Il cittadino Uno

clicca qui per ingrandire l’immagine

Dopo il Cittadino Zero, al secolo Ettore Marini, oggi sono onorato di presentarvi il Cittadino Uno, ovvero il secondo italiano ad avere abiurato al canone Rai per devolverlo interamente all’informazione libera: Andrea Maggiore.
E’ di oggi, nell’edizione del TG5 delle 13, l’ultimo schiaffo all’intelligenza del pubblico, con un servizio di esaltazione della figura di Craxi e di demonizzazione del giustizialismo violento messo in atto da mani pulite, senza alcun contraddittorio nè alcuna voce di opinione contraria.
Che questo anno possa davvero rappresentare il momento della svolta, ovvero quel preciso istante della storia in cui tanti italiani, stanchi di una repubblica pantelevisivaper dirla alla Guido Scorza – prendono coscienza della necessità di chiudere il rubinetto dei fondi a chi si è dimostrato intellettualmente disonesto, servile oltre ogni pudore e complice dello svilimento culturale e della decadenza civica e morale del nostro paese, per conferirlo all’informazione libera, di qualsiasi convinzione politica ma prodotta dai cittadini onesti e in buona fede, desiderosi di parlare al cuore e alla testa dei loro connazionali, senza secondi fini né obiettivi strumentali ai poteri occulti, i veri burattinai che agitano fantocci di cartapesta in quel grande farsesco teatrino collettivo che è la televisione.
Viene voglia di crederci, ragion per cui condivido questo appassionante momento insieme a tutti voi, pubblicando la foto e la lettera di accompagnamento di Andrea.
  Lettera di Andrea


  Abbondono la tv e devolvo il canone all’informazione libera

Caro Claudio,
si è chiuso da poco un anno, il 2009, che ha permesso al tuo faccione di approdare sul mio monitor.La mia sete di informazione libera ha trovato in te una fonte di acqua fresca e limpida. Difficile immaginare di meglio. E il 2010 si apre con altre due ottime notizie (tralasciando per un momento la sconvolgente tragedia di Port-Au-Prince)

  1. Come potrai vedere dalla foto allegata, sono riuscito a portare i tuoi video e tutto il mondo di internet sulla televisione di casa, offrendo informazione libera a famiglia e ospiti. Ora non potranno più dire “se non ne parlano in TV non è vero!“;
  2. In questo clima di scadenza del canone sono contento di poter dare il mio contributo ad una persona speciale, che non mi vede come un abbonato costretto al pagamento di un canone a prescindere dalle porcate che mi rifila quotidianamente (tra l’altro, così mi evito anche la carrambata del Floris o della Clerici di turno a casa).

Spero troverai le forze per andare avanti, e ti auguro di incontrare altri individui folli, incoscienti, appassionati e instancabili come te, per formare la squadra di Byoblu.com.
Grazie di cuore,
Andrea
PS: l’assegno è scenografico, il bonifico telematico è decisamente più comodo per entrambi.

  ULTIMA ORA


Anche Fabio De Angelis ha disdetto il canone Rai e l’ha devoluto, sotto forma di donazione, alla libera informazione di Byoblu.Com
Habemus Cittadino Due!
SEGNALAZIONI


Attacco alla rete, di Paolo Papilloclicca qui per leggere

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • grande, grande, grande.

    credo di non aver mai pagato il canone. forse perchè ho troppo spesso cambiato residenza. non importa, farò lo stesso, verserò la cifra del canone in tuo favore Claudio. sono anch’io convinto che il tuo blog sia tra quelli che hanno maggiormente bisogno di contributi freschi, puliti, scintillanti, di gente stanca e onesta. proprio come te

  • Che piacere per gli occhi sta foto! 🙂

    Forza, Claudio e tutte le “fonti” libere come te dalle quali attingere informazioni.

  • sono venti anni che non guardo più la tv, è venuta l’ora di buttarle in piazza.

    informazione libera per libere menti, avanti con il futuro.

  • Ottimo gesto! non appena avrò una busta paga mi adeguerò con i contributi economici… io la televisione non c’è l’ho da un pezzo.

    Penso ke la qualità e l’eccellenza nella libera informazione, in via più o meno economica (tempo-dedizione-denaro-salute…), abbiano dei costi da sopportare. costi che a rigor di logica si traducono in prezzi per ki ne usufruisce.

    Seguo byoblu dal 2008 e non di rado mi sento in debito per quello che si ha la possibilità di conoscere a costo zero tramite il lavoro di Claudio e di ki lo aiuta.

    Infinitamente grazie a byoblu e ki lo aiuta.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi