Accechiamo Polifemo

 

La televisione è una droga, pesante.
Berlusconi, Confalonieri e Tremonti sono come narcotrafficanti. Perché Tremonti? Perché la RAI è una SpA, detenuta al 99,65% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il resto è di proprietà della SIAE, la società che detiene il racket del diritto d’autore in Italia.  La Rai paga regolarmente alla SIAE cifre da capogiro. Conflitto di interessi?
Sì. La televisione è una droga pesante. La coltivano in america. Hanno sterminate piantagioni di programmi per subnormali. La Endemol la importa, la taglia e la mette a disposizione dei direttori di rete. Questi la smistano ai pesci piccoli: Bonolis, Luca Laurenti, la De Filippi, la D’Eusanio, Enrico Papi e tutto il resto della fittissima rete di spacciatori.
Ti vedono lì, a casa tua. Potresti ancora avere una vita normale, scambiare due parole con la tua famiglia a tavola, uscire con gli amici, leggerti un libro… E invece no. Ti avvicinano da  uno spot. Parlano, recitano senza sosta la loro alienante liturgia, sul sottofondo subliminale del canto delle sirene. Sirene bionde, sirene more, ma guai a voi se le guardate! Non commettete questo errore. Legatevi piuttosto alla tazza del cesso come Ulisse si legò all’albero maestro, perchè il cesso vi riporterà alla realtà, indurrà il vomito salvifico, il rifiuto fisiologico dell’ennesima dose di menzogne. Il cesso sarà il vostro punto fermo mentre loro, gli spacciatori, continueranno a guardare dritto nell’occhio, quel piccolo, enorme unico occhio collettivo in 16/9 che nulla può osservare al di fuori di ciò che è permesso, di ciò che è stato programmato come una sequenza precisa di pillole da assumere nell’ordine prestabilito, …prima di dormire.
Polifemo, la videocamera gigante che ha reso schiavo il genere umano, va abbattuto. Il suo occhio deformante va accecato con un palo arroventato. Ulisse deve tornare a navigare, e insieme a lui tutti noi, suoi compagni di viaggio.
APPUNTAMENTI


 FERRARAAppuntamento domenica 25 ottobre a Ferrara, per il convegnoTESTE LIBERE
Proposte per uscire dall’attuale pantano economico, ambientale, mediatico e democratico
.Tra i relatori, Claudio Messora: “per una rete libera”. Indicazioni:


Hotel Astra – Via Cavour 55 – Ferrara. ore 9.30
Sul Web:


TESTE LIBERE

26 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ecco ciò che scrive l’autore del blog “Odio Mediaset“:

    “Un blog sarcastico che denuncia le idiozie dei programmi targati Mediaset. Il signor Berlusconi ha usato le sue TV per bombardarci continuamente di troie senza cervello e uomini senza attributi. Il tutto per rendere l’italiano medio stupido e inoffensivo…”

    Purtroppo mi accorgo sempre di più che il problema non è solo Mediaset, ma tutta la TV in generale. Mi è piaciuto il tuo intervento al convengo di Fano, soprattutto quando fai capire, con l’esempio del servizio sul Giudice Mesiano, come la TV può rendere credibile e intelligente una cosa stupida e senza senso…

    Nella sigla del programma “Mai Dire TV”, c’era un individuo che buttava giù dalla finestra la propria TV. Questo dovrebbe fare gli italiani per uscire dall’effetto plagiamento… Saluti.

  • Questo post è davvero un METAFORONE EPICO !!!

    Mancava solo Tremonti vestito da donna che tesse la tela, e il cane Argo Emilio Fede che aspetta speranzoso il nostro eroe convertito alla videocrazia dalla maga Circe Berlusconi.

  • Giustissimo, la coltivano in America e la spacciano in tutto il mondo. Il rimbecillimento delle menti non è certo una pecularietà solo italiana.

    Scusa la digressione, ma ho visto che  domenica interverrai all’incontro organizzato da PBC nell’ambito dell’Assemblea Nazionale e la cosa mi ha fatto enorme piacere. Spero che gli dedicherai un post per farci sapere le tue impressioni.

    Ciao.

  • Ok, Claudio.

    Penso di essere in quel 10%, ma mi accorgo che interagire su un piano di lucida analisi della realtà con il restante 90% (o almeno con chi di questi vive il grande sogno) non è semplice e non vedo quale possa essere la via d’uscita.Se andassimo a votare oggi, per quanto possano essere manipolati i sondaggi, credo che ne verrebbe fuori lo stesso governo.Daltronde, dove sono le reali alternative ?

    La situazione è ancora più desolante se penso che la politica non sembra poter offrire valide risposte, con un centrosinistra che si è sbarazzato dei compagni scomodi per attuare un’opposizione patetica, incomprensibile, che a tratti sembra addirittura l’espessione di una maggioranza allargata che inveisce con le parole ma favorisce nei fatti chi governa con puntuali latitanze parlamentari (vedasi voto per lo scudo fiscale) quando non diventa artefice di appoggi numerici concreti agli stessi (voto sulle intercettazioni telefoniche).Mi sembra un misero copione che tacitamente viene interpretato dalli parti.

    Claudio, abbiamo preso coscienza della situazione ma non so se sia un bene perchè non mi sembra che ci sia molto da fare oltre a fregiarsi, se mi è consentito, della fierezza di aver capito "dove sta il trucco" perchè per il resto ci tocca accettare un percorso politico e di governo che, per quanto discutibile, è frutto di scelte fatte dagli italiani con strumenti democratici abilmente (bisogna ammetterlo) utilizzate da Berlusconi & C. con la complicità che una certa sinistra ha in maniera subdola ha offerto per anni lasciandone crescere in maniera incondizionata le potenzialità mediatiche a discapito di una vera pluralità.

    In ogni caso, l’opportunità di poter accedere ad una informazione libera come quella che offri tu rimane una opportunità irrinunciabile per evitare che anche le nostre coscienze vengano gradualmente assopite.

    Grazie.

    •  

      Focaccia condivido il tuo pensiero. Claudio sei inguaribilmente mordace, bel pezzo.

      Comunque, desolante constatarlo, a nessuno viene puntata la pistola alla tempia per guardare certa TV, e seppure fosse, a meno che il nostro encefalogramma non fosse piatto o avessimo un solo neurone funzionante, possiamo sempre pensare, valutare, criticare, accettare ciò che è buono o cattivo per noi.

      La televisione ? Il potere ipnotico della stupidità.
      Carl William Brown

      Il fatto che certa gente insulsa scriva o parli a vanvera in tw non è grave, il fatto grave è che questi malsani personaggi trovano chi li segue; è proprio vero l’uomo moderno come i suoi predecessori è fondamentalmente masochista.
      Carl William Brown

      In televisione chi sbraita e parla a vanvera sembra che non dica nulla, invece qualcosa dice, per esempio afferma l’imbecillità propria e di chi lo guarda.
      Carl William Brown

      E’ giunta l’ora dei grandi fratelli, è giunta l’ora della dittatura televisiva, è giunta l’ora dell’imbecillità multimediale.
      Carl William Brown



  • E’ proprio come dici tu. Ho avuto modo di vedere i programmi che passano nelle TV russe: da non credersi, stessi identici programmi dei nostri. Con questi format che spacciano a livello mondiale, l’omologazione globale è compiuta. La capacità di istupidire di questi programmi è tale che sono bastati pochi anni per fare diventare anche i russi come degli americani in trasferta. Tutta la storia di una nazione annullata dalla diffusione di simili idiozie velenose.

    Orami, sono addivenuto all’opinione che la TV è un male in quanto tale, e non credo minimamente che se ne possa fare alcun uso positivo: unica possibilità, spegnerla.

  • Ok, Claudio.

     

    Penso di essere in quel 10%, ma mi accorgo che interagire su un piano di lucida analisi della realtà con il restante 90% (o almeno con chi di questi vive il grande sogno) non è semplice e non vedo quale possa essere la via d’uscita.Se andassimo a votare oggi, per quanto possano essere manipolati i sondaggi, credo che ne verrebbe fuori lo stesso governo.Daltronde, dove sono le reali alternative ?

     

    La situazione è ancora più desolante se penso che la politica non sembra poter offrire valide risposte, con un centrosinistra che si è sbarazzato dei compagni scomodi per attuare un’opposizione patetica, incomprensibile, che a tratti sembra addirittura l’espessione di una maggioranza allargata che inveisce con le parole ma favorisce nei fatti chi governa con puntuali latitanze parlamentari (vedasi voto per lo scudo fiscale) quando non diventa artefice di appoggi numerici concreti agli stessi (voto sulle intercettazioni telefoniche).Mi sembra un misero copione che tacitamente viene interpretato dalli parti.

     

    Claudio, abbiamo preso coscienza della situazione ma non so se sia un bene perchè non mi sembra che ci sia molto da fare oltre a fregiarsi, se mi è consentito, della fierezza di aver capito “dove sta il trucco” perchè per il resto ci tocca accettare un percorso politico e di governo che, per quanto discutibile, è frutto di scelte fatte dagli italiani con strumenti democratici abilmente (bisogna ammetterlo) utilizzate da Berlusconi & C. con la complicità che una certa sinistra ha in maniera subdola ha offerto per anni lasciandone crescere in maniera incondizionata le potenzialità mediatiche a discapito di una vera pluralità.

     

    In ogni caso, l’opportunità di poter accedere ad una informazione libera come quella che offri tu rimane una opportunità irrinunciabile per evitare che anche le nostre coscienze vengano gradualmente assopite.

     

    Grazie.

  • Spegnere la tv è il miglior consiglio che si possa dare al giorno d’oggi.

    Io sono e sempre sarò grata alla mia maestra delle elementari, che mi ha insegnato a vagare tra mondi fantastici, ad inventarli a mio piacimento e a guardare la realtà ad occhi aperti. Lei, a scuola, mi ha insegnato a frequentare due scuole esclusive: quella dei libri e quella del pensiero autonomo.

  • Ok Claudio,ora a forza di "spallate "ti sei fatto spazio nel web in maniera intelligente e giusta,ma ora mi piacerebbe vederti magari in un altro palcoscenico magari ad Annozero.Visto che oltre ai fenomeni della maggioranza in studio fanno parlare nel soppalco qualche altro fenomeno di non so quale pianeta,sai una serata con te e il grande Travaglio sarebbe una serata da stare davanti alla televisione con il piattone di pasta e un bel "boccione "di vino rosso.

    Comunque anche se non sarà possibile vederti in tv ti faccio come sempre i complimenti per la tua grande informazione che ci offri sei continua a stare dalla giusta parte e gente come me ti seguira’ sempre,ciao.

  • Le parole dette da Claudio e Gioachino sono puro vangelo io stesso da quando uso internet per informarmi,avverto una repulsione cosmica per tutto ciò che esce dall’infernale macchina televisiva.Spero che gli Italiani si computerizzino sempre di più.

  • dirò una cazzata però mi sento di dire che il week end prossimo è da tirare su le antenne più del solito…ci sono almeno un paio di eventi naturali che si concatenano tra sabato e domenica occhio al radon

  • Quello che vado sempre ripetendo da anni sulla tv che è da paragonare alle droghe non poteva che trovarmi d’accordo. Oggi che sono 3 anni che ne faccio a meno ed ho coltivato la lettura, il cinema di qualità, le chiacchiere con gli amici e l’informazione libera, posso dire di essere un ex tossico contento ma, depresso per un paese veramente inqualificabile

  • …Legatevi piuttosto alla tazza del cesso come Ulisse si legò all’albero maestro, perchè il cesso vi riporterà alla realtà, indurrà il vomito salvifico, il rifiuto fisiologico dell’ennesima dose di menzogne… grandioso

  • Ieri sera ho tentato di commentare Accechiamo Polifemo ma, dopo aver letto e visto il video inquietante (e non tranquillante) proposto da Messora (molto teleigienico e comunicativo, per fortuna, a dispetto delle sue premesse catartiche-scatologiche), ho rinunciato, dopo vari tentativi, a scriverci sopra qualcosa, anche se avevo moltissime cose da dire, poiché qualsiasi commento iersera mi sembrava banale, fuorviante, fuor si luogo, per quanto corredato di aforismi e pensierini intelligenti. Il video sembra un condensato di tutto ciò che si può dire riguardo alla tivvù. Essendo rimasto senza parole, in una salutare afasia cartatica pro-cessuale (tanto per rimanere nell’argomento), ho pensato bene di drogarmi con un’intera puntata di Blu Notte in cinque atti (prelevata da youtube) dal titolo la “Mafia in politica“. Il mostro definito da Messora Polifemo, Carlo Lucarelli lo definisce forse ancor meglio con l’analogia del mostro mutante che muta secondo le condizioni economiche e socio-politiche. Sottigliezze! Penso che si è tutti d’accordo su questa metafora blu

    Non posso che trovarmi d’accordo con Messora in tutto e per tutto. La tivvù e la sua informazione filogovernativa sono una droga pesantissima. Popper diceva, a proposito dei professionisti della televisione, che costoro sono in malafede quando affermano di fare informazione, mentre non fanno altro che educazione. Derrida d’altronde in modo più o meno esplicito parlava del fatto che “la stampa (e la tivvù) informano i fatti e non sui fatti”. 

    Mi sono sempre disinteressato di politica e fino a poco tempo fa non sapevo che P2 significasse Propaganda 2. Non sapevo tante cose! Conosco i nomi, i volti e le vicende di Carmen Russo, Carmen La Sorella (magari anche la Fratella), tutta la storia di Pippo Baudo, le vicende amorose di Albano e Romina e quell’altra sostituta concubina che per fortuna non ricordo più il nome. Non perché, in qualche modo, me ne sia interessato attivamente, ma questa informazione-educazione, come si sa, la si subisce passivamente, supinamente, come un martellamento continuo di cocomeri. Mentre i nomi di Totò Riina, Dell’Utri, e tant’altri (tranne Berlusconi)  non avevano un volto, una storia. Questo è il pregio di Messora e di tanti altri blogger che diffondono ciò che la tele, vuoi per par condicio o per partito preso, non diffondono (eccetto trasmisioni, come Blu Notte, Annozero, Report, e forse qualche altra, vincolate però, volenti o nolenti, sempre a una certa censura di stato e di conseguenza della verità).

    Antonio Machado in un suo discorso fatto agli studenti diceva pressappoco: “I giovani devono fare politica altrimenti la politica sarà fatta contro di loro“. Vangelo! Non essendo più giovane penso comunque che bisognerebbe interessarsi almeno un po’ di politica e di informazione, e quindi di conseguenza boicottando la tivvù di stato e prediligendo questi canali trasversali messoriani (mi si perdoni il neologismo!).

    De Gregori anni addietro in una sua canzone pre-diceva qualcosa di veramente inquietante…

    Legalizzare la mafia sarà la regola del 2000 
    Sarà il carisma di Mastro Lindo  a tenerne le fila
    “.

    Ci siamo quasi… o già ci siamo?…

    Scrivo queste mie poche considerazioni-outing e citazioni non perché voglia aggiungere qualcosa di nuovo e significativo (dato che non ce n’è bisogno), ma per solidarietà (penso non sia il termine adatto) con Messora dato che ne condivido appieno le sue idee e le sue (nostre) inquietudini. Mi fermo qui altrimenti finirei per fare o diventare un saggio.

     

  • Ma sto Gioacchino Genchi invece di sparare cazzate da bar perchè non va a lavorare!!!

    Siete stati capaci di far cadere il governo per mano di Mastella cioe’ l’Onor.mastella!!!

    E invece di puntare il dito contro voi stessi sparate sugli altri??Per cominciare intanto andate alle urne a pagare 2,00 euro per pagarvi il vostro presidente PD e continuate a vedervi la tv magari Annozzero.Io ai troppo perbenisti non ci credo Pd Barzelletta d’Italia.

    Detto questo mi reputo una persona che fa parte della categoria del 10% cioe’ come dite voi quelli inteligenti eppure sono di destra

     

    • Caro Mlung,rispetto ampiamente le tue posizioni e leggo con interesse i tuoi interventi,purtroppo la cazzata da bar stavolta l’hai sparata tu,invitando il Sig.Genchi ad andare a lavorare, ed è proprio perchè sei parte,indubbiamente,di quel famoso (e fatidico)10%, che ti invito a documentarti in merito. Gioacchino Genchi lavora ,eccome.Ed è sulla scena,anzi,dietro le scene(e che scene),da decenni.Ed è certamente uno che su certi argomenti ne avrebbe,da dire.Non mi pare lo faccia,e lo capisco…. spirito di conservazione.Che non ritengo,nello specifico,mancanza di coraggio.Chapeau. Tra l’altro,mi sembra che tu quasi lo tacci di appartenenza acritica ad una certa ‘parrocchia’,e ciò mi lascia perplessa.Dubito egli si sia mai consegnato ad alcuna ideologia.Per questo,se qualcosa dice,forse vale la pena ascoltare.E ascoltare ciò che dice tra le righe.Ne ha,di argomenti interessanti e,purtroppo,temo,inconfutabili.Fidati.O,meglio,non fidarti:documentati.

  • Sono daccordo con tutto quello che dici, però per favore nei servizi che fai, potresti eliminare la musica o tenerla ad un livello molto più basso, perchè distrae e a volte rende i dialoghi difficili da seguire….

  • Per me il signor Gioacchino Genchi che non so chi sia puo’ parlare quando e dove vuole, se vuol parlare male di qualche singola persona lo faccia pure e’ solo questione di inferiorita’ ma non deve permettersi di giudicare e gerneralizzare offendendo milioni di persone che non hanno la sua stessa idea.

    Ma chi se ne frega di quel che fa Silvio la gente non ha tempo per il gossip.il signor Genchi scrivesse a novella2000 se non vuol andare in tv.

    Prima di postare questi video che a miglioni di persone potrebbe dar fastidio e’ meglio riflettere in fin dei conti l’invisibile PD rappresenta solo un dito di una mano e la colpa non e’ di Silvio il Trapanatore Folle (Bravo Silvio).

     

    • Bravo Silvio…

      io sta cosa non la capisco… mi ricorda le telefonate ai quiz televisivi in cui le signore non vedevano l’ora di dire “Ciao Mike” o “Ciao Gerry”…

       

      Bravo Silvio… uno scopa quindi è bravo? Basta poco…

       

      scusate non c’entra nulla, ma è una cosa che mi tenevo dentro da tanto…: dare del tu ai politici… mi sembra una c…..ta.

  • Domanda: Se Licio Gelli ha messo in piedi la P2.. E metto l’accento sul 2.. La PRIMA propaganda quale sarebbe stata?

    Se la domanda è banale me ne scuso, ma a me viene naturale chiedermelo..

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi