L'asilo degli orrori

Ero un bambino, cioè uno di quei mostri che gli adulti fabbricano con i loro rimpianti.

(Jean Paul Sartre)

 

38 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • A queste due dovrebbero fare come fanno in Iraq quando si deve lapidare una donna , metterla sulla strada e chiunque può farne quello che vuole.

  • Che schifo di società… Spero con tutto il cuore che quelle due tizie restino in carcere a vita.

    Una cosa che mi preme dire è che questo modello di società è una fallimento. Sinceramente provo tristezza nel constatare che dei bambini di 12 / 14 mesi vengono affidati a degli estranei.  Capisco che ci sono delle esigenze lavorative, ma credo che questi bambini abbiano bisogno dell’affetto delle loro madri.

  • Adesso che le facciano uscire di galera queste due bestie!!!! Adesso voglio vedere se ci sarà un giudice a dare loro libertà…adesso i loro “sfortunati” avvocati ricorrano all’infermità mentale, adesso voglio vedere chi davanti a quella creatura sul seggiolone avrà il coraggio di negare la parola ERGASTOLO!!!!!!!!!!!!

  • L’unica giustizia possibile è consegnare nelle mani dei genitori dei bimbi per 30 minuti queste due specie di esseri umani con garanzia di impunità. i bimbi non si toccano. MAI !

    Il fatto è che siamo in Italia, di conseguenza saranno libere tra tre giorni e gli daranno la possibilità di tornare a fare quelle schifezze tra 4 !

  • Si vede chiaramente che la donna nel filmato non è sana di mente  …la vedo un po disturbata a livello psichiatrico ….i suoi movimenti…spero che questo non gli garantisca una pena meno severa ..

    come è possibile che facesse questo lavoro ??

    Non sarebbe più opportuno sottoporre a delle  visite psichiatriche le persone che operano  in certi settori ??

    qualcuno mi sa dire come vengono preparate e assunte  queste persone ??

     In Italia ,esiste un iter ufficiale per valutarne l’idoneità ??

     

  • orikstes ha scritto :
    Si vede chiaramente che la donna nel filmato non è sana di mente  …la vedo un po disturbata a livello psichiatrico ….i suoi movimenti…spero che questo non gli garantisca una pena meno severa .. come è possibile che facesse questo lavoro ?? Non sarebbe più opportuno sottoporre a delle  visite psichiatriche le persone che operano  in certi settori ?? qualcuno mi sa dire come vengono preparate e assunte  queste persone ??  In Italia ,esiste un iter ufficiale per valutarne l’idoneità ??  

     

    Benvenuti nel mondo delle raccomandazioni………

    questa è la risposta.

     

  • Vorrei dire qualcosa alle due maestre dell’asilo nido di Pistoia:

    non so cosa vi ha spinto a maltrattare, umiliare, terrorizzare, violentare dei bambini più piccoli di un soldo di cacio, indifesi di fronte alla vostra lucida crudeltà.

    Sarà la vostra psiche marcia, sarà la vostra morale, marcia, sarà la vostra natura, marcia;

    Non so cosa vi ha spinto a farlo, non mi interessa saperlo, qualsiasi  motivazione si polverizza davanti alle scene che abbiamo visto tutti, che hanno visto i genitori di quelle creature, madri e padri che vi avevano affidato i loro figli e soprattutto soldi, tanti soldi.

    Avete distrutto il futuro di quei bambini, avete distrutto la loro fiducia nel mondo dei grandi, avete minato le loro capacità di crescere sereni.

    Nessuna galera, nessuna punizione e soprattutto nessun pentimento da parte vostra sarà sufficiente a pareggiare il conto; per quello che conta, perchè sono persona, donna e madre posso solo dirvi:

    a voi tutto il mio disprezzo.

  • basterebbe lasciarle in galera con le altre detenute lo saprebbereo sicuramente cosa farne,ci sono crimini che nemmeno il/la peggiore dei criminali può acettare,la violenza sulle donne figuriamoci su i bimbi.Storia veramente sconertante.

  • Questo perchè non importa che lavoro, ma basta che mi diano uno stipendio a fine mese e mi va bene. Non importa che lavoro, mi hanno raccomandato per questo. Bisogna dire basta a questo sistema! La meritocrazia in Italia è MORTA!!! Queste due tipe non so se sono semplicemente cattive, a mio parere sono più che altro stressate da un lavoro che non amano.

    • e pesni che una persona stressata dal lavoro debba fare questo?? allora chi non ce l’ha comincia ad ammazzare??

      non ho parole. dire animali o bestie sarebbe un’offesa per queste due categorie, cmq andrebbero seriamente fatte fuori

  • Sinceramente mi interesssa molto poco di quello che se ne farà di ste due pazze ..sarebbe interessante arrivare a i sani di mente che stanno o DOVREBBERO STRARE dietro tutto questo .

    scusate i troppi interventi ma sono un po incazzato .

  • è orribile.

    ma oltre le istintive e ovvie parole di condanna e rabbia, vorrei aggiungere che forse non ci rendiamo conto di quanto siano diffusi simili aberrazioni negli ambienti famigliari.

    quando sentiamo di madri che uccidono i propri bambini e padri che sterminano una intera famiglia, quasi mai ci rendiamo conto davvero che sono sintomi di una società malata, in cui il marciume è arrivato a contaminare quelli che dovrebbero essere comportamenti di natura immacolati.

    quando una specie animale (in questo caso gli uomini) comincia a manifestare questi sintomi ripetutamente, vuol dire che è arrivata al capolinea…è FINITA.

     

    poveri bambini, unici veri innocenti agnelli, vittime sacrificali di un mondo in rovina.

  • Voglio la pena di morte di nuovo, 

    Ma senza nemmeno attendere qualsiasi giustizia dello stato in tal caso la maestra l’ammazzavo io, voglio vedere quale giudice mi avrebbe assegnato il carcere.

     

    BESTIE!!!!!!

  • e a noi, che lasciamo giornalmente morire di fame e stenti, inermi bambini africani perchè gli rubiamo continuamente risorse e li lasciamo nella miseria piu’ nera, complici di multinazionali di moda , petrolio & c., a noi che pena danno invece ? Ve lo dico io, libertà di continuare a delinquere, solo perchè ci e’ comparsa questa nuova verità sotto gli occhi, cruda e volgare, non sentiamoci meno colpevoli di quelle 2 sciagurate…

    Come dice dalle mie parti “le maraveje se e magna a sbrancae” “stupore e meraviglia li si mangia a grosse manciate”

  • Si prova un dolore indicibile a vedere queste immagini. Lo stesso dolore lo sento ogni volta che penso alle mine antiuomo (di cui siamo i maggiori produttori) che giornalmente dilaniano migliaia di bambini nel mondo. In questo particolare episodio i colpevoli sono sotto i nostri occhi e questo suscita in noi le più disparate reazioni, nel secondo caso una mina è una mina,un semplice oggetto e non gli si può imputare alcuna colpa. Ma dietro quelle mine ci deve essere la stessa identica coscienza che tanto dolore ci provoca nel vedere queste scene o la nostra indignazione sarà solo inutile e fine a sè stessa. Per le responsabilità penali di queste povere criste che sono palesemente disturbate ci sono i tribunali, poi di fronte alla vita ognuno risponde per sè. Ho provato sulla mia pelle il dolore della violenza da parte di adulti malati e per loro provo solo una gran pena.

  • Povere piccole creature strapazzate e calpestate nella loro indifesa innocenza: mi vergogno di condividere il mio dna con queste “persone”, ancor più se penso che son donne e future madri… nonchè ex bimbe!

    Mi spiace anche per alcuni commentatori che sentenziano: carcere o linciaggio tipo Iraq! Siete bestie sul piano intellettuale! Quelle donne han problemi che il carcere non risolve, ma a mio parere solo i lavori forzati e socialmente utili, che purtroppo il nostro Bel paese non contempla..

     

  •  

     

    ho due figli.

    sono inorridita ed arrabbiata.

    NON SI TICCANO I BAMBINI.

    NON SI TOCCANO!

    COME SI PUO’ FARE QUESTO A DEI PICCOLI UOMINI E DONNE CHE NON POSSONO DIFENDERSI????

    E’ CONTRO LA STESSA NATURA DI OGNI ESSERE UMANO!!!!!

    non si toccano i bambini!!!!!

  • Mi scuso se il mio commento è dissonante ma, con tutto il rispetto che provo per ogni essere vivente dell’universo, il mio primo imprescindibile commento a questo video è vaffanculo.

    voglio i video di tutti i politici di questo paese mentre pianificano le bombe con gli stragisti mafiosi, facendo saltare in aria non solo le vite dei loro obiettivi, ma anche quelle di chi li difendeva e di tutte le persone che avrebbero beneficiato del loro operato. Li voglio vedere mentre decidono a cuor leggero di stoccare rifiuti radioattivi sotto la terra, come i cani, e voglio uno zoom su tutte le patologie raccapriccianti che seguiranno su tutte le popolazioni umane che saranno costrette a subirle. Voglio vedere i video di quando ogni maledetto politichese si fotteva l’intera Campania dove in certe zone il tasso di malformazione alla nascita è allucinante. Voglio vedere i video della gente che ha appiccato il fuoco ai campi rom con dentro degli stessi bambini innocenti (oppure potremmo introdurre il concetto che essendo zingaro un bambino ha meno diritti, colpevole delle colpe dei suoi padri). Voglio vedere i corpi esanimi di bambini di altri paesi che la nostra indifferenza ha ucciso, sorridendo a qualche accordo del cazzo per del petrolio i cui profitti veri noi comuni cittadini non vedremo MAI.

    Il pietismo applicato al problema contingente è schifoso. Solo perchè vediamo ci sentiamo toccati. Spero che le responsabili degli atti del video marciscano dentro ad una cella di cui sia stata persa la chiave. Ma badate bene, questa è la partita da giocare. Vi metteranno davanti agli occhi ogni più piccola schifezza: dove non ci sarà niente ingigantiranno. Dove ci sarà il sordido amplificheranno. E solo volete vedere, niente pay per view, sarà tutto gratis. Basta che vi allontaniate dalle altre e più sordide faccende che non riguardano 20 bambini sotto il giogo di una pazza, ma 60 milioni di vite sotto il tallone di un manipolo di lerci banditi ben vestiti, con i gemelli ai polsi e la macchina con il guidatore. Pensate che i ricatti fra politici non ci riguardino? Che staremo a vedere tutto mentre si sputtanano, comodamente seduti sul divano mentre finalmente le cose vanno a posto da sole? Scordatevelo, siete degli illusi. Ci stanno tirando dentro tutti. Esposizione totale per ogni ultima ruota del carro che commette i suoi peccati e massima segretezza, cortine di fumo e baccano mediatico per chi è amico degli amici.

    Inorridiamo davanti al video, perchè questo è quello che ogni essere umano non potrebbe fare a meno di fare. Ma non azzardiamoci a puntare il dito su una qualsiasi singola faccenda che non riguardi chi comanda la nostra società. Ogni altra azione è del tutto inutile. Perchè se davvero ogni cosa che facciamo servirà a dare un contesto migliore ai nostri figli, non esiste battaglia di breve respiro che lo possa, da sola, creare.

  • Sono allibita..senza parole..di fronte a questo video che toglie il respiro e che trafigge il cuore.

    Eppure sono rimasta molto male anche per alcuni commenti che ho letto su questo blog..è stata tirata in ballo la lapidazione delle donne in Iraq..ma vi rendete conto? Lo sapete perchè vengono lapidate le donne? Spesso solo per un tradimento o per essersi innamorate dell’uomo sbagliato o per aver avuto il desiderio di cambiare religione. E allora come potete solo tirare in ballo questo altro atroce crimine che viene condotto nel mondo? Come si può rispondere all’odio e alla violenza con una violenza più grande? Forse per questo le cose non cambieranno mai. La violenza e la brutalità sono insite in ognuno di noi. Proprio così…anche in noi..che dietro lo schermo di un pc ci riteniamo onesti, puri e buoni.

    Avete mai visto cosa accade durante una lapidazione? Nella maggior parte dei casi quelle donne vengono sotterrate vive, lasciando fuori solo la testa che diviene il bersaglio di pietre e massi fino a quando non viene “maciullata” (questo è il termine più appropriato). Negli altri casi è l’intero corpo ad essere “maciullato” a forza di calci, bastonate, pietrate, lanci di massi sul cranio e persino violenze sessuali ripetute e atroci. Deve averlo pubblicato anche Byoblu un video sul massacro di una ragazza ripreso da un telefonino, quasi fosse la scena cult di un film da non perdere.

    Queste maestre dovranno pagare per il loro terribile reato…ma qualche volta VERGOGNIAMOCI ANCHE NOI per i pensieri che facciamo e per la cultura dell’odio e della violenza che con le nostre affermazioni non facciamo altro che contribuire a diffondere..

     

  • Resto attonita, muta profondamente a disagio di fronte a queste immagini! sono un’insegnante di una scuola dell’infanzia statale e mi si stringe il cuore vedere quei germogli calpestati da tanta pochezza e crudeltà. La mattina mi butto giù dal letto solo perchè so che c’è una ciurma variopinta e scalpitante che mi aspetta a s cuola… amo profondamente i bambini e adoro il mio lavoro, potrei raccontarvi mille episodi esilaranti ed emozionanti che giornalmente vivo nella mia scuola. i bambini sono una risorsa, genuini curiosi sinceri pieni di vita e di cose belle così lontane dal mondo corrotto dei grandi! da quel che ne so un asilo privato lo può aprire chiunque basta avere soldi da investire e qualche autorizzazione di facile accesso. le insegnanti dello stato con la riforma devono laurearsi in scienze della formazione primaria e poi specializzarsi in relazione al ramo in cui volersi impegnare (scuola dell’infanzia o scuola primaria). lavorare con il potenziale umano è un privilegio che non a tutti può essere concesso!

  • Aspetto solo l’associazione “Nessuno tocchi Caino” che intervenga su questi mostri.

    Ma ho fiducia in una sola cosa che l’orrore che passeranno ste due maledette sia talmente straziante e duraturo  che le martorizzi dentro più di qualsiasi ferita fisica.

    Uno di quei dolori intensi che ti lacera dentro.

    Qualcosa di veramente brutto nell’anima gia dannata che Hanno.

    L’unica cosa è che su questa terra nessun giudice o avvocato del diavolo riuscirebbe a salvarle.

    Non riesco a provare disprezzo per delle creature informi ma desidererei trascinarle per i capelli fino

    a farle rimanre in mano lo scalpo.

     

  • Questi Bambini non hanno avuto la fortuna, come il sottoscritto, di avere le proprie nonne che si occupavano di loro. Io non capisco quelle la: Se non hanno pazienza con i bambini che cosa lavoravano a fare in quell’asilo nido pure privato?

  • secondo me ci va la pena di morte…la flagranza di reato c’è quindi non si rischia di ammazzare degli innocenti…farle marcire in galera è troppo costoso e difficile…rischiano di uscire prima o poi e di fare altri danni…tanto vale la sedia elettrica…che le faccia morire patendo le stesse sofferenze che hanno inflitto. in genere sono contrario ma in casi come questo dove la colpevolezza è fuori di discussione e dove il reato è tanto disumano…non ci sono alternative.

  • Queste persone al massimo faranno due o tre anni di galera, sempre poi che lo vedano il gabbio! Dovrebbero controllarle a vita  perchè oggi aprire un asilo privato è fin troppo semplice e si sa che il tempo cancella ogni cosa. Mi ricordo che in quarta magistrale mi fecero fare le analisi del sangue, una legge fascista infatti impedisce di diventare maestro anche se sei solo portatore sano di certe malattie (legge furbissima la visita l’ho fatta due mesi prima del diploma!). Io avrei fatto anche una sana e ripetuto visita psichiatrica obbligatoria, quando si ha a che fare con del materiale umano così fragile bisogna avere ogni certezza.  Ho un figlio di 8 anni che in asilo c’è stato, se volevo arrivare a fine mese, lascio alle vostre più crudeli fantasia ciò che farei a queste donne.

  • Commettere ingiustizie verso dei bambini innocenti, è degno di due insane di mente.

    Spero che in carcere non avrete vita facile, benemerite teste di c…o!!!

  • orikstes ha scritto :
    Si vede chiaramente che la donna nel filmato non è sana di mente  …la vedo un po disturbata a livello psichiatrico ….i suoi movimenti…spero che questo non gli garantisca una pena meno severa .. come è possibile che facesse questo lavoro ?? Non sarebbe più opportuno sottoporre a delle  visite psichiatriche le persone che operano  in certi settori ?? qualcuno mi sa dire come vengono preparate e assunte  queste persone ??  In Italia ,esiste un iter ufficiale per valutarne l’idoneità ??  

     

     

    Benvenuti nel mondo delle raccomandazioni………

     

    questa è la risposta, infatti questa è la risposta…sono 12 anni che giro per asili privati in cerca dell’unico lavoro che amo davvero e che sò realmente fare…ma non avendo raccomandazioni, perchè la gente che potrebbe darmele mi fà cagare, faccio da 12 anni le pulizie…insomma pulisco i cessi perchè nessuno mi ha mai raccomandata per lavorare con i bambini.

    io che ho la passione, la pazienza e l’amore con i bambini, pulisco i cessi…quelle gran pu…..e, lavoravano con i bimbi…quasi quasi mi viene da piangere!

    queste cose, secondo me, succedono in molti asili, perchè ci viene messa gente che ha bisogno di un lavoro qualunque…io premetto sempre che l’ho fatto 2 anni e mezzo dalle suore, ed ero davvero eccezionale, i bambini mi amavano e a volte non volevano neanche tornare a casa per giocare ancora con me, mi sbattono tutti la porta in faccia, perchè non c’è un politico o un prete che mi aiuta!!!!!!!!!!!!!!

    MONDO DI MERDA…POLITICA DI MERDA E SOCIETà DI MERDA, noi lo permettiamo questo…ancora non capisco perchè ho studiato tanto per lavorare con i bimbi…non sapevo come davvero fosse il mondo dei GRANDI bastardi…

    mi auguro solo che quei bimbi ritrovino la fiducia almeno nella loro famiglia e nei loro futuri amici…forza piccoli!…vi amo. Anna

     

  • Che comportamento indegno per un essere umano. Questa è pura malattia mentale. Lavorare per i bambini dovrebbe essere un’azione sentita spinta unicamente dall’amore che si prova per essi, non solo un lavoro. Qui purtroppo abbiamo l’esempio tangibile, doloroso e vergognoso di un’assoluta estraneità verso la professione educativa e di un’ancorpiù assenza totale di qualsiasi autocontrollo e controllo delle istituzioni in particolare. Viva l’italia

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi