Chiesa Pneuma, il progetto segreto di Juan Ruiz Naupari


Se passa il Decreto Romani, non solo questo blog potrebbe essere costretto a chiudere, soffocato da un mare di burocrazia e, presumibilmente, di costi da sostenere, ma ogni altra voce alternativa, fuori dal coro, che pubblica videoinchieste autonomamente, senza le costrizioni e gli opportunismi editoriali di un direttore responsabile che orienta, limita e spesso censura le sue redazioni.
E’ il caso di Byoblu.Com, ma anche del videoblog di Stefano Salvi, di tutti i documentari autoprodotti come del blog di Daniele Martinelli, di Leonardo Facco e così via. Si vogliono imporre doveri che non trovano corrispondenza in nessun paese del mondo occidentale, doveri che non sono nelle intenzioni dell’Europa, la cui direttiva AVMSD è chiara e inequivocabile, doveri che mirano a preservare la natura televisivocratica del nostro paese, iniziata con il piano di Licio Gelli e perpetrata con il Decreto Berlusconi emanato da Craxi nello spazio di una notte, doveri che soprattutto non sarebbero controbilanciati da nessun diritto. Volete equiparare un videoblog gestito dal signor Rossi, spesso – come in questo caso – a prezzo di sacrifici inenarrabili e colossali indebitamenti sul piano personale, a un prodotto di natura editoriale, e volete assoggettarlo alle stesse autorizzazioni necessarie ad aprire un polo televisivo industriale quale ad esempio Mediaset? Benissimo: allora voglio avere la possibilità di richiedere i contributi statali all’editoria, nonchè beneficiare della possibilità di riutilizzare gli spezzoni audiovideo di altre emittenti a mio piacimento, nell’ambito del diritto di cronaca, più mille altre agevolazioni di varia natura che attengono alla sfera della produzione televisiva.
Mi faccia sapere, Romani.
Ovviamente, un’altra delle inchieste che non avrebbero avuto luogo è quella di Enzo Di Frenna su Juan Ruiz Naupari e la sua Chiesa. Con questa puntata si chiude definitivamente il ciclo. Quello che doveva essere dimostrato è stato dimostrato. Chi doveva scappare è scappato. Chi doveva parlare ha parlato, come Manuela Russo, testimone delle attività di indottrinamento dell’associazione Inkarri, che ha preso carta e penna, elettronici, e ha scritto ad Enzo.

Lettera di Manuela Russo

  Caro Enzo,
dopo aver letto ciò che hai scritto sull’Associazione Inkarri e sul suo sedicente maestro spirituale Juan Ruiz, ho pensato di darti la mia piccolissima testimonianza in merito, essendo reduce da un corso sul sistema pneuma, proposto dalla suddetta associazione, e tenutosi alla fine del 2009, a Marino.
Dopo questa esperienza, direi piuttosto inquiente e che mi ha lasciato qualche strascico sia psichico che fisico, questa mattina sono corsa a cercare su internet notizie sull’argomento e sopratutto su questo Juan Ruiz, continuamente nominato durante il seminario: così mi sono imbattuta nella tua inchiesta, che ho trovato sconcertante ed illuminante allo stesso tempo. Per quel poco che ho potuto verificare, posso effettivamente dire che ciò che hai scritto riguardo alle strane dottrine e pratiche che questi signori vanno professando è assolutamente veritiero.
La tecnica della respirazione pneuma, che dovrebbe portare ad un’alterazione della coscienza per consentire l’accesso alla dimensione spirituale e astrale, mi ha solo provocato un gran mal di testa e delle contratture muscolari, oltre ad avermi profondamente infastidita: sinceramente in questa pratica così artificiosa e meccanica, non sono proprio riuscita a cogliere nulla di spirituale (sicuramente colpa del mio ego) ma solo un grande stordimento, dovuto all’iperventilazione e alla musica spaccatimpani che la accompagnava.
Ma il bello doveva ancora arrivare con la parte teorica del seminario: un’accozzaglia di teorie di psicologia, pseudopsicologia, dottrine religiose e pseudoreligiose: insomma, un minestrone fanta-psico-spirituale, tutto incentrato sull’annullamento della personalità, almeno questo è il messaggio che ho recepito (sicuramente sempre colpa del mio ego).
Posso quindi confermare quel che hai scritto sulle loro fantasticherie: la loro concezione distorta dell’ego umano, come un’entità malevola e distruttiva, e quindi da eliminare (se non è inquietante questo!), l’adorazione ai limiti dell’idolatria (ma forse potremmo togliere “ai limiti”) per questo Juan Ruiz, messaggero di dei e delle nguide astrali, dalle cui labbra i due facilitatori sembravano pendere (uno dei due, per altro, era appena tornato all’ultima sessione tantrica di Ruiz in India, di cui hai accennato nel tuo scritto), la loro ossessione per la parola “lussuria” che più volte veniva chiamata in causa nei loro discorsi (e spesso in maniera impropria), la loro teoria sulla necessità di convogliare correttamente l’energia sessuale attraverso il contenimento derivante da dubbie pratiche “tantriche”…
Eppure, guarda, nonostante tutte queste note stonate, che mi risuonavano continuamente nelle orecchie, alla fine sono uscita da quel posto quasi mettendo in dubbio me stessa, la mia capacità critica ed il mio intuito, che di solito, invece, non mi hanno mai tradito. Purtroppo, devo dire che questi signori sono abbastanza bravi e preparati nella fine arte manipolatoria. Credo che la maggior parte delle persone che vi hanno partecipato proseguiranno con i moduli successivi. Ma io intanto vorrei diffondere i tuoi articoli, sperando che in qualche modo possa arrivare anche a loro.
Grazie Enzo, di tutto cuore, sei un giornalista molto coraggioso e soprattutto molto molto serio e attendibile.
Spero che il tuo lavoro possa portare veramente molto frutto e che la verità possa emergere (e per fortuna oggi abbiamo nella Rete uno strumento in più)!
Con ammirazione,
Manuela Russo

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao Claudio,

    il tuo blog deve rimanere aperto, e così come il tuo tanti altri da citati. Non potrei tollerare la chiusura di canali informativi liberi di scegliere secondo poche ma buone regole fondamentali, che regolano l’informazione, per es. l’onestà intellettuale, un concetto ormai in disuso. A questo punto, se il gioco si fa duro, i duri inizieranno a giocare.

    In merito al tema centrale del post … che dire sono individui che riescono a farla franca per le malvagità che commettono prendendo in giro le persone, e non credo con chissà quali magie ma semplicente facendo leva, nei tempi giusti, sulle debolezze della natura umana. Per fortuna, e qui ritorniamo alle premesse, ci sono persone prima di tutto e poi giornalisti che riescono a far breccia raccontando la verità sulle azioni maldestre di questi personaggi. Grazie a tutti voi.

  • io non voglio che chiuda byoblu e gli altri blog. Vale ancora il detto: fatta la legge, trovato l’inganno? Per me Claudio e gli amici blogger sono troppo smart per farsi fregare da incompetenti. 

  • Il decreto Romani, se asseconda una direttiva europea, non dovrebbe andare oltre quanto stabilito da questa, pena la pena della sanzione europea. Presumo che ciò sia un’astuta mossa politica. Si sa che il decreto è irrealizzabile, oggi come oggi, ma lo si fa ad ogni modo e lo si renderà attuabile comunque, contro ogni buon senso e contro ogni rimostranza interna ed esterna, onde ottenere il tempo utile per far in modo che venga ostacolata, anche per un breve periodo, parte dell’opposizione. Una volta votato il decreto, ci saranno rimostranze, sia da parte dell’opposizione che da parte della Corte Europea, no?… Intanto però il decreto viene reso funzionale ed operativo, mentre si aprono dibattiti parlamentari, possibilmente tirati per le lunghe… Il decreto verrà ritirato prima o poi, ma l’effetto prodotto sarà quello di aver impedito all’opposizione di utilizzare pienamente la Rete per un dato periodo di tempo utile. Quanto basta.

  • non mi sembra giusto danneggiare in questa maniera la rete, l’unica fonte di informazione libera dove ci sono blog e dietro i blog delle persone che hanno da dire la loro senza padroni da ossequiare.

    la rete si ribellerà , questo è poco ma sicuro.

  • i giornali, i peggiori naturalmente e li conosciamo, sono in mano del peggior politicume che l’Italia abbia mai espresso. I pubblici affari sono in mano del……… suddetto. La nostra vita sociale e, purtroppo morale, sono influenzate dal………..sempre suddetto. Stiamo scivolando verso un abisso che, non vogliano gli dei, rischia di portarci indietro di 60 e più anni. Siamo subissati da volgarità, oscenità, sconcezze morali e civili. L’educazione non si sa più che cos’è; gentilezza e buone maniere sono diventate sinonimo di imbecillità; l’altruismo e la disponibilità verso il prossimo: una debolezza imperdonabile.

    Finchè la nostra classe dirigente sarà quella guidata dallo psiconano e il loro modo di vivere sarà la nostra guida: bandiamo ogni reato a sfondo sessuale, fiscale, malversativo, e chi più ne ha più ne metta: l’impunità, ormai, è già iniziata. Cerchiamo però di aggiudicarci il rispetto dei nostri figli additando come esempi da non imitare questi squallidi figuri, con la speranza che la TV non li abbia raggiunti prima di noi. Infine mi piace pensare che, come diceva mia nonna, Dio, o chi per lui, paga forse in ritardo ma paga giustamente ed anche abbondantemente!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi