La polizia prende a testate i lavoratori

«Quanto mi dispiace avere sempre ragione» [Ian Malcolm – Jurassic Park]

La lettera aperta a Renato Soru era stata vista da 60.000 persone, la metà dello scarto finale sulle preferenze tra lui e Berlusconacci. Se l’avessero visto in 100.000, la rete avrebbe forse cambiato le cose.
Invece hanno prevalso le televisioni e i giornali di Zuncheddu. In cambio, il 18 ottobre 2009 è arrivata la legge-cemento, grazie alla quale Zuncheddu potrà spianare 140 mila metri cubi di lagune e fenicotteri per farci un villaggio turistico. Festeggiano anche Ligresti, Marcegaglia, Colaninno, Fresco, Barrack e anche Paolo Berlusconi: 15 milioni di metri cubi che la legge salvacoste di Soru aveva bloccato e che ora, finalmente, faranno scempio delle zone turistiche della Sardegna.
I cittadini sono dipendenti. I dipendenti non devono sapere niente: dategli una cesta con il panettone e lo spumante per Natale. Non gli basta? Manganellateli!
 Non fa niente che gli avevi promesso di non chiudere Eurallumina ed è stata chiusa. Non fa niente che gli avevi promesso 2 miliardi di euro e non gliel’hai dati, cancellando anche i finanziamenti già avviati. Non fa niente che gli hai tolto il G8. Non fa niente che gli hai promesso due seggi al parlamento europeo e poi non hanno avuto neanche uno. Se vengono a chiedere spiegazioni, tu manganellali! Magari prendili anche a testate.
I lavoratori dell’Alcoa di Portovesme sono andati a Roma. Volevano parlare con il loro dipendente Scajola. Vogliono sapere perché l’Alcoa, che produce alluminio, non può più avere l’energia al prezzo determinato dall’Autorità per l’Energia , in regime speciale, per i suoi forni di fusione. E magari, sapere perché in questo paese i prezzi dell’energia non sono allineati a quelli della media europea, e perché la Commissione Europea adesso vuole la restituzione degli aiuti ricevuti sul costo dell’elettricità.
Così, mentre stanno ultimando la mappatura del territorio per costruire le centrali nuclearianche se nessuno sa dove e come stoccare le scorie per i prossimi 10 mila anni –  e mentre il vento e il sole languono indisturbati e soprattutto inutilizzati, ci sono 2.000 persone che stanno perdendo il posto di lavoro. Duemila elettori, duemila famiglie che vogliono sapere cosa mangeranno e non hanno altro mezzo per farsi ascoltare che andare di persona a Roma. E vengono manganellati.
Gli studenti a Milano vengono manganellati. I cittadini a Vicenza vengono manganellati. Con il Trattato di Lisbona in vigore, tra un po’ potranno perfino essere ammazzati, per gravi ragioni di ordine pubblico. E dove sono le televisioni? Dove sono i giornali? Perché queste immagini non scorrono sui TG delle 20? Può fregare qualcosa a qualcuno di Cesare Battisti, quando migliaia di persone non sanno come pagare il mutuo? E’ più importante che Lippi sia stato contestato a Pescara?
Al minuto 2:53, un poliziotto tira una testata a un lavoratore. In quale regolamento è previsto prendere a testate i cittadini?
Se qualcuno mi dovesse proprio fermare, preferisco essere preso dalla criminalità organizzata, almeno con quella forse ci puoi parlare. Se ti prende la polizia, oggi hai buone probabilità di non arrivarci neanche, in galera. Ti portano direttamente all’obitorio.

 AGGIORNAMENTO 20 Novembre ore 17:30


I lavoratori dell’Alcoa sequestrano lo stabilimento e i dirigenti.

18 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I politici sono diventati i nuovi Bill Gates della società. L’americano più ricco del mondo ha inventato l’interfaccia tra il linguaggio macchina e l’utente mentre i politici hanno inventato la nuova interfaccia tra loro e i cittadini-virus…la polizia coi manganelli.

    Arrivi in piazza, avvii il programma di manifestazione e compare sul tuo schermo visivo la polizia. Poi clicchi su alza la voce per far sentire la protesta verso il governo di turno e parte l’antivirus, il Manganorton 2009, ora in versione slave e implementato nelle sue funzioni. Protegge il sistema operativo dei governi corrotti con nuovi scudi, ha come icona un carino caschetto azzurro anonimo e scansiona il cittadino-virus a manganellate.

    Al termine della scansione di MangaNorton 2009 ci sono falsi positivi che possono tornare a casa, magari un po ammaccati dalla scansione, mentre i virus peggiori finiscono in quarantena nei cestini-commissariati. I cittadini-virus più pericolosi (per loro) finiscono per essere eliminati direttamente facendoli cadere dal desktop.

    MANGANORTON 2009, PROTEGGITI DA CHI DICE LA VERITÀ SU DI TE!

    • Hey tu, si proprio tu, rispondi a queste domande:

      – Sei un politico corrotto che ambisce alla dittatura?


      – Hai un sistema operativo politico installato illegalmente che non rispetta il copyright della Costituzione?


      – Temi che i cittadini-virus si infiltrino nel tuo vero database e leggano i files segreti che tieni gelosamente criptati a 1024 bit con cui gestisci veramente l’hardware paese?


      – Non vuoi prenderti la grana di formattare la legislatura e perdere i link con i siti della massoneria?


      – Non vuoi perdere i punteggi salvati dei giochi on-line che fai con la criminalità organizzata?

      Se le tue risposte sono SI allora per te c’è

      MANGANORTON 2009, PROTEGGITI DA CHI DICE LA VERITÀ SU DI TE!

  • OLTRE ALLA PALESE DITTATURA, OLTRE A QUESTO.. ASSISTIAMO AD UN ABUSO DI POTERE… DEVONO ESSERCI I NOMI SULLE LORO UNIFORMI E DEVONO ESSERCI DEI REGOLAMENTI A NOSTRO VANTAGGIO.. LORO MANGANELLI E PISTOLE E NOI???

    I NOMI!!!

  • Bastava un po’ di raziocinio per capire che Berlusconi mentiva fin dall’inizio, ma dopo tutti questi anni occorre ancora meno.

    Tutti sbattono la testa contro il muro, ma un altro paio di maniche è prenderci la rincorsa. Nessuno in questo Paese può definirsi ingannato.

    Berlusconi è stato scelto consapevolmente e con l’intento di averne dei vantaggi e se poi uno non li ha che cerca? Pensava che votare per il partito di coloro che si fanno gli affari propri gli avrebbe arrecato vantaggi? Se uno si fa gli affaracci suoi, non può certo farsi i tuoi, anzi!

    Votare Berlusconi e come giocarsi la casa al Casinò o a carte: con chi te la prendi?

     

  • Vi consiglio di leggere questa intervista de Il Fatto Quotidiano fatta da Luca Telese a Giorgio Stracquadanio, il lacchè di berlusconi che sta organizzando il Si Berlusconi Day.

    Un essere senza vergogna che dichiara quasi apertamente la natura fascista di berlusconi e del pdl.

  • Claudio,

    che amarezza!

    Pensavo… ricordi che le raffinerie di Moratti a Cagliari hanno, per 20 anni, l’incentivo Cip6 che è pagato con il 7% delle nostre bollette sulla luce? Bruciando i residui della raffinazione, riceve i finanziamenti per produzione di energia da fonti rinnovabili “e assimilate”. Inquina il mare con la raffinazione, non paga lo smaltimento per gli scarti, inquina l’aria con le nanopolveri e riceve pure i nostri soldi che versiamo per il finanziamento delle rinnovabili. E un inceneritore richiede pochissimo personale.

    Va detto per correttezza che non è il solo, anzi, è in buona compagnia.

     

  • MESSAGGIO AL POLIZIOTTO CHE HA DATO LA TESTATA…….

    caro poliziotto non so se leggerai questo messaggio (me lo auguro, se potessi

    sapere chi sei!!!! te lo recapiterei personalmente)

    in caso tu lo leggessi, ti voglio dire due cosine………

    Sarei curioso di vederti davanti a quel Sardo (che si è preso la cascata tua)

    senza manganello e senza pistola, …la divisa la puoi tenere…….per vedere

    di che pasta sei fatto, tu,…forse non sai che,….non avresti manco il tempo di 

    pensare di dare una capata ad un Sardo, che già avresti la dentiera per terra.

    Noi siamo ospitali cortesi e rispettosi….e ce lo riconoscono in tutto il mondo,

    però dimentichiamo difficilmente i torti subiti.

    Ora se tu pensi che stavi nel giusto, ti sbagli perchè non c’è nessuna legge

    che ti autorizza a dare capate. Quindi ti dò un consiglio….spera che quel

    Sardo non ti riconosca da qualche parte, altrimenti alza i tacchi e corri a gambe

    levate.     Ciao poliziotto, e pensa che tra una manganellata e l’altra, lo

    stipendio siamo noi a pagartelo e non il potere che tu pensi di servire. 

     

     

     

     

     

     

     

     

     

  • A CIRCA 30 KM DALLO STABILIMENTO SEQUESTRATO DAGLI OPERAI,

    C’è UN PAESE MINERARIO(EX) ORA TURISTICO, DOVE CI FURONO LE PRIME

    RIVOLTE MINERARIE …PRIME AL MONDO, DOVE LA POLIZIA DI ALLORA APRì

    IL FUOCO CONTRO I RIVOLTOSI, UCCIDENDONE PARECCHI, ERANO PERSONE

    CHE CON IL LORO SALARIO NON RIUSCIVANO A MANTENERE LE PROPRIE

    FAMIGLIE, SENZA POTERSI CURARE DALLE MALATTIE CHE IL LAVORO STESSO

    PROCURAVA. SONO PASSATI PIù DI DUECENTO ANNI DA QUELLA VICENDA.

    NON PUò!!!!!!!!!!NON DEVE!!!!!!!!!PAGARE SEMPRE IL POPOLO!!!!!!!!!!! 

    SE A QUALCUNO INTERESSA LA STORIA SI CHIAMA (I MOTI DI BUGGERRU)

    HASTA SIEMPRE

  • Il comportamento di quel agente di polizia è una vera vergogna, dovrebbe essere sospeso non c’è niente che giustifichi un tale atto di violenza. Ho sempre sostenuto le forze dell’ordine perchè capisco facciano un lavoro difficile e spesso siano obbligati ad eseguire degli ordini, ma la violenza gratuita proprio non è accettabile. E poi se la fosse presa con un terrorista! ovviamente no solo con un lavoratore che cerca di salvare il suo posto di lavoro. Protetto da un casco per non poter essere identificato (ma i suoi colleghi sanno chi è!). Ti auguro di cuore di ritrovarti da civile DISOCCUPATO di fronte alla stessa persona che hai umiliato solo perchè lui era in posizione di svantaggio, ovviamente senza caso e manganello, e poi vediamo come va a finire.

  • PAROLA D’ORDINE -REPRESSIONE IN TUTTI I CASI E A TUTTI COSTI-

    Alcoa a basso costo e Scajola nucleare

    21 Novembre 2009

    Redazione

     

    E’ un gioco delle parti osceno sulla pelle dei lavoratori, quello che si gioca – come in tanti altri tavoli – sull’americana Alcoa. Il ministro Scajola, quello che ieri dava del rompicoglioni a Marco Biagi e oggi vuole il nucleare, annunciava solo due giorni fa – in parata trionfale con Cappellacci e Cicu – di aver evitato la chiusura e contenuto le multe europee. Poche ora prima i poliziotti picchiavano gli operai sardi davanti a Palazzo Chigi, mentre Cappellacci rimproverava a Mauro Pili (quello che voleva essere al posto di Cappellacci) di agire su più tavoli. Non si capisce chi strumentalizzi maggiormente. Che parata indecorosa.

    Ieri le minacce di chiusura di Alcoa, in Sardegna e Veneto, hanno riportato la questione ai >>>>>>>

     

    >>>SEGUE Su>>http://caneliberonline.blogspot.com/

     

    HASTA SIEMPRE

  • non si può far niente per laudio….. comunque ora piu che mai basta protestare…. ed essere pacifici arriva la polizia…. allora  botte e testate  anche per loro….potremo anche   uscire pieni di lividi ma ora basta  questa repressione anti democratica nazista che la polizia ha da sempre…come facciamo ancora a sopportarla……?

  • IN RISPOSTA AD ARTIFICIAL KID

    GENERALIZZARE L’ESEMPIO DELLA LOTTA

    DEI LAVORATORI DI ALCOA ED EUTELIA.

    (23 Novembre 2009)

    Occupare tutte le aziende che licenziano e creare una cassa nazionale di resistenza: questa proposta centrale d’azione del Partito Comunista dei Lavoratori ( PCL) è confermata, giorno dopo giorno, dalla stessa dinamica delle principali lotte operaie. La occupazione degli stabilimenti di Eutelia, l’occupazione delle fabbriche Alcoa, le spinte radicali che emergono in tante lotte di resistenza operaia contro la crisi, non possono e non debbono restare isolate. Il loro esempio va raccolto e generalizzato. Alla nuova valanga di licenziamenti che si sta annunciando , occorre rispondere con una radicalità uguale e contraria: occupando le aziende che licenziano e ponendole sotto il controllo dei lavoratori. Solo questa risposta può strappare risultati per i lavoratori e sostenere l’obbiettivo del blocco generale dei licenziamenti. Senza questa risposta, si rischia una disfatta disastrosa in ordine sparso.

    Per questo il PCL si rivolge nuovamente a tutte le sinistre sindacali e politiche perché uniscano le proprie forze attorno a questa linea d’azione. In ogni caso il PCL- presente dall’inizio in tutte le principali lotte operaie in corso- lavorerà per generalizzare la lotta esemplare di Eutelia e di Alcoa.

    MARCO FERRANDO- PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

     

    info@pclavoratori.it

     

    HASTA SIEMPRE

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi