Il Divorzio Costituzionale

Immaginate una famiglia dove se il figlio bricconcello rompe tutti i vetri a pallonate, e la mamma è al lavoro e non può punirlo subito, il papà decide che il ragazzo non debba più essere punito, per decorrenza dei termini. Neppure quando mamma esce finalmente dall’ufficio. Oppure pensate a una famiglia dove mamma commina un castigo al figlio e papà glielo leva. Eccoli, in soldoni, il Processo Breve, e il Processo Inutile, che se possibile è anche peggio del primo.
Nella sola Ischia abbiamo avuto una quindicenne morta lo scorso novembre, un padre con tre figlie sepolti sotto una frana pochi anni fa, processi e sentenze… tutto inutile. Quando l’Italia cerca di diventare un paese normale, c’è sempre qualcuno che trova il modo di farlo restare il paese dei vabbuò. Fatta la legge trovato l’inganno? Macchè… Peggio: fatta la legge sull’abusivismo edilizio, e infranta senza neppure la giustificazione dell’inganno, se ne fa una seconda per dire che la prima è valida, ma non nel caso in cui venga effettivamente infranta.
Come dire che uccidere è illegale, ma se poi ti succede di ammazzare qualcuno… e vabbuò: ti assolvo per legge. Poi dicono che la giustizia non funziona… Spesso funziona anche meglio rispetto al resto dell’Europa (leggi: I veri numeri della Giusitizia). Quello che non funziona è l’altro genitore costituzionale, quello che toglie il castigo, quello che è più complice con il discolo che non con il suo amato coniuge.
Il potere politico e quello giudiziario sono come una famiglia dove mamma e papà litigano continuamente. La prima vorrebbe educare suo figlio, il secondo gli fa fare ciò che vuole, rovinandolo per sempre. E nonno Napolitano gioca a bocce.
Così gli italiani crescono, strafottenti, impuniti e incapaci di rispettare alcunché a parte se stessi. Crescono come bambini viziati, parcheggiati giorno e notte davanti alla televisione, imparando che tutto è loro concesso e scavando in questo modo un solco sempre più profondo e incolmabile tra l’italico stivale e il resto dell’Europa. Fatevi un giro all’estero e poi gustatevi la sensazione di varcare il confine e ritrovarvi all’improvviso in Italia. Capirete di cosa sto parlando.
Io voglio il divorzio costituzionale. Separiamoli, questi due, meglio crescere da soli.


Andrea D’Ambra per Byoblu.Com

Questa notte ad Ischia c’è stata una vera e propria guerriglia contro le forze dell’ordine sbarcate sull’isola per eseguire l’abbattimento della prima di una serie di abusi edilizi da demolire in seguito a sentenze definitive della magistratura. Secondo quanto riferito dalla stampa manifestanti col volto coperto hanno tirato pietre e bastoni contro le forze dell’ordine e diversi poliziotti sono stati feriti.
Quando finalmente la legalità sembra arrivare su quella che una volta era chiamata l’isola verde, oggi regina dell’abusivismo edilizio in Italia, si prospetta un nuovo condono per gli abusi edilizi, compresi quelli commessi prima del 2003. Questo è quanto è previsto in un emendamento al decreto milleproroghe in discussione in commissione Affari Costituzionali al Senato. La proposta di modifica è a firma dei senatori del Pdl Carlo Sarro e Vincenzo Nespoli e cancella anche i ‘paletti’ degli abusi commessi ai danni dei “beni ambientali e paesistici”.
Non solo. La norma è retroattiva, visto che, secondo quanto si legge nel testo, “la speciale sanatoria di cui al presente articolo si applica anche agli abusi edilizi realizzati entro il 31 marzo 2003“. Gli interessati possono, secondo la proposta di modifica, presentare domanda entro il 31 dicembre 2010. “A tal fine – si conclude nell’emendamento – sono sospesi tutti i procedimenti sanzionatori, di natura penale ed amministrativa, già avviati, anche in esecuzione di sentenze passate in giudicato, fino alla definizione delle predette istanze“.
Le tragedie di Casamicciola di Novembre e quella di Monte Vezzi di qualche anno fa non sono bastate, quelle morti innocenti non sembrano aver insegnato nulla.
Se una tale proposta criminale, come qualificata da Legambiente, dovesse essere approvata, sarebbe davvero il colpo mortale, oltre che per l’isola d’Ischia, per la legalità e lo stato di diritto.

 SEGNALAZIONI


Oggi alle 15.00 sarò in Piazza Castello, a Torino, al sit-in in difesa della Costituzione italiana

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • .. Gr@nde CLaudio! Ottimo articolo come sempre… io lo so bene che tale proposta, è CRIMINOSA!! Gli altri passeggeri, nn saprei….

    Se sarà attuata comunque, nn saremo +1 Paese Civile.

    in bocca al lupo x oggi!

  • Il problema è che in Italia esistono molti genitori che sono convinti che ai figli si deva lasciar fare tutto senza mai intervenire, proprio come scelta educativa. Bella scelta, non c’è che dire. Molto educativa.

  • in merito alla frase d’apertura di questo post,leggetevi Il Giornale online a questo link

    http://www.ilgiornale.it/interni/corti_dappello_protesta_dellanm_alfano_governo_avanti_riforma/politica-giustizia-corti_appello-anno_giudiziario-riforme-alfano-anm-processi/30-01-2010/articolo-id=417956-page=0-comments=1

    per capire anche come anni di tambureggiamento mediatico abbiano devastato le menti degli adepti (scusatemi,non posso far altro che chiamarli così,come si possono definire certi invasati lobotomizzati dall’informazione distorta?),provate a leggervi i commenti dell’elettore medio del PdL in calce all’articolo: roba da mettersi le mani nei capelli.

    Gente che apostrofa i protestanti dell’ANM

    <<SCANSAFATICHE! ci costano un occhio della testa e si permettono pure di fare gli offesi; roba da chiodi! Se fossi Berlusconi, AZZEREREI la magistratura ( tanto dicono che in italia non c’e’ democrazia) e farei votare noi cittadini in base al curriculum; altro che storie! MA CHI SI CREDONO DI ESSERE>>

    altri che rincarano la dose

    <<i magistrati iscritti all’anm lasceranno l’aula? bene così si chiameranno fuori e si saprà subito dove colpire!>>

    oppure

    <<L’istinto mi suggerisce una battuta volgare circa dove dovrebbero collocare la costituzione anzicchè tenerla in mano le toghe rosse nostrane ! Ma lo so che non si può. La cosa invece ragionavole che si deve notare è che in effetti le menzionate toghe boseviche non pssono che essere particolarmente attaccate alla nostra costituzione stante il vuoto di potere che la medesima costituzione lascia e nel quale loro si sono prontamente infilati sottraendo – di fatto – quel potere al popolo sovrano, al quale, in linea di princioio, dovrebbe appartenere. Il loro atteggiamento si deve definiore "golpista" perchè loro non sono eletti da nessuno…>>

    <<Questi d.s.t.p. usano la costituzione a loro piacimento ed il loro capo che è il presidente del csm, un comunista come lo sono tutti loro anzichè richiamarli se ne guarda bene, tace e come si sa, chi tace acconsente. Il governo non se ne curi di questi pagliacci, buffoni, cialtroni, guitti, parolai, ignavi, fannulloni, oziosi, sfaccendati, poltroni, accidiosi, inetti, svogliati e VADA AVANTI!!!!!!!!!!!>>

     

    tralascio poi quelli de "i magistrati dovrebbero lavorare di più,invece son tutti fannulloni che vogliono la giustizia lenta" (ma poi PERCHE’ dovrebbero volerla? qualcuno che la pensa così,se l’è mai domandato il perchè?!)

    io a volte mi metto le mani nei capelli al pensiero che questa gente vada a mettere una croce in una cabina elettorale..

     

  • bel post claudio. purtroppo questo dimostra quanto la societa’ italica deve fare ancora molti sforzi per dimostrarsi civile e responsabile. specialmente in certe aree del paese. speriamo nelle prossime generazioni.

  • penso che in fatto di educazione siamo ancora un pochino indietro

    perchè sono i genitori da educare non i figli, tutto dire……..

  • più evidente di così… Solo un popolo tenuto in anestesia totale non può vedere cosa succede. Se penso a quando ero a scuola e a quanti ragazzi deficienti vedevo attorno a me, non mi risulta difficile pensare che quei ragazzi sono cresciuti solo in altezza.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi