Barbareschi Sciock (e copione)

 

Al minuto 1:05, le prove del plagio di Luca Barbareschi

Mi rivolgo a quei pochi fortunati che ancora un lavoro ce l’hanno, magari a 800EUR al mese e a tempo determinato. Andate dal vostro datore di lavoro e ditegli che d’ora in poi verrete in ufficio un giorno sì e uno no, perchè voi con la miseria di stipendio che percepite non potete andare avanti. Un calcio in culo e vi ritrovate con una scatola di cartone zeppa di penne e matite, seduti sul marciapiede.
Luca Barbareschi è parlamentare della XVI legislatura e percepisce uno stipendio lordo di 23.000EUR, più benefit. A novembre è stato accertato che andava in ufficio (alla Camera) meno di una volta su due: solo il 47,7% delle volte perchè lui, con soli 23.000EUR al mese, proprio non riesce ad andare avanti.  Così, visto che a Montecitorio ci andava anche troppo, ha deciso che doveva assolutamente trovarsi qualcos’altro da fare. Dal 22 gennaio, per 12 puntate, andrà in onda su LA7 con Barbareschi Sciock.
 
Nello spot ufficiale lo si può vedere mentre, davanti a un frullatore, fracassa e tritura nell’ordine: un I-Phone, un mouse, un cd e un foglio di giornale. Nulla da eccepire. A uno che insieme alla Carlucci si è fatto promotore della carta di identità obbligatoria per l’accesso alla rete, che ha cercato in tutti i modi di difendere gli interessi delle lobby della cultura e che, facendo parte del Popolo della Libertà, ha coerentemente sostenuto con rigore ed inflessibilità degni di un Torquemada che internet vada regolamentata, non si poteva chiedere più onesta intellettuale. La sua conoscenza di new-media, libertà digitali e di Net Neutrality è tale per cui quello che tocca non può che irrimediabilmente rompere.
Ieri un sondaggio con oltre 2mila voti in meno di 24 ore ha dato indicazioni chiare sull’umanità di Vittorio Feltri. Per il 98% dei lettori, di fronte a una tragedia come quella haitiana, non è umanamente ammissibile lanciare titoli strumentali o provocatori come “Haiti, catastrofe dell’anticapitalismo“: dignità ed umiltà di fronte alla morte e alla sofferenza vorrebbero che fossero sospese le ordinarie attività di proselitismo per lasciare spazio ad un sentimento di sgomento, cordoglio ed attonita mestizia.
Oggi vi chiedo: un dipendente dello Stato italiano, chiamato a decidere il presente ed il futuro di oltre 60 milioni di italiani, eletto sulla fiducia per traghettare un paese – già sull’orlo del baratro – non certo verso una salvezza ancora lontana ed irrealistica, ma perlomeno verso un relitto che possa tenerci a galla nell’attesa di un qualsiasi approdo sicuro, può percepire uno stipendio di 23.000EUR al mese e recarsi in Parlamento meno di quindici giorni al mese, occupandosi nel resto del tempo di teatro, di affari personali e della direzione e conduzione di una trasmissione televisiva in prima serata?
Di più: credete che la trasparenza e la correttezza dell’informazione siano tutelate, specialmente con l’approssimarsi delle regionali, quando un politico appertenente allo schieramento della maggioranza conduce una trasmissione di approfondimenti, interviste e intrattenimento, producendo cultura e influenzando l’opinione pubblica?

31 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I comportamenti di questi personaggi pubblici, che temporaneamente e saltuariamente sono anche politici che amministrano la cosa pubblica, ci fanno allontanare sempre di più dall’essere un paese normale.

    Se ancora lo fossimo forse non dovremmo nemmeno chiederci se la pluralità d’informazione sia in pericolo perché credo che non esisterebbero tali sovrapposizioni di ruoli.

    In Italia tutto sembra ormai possibile, infatti, il politico/attore/conduttore/ecc. di turno, per non farsi mancare niente sarà presente in prima serata anche sul satellite con sky, almeno per una puntata nella trasmissione ideata da Lucio Dalla, che lo vedrà anche protagonista. Non poteva che ritagliarsi anche “un angolo di cielo”,  non sia mai non lo vedessimo abbastanza sul digitale! 

  • Per l’enesima volta mi chiedo: COME CA..O CI LIBERIAMO DA QUESTI PERSONAGGI??????? PORCA MISERIA!!!!!!!!!!!!!!!!!

     

    (scusate l’inguaggio, ma a volte ci vuole)

  • Ma il tipo che ha votato si al sondaggio sarà mica un certo Luca B.? =P

    Beh, non credo abbia il tempo di navigare su internet, con tutti i lavori che fa.

  • Peccato che Barbareschi non trituri il suo cervello(?). E’ una vergogna. Nel mio modesto blog da diverso tempo sto parlando degli esponenti della COL. Barbareschi rappresenta in pieno il tipico esponente della COL. Sveglia Italia!!!

  • questo non ha mai fatto un programma decente, è un politico indecente e risponde pure male a chi gli fa notare quanto sia inefficente…

  • Guardate che conviene che in parlamento non ci vada proprio è in grado solo di fare danni.

    Meglio così che al lavoro su leggi liberticide

     

  • L’osservazione di Messora sul deprorevole comportamento del Parlamentare Barbareschi è ineccepibile.

    Tuttavia, al fine di divulgare tale notizia tra le schiere dei suoi fans, mi piacerebbe, anche per completezza, che fosse riportata una classifica generale riferita alle presenze in aula di tutti i parlamentari.

     

    • Ecco la presenza di tutti i parlamentari, con relative votazioni, dall’inizio della legislatura il 29 aprile 2008 al dicembre 2009 direttamente dal nuovo sito della Camera dei Deputati (per trovarlo bisogna seguire il percorso: Deputati e Organi ParlamentariPartecipazione al votoElenco alfabetico generale). Dall’elenco Barbareschi Luca Giorgio del PDL risulta avere il 46,97% delle presenze.

  • Ciao Claudio.

    Tutto giusto quello che dici, naturalmente. Ti confesso però i sondaggi che lanci al termine del post sono un pò pleonastici e dall’esito scontato. Ricorda che a parteciparvi sono i tuoi lettori, che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono sempre d’accordo con te. Non cadere nella trappola del populismo. Tu puoi distinguerti.

    MM

    • Se riesci a farli pubblicare anche a Feltri o a Belpietro, glieli cedo volentieri. 🙂
      Perdonami ma la tua nota è almeno tanto ovvia quanto l’ovvietà che si propone di farmi notare 🙂

       

      Con sincera cordialità.

  • Ma secondo voi, quale arcano ragionamento, potrebbe aver generato, in alcune persone, la volontà di votare Barbareschi.

    Almeno Cicciolina promise più gnocca per tutti e si sa che tira più un pelo di ….

    Barbareschi … patetico come attore, mediocre come presentatore, tragico come politico, mi auguro che abbia delle doti nascoste.

  • Comunque date un occhio anche agli altri.

    Un incredibile Scajola Claudio che ambisce a battere il record del Dondi dei Giancattivi (e scusatemi la citazione dotta).

    Comunque i deputati con la maggior percentuale di presenze sono quasi tutti del PDL.

  • Aggiungo …

    Il trattamento economico dei membri della Camera dei deputati è determinato dalla legge n. 1261 del 31 ottobre 1965.

    Sono previste, oltre alle tessere per la libera circolazione su tutti vettori nazionali, anche:

    • un’indennità parlamentare pari a 25.486,58 € netti mensili;” (fonte wikipedia)

     

    Cercando in internet il salario annuo medio di un operaio è circa 13000euro

    Significa che allo stesso prezzo (anzi guadagnandoci pure qualcosina) potrei sostituire il on. Barbareschi con 20 persone.

    Anche supponendo che l’on Barbareschi sia dotato di un intelligenza fuori dal comune di sicuro 20 cervelli sono meglio di uno.

     

    Reiterando l’idea per ogniuno dei 630 mangia pane a tradimento, otteniamo
    1) 11970 nuovi posti di lavoro
    2) Un risparmio annuo di 24.000.000 di euro

  • Naturalmente ho votato No. Uno come barbareschi dovrebbe solamente fare una cosa, iniziare a fare la coda alla posta, fare qualche colloquio di lavoro e sentirsi dire “no sei troppo qualificato”, “no sei poco qualificato”, “no sei troppo vecchio”, “anzi troppo giovane”, “troppa voglia di lavorare”, “troppo preoccupato per il futuro”, “beh ma non ha neanche una tessera di partito”…

    Ecco uno come barbareschi dovrebbe fare questo. Lasciare il parlamanto alle persone che realmente hanno voglia di costruire qualcosa di concreto. Ma in fondo non dobbiamo nemmeno scandalizzarci ormai le vere camere sono le televisioni con i vari ministri del momento come vespa… e in una mediocrazia un politico deve apparire soprattuto quando non h niente da dire.

    Speriamo solo che valga la norma che i politici non possono essere pagati per le prestazioni in Tv. O vale solo per la Rai?!?

    Un saluto e naturalmente complimenti per il blog

  • Pochi chilometri e sarei svizzera… MA PERCHE’ NON SONO SVIZZERA???

    Mi vergogno dei politici e ultimamente della tv che abbiamo. Sono sono belle parole, tante promesse  e fatti 0. Gli “stipendi” che prendono poi sono la vergogna più grande: per dormire sulla poltrona, fare gli stupidi quando ci sono le telecamere (ormai su mediaset guardo solo iene e striscia e sinceramente se ne vedono tanti di idioti lì a Roma) e poi non ci vanno nemmeno a “lavorare” (o dovrei dire scaldare la poltrona???) Mah.. E ora pure sto qui che va a La7. A parte il fatto che è un presentatore neanche troppo bravo, chi ha avuto il coraggio di ingaggiarlo? Non ne abbiamo abbastanza di GF che intasano tutto, dalla tv al web, anche onorevoli incapaci e mangiatori di gelato a trdimento devono propinarci??? Quante domande a cui non avrò mai riposta….

  • Permettimi Claudio, ma la domanda è sbagliata in partenza. Avresti dovuto chiedere:

    Barbareschi secondo voi merita i soldi che prende da deputato?

    Secondo me, alla luce delle dichiarazioni da lui fatte nel corso del tempo, non solo non è un politico valido ma nemmeno un possibile rappresentante del popolo. Come libero cittadino, lo licenzio in tronco e ne disconosco l’operato. Di più, non gli riconosco affatto la carica di cui è investito, poiché lo ritengo indegno. Andasse a casa e lasciasse posto a chi PUO’. Visto che gli piace recitare, lo facesse, non glielo impedisce nessuno.

    Seguendo la domanda del sondaggio, sembrerebbe infatti che l’altra metà dello stipendio per la quale egli “presenzia” sul posto di lavoro se la meriti. Io non credo.

  • Ma poi vorrei capire, qual è il motivo di questo plagio?

    “Will it blend?” è una serie che serve a pubblicizzare i potenti frullatori mostrati in azione, lui che pubblicizza? Una trasmissione in cui con molta probabilità verrà sparso un giudizio ignorante e spregievole sulla tecnologia, internet e la stampa (tra l’altro copia proprio la rete): che novità.

    Vergognoso che un politico di maggioranza abbia tale spazio televisivo per fare propaganda. Poco ci manca all’informazione di regime a reti unificate, sul livello culturale già hanno fatto sufficienti danni. Sono curioso di vedere gli ospiti…

     

    PS: ovviamente lo guarderò per farmi due risate, rigorosamente su youtube 🙂

  • Luca Barbareschi non potrebbe e non dovrebbe avere uno show su nessuna televisione, commerciale o privata, perche’ per suo ruolo di On. Parlamentare, che gia’ svolge. Io vivo da molti anni nel Regno Unito – Uk- e qui una cosa del genere e’assolutamente inaudita e porterebbe inevitabelmente alle dimissioni del parlamentare stesso.

    ilab

  • Alle ore 23:06 il sedicente attore barbareschi luca ha votato SI 13 volte.

    Dal primo ottobre non lavoro e pur godendo della cassa integrazione non ho percepito un euro (ho pure 2 figli).

    Arriveranno dicono, forse a gennaio, per tanto basta astenersi dal mangiare per qualche mese (vorrai mica rompergli i pendagli per queste sciocchezze?)

    A livello locale (ex grassa Emilia) gli aiuti del comune sono inesistenti o di facciata.

    Oggi un collega si stava andando a vendere l’auto per pagare bollette e affitto arretrati e mangiare.

    A me m’ha dissuaso mia moglie.

    Non si direbbe che per decenni abbiamo pagato le tasse per rendere il paese civile.

    Siamo un peso, merda, gli frega un cazzo.

    Secondo Travaglio è lecito odiare: lo credo anche io che odio sinceramente e non da oggi questi parassiti essendo consapevole dei danni che sanno creare anche nella percezione che i cittadini hanno di se stessi e dei propri diritti.

    Muovesse il culo e si desse da fare anche se immagino che con 23mila euro al mese deve avere una vita molto piena e divertente….e noi non siamo divertenti.

  • Il problema non è tanto Barbareschi e i suoi cento compari di tutti gli schieramenti. O facciamo finta che davvero si voglia andare in politica e in Parlamento per migliorare le sorti di questo disastrato paese? Sodi, potere, visibilità, sistemiamo l’intera famiglia, scambio di favori…questo muove il 99% degli aspiranti politici odierni, lo sappiamo tutti.

    Il problema è: chi ha votato Barbareschi? (stretto parente di chi vota Iva Zanicchi, ci scommetto!!!) Ovvero, secondo quali criteri votano troppi italiani? Ovvero, ma hanno la capacità di capire le conseguenze loro voto, gli italiani? Ovvero, ma finchè in italia ci sono questi italiani possiamo sperare in qualcosa? Ovvero, concretamente è possibile far dialogare tra loro i due neuroni superstiti di questi italiani? E impedire che tale non-dialogo tra neuroni sia trasmesso ai loro figli, che voteranno domani?

    Risposta: tristissimamente penso di no.

  • daccordissimo sul discorso del doppiolavoro ma non sull’aggancio usato del plagiarismo – ha solo preso spunto, e in maniera azzeccata tra l’altro, di un canale tra i piu’ visti sul tubo per spiegare in pochi secondi quello che si vedra’ nel suo programma, tutto qui. Probabilmente non e’ nenche un’idea sua.

  • Perche’ questo morto di fame di Di Pietro quando prende di stipendio al mese??

    Non gli basta la mafia??

    Spero vivamente che se ne vada per sempre in galera BRUTTO ASINO.

     

    HAMMAMET – La tesi del complotto girò già in piena bufera giudiziaria e lo stesso Bettino Craxi, in un’intervista nel ‘97, parlò di «verità nascoste, occultate e manipolate».

    Gli scatti fotografici su Di Pietro lo ritrarrebbero con Mario Mori e il questore Bruno Contrada.

    Una teoria che sarebbe verosimile, invece, per Bobo Craxi perché «dopo l’89 c’erano interessi internazionali a cambiare il quadro europeo». Negli anni di Mani Pulite, la tesi del complotto fu cavalcata, senza successo, dai militanti socialisti.

    «siccome Mori è finito indagato per la nota vicenda delle agende rosse e Contrada è stato condannato per fatti di mafia, Di Pietro ha avuto a che fare, pure lui, con queste vicende. Siccome poi c’erano anche funzionari dei Servizi insieme a costoro, vuol dire che Di Pietro stava macchinando con qualche potenza straniera, se non addirittura con la mafia».

    E bravo Di Pietro alla fine ci vai tu al posto di Sivlio in gattabbuia asino.

  • Che figo essere pagati per non fare un cazzo…

    E’ inutile… Barbareschi è superiore a quanti in questo momento si starannno rodendo per l’invidia … tutti quelli che campano come con 1300 Euro al mese e devono andare a lavurar 28 giorni al mese.

    Brunetta , mettiti i tacchi e batti un colpo…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi