Silvio perdona, noi no

  Silvio ha perdonato. Non è capace di portare rancore a nessuno. Sono gli altri, i milioni di nessuno, che portano rancore a lui.
E sono gli insegnanti che non insegneranno più, i disoccupati che non pagheranno il mutuo, i sardi che non hanno avuto i fondi promessi ma a cui la Befana porterà tanto cemento, gli abruzzesi che non hanno visto un solo centesimo dei 16 miliardi scambiati con il loro voto, i toscani che non hanno mai avuto i fondi per la ricostruzione al 100% delle case di Viareggio, promessa solennemente il giorno dopo l’esplosione di un convoglio carico di gpl. Sono loro a dover perdonare lui.
 
Invece no. Con la puntualità di una renna natalizia, il giorno prima della vigilia – ovvero in tempo per le ultime edizioni utili dei giornali prima che tutto cada nel dimenticatoio, sommerso dalla frenesia dei tacchini ripieni, dei pandori e dei panettoni – ecco arrivare il perdono urbi et orbi.
Il papa si affaccia dalla sua residenza in Vaticano. Silvio I si affaccia da Arcore e distribuisce prevedibili indulgenze per i gonzi che non distinguono la fiction dal mondo reale e che vivono aldiqua delle telecamere.
Poco importa se Tartaglia non abbia chiesto in realtà nessun perdono, se non su consiglio del suo avvocato, per poi ritrattare subito dopo: il perdono sarebbe arrivato ugualmente anche senza pentimento perchè the show must go on. La finzione ha la precedenza sulla verità.
E non è questa la sola distanza che separa il Gesù delle Libertà da quello di Betlemme. Mentre il secondo perdona e basta, il primo perdona con riserva. Silvio il Re dei Giudei assolve Giuda Tartaglia dai suoi peccati, ma lo condanna – se non all’inferno – al purgatorio. Insomma, Berlusconi perdona ma dice che Tartaglia deve restare dentro e pagare il suo debito. Sarebbe un po’ come se Gesù, dopo avere perdonato il ladrone crocifisso accanto a lui, non lo avesse portato con sé nel regno dei cieli ma lo avesse mandato all’Inferno.
Chissenefrega del perdono, se questo non cancella la colpa? Il perdono e la punizione sono in contraddizione tra loro come un biglietto omaggio che consenta a uno spettatore di poter acquistare un ingresso a pagamento. Tartaglia non ha bisogno del perdono condizionato al giusto processo: quello, il perdono sociale, lo si ottiene per legge mediante l’espiazione giudiziaria. Se perdono deve essere, deve essere perdono totale, altrimenti è solo una pacchiana e grossolana operazione di marketing natalizio.
A proposito, ho sentito dire che Ghedini ha presentato un Disegno di Legge per modificare l’iconografia di Santa Claus. Le letterine a Gesù Bambino sono sostituite con richieste dirette al Presidente del Consglio, mentre Babbo Natale dovrà essere rappresentato con le sembianze di un grande e barbuto Silvio Berlusconi che si calerà dalle antenne dei palazzi e uscirà dai tubi catodici per distribuire i regali acquistati con le televendite di Mediaset Premium.
Per quanto riguarda l’Epifania, ci stanno ancora lavorando.

24 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ma che che cazzo perdona,che insieme alla dichiarazione di perdono a chiesto “in questo caso”alla magistratura di fare presto a condannare tartaglia.

    Sempre la solita tattica publicitaria che fottere gli itagliani

                                            auf wieder sehen

    • Beh dai era abbastanza prevedibile tanto da risultare banale che il Dio nazionale perdonasse …

      è un personaggio che ha costruito la sua politica .prima ribecilledo la gente con le telenovela brasiliane poi con Santa Maria De Filippi e tutto il resto ..

      questo dovrebbe far riflettere su quanto reputa imbeccilli la sua lunga schiera di sostenitori … che a giudicare dai consensi …..

       

      saluti

  • quando nasce il vero movimento? sto pensando all’unione del popolo viola, del movimento a 5 stelle, dell’IDV, di rifondazione, dei centri sociali, delle fabbriche della crisi, dei disoccupati, degli studenti tutti insieme, un format comune per mete comuni…

  • Perdonare non è un obbligo, è un atto totalmente libero, volontario, forse segreto.

    Nel mio caso non vuole essere segreto.

    Io non ho nessuna comprensione né perdono per Silvio Berlusconi. Non lo provo proprio. Non ho tempo di occuparmi della sua infelicità con tanti problemi molto più grossi.

    Anche chiedere perdono non è un obbligo. Specialmente se uno crede in coscienza di non doverlo chiedere.

    Sul piano poi delle considerazioni scontate, non si capisce che cosa debba perdonare un uomo come Silvio Berlusconi a chicchessia, o chi mai dovrebbe impetrare perdono a un uomo come lui, visto che è in debito con tutti.

    Spero di trovare sotto il mio albero le sue dimissioni ma se tira le cuoia, va benissimo lo stesso. Se soffre anche meglio: denegata giustizia autorizza almeno l’augurio di una vendetta condotta personalmente da madre natura (ammesso che esista, se così è non si capisce come mai la provvidenza in questo caso sia così in ritardo).

    A chi rispetta le leggi e la libertà altrui. Ai miti che però non sono vili verso i loro simili e sanno prendere personalmente le loro difese, specialmente quando sono deboli e oppressi, auguro un lieto Natale.

  • “Com’è buono lei” direbbe Fracchia al cavaliere che ha “perdonato” il suo aggressore. Però mister B. ha anche rammentato che “LA MAGISTRATURA DEVE DARE UNA CONDANNA ESEMPLARE” perché non si possono colpire personaggi importanti del governo senza pagarne le conseguenze.

    Insomma, un finto perdono, con una mano alza il pollice al cielo in segno di grazia, con l’altra gira il pollice verso il basso per condannarlo ad una pena “esemplare” perché nessuno osi ribellarsi ai sopprusi di chi ci governa.

  • Tutto perfetto come sempre Claudio, hai dimenticato la tessera omaggio per iscriverci tutti al PDL, il partito delle libertà dei mafiosi!

     

    Divulghiamo. Amen.

     

  • Posso utilizzare il fotomontaggio per mettere Gesù Bambino nel presepe domani notte??? Perchè sai, uno bambinello così, me lo invidierebbero tutti gli amici!!

    A parte gli scherzi, gran bell’articolo. Ma, come dici tu.. noi non perdoniamo. Da martire a sant’uomo, una scalata vertigionosa e in poco tempo.. un alpinista provetto insomma. Di tutte le uscite che ha fatto per ricevere consensi, questa trovo che sia la più assurda. Forse perchè arriva in un momento in cui uno pensa “ma questo ci crede davvero tutti imbecilli? Pensa che guardiamo tutti il TG4?”

  • Silvio è solo un buffone!

    E’ lui che dovrebbe essere perdonato dall’intero popolo italiano..non è lui che deve perdonare!!

    E ho detto tutto…

  • “… è solo una pacchiana e grossolana operazione di marketing natalizio.”

    Cos’altro è l’icona del nulla? Natale, Pasqua, ferragosto, cambia solo la cornice e la vernice, la sostanza è la stessa di sempre, per sempre.

    Non temo il marketing che c’è là fuori, temo il marketing che c’è in me.

    …. Pubblicità!

    … ma per i palati più delicati… consigli per gli acquisti: tranquilli, morto un silvio se ne fa un altro, anzi 10, 100, 1.000 berluscones!

    O no?

    • E’ evidente, guardando  i video dell’aggressione e analizzando i piccoli particolari, che è stata tutta una simulazione; una messinscena. 

      Detto questo mi sembra evidente che Silvio ha perdonato se stesso per sentirsi meglio il giorno di natale. Bravo Silvio, perdonati almeno tu perchè non so se il resto degli italiani ti vorrà perdonare. 

  • orikstes ha scritto :
    MENOMALECHESIIIIIILVIOOOC’èèèèèèèèè

     dove..su  quella Croce..??!!..

    ..io aspetto che ci vada..voglio sentire se le sue suppliche, sono le stesse del ladrone..?!?!????..

     

  • Di pietro mafioso,Santoro che con le sue trasmisisoni ha rimbecillito i comunisti compreso travaglio,Bersani grandissimi falsone con la finta visita.

    Il brutto sono i giovani che si stanno schierando a sinistra,ma in fin dei conti questi giovani se gli chiedi cosa sanno fare nella vita!! Na ceppa de minghia sanno fare sanno solo dire che la scuola e’ laica e si deve togliere il crocifisso il resto lo canta quel trombone della Bindi hahahaha

    Mettete un po’ di figa al parlamento!!!!!

    W Berlusconi il trapanatore folle!!!!!

    Bersani e’ piu’ facile che rivinca un altro mondiale l’italia prima che vincete le elezioni… il Berlusca non si tocca ve compri???

  • riferendomi al titolo della discussione, se qualcuno si prende responsabilità cosi grandi, tipo governare un un intero paese, secondo me poi dovrebbe prendersi le proprie responsabilità e pagarne le conseguenze………..comunque il problema non mi pare solo italiano…..

    spero tanto che i popoli della terra capiscano questo al più presto, cosi da poter vivere in una terra libera dai sopprusi dei viziati potenti, nati con la camicia e la cravatta di seta bianca……che eseguono gli ordini impartiti dall’alto come marionette…

    ieri Maroni ha capito che la rete non la può imbrigliare, che la rete imbriglierebbe lui per quello che fanno ogni giorno i berluschini ed i padanini sulla rete……..adesso vuole mettere un codice di autoregolamentazione…..speriamo bene !!!!!!!!!

  • Buone Feste

    Con la faccia rotta o no….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SI DEVE FARE  GIUDICARE……

    AL PROCESSO….

    FORZA ! COM’ON!

    Buon  Proseguimento….

  • Buone Feste

    Con la faccia rotta o no….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SI DEVE FARE  GIUDICARE……

    AL PROCESSO….

    FORZA ! COM’ON!

    Buon  Proseguimento….

  • Buone Feste

    Con la faccia rotta o no….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SI DEVE FARE  GIUDICARE……

    AL PROCESSO….

    FORZA ! COM’ON!

    Buon  Proseguimento….

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi