progresso dell’uomo…. non siamo più singoli uniti in comunità, siamo branchi… e ogni branco che si rispetti, per quanto numeroso sia, necessita di un capo… Non siamo liberi, perché realmente non ci è dato sapere, inutile continuare a prenderci per il culo…


  • Ecco perché i Giornali di Berlusconi sono pieni di Bugie: O i giornalisti sono Lobotomizzati o sono Leccasedere del Premier come Fede!!!!

  • Sentenza CIR- MONDADORI – Il boomerang di Roppo (… e Luca Fazzo che c’entra?)

     

    Scoop tratto dal portale Indymedia al link:

     

    http://piemonte.indymedia.org/article/6030

     

    Berlusconi ha corrotto il giudice Vittorio Metta e quindi Silvio Berlusconi deve risarcire Carlo De Benedetti con 750 milioni di euro.

     

    E’ il dispositivo della sentenza del 3 ottobre 2009 (che trovate in allegato in originale pdf e trascrizione word) del Giudice monocratico della 10a sezione civile del Tribunale di Milano Dott. Raimondo Mesiano (pedinato in questi giorni da Mediaset). Tripudiano i 2 legali di De Benedetti: l’avv. Prof. Vincenzo Roppo e l’Avv. Elisabetta Rubini.

     

     

    “ … Silvio Berlusconi non poteva non sapere della corruzione del giudice Vittorio Metta, chiamato nel 1991 a decidere chi dovesse controllare la casa editrice Mondadori. Perchè i soldi finiti al giudice venivano da un conto estero della Fininvest, e Berlusconi era all’epoca il numero uno del Biscione … Sarebbe assolutamente fuori dall’ordine naturale degli accadimenti umani che un bonifico di circa 3 miliardi di lire sia disposto ed eseguito per finalità corruttive senza che il dominus della società, dai cui conti il bonifico proviene, ne sia a conoscenza e lo accetti. Pertanto è da ritenere che Silvio Berlusconi sia corresponsabile della vicenda corruttiva, corresponsabilità che come logica conseguenza comporta la responsabilità della stessa Fininvest...”.

     

    E’ questa la parte centrale della sentenza con cui il giudice Mesiano ha condannato la Fininvest di Berlusconi ad indennizzare la C.I.R. di Carlo De Benedetti con la stratosferica cifra di settecentocinquantamilioni di euro (quasi 1400 miliardi e spicci del vecchio conio).

     

    Ma se De Benedetti esulta, Roppo non ne ha ben d’onde. La sentenza CIR potrebbe tradursi in un poderoso boomerang. Un macigno sulla capoccia dell’insigne giurista genovese. Pochi giorni fa Paolo Scaroni, felicitandosi per il successo professionale del professore genovese (Roppo è anche consulente legale dell’ENI) ha chiesto a “Vincenzino” di poter far vincere almeno una causetta all’ENI (Roppo patrocina l’ENI nella causa per l’inquinamento ambientale del sito Syndial/ENI di Avenza)

     

    I soliti maligni ritengono che, grazie a questa sentenza, potrebbe giungere a Scaroni una sonora mannaiata tra capo e collo.

     

    Avete presente il nuovo scandalo che coinvolge l’ENI per le tangenti pagate per oltre un decennio al presidente della Nigeria, politici e funzionari nigeriani? (centinaia di milioni di dollari).

     

    Ecco. Ora come ne usciranno i vertici ENI? Come tirarsene fuori dal labirinto ropponiano?

     

    E’ “… assolutamente fuori dall’ordine naturale degli accadimenti umani…” che centinaia di milioni di dollari “… siano disposti ed eseguiti per finalità corruttive senza che i dominus della società ne siano a conoscenza e lo accettino…” I vertici dell’ENI “ …non potevavo non sapere della corruzione… e pertanto è da ritenere che siano corresponsabili della vicenda corruttiva, corresponsabilità che come logica conseguenza comporta la responsabilità della stessa… “ … ENI.

     

    Il magistrato della Procura di Milano Fabio De Pasquale (che sta indagando sulle tangenti ENI in Nigeria) potrebbe tranquillamente fare copia/incolla delle sentenza CIR/Fininvest, sbianchettare Fininvest/Berlusconi e scriverci sopra ENI.

     

     

    Che dire Roppo … sei formidabile!

     

     

    Luca Fazzo … che c’entra?

     

    Luca Fazzo lo conosciamo tutti. Cresciuto a “pane e CIR” alla corte di De Benedetti (La Repubblica) è stato mandato in esilio a Il Giornale (il quotidiano controllato dalla famiglia Berlusconi).

    En’esodo obbligato quello. Fazzo, beccato con le mani nella marmellata passava notizie al SISMI di Marco Mancini e Nicolò Pollari. Un giornalista infedele, anche se di un’infedeltà più originale e garbata di Farina. Riconosciuto reo di alto tradimento è stato allontanato per 12 mesi dalla professione giornalistica dall’Ordine dei
    Giornalisti della Lombardia

     

    http://www.odg.mi.it/files/fazzo-sismi-delibera-12d06.doc

     

    Luca Fazzo soggiogato al sismi pedina a tempo pieno del Servizio Segreto Militare. Aveva la curiosa consuetudine di anticipare via fax al SISMI gli articoli che sarebbero usciti il giorno dopo su Repubblica.

     

    E non ha perso il vizio.

     

    Il 5 ottobre 2009 Fazzo ha trovato il modo d’inviare in anteprima assoluta ai vertici di CIR un articolo poi scritto su Il Giornale il successivo 6 ottobre (che ironia farlo proprio dal quotidiano di Berlusconi): “Mondadori, scontro sulle motivazioni Berlusconi: allibito, enormità giuridica” (sempre via fax o  mail stavolta?).

     

    http://www.ilgiornale.it/interni/mondadori_scontro_motivazioni_berlusconi_allibito_enormita_giuridica/cronaca-berlusconi-de_benedetti-politica-giustizia-cir-mesiano-fininvest-lodo_mondadori-corruzione/06-10-2009/articolo-id=388407-page=0-comments=1

     

    Pare che in origine l’articolo si sarebbe dovuto titolare: “Mondadori, le motivazioni del giudice: Berlusconi non poteva non sapere”.

     

    Che smaccaccio. De Benedetti ha letto l’articolo de Il Giornale prima del suo editore! Berlusca. Che non sia una malvagia allusione in danno di Fazzo si desumerebbe inconfutabilmente da una esplicativa mail del 5 ottobre 2009 inviata da Salvatore Ricco (con Francesca Sagramoso addetto stampa del Gruppo CIR) a Carlo De Benedetti, a Rodolfo De Benedetti, a Francesco Dini, a Elisabetta Rubini e al Prof. Vincenzo Roppo:

     

    Ricevo da Fazzo un’anticipazione di cosa leggeremo domani sul Giornale

     

    Ne abbiam conosciuti di giornalisti venduti e servi della gleba (Franco Manzitti, Massimo Razzi, Renato Farina, Bruno Vespa, Giuseppe Turani, … la lista è chilometrica) ma tu Fazzo superi tutti in stile, eleganza… perseveranza.

     

    E’ anche grazie a questi deprecabili esempi se la professione giornalistica stà ogni giorno sempre di più subendo inevitabili e preoccupanti perdite di rispettabilità.

     

    ———————————————————————————————————————–

    Articoli correlati:

    Tangenti in NIGERIA: eccome come l’ENI pagava!

    http://piemonte.indymedia.org/article/5988

     

    Altro casino abientale dell’ENI: Syndial AVENZA (MS)

    http://piemonte.indymedia.org/article/5958

     

    Inquinamento del Lago Maggiore. Condannata l’E.N.I. Spa per disastro ambientale.

    http://piemonte.indymedia.org/article/5590

     

    ENI, "codice etico" e Servizi Segreti

    http://piemonte.indymedia.org/article/5520

     

    GENOVA – SPY STORY AL PESTO – ECCO COME COECLERICI SPA SPIAVA

    http://piemonte.indymedia.org/article/1347

     

    Porto Torres al Ministero: "Toglieteci l’ENI dai coglioni"

    http://piemonte.indymedia.org/article/2046

     

    Enichem Porto Marghera

    http://italy.indymedia.org/news/2004/02/480143.php

     

    Enigma ENI-Gazprom … che ci stà dietro?

    http://italy.indymedia.org/news/2006/03/1029858.php

    Garaventa Spa – Dal CPT alla Tunisia

    http://liguria.indymedia.org/node/4082

     

     

     

  • Segnalo  volentieri 4  video  ineditissimi ed  intriganti che  giungono da autorevoli fonti  ENI.

     

    Trattasi d’un meeting a  porte  chiuse tra i  vertici  dell’ENI  riunito  in  conclave  in una  sessione dell’ENI CORPORATE  UNIVERSITY. A   ruota  libera  il  top  management parla di  tangenti, corruzione e  robe varie. Il  mitico  Prof. Giulio Sapelli si  lascia  andare  anche  ad  alcuni  commenti  abbastanza  clamorosi (tipo  l’ENI  in  Iran e Algeria  fomentava  le  rivoluzioni peccato  che  oggi  non  ci  stia  pensando "… a  mio  giudizio  dovrebbe  ancora  farlo". Altra  battuta  carina  "tutte  le  imprese  cercano  la  corruzione e  non la  competizione (inclusa  l’ENI) pure  L’Italia è  un  paese  naturalmente  corrotto". E  altre  cose  di  questo  genere.

     

    Sono  postati  nel  presente  articolo:

     

    "ENI fuori controllo: fomentiamo la rivoluzione in Iran”.

     

    http://piemonte.indymedia.org/article/10468

     

    il  link  diretto  dei  4 video:

     

    http://it.tinypic.com/r/nnktb6/7

    http://it.tinypic.com/r/vevihv/7

    http://it.tinypic.com/r/23sya8l/7

    http://it.tinypic.com/r/qp13ir/7

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi