A.A.A. 60 AUDACI CERCASI


Il Decreto Romani è un abominio legislativo che non ha eguali nel globo terracqueo delle società civili. Con un abile contorsionismo degno di un prestigiatore circense, l’Italia prova a recepire la direttiva europea AVMSD, AudioVideo Media Services Directive, cammuffandola ai limiti del riconoscibile per piegarla agli interessi degli editori televisivi. Un decreto adpersonam privo dei requisiti di urgenza che insulta il legislatore europeo, così come offende il buon senso e l’intelligenza degli italiani, cui vuole rendere difficile l’esercizio delle nuove libertà digitali che sono patrimonio riconosciuto, diffuso ed ampiamente esercitato ovunque, nel mondo, tranne che nella repubblica televisiva italiana, fondata sulla pubblicità e sulla manipolazione dell’opinione pubblica.
Sono ben otto i tentativi maldestri di rendere difficile la vita ai navigatori italiani, otto in meno di due anni. Il Decreto Romani, se possibile, è il peggiore di tutti. Nelle vene di Romani scorrono frequenze e palinsesti, il suo alfabeto è composto da ripetitori e spettacolini di infimo ordine. A metà anni 70, insieme a Marco Taradash fonda Tele Livorno. Subito dopo è la volta di Videolina, con Nichi Grauso. Negli anni ’80 da vita a ReteA con Alberto Peruzzo e a Telelombardia insieme a Salvatore Ligresti. Poi si mette in proprio con Lombardia7, che lo consacra alla memoria dei primi tele-debosciati come l’ideatore di programmi di alto tenore culturale, quali Colpo Grosso con Umberto Smaila, uno spattacolino serale che sdogana le tette a domicilio, e Vizi Privati, che consacra Maurizia Paradiso a icona cult nell’immaginario degli erotomani sessuo-dipendenti con il pallino dei trans. Prima ancora che a Berlusconi, la televisione trash la dobbiamo a lui.
E’ questa la gente che vuole ridurre la rete a una parodia della televisione, imponendo autorizzazioni ministeriali a chiunque voglia caricare un video su YouTube, compresi i filmini delle vacanze. Una lettura palesemente distorsiva della direttiva europea, la quale esplicitamente esclude che i siti web personali e le piattaforme di videosharing siano oggetto di autorizzazione alcuna, con tutta la burocrazia e le inevitabili spese che conseguono dall’equiparazione di blogger e portali come YouTube alla grande editoria televisiva.
Con la stessa logica ipocrita e unica tra le società liberali, quelle fondate sui diritti individuali, Romani vuole imporre l’educazione di stato alle famiglie. I genitori dei minorenni che dovessero avventurarsi in un sito porno, l’equivalente odierno delle trasmissioni oscene e incentrate sulla mercificazione del corpo femminile che Romani stesso non si faceva scrupolo di dispensare generosamente a tutta la famiglia nel corso degli anni ’80, riceveranno un sms immediato con un testo che potrebbe suonare così: “Attenzione: tuo figlio si sta masturbando”, dopodiché la connessione verrà immediatamente interrotta. Se a masturbarsi sarà per sbaglio il papà, con il computer del figlio, la moglie ne sarà avvisata all’istante. Romani, che non capisce niente di rete, parla di “interruzione delle trasmissioni“.
Perfino Corrado Calabrò, Presidente dell’AGCOM, è rimasto interdetto dall’orientamento normativo retrogrado e oscurantista del Popolo delle Libertà, il quale delinea con estrema chiarezza quali siano le libertà da tutelare: quelle della televisione, attorno a cui gravitano gli interessi economici e politici della Presidenza del Consiglio.
Il Decreto Romani vuole colpire senza mezzi termini tre soggetti principali: YouTube, per dare sostanza giuridica alle cause intentate da Mediaset; la rete, per impedire lo svilupparsi delle dirette streaming, strumento di libertà, partecipazione ed emancipazione dallo strapotere del tubo catodico, degli lcd e delle tv al plasma; i videoblogger, per complicare loro la vita a tal punto da indurli a rinunciare all’esercizio dei diritti conferiti dall’Art. 21, che trovano finalmente piena espressione grazie agli sviluppi portentosi della tecnologia.
Romani è un proibizionista che nega al popolo la possibilità di autodeterminarsi e scegliere da sé il veicolo preferito sul quale informarsi, intrattenersi e comunicare. Con il suo Decreto, si vuole garantire ai gradi feudatari della televisione la possibilità di continuare a lucrare, pascolando nelle tasche e nelle teste degli italiani, mantenendo un ruolo preminente nell’indottrinamento e nella determinazione di stimoli e bisogni. anche a costo di condannare un intero paese all’arretratezza culturale e tecnologica, come dimostra la recente revoca dei fondi per la banda larga, annunciata proprio mentre nel resto della comunità europea la internet veloce viene dichiarata un diritto fondamentale dell’uomo.
Aiutaci a dire basta. Stiamo cercando 60 volontari che vengano con noi, sabato 20 febbraio, davanti all’ambasciata americana a Roma. Danzeremo, a piedi nudi e al suono dei tamburi, gli occhi bendati a simboleggiare  il bavaglio che si vuole imporre alla comunicazione libera, reggendo tra le mani uno striscione: “Mr. President, help the Internet in Italy!“.
Non siamo così ingenui da credere che il Presidente americano sia esente dai legami che uniscono il potere costituito ai grandi interessi lobbistici e finanziari, ma abbiamo bisogno di compiere un gesto eclatante, capace di varcare i confini nazionali e di evocare un nome che ci aiuti a fare cassa di risonanza. La stampa nazionale, nonostante numerosi sit-in e scioperi simbolici, non ha dimostrato di volersene interessare. Vogliamo quindi rivolgerci a quella straniera, nella speranza di arrivare a colpire l’opinione pubblica internazionale e creare pressione mediatica intorno a questo atteggiamento interventista e illiberale che il nostro governo, incessantemente, ormai ossessivamente, non perde occasione di dimostrare nei confronti della rete italiana.
Il 20 febbraio saranno con noi molti cameramen professionisti. Gireremo un video, in inglese, che vi chiederemo di diffondere in maniera virale sui più grossi social network. Vogliamo che lo vedano in Inghilterra, in Germania, in Spagna, in Francia, in America, in Tanzania, ovunque! Dipenderà da voi, da quanto sarete in grado di farlo girare.
Se vuoi esserci anche tu, scrivi a me oppure ad Enzo Di Frenna e lasciaci il tuo nominativo ed un recapito telefonico. Poi corri ad iscriverti all’evento facebook: http://www.facebook.com/event.php?eid=289806039880.
Abbiamo bisogno di te.
 Scrivi abyoblu@byoblu.com, info@enzodifrennablog.it
 

Diffondi “MR.PRESIDENT, HELP INTERNET IN ITALY!” sul tuo blog



Iscriviti al gruppo su facebook.(*)

(*) in quanto pericoloso terrorista

 

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao Claudio, ti do del tu perchè ti seguo da un pezzo. Mi dispiace non poter essere presente il 20 marzo a Roma, ma trovo che l’iniziativa sia molto valida.

    Posso permettermi di segnalare un errore di battitura? Nei post è normale che capitino, ma nei titoli risaltano troppo, almeno per me.

    Così in questo post sarebbe da correggere quel “60 audaci cercasi” con “60 audaci cercansi (=si cercano 60 audaci)”.

    Un abbraccio (è poco, ma meglio di niente)

    • Caro Antonio,
       non è il 20 marzo ma il 20 febbraio. Lo stesso non puoi venire?
      Claudio

      p.s. CERCANSI è cacofonico. Sia vendesi che cercasi sono ormai invalse consuetudini in luogo di cercansi e vendonsi.
      Come sai, visto che credo ti intendi di linguistica, le parole entrano nel vocabolario grazie alla cultura che le produce. 

  • Claudio sei un grande! Continua cosí, sono proprio queste le azioni di protesta da fare, bisogna fare parlare di noi all´estero visto che in Italia la censura ormai é completa. Peccato che non posso unirmi a voi, vivo in Germania, ma vi seguiró in rete e faró pesare il mio voto alle prossime elezioni.

  • i risultati già sembrano vedersi. secondo mediaset gli accessi al sito web del gruppo sono aumentati dell’80% nell’ultimo periodo…romani è l’attuatore, ma decreto oltre a mirare all’eliminazione del web è la solita manovra spregiudicata di chi sfruttando il parlamento fa anche gli interessi privati delle sue aziende…ormai è un po’ la regola…non fa piu nemmeno parlare…

  • purtroppo lavoro tutti i giorni tranne il lunedì.

    contratto a progetto senza ferie e malattie pagate.

    verrei con grande piacere anche per trovare il modo di aiutarti alla realizzazione del tuo blog, visto che ho accesso gratuito a tecnologia video pro, che lavoro esclusivamente di notte.

    posso lavorare in giornata con un amico operatore gratuitamente.

    conosco capillarmente il territorio di milano e provincia, e ci sono varie cose che mi piacerebbe filmare, ma non per striscia o qualunque altro contenitore televisivo.

    non mi interessa creare un blog e tantomeno produrre i miei filmati per ragioni commerciali.

    niente contratti e sopratutto nessuna necessità di alcun tipo di fama.

    se ti interessa, sono disponibile perchè i tuoi sacrifici devono quanto prima essere premiati.

    il primo piccolo assaggio  che ti do è questo.

    milano, piazza napoli. nel piccolo giardino parco comunale di recente ristrutturazione c’è un edificio che contiene uno snodo dell’acquedotto di milano.

    di notte basta camminarci intorno per incontrare una colonia enorme di scarafaggi che escono e rientrano attraverso le grate di protezione delle finestre.

    sto parlando di una colonia enorme, non di qualche insetto.

    se non fai attenzione ai passi li calpesti in grande quantità.

    ora , tu sai che quell’acqua è parte scarico e parte approvigionamento potabile per tutta la zona.

    a te le conclusioni, anche perchè probabilmente io mi sbaglio ed è normale la presenza di scarafaggi massiva in uno snodo idrico della città.

    grazie

  • Claudio, massimo sostegno all’iniziativo, ma purtroppo la distanza (vivo in Olanda) mi impedisce di partecipare…

    metterò prontamente sul mio miserrimo bloggettino il banner…

    doeiiiiiiiii

    Tweeling

  • Vedi Claudio, l’iniziativa pacifica è sempre lodevole per noi che vorremmo cambiare le cose in modo democratico.

    ma ci troviamo sempre di fronte all’indifferenza e non considerazione istituzionale. sappiamo benissimo ciò in relazione ai v-days etc.

    ahime, se non ci organizziamo e facciamo qualcosa di più clamoroso e potente, resteremo sempre intorno alla boa, in alto mare, finchè col tempo non verremo accusati di essere i soliti facinorosi…io nn vedo alternative, serve una mobilitazione organizzata pronta ad osare di più. se i tempi sono difficili, anche i mezzi per difenderci dovranno essere più incisivi, materialmente.

    un abbraccio a te e a tutti noi che sentiamo il peso dell’indifferenza, ma siamo pronti a reagire.

  • in bocca al lupo !

     

    il 20 febbraio sarò ad Ancona alla manifestazione regionale dei comitati dei cittadini per MARCHE RIFIUTI ZERO,

    ma il mio spirito sarà lì con voi a sostenervi !!

     

    AVANTI COSi’, LI PRENDEREMO PER SFINIMENTO:

    NOI SIMO DI PIU’ E PIU’ EVOLUTI 🙂

  • Presente: io ci sarò a questa iniziativa, malgrado la bimba piccola.

    E’ ora di dire basta!

     

    p.s. Claudio se ti interessa posso essere tra i 60 audaci!

  • =D c’è il modo di far venire uno studente senza soldi fra una settimana?… bhe presto iniziero a lavorare, anche se non consola, quando potrò sarebbe un onore conoscerti ed affiancarti nella nostra battaglia del popolo…

    io spero troverai 60 audaci  capisco perfettamente cosa stai facendo e chi legge dovrebbe prendere qualche ora di macchina e aiutare…. ricordate che Claudio lavora per noi…. o.o e noi neppure  lo sosteniamo

     

    una constatazione  sul decreto.

    Esso probabilmente sarà manipolato  in modo tale che solo i video fastidiosi saranno rimossi e le rimanenze lasciate a fare regime  il pensiero degli italiani…ma leggendo la legge alla lettera dovrebbero levarli tutti…ma dico UE renderebbe possibile questo?

    in che mondo viviamo T____T

     

    ah sentiti i telegiornali mediaset e maggiorparte dei giornali? BERTOLASO è UN SANTO  pffff e solo grazie a Claudio scopriamo i furfanti…. u.u

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi