La Rai e quell'intervista censurata a Giuliani approdano sul Fatto Quotidiano

  Pubblico il servizio apparso su Il Fatto Quotidiano, a pagina 2, dove oggi è approdata la mia inchiesta “7 giorni: la videocassetta che uccide“.

Rai, censurata intervista al sismologo
6 giorni prima del disastro

« Giampaolo Giuliani rilasciò un’intervista a una troupe Rai sei giorni prima del sisma che ha distrutto L’Aquila e mezzo Abruzzo, ma la messa in onda fu bloccata dalla telefonata di un membro della commissione grandi rischi. Su Byoblu.Com, blog di Claudio Messora, compare la testimonianza di Cristiano D., operatore di ripresa della Rai, componente della troupe che si recò a L’Aquila una settimana prima del devastante terremoto, dopo una scossa di entità inferiore che aveva causato comunque danni ad alcune abitazioni e scuole.
La troupe incontra Giampaolo Giuliani, non molto propenso a rilasciare un’intervista, prima di rivelare che una nuova forte scossa ci sarebbe stata da lì a sei giorni. “Non gli credevo, – afferma Cristiano D. – pensavo si trattasse di un mitomane, anche se ci faceva vedere dei dati“.
Mentre la troupe era di ritorno verso Roma “abbiamo ricevuto diverse telefonate da persone di alto profilo istituzionale, legate alla Commissione Grandi Rischi“, di cui fa parte lo stesso Bertolaso. “Ci diffidavano dal mandare in onda il servizio, che poteva provocare allarme sociale. Succede spesso in Rai, ma forse senza quelle telefonate qualcuno in più poteva essere salvato.” »

“7 giorni: la videocassetta che uccide”, sarà anche disponibile tra gli extra del doppio DVD INTERNET FOR GIULIANI, in imminente uscita.
 

17 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • OK! Super! Lode a Messora, anzi 10 e lode!… Spero che diano questa notizia e trasmettano la videocasetta anche ai telegiornali nazionali (ed esteri!), escludendo il tiggì1 s’intende, data la presenza oltraggiosa del mutante cane-robot da guardia Minchiolini. L’ideale sarebbe ad Annozero, prima che scatti il bavaglio del mese censorio…

    Una videocassetta scottante, emblematica, che ci mostra cosa sia veramente il potere dell’informazione e l’informazione che ci propina il potere … Ripropongo quello che ha detto Giuliani furibondo subito dopo la forte scossa del 6 aprile e cioè che il terremoto si sarebbe potuto prevedere anche con la strumentazione standard in dotazione dell’INGV. Mi sembra la questura o qualche altra struttura importante di L’Aquila, la notte stessa prima della scossa, sia stata evacuata… Quindi si presume che, se non Bertolaso, almeno qualcuno all’INGV sapeva che altre forti scosse di terremoto ci sarebbero state… Il fatto che insistano sempre a fornire il solito ritornello inceppato del disco rotto sulla “imprevedibilità dei teremoti” può essere più un alibi che una spiegazione plausibile scientifica: io non c’ero e, anche se ci fossi stato, il terremoto è comunque imprevedibile.

    L’INGV faceva diversi anni addietro ricerche sulla variazione di concentrazione del gas radon come possibile precursore sismico, poi abbandonate, in quanto non si poteva con quel metodo determinare la prevedibilità di un terremoto, secondo la spiegazione ufficiale fornita; mentre Giampaolo Giuliani ne ha continuato le ricerche. L’INGV non poteva non sapere. Certamente conosceva i vari ricercatori che hanno fatto esperimenti similari; non poteva non conoscere, oltre a Giampaolo Giuliani, i risultati ottenuti dal modenese Carlo Gorgoni… 

     

  • Sei trooppo avanti.

    Ogni volta che penso a Giuliani mi viene in mente quella faccia di m…a di Barbareschi che derideva lo scienziato.

    L’aggettivo per Barbareschi è berluscones. Peggio non saprei.

  • Volevo puntualizzare una cosa che non è mai stata detta: quella di giuliani del 31 marzo non è stata la prima ed unica previsione di catastrofe, altrimenti saremmo stati tutti pazzi a non ascoltarlo. Erano diversi mesi che puntualmente ogni 15 giorni-una settimana, veniva lanciato un allarme simile con giri di sms, telefonate a pompieri e protezione civile, notti passate in macchina io ne ho ricevuti almeno tre di falsi allarmi. E quindi secondo voi che cosa ha previsto giuliani? se avessimo dato retta a lui l’aquila veniva evacuata ogni settimana. 

    grazie per lo spazio concesso

  • @Aquilante Quello che dici è più o meno quello che anche io ho pensato, ma credo che si debba dire anche che a Giuliani si sarebbe dovuta dare una possibilità di espressione invece che accusarlo di procurato allarme. Oltretutto nella vicenda di questi giorni sulla Protezione Civile mi pare che la “questione” Giuliani sia saltata fuori di nuovo, un saluto a tutti.

  • Anche io c’ho pensato, ma non ho riscontri sul se e quante volte abbia fatto previsioni esatte Giuliani. può aiutarci Claudio se ha effettuato riscontri o se intende effettuarne. Devo aggiungere, per la cronaca, che sia sul videoblog di Claudio è apparsa la notizia (che ho riportato anche sul mio blog) che Giuliani è stato assolto dall’ipotesi di procurato allarme e nessuno, dico nessuno, si è degnato di dare uno straccio di servizio degno di questo nome: per sputtanarlo tutti all’unisono.

    Mi chiedo però due cose:

    1) se effettivamente come dice qualcuno è impossibile dire quando ci sarà un terremoto, come si può dire con analoga certezza quando NON ci sarà;

    2) mettiamo pure che oggi come oggi non sia possibile prevedere un terremoto, perché ipotecare il futuro ed essere sicuri che mai sarà possibile?

  • Anche io c’ho pensato, ma non ho riscontri sul se e quante volte abbia fatto previsioni esatte Giuliani. può aiutarci Claudio se ha effettuato riscontri o se intende effettuarne. Devo aggiungere, per la cronaca, che sia sul videoblog di Claudio è apparsa la notizia (che ho riportato anche sul mio blog) che Giuliani è stato assolto dall’ipotesi di procurato allarme e nessuno, dico nessuno, si è degnato di dare uno straccio di servizio degno di questo nome: per sputtanarlo tutti all’unisono.

    Mi chiedo però due cose:

    1) se effettivamente come dice qualcuno è impossibile dire quando ci sarà un terremoto, come si può dire con analoga certezza quando NON ci sarà;

    2) mettiamo pure che oggi come oggi non sia possibile prevedere un terremoto, perché ipotecare il futuro ed essere sicuri che mai sarà possibile?

  • Anche io c’ho pensato, ma non ho riscontri sul se e quante volte abbia fatto previsioni esatte Giuliani. può aiutarci Claudio se ha effettuato riscontri o se intende effettuarne. Devo aggiungere, per la cronaca, che sia sul videoblog di Claudio è apparsa la notizia (che ho riportato anche sul mio blog) che Giuliani è stato assolto dall’ipotesi di procurato allarme e nessuno, dico nessuno, si è degnato di dare uno straccio di servizio degno di questo nome: per sputtanarlo tutti all’unisono.

    Mi chiedo però due cose:

    1) se effettivamente come dice qualcuno è impossibile dire quando ci sarà un terremoto, come si può dire con analoga certezza quando NON ci sarà;

    2) mettiamo pure che oggi come oggi non sia possibile prevedere un terremoto, perché ipotecare il futuro ed essere sicuri che mai sarà possibile?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi