Non ci sono più gli attentati di una volta

Attenzione: questa è una playlist.
Alla fine del video, quello successivo inizia automaticamente

 

 Ogni aggressione fisica rappresenta il fallimento della società civile, cioè di quell’insieme di regole e convenzioni che ci siamo dati per uscire dal medioevo della supremazia conquistata a colpi di mazza ferrata. Un attentato alla vita, poi, è il peggior incubo che vi possa capitare: insieme allo stupro, l’assassinio è uno dei retaggi più ignominiosi che ci portiamo dietro dal mondo naturale.
Proprio per questo, poiché evocano in ciascuno di noi il terrore più sacro e profondo – la paura della morte – se fallisce rappresentano una medaglia al valore che viene riconosciuta all’unanimità, seduta stante, da ogni comunità. Metterla in discussione è come mettere in dubbio l’esistenza di Dio, è come profanare i bambini: solleva un’immediata, atavica e talvolta irrazionale onda emotiva che emargina il blasfemo che osa opporvisi, sia pure con argomentate ragioni. Vi è molto di superstizioso in questo: il timore ancestrale di sollevare le ire di una divinità violenta e vendicativa, che divora chi le nega devozione e sacrifici. E’ come quando il prof scorre il registro di classe per scegliere il prossimo studente da interrogare. Si spera sempre che, standosene buoni buoni, nascosti nell’indifferenziata distesa di anonime pettinature, l’attenzione del carnefice passi oltre, alla ricerca di una vittima più esuberante.
Lo sa bene chi parla alla pancia dei suoi elettori, più che alla testa. La retorica del martire evoca la passione, la morte e la resurrezione di Gesù Cristo e corre oltre, lungo una ragnatela di sensi di colpa che unisce Isacco a Giovanna D’Arco, Giordano Bruno ai martiri di tutte le guerre, di tutte le rivoluzioni, della Santa Inquisizione, della caccia alle streghe e così via. A chi è stato vittima di persecuzione, e ne è uscito miracolosamente illeso, non si può negare nulla: ha superato la prova che ogni uomo deve superare se vuole diventare un guerriero, ha compiuto l’impresa, ha sfidato gli dei e ne è uscito vincitore, si è addentrato nella foresta stregata ed ha saputo uscirne, ancora vivo. Niente può scalfirlo: egli è ormai invulnerabile ed invincibile, è il capo, il re indiscusso, una creatura ibrida, una chimera metà uomo e metà demone.
Egli è… Silvio Berlusconi dopo avere affrontato e vinto Massimo Tartaglia.
Tutto sommato, un buon affare…
Ricevo e pubblico questa ricostruzione blasfema dell’eretico Vito Palumbo, autore del video in testa a questo articolo.

 L’attentato più pazzo del mondo


di Vito Palumbo
E’ il 13 Dicembre del 2009. E’ da poco passata la sconquassante onda viola che ha costretto i media di regime a fare gli straordinari per cercare di ridimensionare l’evento. E’ da poco scoppiata la bombacosì definita dal Presidente della Camera Gianfranco Fini – del pentito di mafia Spatuzza, che ha rivelato nuovi particolari sui rapporti tra Dell’Utri, Berlusconi e la mafia. Da non molto si sono consumate la bocciatura del Lodo Alfano, la condanna in primo grado dell’avvocato inglese David Mills, le spaccature interne tra finiani e berlusconiani e una crisi economica sempre più stringente nonostante le ostentate rassicurazioni del Governo e dei media. I sondaggi danno la fiducia nei confronti del Premier e del Governo ai minimi storici da quando si è insediata la nuova legislatura. Questo dunque è il 13 Dicembre di cui stiamo parlando. Un aspetto non di poco conto, nell’intricata trama indiziaria che vogliamo portare dinnanzi alla corte.
In piazza Duomo c’è un comizio. Pochi intimi intonato “meno male che Silvio c’è”. Più lontano, i soliti contestatori recitano il mantra: “fuori la mafia dallo Stato”. Il premier si intrattiene con i fedelissimi, intenti a celebrare la consueta liturgia ove i peccatori sgomitano per toccare le sacre fattezze del verbo di Arcore. L’orgia di fotografie e strette di mano è al suo apice, tutti attendono il “predellino bis” quand’ecco uno psicolabile, tale Massimo Tartaglia, prendere la mira e scagliare un oggetto non identificato sul volto di Silvio Berlusconi.
Il circo mediatico ha inizio. Suoni di fanfare, clown mediatici, abili contorsionisti dell’informazione si esibiscono in voli pindarici tra un capo e l’altro di verità ad personam in costante equilibrio precario. Tv, Giornali, internet… tutti i media impazziscono e trasmettono incessantemente, a ripetizione, le poche immagini che testimoniano l’accaduto. Il PDL cerca fin da subito i cosiddetti mandanti morali. Tartaglia viene subito dimenticato, mentre il clima di odio sale di prepotenza sul banco degli imputati.
Fabrizio Cicchitto, capogruppo PDL nonché tessera n°2232 della P2, stila in un intervento in aula le liste di proscrizione. I mandanti morali sono Di Pietro e l’IDV, Il Fatto Quotidiano, Santoro, lo staff di Annozero e Marco Travaglio, il terrorista mediatico. A spalleggiare Cicchitto arrivano i media, a reti unificate. Bruno Vespa da Porta a Porta – la quarta camera dello Stato – organizza un’intera puntata contro Travaglio e contro gli ispiratori del clima di odio. Rigorosamente senza contraddittorio. Schifaniex socio della Sicula Brokers, società a partecipazione mafiosa – coglie la palla al balzo e individua un nuovo colpevole: i gruppi di Facebook. Secondo il Presidente del Senato sono peggio dei terroristi negli anni di piombo. Maronidetto il morsicatore di caviglie – non esita ad annunciare un giro di vite per approntare un decreto legge atto ad imbavagliare la rete. A parte Santoro, che mette sotto inchiesta la scorta del premier, nessuno osa passare in rassegna i fatti.
Nessuno tranne la rete. Quella cricca di simpatici complottisti di youtube. Alcuni canali iniziano a vivisezionare l’accaduto; vanno a caccia di pixel e frame sospetti, inizialmente più simili a storie di fantasmi intorno al fuoco che a teorie che si reggano su elementi solidi. La prima reazione è di scetticismo: sembra di trovarsi di fronte ai teocrati del negazionismo a tutti i costi. Ma poi… poi emergono nuovi particolari, ogni giorno nuove clamorose stranezze. Stanno lì, ti fissano e sembrano prendersi gioco di te, mentre sfidano le più elementari leggi della fisica e della medicina. Più le guardi, e più senti una voce interiore che cerca di farsi strada a spallate tra quegli energumeni del super-io. Così ti fermi e decidi di raccogliere le idee.
Quali sono le immagini che abbiamo a disposizione? In piazza, a riprendere l’evento, ci sono pochissime telecamere accreditate. Un fotografo senza pass viene addirittura scacciato in malo modo. In particolare, una telecamera segue costantemente il premier mentre una seconda, alle sue spalle, riprende la folla: la selva selvaggiaed aspra e forte – nella quale il temibile bandito Tartaglia se ne sta acquattato, nell’attesa della giusta opportunità. E la scorta? Vigila che tutto proceda senza rischi.
Berlusconi sfodera scintillanti sorrisi, stringe mani, riceve plichi di documenti e firma autografi. Succede tutto in un attimo. Il primo cameramen decide all’improvviso di effettuare un rapidissimo movimento. In gergo si parla di “panoramica a schiaffo“. Caso vuole che proprio in quel momento il Duomo di Milano rovini sul volto del premier. Il momento del lancio viene però immortalato dalla seconda camera, grazie alla quale vediamo Tartaglia che per lunghi, interminabili secondi prende la mira. Poi scaglia l’oggetto.
Agli agenti della scorta basta un attimo per fermare l’uomo. Il premier, dolorante, si porta istintivamente al volto una busta di plastica nera che aveva in mano, mentre viene condotto in auto dove alcuni agenti lo soccorrono. Ma ecco il colpo di scena: Silvio Berlusconi, con il beneplacito della scorta che ignora le più elementari regole del caso, scende nuovamente dall’auto, sale sul predellino e mostra, a favore di telecamera, il volto macinolento per il tempo sufficiente a destare l’orrore e lo sgomento della platea televisiva. Quindi ritorna in auto e riparte a passo d’uomo in direzione dell’ospedale San Raffaele.
Cos’è che non torna? Tralasciamo le teorie meno fondate, quelle del tipo “visionario bolscevico”. Prendiamo in esame solo gli elementi incontrovertibili. Partiamo dal documento ufficiale dell’attentato,  ovvero il referto medico letto a reti unificate dal prof. Zangrillo, il medico personale di Berlusconi.

  • trauma contusivo al massiccio facciale;
  • frattura del setto nasale;
  • lesione interna/esterna al labbro superiore;
  • frattura di due denti dell’arcata superiore;
  • sutura al labbro inferiore.

Incalzato da una giornalista, Zangrillo riferiva inoltre che il premier aveva avuto un sanguinamento molto copioso, nonostante il freddo, tanto da avere addirittura riempito una camicia di sangue.
Già, eppure:

  • la camicia, durante tutto lo svolgersi degli eventi, dall’aggressione fino agli ultimi fotogrammi che inquadrano il premier nell’auto che lascia la piazza, non presenta alcuna macchia di sangue. Né sul colletto, né sui polsini, né in nessun altra parte.
  • Le mani che si è istintivamente portato al viso appaiono perfettamente linde, così come quelle di chi l’ha soccorso.
  • Il volto del premier, subito dopo l’impatto con l’oggetto – mai identificato né mostrato in alcuna trasmissione televisiva – appare perfettamente integro. Non vi si possono notare ferite né tantomeno sversamenti ematici di alcun tipo, e questo fino all’ingresso nell’auto. Dopo l’ingresso in auto il premier mostra una ferita sotto l’occhio sinistro e uno spacco sul labbro superiore estremamente profondi, ma non c’è alcuna fuoriuscita di sangue, tranne gocce sparse ormai coagulate ed evidenti aloni rossi sul viso. Quando l’auto se ne va, le ferite appaiono perfettamente asciutte. Che fine ha fatto il mezzo litro di sangue – così come dichiarato da Zangrillo – che il premier avrebbe riversato sui vestiti?
  • La scorta ha un comportamento quantomeno singolare. Possibile che dei professionisti addestrati a seguire rigidi protocolli potessero consentire al premier di uscire all’auto, ignorando o sottovalutando la possibilità di un secondo attentato? Possibile che il capo scorta non abbia avuto la capacità di imporsi su un uomo che in quel momento era con tutta evidenza da considerarsi sotto shock? Possibile che nessun giornale abbia indagato in questa direzione? Possibile che un Ministro dell’Interno, Maroni, abbia avuto come prima reazione la persecuzione, in un clima da caccia alle streghe, dei social networks e della rete, e non abbia aperto un indagine interna per accertare cosa non ha funzionato nel meccanismo di protezione dell’uomo più importante dello Stato, dopo il Presidente della Repubblica?
  • Dopo i primi video che in rete evidenziano questi particolari, da Google e dai più importanti motori di ricerca spariscono tutte le foto riguardanti l’attentato. Il gigante di Mountain View fa sapere che si tratta solo di un disservizio temporaneo, ma nonostante la rete sia piena di immagini che ritraggono Berlusconi insanguinato, a tutt’oggi le uniche foto che si possono trovare digitando parole come “Berlusconi-Tartaglia“, “Berlusconi-aggressione“, “Berlusconi-duomo” e così via sono quelle che verranno utilizzate per la campagna elettoraledelle regionali, che saranno esposte in bella mostra in ogni dove. Nei paesi, nelle città, nelle vie e nelle piazze.
    Nessuna traccia delle cosiddette ‘foto complottistiche‘, zero.
  • Dopo essere rimasto in ospedale per ben cinque giorni e aver ricevuto una prognosi di venti, il premier viene dimesso. Pochi scatti fotografici immortalano Berlusconi che saluta qualcuno ed entra in auto incerottato. I cerotti, tuttavia, anziché confutare i sospetti, se possibile, li confermano. Il profondo taglio sotto l’occhio è sparito – come si vedrà anche dalle successive foto – così come è sparito il taglio altrettanto profondo sul labbro superiore. E la frattura al setto nasale? Nessun gonfiore visibile e un misero cerotto applicato al naso, tanto che potrebbe essere facilmente scambiato con uno di quelli usati per non russare. Le labbra, suturate internamente ed esternamente, appaiono sgonfie e non medicate.
  • Pochi giorni dopo, Silvio Berlusconi viene avvistato in un centro commerciale alle porte di Arcore – anche qui provate a cercare su Google: nessuna foto, nonostante quelle scattate dai clienti del supermercato circolino molto in rete.

    I cerotti ora si sono spostati e uno di questi copre la guancia, una parte del viso che non era assolutamente stata toccata dall’incidente. La profonda ferita sotto l’occhio? Miracolo, è sparita.
  • Due giorni fa l’ultima notizia clamorosa: il premier toglie le bende e Francesco Storace assiste allo sbendaggio. Ecco che cosa dichiara: “ero incuriosito e non nascondo che ho cercato le stimmate del premier ma con mia grande sorpresa non c’era nulla”.
    A beneficio del San Tommaso che è in voi, oggi un giornale francese ha pubblicato le prime foto di Silvio senza bende, a passeggio per le vie della Costa Azzurra con la figlia Marina, con tanto di giubbotto di Putinma non li odia, i comunisti?  Offro denaro sonante a chiunque riesca a trovare un solo segno dell’aggressione.




Miracolo per l’unto dal signore o abuso di creduloneria popolare?
Nel frattempo emerge con repentina subitaneità, come un colpo allo stomaco a tradimento, anche una regia nascosta fatta di strani segnali:

  1. una strana gomitata di Berlusconi all’indietro, (secondo 14”), nella direzione dove probabilmente si trovava La Russa;
  2. uno strano colpetto che La Russa da sulla schiena ad un uomo della scorta, rivolto verso Tartaglia, esattamente sei secondi dopo (secondo 20”);
  3. uno strano ma eloquente segnale dell’uomo della scorta, a braccio teso, in concomitanza con il colpetto di La Russa, rivolto a un non meglio precisato interlocutore tra la folla. Che fosse il via libera a Massimo Tartaglia? (secondo 21”)

 

INTERNET FOR GIULIANI

 

Prenota Internet For Giuliani

 Diffondi l’iniziativa sul tuo sito:

Iscriviti al gruppo su Facebook

 

71 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Purtroppo caro Messora più rivedo queste immagini e più ripenso alla situazione della nostra povera nazione,e più spesso mi torna in mente uno slogan molto presente nella memoria di noi ex giovani della generazione x “anni 70”,che recitava:

    “il potere sta sempre nelle mani di chi detiene il fucile”portroppo ma è così.

                         auf wieder sehen

  • La mia conclusione è un mix tra la prima e la seconda.

    Nel senso che è la conclusione B aggiungendo che i certificati medici sono stati abilmente falsificati.

    Inoltre aggiungerei una domanda:

    perchè, quando c’è una clinica privata in piazza duomo, Berlusconi è stato portato al San Raffaele che è all’estrema periferia di Milano, o meglio a Milano due?

  • Grazie Claudio per lo spazio che hai dedicato al mio lavoro… spero che tutti senza pregiudizi si attengano SOLO ai fatti e che presto anche i media possano rendere giustizia alle nostre domande.

  • Il pubblico italiano non è fatto solo di intellettuali, la media è un ragazzo di seconda media che nemmeno siede al primo banco E’ a loro che devo parlare

    (Silvio Berlusconi, Corriere della Sera, 10 dicembre 2004).

  • A essere onesti, nella 6 immagine dall’alto (il primissimo piano) si nota chiaramente una cicatrice sul labbro proprio sotto la narica sx di Berlusconi.

    In internet ho cercato la stessa in altre immagini (più antiche), ma non l’ho trovata.
    Certo non parrebbe una cicatrice difficile da nascondere con un po’ di trucco.

    Curiosamente, nella foto con tanto cerotto la zona è effettivamente coperta.
    Nelle altre due invece i cerotti sono solo su zigomo e naso.
    Strano che la ferita al labbro abbia lasciato segni così evidenti e si sia rimarginata prima di quella allo zigomo che è scomparsa.

  • Noto con piacere che finalmente dopo due settimane dal fatto e dai miei commenti sui tuoi posts precedenti dove segnalavo appunto la possibilita’ della messinscena hai pubblicato questo video, piu’ recente di quello che avevo segnalato io , ma con lo stesso contenuto.

    Quando ho visto il primo video “piccoli grandi dubbi sull’agressione a Berlusconi” ho pensato che commentando sul tuo blog e postando il link del video stesso, avrei immedatamente scatenato una discussione. Invece niente. Sono stato ignorato. Ti ho scritto anche il commento divertente per farmi cambiare il nome da blastlikecrazy a eretico. Ti ricordi??

    Devo dire che la cosa non mi era piaciuta perche’ se vogliamo veramente parlare di informazione libera, non dobbiamo avere paura di chiederci se le istituzioni mentono. Il titolo del video era appunto “piccoli grandi dubbi sull’agressione a Berlusconi”. E’ del tutto normale porsi delle domande. Se la gente lo facesse piu’ spesso, non saremmo arrivati al punto in cui il mondo e’ ora.

    Devo dire che i tuoi lettori hanno molta fiducia in te’. Fino a che tu non ti sei voluto “compromettere” con questo post, che pero’ e’ firmato Vito Palumbo che tu hai definito eretico e mi fa’ piacere perche’ era il termine che ti avevo suggerito, nessuno osava prendere l’argomento. 

    Non ho niente da aggiungere perche’ il post e’ molto esplicito. Esiste un gruppo su facebook dove, oltre a discutere sull’argomento, si chiede alle autorita’ di indagare. Li’ c’e’ anche una petizione se qualcuno la vuole firmare. http://www.facebook.com/group.php?gid=217280557233&ref=ts

    Ricordatevi la teoria di David Icke: Action, Reaction, Solution e scoprirete che la nostra percezione della realta’ e’ manipolata appunto con fatti pilotati. Funziona sempre allo stesso modo. Una volta capito il gioco, non ti frega piu’. Prima di sprecare il tempo a discutere sui fatti di cronaca e’ sempre meglio indagare sulla loro veridicita’.

    Ciao Blastlikecrazy (l’eretico)  

  • per me, è stata una messinscena ed ho chiesto anche ad amici medici, che hanno confermato la possibilità che fosse tutto montato ad arte (niente sangue colante durante la dimostrazione del “cristo sfregiato”, niente ematomi naturali a seguito di fratture nasali, tartaglia che sembra giocare a pallanuoto per prendere la mira e nessuno della scorta che lo nota… mmmmhhh… gatta ci covisssima, altroché!)

     

    ma poi, scusate, perché maroni, in quanto ministro degli interni, nn si è dimesso immediatamente? perché le superbodyguards del mr. mezzotacco nn sono state licenziate all’istante?

     

     

    eppure, anche oggi obama fa professione di mea culpa a causa del fallito complotto di al quaeda, segno che in una democrazia quando si sbaglia si va a casina subitosubito… qui, invece, hanno promozioni sti stronzi di attori da quattrosoldi!

  • Le stranezze effettivamente sembrano esserci, ma penso sia più probabile pensare che in realtà non si sia fatto un cazzo e i medici abbiano inumanamente ingigantito la cosa per creare più scalpore mediatico (conclusione A).

    Penso che sarebbero dovuti essere d’accordo più o meno tutti i presenti, visto che tirare un duomo in miniatura sarebbe stato troppo pericoloso come attentato auto-organizzato: qualcuno avrebbe visto l’oggetto, magari non in metallo e non pesante, l’avrebbe potuto raccogliere…. troppo rischioso imho.

    Penso che B sia stato colpito da tartaglia con un souvenir del duomo e che non si sia fatto nulla: uno spacco al labbro (magari interno, in seguito alla botta, giustificherebbe l’assenza di segni e gonfiori già dopo qualche giorno) e un taglietto in faccia. Punto. Setto nasale e menate annesse e connesse… cazzate scritte magari da qualche medico compiacente/di fiducia per trasformare un graffio in uno sfregio. Questo spiegherebbe l’assenza di qualsivoglia segno e stigmate post intervento.

  • È ovvio che la falsificazione c’è senz’altro, anche se a me la reazione del premier mi era parsa del tutto genuina… Adesso però penserei che questa reazione realistica sia dovuta più che altro a un po’ di anestesia, magari proprio mentre aveva il volto coperto con quell’affare nero.

    Le guardie del porco che si contemplano l’ombelico, mentre Tartaglia sbraita per lunghi interminabili secondi cercando di prendere la mira; la scia che si vede dell’oggetto scagliato sembra che arrivi a colpire il petto e non il volto del premier; la macchina che non parte subito secondo come prescriverebbe la prassi in questi casi; il taglio profondo sotto l’occhio che prima non c’è e poi dopo tanto appare; quella specie di pistolina che una guardia (?) in macchina tiene nella mano e che sembra possa essere uno spruzzatore (di sangue?);  La camicia di sangue (invisibile) fuoriuscito a causa della forte emoraggia; aggiungerei l’espressione del viso rilassato del premier in macchina (mentre gli viene schizzato del sangue in faccia?); Rainews che oscura il volto del premier nell’abitacolo; la predilezione del suo San Raffaele (con la sua combriccola) invece che di un ospedale più vicino; ecc… Insomma, ‘Cca nisciune è fesse!

    Poi l’affondo indiscriminato di Cicchitto e compari contro tutta l’opposizione, molto rasserenante per il clima d’odio che si era creato…

    Il piazzista d’Arcore mi sembra molto migliorato fisicamente , dopo la visione mariana ravvicinata. Sicuramente è avvenuto il miracolo. Adesso bisognerà convincere dell’evento soprannaturale i fedeli e magari anche gli infedeli, e non è detto che non ci riesca…

  • Be, io, come Blastlikecrazy, ho subito pensato alla presa per i fondelli, non appena passato il primo sgomento alle prime immagini.. e intendo proprio le prime. Avevo sentito dell’accaduto per radio, e mi è bastata la prima “dose”, per fermarmi sul riflettere sulla stupidità di ogni atto di violenza, compassione e empatia per un uomo di 70 anni vittima di un’aggressione. Alla seconda “dose”, già troppi dubbi s’instaurarono e cominciai a dire a tutti che poteva esser una favola elettorale: sono stato svezzato con i fatti del 9/11 : Berlusconi in fondo è un principiante, e lampanti erano gli indizi a conforto della mia idea…

    Ma ho capito il silenzio di Claudio: non si poteva mettere subito in circolo queste convinzioni. Occorreva tenere un profilo basso, sussurrare in rete certi pensieri, instillare il dubbio. Raccogliere informazioni.

    Caro Vito, il tocco di gomito a La Russa, e successivo passaggio alla scorta con gesto di via libera, mi era sfuggito. Però ti voglio segnalare che nell’altro video, in cui si vede Tartaglia prendere la mira, un youtubers aveva fatto notare un altro particolare agghiacciante: Tartaglia sembra parlare con un microfonista e sembra ricevere il “via libera” per partire all’attacco. Non ho l’attrezzatura per certi lavori, ma se si riuscissero a sincronizzare e confrontare i due filmati, si potrebbe avere una vera PROVA GIURIDICA dell’accaduto. Se al gesto della guardia del corpo, corrispondesse il gesto del microfonista, non ci sarebbe più alcun dubbio, per chiunque, soprattutto per la magistratura. Io credo che ciò fosse provato, ci troveremmo di fronte a un tentativo di colpo di stato.

    Grazie Claudio, come sempre. E credo tu abbia usato in fondo un ottimo tempismo, nel trattare questo orribile caso di manipolazione mediatica.

  • Cosa vuol dire stò video postato?? Era stato dato del folle a chi aveva avuto il minimo sospetto che c’erano molte cose che non quadravano. Da travaglio allo stesso Claudio Massora, e ora spunta fuori il video che dovrebbe illuminare tutti?

    Il buon senso e la capacità di razionalizzare, ecco cosa ci vuole, non il video. Come si spiega il fatto che a me (e non solo) sin dal primo momento e senza aver visto nessun video su youtube o affini, erano sorti molti dubbi sulla dinamica stessa dell’ggressione. Oramai gli italiani sono cotti e stracotti, a nulla più servono video o chiacchiere, tutto è stato detto tutto è stato tentato.

    Personalmente ho constatato che ci sono in giro ancora moltissimi sostenitori dell’attuale Premier, ai quali non dico più nulla, li lascio liberi di credere o  non credere quello che vogliono, oramai e trascorso il tempo delle parole… getto la spugna.

    Tutti gli italiani credo abbiano ciò che si meritano nel bene o nel male:

    Siete felici dell’attuale stato di cose? buon per voi, se invece siete scontenti pazienza.

    Io personalmente mi tiro fuori, e logorante e offensivo per la mia intelligenza, continuare a vedere come molti dei miei connazionali si lasciano (a mio parere)abbindolare da avvenimenti aberranti come il “giochetto” di cui qui si parla.

    Auguriamoci solo che alla fine tutti vada per il meglio, per noi e sopratutto per il futuro dei nostri figli.

    • Ciao, anche io che sono l’autore del video e dell’articolo all’inizio ho guardato con scetticismo i primi video… tornare indietro e ravvedersi non è un peccato…

    • …in molti abbiam gridato al complotto… ma son d’accordo con Claudio, sulla sua scelta di evitare l’argomento. Il momento per la rete era delicato, le si voleva addossare tutte le colpe: un’intensificazione della critica avrebbe solo autoalimentato il caos e l’alienazione totale della gente estranea alla rete… avrebbero avallato limiti imposti dal governo, indicandoci come istigatori d’odio… così invece, parlando con calma, sottovoce, si son raccolte le informazioni, il mister B(ean) è uscito allo scoperto con la faccia nuova, e si possono dimostrare tutte le teorie che vogliamo senza prenderci dell’istigatori… Caro Cicos, adesso, senza arrabbiarti, scherzando, buttandola sul ridere, fai vedere, senza commentare nulla, ai tuoi amici che non ti credono questo video… non devi aver da loro un pentimento firmato col sangue… sarà sufficiente avergli instillato il tarlo del dubbio: il resto lo farà la loro co-scenza

      Io credo che ce la faremo, invece, ad avere un mondo più “pulito”, senza i Berlusconi e i D’alema… senza i politici, ma con DONNE e UOMINI DI VALORE a guidare questa nuova rivoluzione: dopo l’industriale, quella culturale.

  • Fate bene attenzione perchè quanto già accennato da blastlikecrazy sulla teoria di David Icke è ormai oggettivamente riscontrabile nella realtà in cui viviamo:

    PROBLEMA – REAZIONE – SOLUZIONE

    Gli USA utilizzano da oltre un secolo questo metodo per giustificare il loro colonialismo e le loro guerre all’estero (la loro costituzione non permette l’attacco ma solo la difesa); la maggior parte delle guerre da loro intraprese si fondano su basi inesistenti (incidente nel golfo del Tonkino per la guerra del Vietnam, armi distruzione di massa in Iraq), attacchi conosciuti e deliberatamente lasciati attuare (Lusitania per la prima guerra mondiale, Pearl Harbor per la seconda) per arrivare addirittura all’auto-attentato (11 settembre 2001). Ora questo metodo è stato esportato anche negli altri paesi occidentali (vedi attacco metro in inghilterra) e B lo ha appena utilizzato nel suo piccolo per risollevare il suo consenso. È un escamotage che può rivelarsi utile in mille situazioni e può essere usato per scopi macroscopici (guerre) come per quelli microscopici (ottenere consenso elettorale).

    Pensate a quanto è successo per la mortale pandemia d’influenza suina AH1N1, la paura che le hanno cucito addosso con enorme campagna mediatica, la sua vera pericolosità, l’acquisto dei relativi vaccini, il loro reale utilizzo e chi ci ha guadagnato…

    • Questo e quello che gli stati uniti stanno esportando!! Questa e’ quella che chiamano democrazia: la menzogna per plagiare la psiche umana. Sono maestri. Questo e’ quello che il mondo sta’ copiando ed e’ per questo che siamo messi come siamo. 

      Dobbiamo smettere di scimiottare gli usa e smettere di guardarli come un esempio. Il gioco e’ esattamente lo stesso. Solo mentono. E il nostro bel pagliaccio nostrano, noto amico di Bush, ha copiato malissimo questo sistema e si e’ fatto beccare subito. 

      In un mondo dove i premi nobel per la pace vengono dati ai guerrafondai c’e’ sicuramente qualcosa di sbagliato. 

    • Senza tener conto che in televisione, per plagiare degli ascoltatori (inizialmente per la pubblicità, poi per scopi di plagio sociale), viene utilizzata la tecnica della Programmazione Neuro Linguistica.

      Si tratta in pratica di ipnotizzare le persone, non nel senso che tutti noi intendiamo per “ipnosi” tipo far fare la gallina alla gente o fargli credere di essere Napoleone, ma nel senso che riescono a direzionare la coscenza collettiva verso opinioni o percezioni della realtà che loro creano a tavolino.

  • allucinante.

    sono nato nel 59, credevo di aver visto tutto o quasi.

    non riesco a crederci, ma purtroppo è lampante.

    fino ad ora avevo visto video del genere che, però, non erano abbastanza credibili.

    grazie. che altro posso dire!?!

  • beh servizio molto eaustivo.

    forse tra un po’ della cosa se ne occuperanno trasmissioni tipo matrix o merda simile.

    condivido tutto, su una cosa volevo fare un appunto, nel caso si arrivasse in certi salotti, io sono molto per le prove reali, visive tangibili, come il fatto che non avesse neanche una goccia di sangue sul vestito, il nodo della cravatta non era stato allentato e cose simili, più che sul fare congetture teoriche che possono dare modo di screditare il tutto. cioè dire che il gomito di berlusconi ha colpito la russa e dal li è scaturito tutto da il modo ai vari giornalisti lecchini di attaccarti su questo punto, poco dimostrabile, screditando il tutto.

    avete mai sentito dei cosiddetti debunkers, o di come sia stato screditato thierry meissan usl caso 11 settembre. questa è una faccenda molto sporca, e screditare una teoria è molto più semplice che screditare  un fatto, berlusconi non aveva il vestito sporco di sangue, esempio.

    ciao a tutti

     

  • Oh lo vedi se picchia e mena ti sei deciso a pubblicare il nostro “legittimo dubbio”!

    Scusa lo sfogo livornese, ma sono convinta sempre di più che il povero Tartaglia sia stato il mezzo che giustifica il fine (a proposito, dov’è? sempre in isolamento? Aspettano che faccia la fine di Cucchi?).

    Su petizioni on line ci sono 1500 firme per la Procura di Milano, 1500 persone che chiedono chiarezza su un fatto che persino Oliver Stone ha definito un messinscena.

    Speriamo che non m ettano il segreto di stato anche su questo.

    Ciao Claudio, se hai tempo rispondi al messaggio su FB

    Monica Giraldi

  • Prima di parlare di natura, intesa come mondo animale, dovresti contare fino a 10.

    In natura non vengono compiuti omicidi come li intendiamo noi, ma per la mera sopravvivenza. Non c’è nè brutalità per il divertimento di menti malate, nè vendette a tradimento, nè omicidi a scopo di rapina per impossessarsi del patri-monio.

  • Ci sono delle cose che mi lasciano perplesso: “il clima di odio” è una frase che ha usato Fede nemmeno un minuto dopo questo gesto sconsiderato. NON E’ FARINA DEL SACCO DI CICCHITTO. 20 giorni di riposo, ma continuando sempre a comandare e proponendo a D’ALEMA l’ inciucio. Questo riposo è arrivato quando Berlusconi avrebbe dovuto “rispondere” a ciò che diceva SPATUZZA, in un visibile calo di consenso. La macchina del “PARTITO DELL’ AMORE” era pronta in ogni suo dettaglio. SI ASPETTAVANO CHE SUCCEDESSE UNA COSA DI QUESTO GENERE, ED ERANO PRONTI A SFRUTTARLA A PROPRIO VANTAGGIO. ECCO PERCHE’ GLI AGENTI DELLA SICUREZZA NON SONO STATI PUNITI. Dal punto di vista di Berlusconi, gli devi dare una gratifica per la loro “svista”…E QUANDO GLI RICAPITA UNA OCCASIONE COSI’??

  • Come al solito complimentoni claudio ,era ora che le domende fossero ufficializzate da una voce come la tua anzi nostra (ormai ti considero anche la mia voce,tutto quello che dici io lo condivido in pieno e penso che come me ce saranno tanti altri),complimentissimi.

    sono con te ed esigo rispostre da questi buffoni !!!

     

  • C’é troppa gente davanti a silvio

    Le telecamere sono di mediaset

    il servizio di sicurezza é di silvio

    dunque:

    spostano l’immagine perché devono liberare il campo visivo a Tartaglia

    questa é la mia spiegazione al gesto stupido del cameraman

  • Complimenti ad huruk-hai hai centrato il punto, ma provate a cercare su youtube SEPTEMBER CLUES, questa bufala del premier mi ha fatto ritornare in mente cio’ che io miei occhi hanno sempre visto ma la mente non ha realizzato.

    Questo è qeullo che succede, puoi anche stare vicino all’accaduto, ma l’emozione ti farà rimanere impresso solo ciò che più ti colpisce. GLi uomini di marketing, i sociologi, gli psicologi lo sanno benissimo come funzionano questi meccanismi mentali.

    A distanza di anni un evento mi ha fatto svegliare e mi ha messo la pulce nell’orecchio.

    Immaginate quante cose della storia che leggiamo nei libri è falso.

  • Io non so se l’attacco al presidente del consiglio sia vero oppure una messinscena, penso solo che al proprietario delle televisioni, specializzato in candid camera e fiction di ogni genere, non sia così difficile. Se infine penso ai vantaggi riportati, allora mi sembra una specie di 11 settembre. Spero di esser stato chiaro. Ciao.

  • Grande lavoro Claudio. Complimenti!

    Ora so cosa è successo, ho capito.

    L’hanno sostituito!!! Non è la stessa persona!

    Forse perché non reggeva più o forse si era scocciato o magari non dava più retta: hanno preso un sosia e l’hanno sostituito.

    Buongiorno Italia… anzi, buonanotte

  • …Un particolare trascurato e che mi ha incuriosito è che si vede il premier stringere mani e firmare autografi…appena colpito porta al volto le mani che sembrerebbero stringere un “panno” scuro.Secondo me è una farsa!!!!

  • A me ricorda una veccia storiella che non mi hanno mai racontato da piccolo…..

    Silvio e  Hermann Göring arrivarono poco dopo, e quando gli venne mostrato van der Lubbe, un noto agitatore comunista, Göring dichiarò immediatamente che il fuoco era stato appiccato dai comunisti e fece arrestare i capi del partito. Vengono arrestati e processati i comunisti bulgari Georgi Dimitrov, Blagoj Tanev e Vasil Popov. Silvio si avvantaggiò della situazione per dichiarare lo stato di emergenza e incoraggiare ….. (continua)

     

  • Un BRAVO a Claudio che ha avuto il coraggio di rendere noto questo “dubbio”. A sensazione, e conoscendo i protagonisti, direi che il mini-attentato è tutta una farsa.

     

    Perché Tartaglia non è avvicinabile? E’ sparito in chissà quale castello d’IF. Hanno forse paura che vuoti il sacco prima delle regionali?

     

     

    P.S. Ma quei tagli sulla fronte cosa sono? Non sarà mica un innesto bionico che ce lo preserverà in vita per altri 50 anni?

  • Un BRAVO a Claudio che ha avuto il coraggio di rendere noto questo “dubbio”. A sensazione, e conoscendo i protagonisti, direi che il mini-attentato è tutta una farsa.

     

    Perché Tartaglia non è avvicinabile? E’ sparito in chissà quale castello d’IF. Hanno forse paura che vuoti il sacco prima delle regionali?

     

     

    P.S. Ma quei tagli sulla fronte cosa sono? Non sarà mica un innesto bionico che ce lo preserverà in vita per altri 50 anni?

  • Un BRAVO a Claudio che ha avuto il coraggio di rendere noto questo “dubbio”. A sensazione, e conoscendo i protagonisti, direi che il mini-attentato è tutta una farsa.

     

    Perché Tartaglia non è avvicinabile? E’ sparito in chissà quale castello d’IF. Hanno forse paura che vuoti il sacco prima delle regionali?

     

     

    P.S. Ma quei tagli sulla fronte cosa sono? Non sarà mica un innesto bionico che ce lo preserverà in vita per altri 50 anni?

  • Un proverbio dice: ” Meglio tardi che mai”. Articolo scritto il 22 da me medesimo http://www.blogdialain.com/2009/12/22/coincidenze-o-manipolazione-dell'informazione/

    Chiaro, il mio blog non è visibile come il tuo ma posso dire che questi video sono in giro per youtube già da un bel po.

    Si intravede la pagliacciata messa in piedi da qualche Ghedini di turno ma sta di fatto che come al solito finirà tutto in nulla e chi di dovere avrà esordito l’effetto sperato.

    In conclusione mi chiedo perchè dire alla gente la verità visto che non la vedono neanche se glie la spalmi in faccia ?

    Che senso ha ? Ormai sono quasi tutti telerincoglioniti ! i pochi che si salvano sono quelli che attingono dal web per quello che durerà ancora.

    posso solo dire che mi vergogno di essere Italiano anche se non ho mai condiviso le idee politiche che ci circondano.

    Avanti così e mi raccomando di andare a votare………così contribuirete a distruggere quel poco che è rimasto di decente in questo, chiamiamolo paese.

    Saluti

  • NON VORREI SBAGLIARE… MA ANALIZZANDO LA FOTO IN PRIMO PIANO DEL BERLUSCA SEMBRA CHE L’AREA INERENTE IL NASO ABBIA UNA RISOLUZIONE DIVERSA, OVVERO: I PIXEL APPAIONO PIU’ PICCOLI RISPETTO AL RESTO DELLA FACCIA. CON QUESTO NON VOGLIO AFFERMARE NIENTE PERCHE’ NON SONO UN ESPERTO GRAFICO, PERO’ MI PIACEREBBE SAPERE IL VOSTRO PARERE AL RIGUARDO.

    CIAO 

  • Come ex altleta agonista di karate (mi sono rotto, in combattimento, il setto nasale per tre volte), posso dire due cose:

    1- la prima volta che si rompe il setto nasale è un dolore lancinante e scende giù un fiume di sangue, per almeno 5 minuti non smette di sangiunare (la prima volta che mi si è rotto il setto nasale, in gara, il giudice sospese l’incontro) , ma sopratutto il cazzo di male che fà!!!! Un pò stordisce il dolore e a mio giudizio dubito fortemente che un uomo di 70 anni suonati riesca a reagire a tal punto da avere le forze (al di là della scorta che non l’abbia trattenuto!!) da uscire dall’auto, salire sul predellino e farsi vedere dalla folla con il naso sanguinante senza batter ciglio, senza contare che come john rambo non ha cagato minimamente il male della frattura .

     

    2- i segni della rottura non svaniscono nel nulla in meno di 20 giorni !!! Questa è proprio buona!! A me i segni della rottura, cioè I VISTOSISSIMI E CHIARI LIVIDI, SOPRATUTTO quelli SOTTO AGLI OCCHI, RIPETO SOTTO AGLI OCCHI SPARISCONO DAI 45 AI 60 GIORNI CIRCA…fate una cosa se non mi credete entrate in qualssiasi palestra pugilistica e domandateloa qualsiasi pugilatore!!!! 

  • x Vito Palumbo

    Complimenti per il video… però non posso fare a meno di far notare che le conclusioni A e B sono logicamente dipendenti. Cioè: se credi alla A finisci inevitabilmente per credere vera la B (e quindi la A diventa inutile).

    Mi spiego. Se le ferite e il sangue mostrati da B sono falsi (o lo sono per la maggior parte) si da per scontato che lui e/o il suo staff fossero preparati per  ad un simile evento, a meno che non si ipotizzi che gli uomini di B o B stesso siano in uso viaggiare con contenitori di sangue finto o marmellata di fragole da utilizzare alla bisogna.

    Ma l’unico modo per essere preparati era ovvimente quello di averlo organizzato.

    Bada bene, non sto mettendo in dubbio il tuo lavoro e gli elementi che emergono da esso… semplicemente faccio notare che l’ipotesi A (che poi è quella istintivamente più credibile) da sola non sta in piedi.

     

  • Ribadisco

    1 – C’é troppa gente davanti a silvio

    2 – Le telecamere sono di mediaset

    3 – il servizio di sicurezza é di silvio

    dunque:
    1 – spostano l’immagine della telecamera perché devono liberare il campo visivo a Tartaglia
    2 -Tartaglia si é dissolto nel nulla
    3 – il resto lo avete già ampiamente dimostrato
    é una colossale montatura

     

  • Vito Palumbo said…

    La A teorizza che:
    L’aggressione ci sia stata ma che si sia ingigantita e strumentalizzata

    —-

    Con tutto il rispetto, ma “ingigantita” cosa vuol dire? Il tuo video mette chiaramente (e giustamente) in dubbio che l’aggressione in realtà NON abbia prodotto le ferite successivamente dichiarate dal medico di B. Ergo, poiché dentro e dopo essere uscito dalla macchina il sangue sul viso di B c’è e in discreta abbondanza (anche se stranamente rappreso), ne segue che:

    1) le ferite dichiarate sono reali (anche se dai video non sembra affatto così), oppure…

    2) le ferite NON sono (per la maggior parte) reali… tradotto: il sangue ce lo hanno messo loro.

    Non possono essere entrambe vere… quindi la teoria A, date le premesse dei video, secondo me non può reggere. (O è tutto vero o hanno imbrogliato fin dal principio).

    Il discorso sarebbe stato completamente diverso se B non si fosse mostrato col volto insanguinato e il suo staff lo avesse immediatamente portato via. In questo caso, successive dichiarazioni sulle (presunte) ferite sarebbero state compatibili con entrambe le tue ipotesi.

  • Eccellente lavoro. Bisognerebbe ora riuscire ad approfondire alcuni aspetti riguardanti gli attori. Tralasciando gli uomini della scorta ed i politici, come è possibile che siano conniventi IL LANCIATORE, I MEDICI, GLI INFERMIERI? Non che ciò sia impossibile ma sarebbe il caso di puntare ora l’attenzione in una nuova direzione per capire cosa è successo davvero. Chissà se qualcuno è in grado di farlo.

  • Complimenti per il preciso e dettagliato, sono sempre stato convinto di questo, e ora non ho più alcun dubbio.

    Purtroppo però nessuno ne parla e più il tempo passa, più la questione finirà nel dimenticatoio. Se non parte qualcosa dalla rete, non aspettiamoci aiuti dai media o dall’opposizione. Ad esempio si potrebbe stampare un volantino e affliggerlo dappertutto, tappezzare i muri dove passa più gente, fermate dei bus stazioni tram ecc. Fare manifesti formato gigante, prima che li tolgano qualcuno dovrà pur leggerli, o insomma iniziative del genere. La maggior parte degli italiani non sa e non sospetta nulla anche perchè non sanno nulla della rete, ma se venissero informati forse qualcuno cambierebbe opinione… nessuno può mettere in discussione che si tratti di una farsa, ma di questo ormai non si dovrebbe più discutere

  • Ma quale attentato. Non vedo esiti di traumi e ferite ma solo la solita faccia di…

    C’è anche il precedente storico, tal Pisistrato che simulò un’aggressione per conquistare il potere ad Atene.

    Ciao Claudio, un saluto.

  • La pazienza e’ la virtu’ dei forti!

    Complimenti a Claudio Messora per aver avuto la pazienza di aspettare (da tempo apparivano su youtube video sul farsesco “attentato” al Presidente del Consiglio) e raccogliere maggiori elementi. E complimenti a Vito Palumbo per il serio lavoro fatto.

    Ed ecco che possiamo finalmente constatare dalle foto che il risultato del “clima di odio” suscitato da Di Pietro (subito individuato da Emilio Fede e dalla nutrita schiera degli altri leccapiedi come il mandante morale del [finto] attentato) e’ solamente un “punto nero” sul naso di Berlusconi!

    Da parte mia, a quanto descritto nel post e nel video “non ci sono piu’ gli attentati di una volta”, vorrei solo aggiungere quanto segue.

    – Nessuno ha piu’ mostrato il discorso di Berlusconi, dal palco, di quel giorno, quello si’ pieno di odio e provocatorio.

    – Nessuno ha piu’ mostrato l’intervista a La Russa subito dopo il finto attentato, in cui il Ministro della Difesa (difesa di chi?) continuava ad insistere sulla “pacatezza” del discorso di Berlusconi.

    – Sfido chiunque, anche il miglior lanciatore dei baracconi e delle giostre, a centrare (al primo colpo) dalla posizione e nelle condizioni in cui si trovava Tartaglia, stretto dalla folla, la faccia di Berlusconi. Se fosse vero che lo psicopatico ha centrato il volto del Premier, bisognerebbe dargli almeno un “pelouche” di Berlusconi, in premio della mira eccezionale, come nelle migliori sagre di paese.

    – E’ quanto meno “stravagante” che il Dott. Zangrillo fosse vicino al Premier durante il fatto, e che sia sempre stato l’unico a dare bollettini medici e a parlare di fronte alle telecamere. Nessuna conferma da parte di altri medici.

    – Andatevi a vedere chi e’ Zangrillo e le polemiche che circondano questa persona. Non mi pare proprio che sia una persona affidabile.

    – Il San Raffaele e’ “l’ospedale di Berlusconi” e non abbiamo sentito altri specialisti. E’ da sperare che almeno la Magistratura indagante abbia disposto qualche seria perizia non solo su Tartaglia, ma anche sulle ferite di Berlusconi. Oppure anche loro si fideranno ciecamente di Zangrillo?

    – Ricordiamoci che Mediaset da anni produce fiction per la TV.

    – Ricordiamoci inoltre che in Mediaset non mancano i bravi truccatori.

    – Alla Mediaset, dopo “Il capo dei capi”, che stiano gia’ preparando la nuova fiction “Il Premier dei Premier”?

    – Io non sono esperto a maneggiare i video e le foto, allora invito qualcuno piu’ bravo a rielaborare il manifesto “PDL Basiglio” riproposto alla fine di questo post, aggiungendo, oltre alla foto presentata, le foto di Berlusconi prima e dopo la cura, e cambiando le scritte in: E’ questo il paese che vogliamo? Un’istituzione che non rispetta i suoi cittadini e’ destinata a morire!.

    Sono convinto che nessuno (neppure Santoro) osera’ parlare di questa nuova versione dei fatti. Cosa possiamo fare per diffondere il piu’ possibile questa informazione?

    Saluti a tutti

    Lorenzo Filippi – Padova

  • vuoi vedere che è stato tutto programmato dai servizi segreti e dal “personale” che “lavora” nell’area 51?!?

    Potrebbe essere nuovo argomento per i magazine Hera e  Area di Confine.

     

    il mistero regnerà sovrano

     

    buon proseguimento a tutti e Auguri anche se in ritardo

    Karmen

    PS: sdrammatizzo ironicamente

     

     

  • Mi sembra ovvio che sia tutta una sceneggiata,la scorta non è stata cambiata( e perchè mai doveva essere cambiata ha fatto esattamente quanto comandato)non si nota nessun ematoma e credetemi dopo una rottura di setto nasale, l’ematoma dovrebbe esserci, e poi perchè andare al san Raffaele quando a minor distanza vi erano diversi presidi ospedalieri… andava bene anche la clinica Santa Rita eh eh eh .

  • Io avrei notato altre due cose che mi hanno fatto insospettire:

     

    1) Quel sacchetto nero in mano.

    Quando mai una scorta può permettere che una persona tra la folla passi del materiale al presidente senza almeno controllare? se ci fosse stato un ordigno nascosto? E poi perche mai avrebbe dovuto portarselo dietro proprio nei secondi precedenti l’aggressione?

    Altrettanto stranamente è lo stesso oggetto che si porta al viso per proteggersi dopo l’urto..

    Inoltre… è la PRIMA VOLTA che vedo una scena del genere. Il presidente che ha qualcosa in mano mentre fa il suo bagno di folla, come se fosse la busta della spesa.

    2) L’atteggiamento

    Anche qui, è la PRIMA VOLTA che, nel bagno di folla, lo vedo chino, curvo, schivo e non alto pronto e baldanzoso come al suo solito.

     

    Bah

     

  • vi fidereste di “assoldare” una persona psicologicamente provata come il sig. Tartaglia (cartelle cliniche dimostrano che era in cura psichiatrica da anni) ed esser sicuri che non ceda alla pressione della situazione?

    Se poi si vogliono aggiungere congetture alle congetture con un po’ di immaginazione si potrebbe pensare a qualsiasi cosa… e vince chi ha più creatività

    Questo non è un particolare trascurabile

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi