Mediaset censura Marco Travaglio

Oggi la puntata di Passaparola “I Bertoladri”, di Marco Travaglio, è stata rimossa da YouTube a causa di un reclamo di violazione del copyright da parte di Mediasethttp://www.youtube.com/watch?v=GA3M0GgYsXM . Il video era parte dell’omonimo post sul blog di Grillo del 15 febbraio scorso.
Da quando Mediaset detiene i diritti anche delle riprese effettuate nello studio privato di Marco Travaglio? O si stanno portando avanti con il Decreto Romani?
 UPDATE 26.02.2010 #1


Il video è tornato disponibile. La dicitura della rimozione riportava testualmente “Violazione dei copyright da parte di Mediaset”. Com’è possibile che un video violi i diritti il giorno prima, e il giorno dopo non li violi più? Questo episodio mette in luce la fragilità di tutto il meccanismo di segnalazione e rivendicazione del copyright su YouTube. Il video è stato riattivato immediatamente in virtù dei rapporto di forza di un canale come quello di Grillo, ma cosa ne è di tutti i contenuti originali ingiustamente rimossi, o dei canali sospesi, di proprietà di utenti che godono di minore notorietà, e che non hanno nessuno a cui rivolgersi?
 UPDATE 26.02.2010 #2


L’infiltrato Mediaset

37 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Adesso si sta proprio esagerando. Questa è un’assurdità che non ci lascerà in silenzio. Comunque, è già da due o tre settimane che i video di Travaglio non appaiono più cliccando su notizie e politica, mentre prima vi erano sempre per buona parte della settimana.

  • Claudio,

    You tube mi ha levato

    1) servizio del Telegiornale Argentino TN Noticias su Berlusconi e le foto vietate.

    2) servizio del Telegiornale ROMENo Antena 3 su prostitute e Berlusconi.

    I video erano integrali senza  NESSUNA  aggiunta o montaggio.

    Andrea AtzorI

    FUORIONDA NEWS

     

  • Non so se ho capito. Quello che dice Travaglio dal suo studio fa parte del copyright di Mediaset?… Questo è veramente il colmo dei colmi! Vabbè che viviamo in un clima politico-censorio surreale… Non è che, mentre noi stiamo digitando sulla tastiera la nostra costernazione, questi fetenti di mafiocratici berlusconici al governo hanno già fatto un golpe in Parlamento… e stanno mettendo in atto le liste di proscrizione?…
    No, secondo me, si tratta di una bufala. Non può essere vera una cosa del genere!…

  • Uhmm, secondo me c’entra il nome PASSAPAROLA, che incidentalmente è anche il nome di un programma trasmesso da Mediaset.

    Sarà che la suddetta ha comunicato a Google una serie di parole da cercare nei titoli dei suoi filmati per cancellarli causa violazione del copyright?

    P.S. è il mio primo post su questo blog. Complimenti Claudio per l’enorme mole di notizie che fornisci!!

  • Sono sconcertato. A questo punto non mi sorprenderei se Mediaset chiedesse a Youtube di rimuovere tutti i video in cui è presente Silvio Berlusconi. Follia pura.

    Rispondo anche al commento di ris8_allo_zen0. Non credo che il problema sia il nome “Passaparola”, perchè se fossi così sarebbero stati cancellati tutti i video editoriali caricati su Youtube. Penso che la violazione sia dovuto ad altro. Forse Travaglio ha nominato qualche TG di Mediaset nel video.

  • Ma Travaglio non è con la Mondadori? Ipotizzo di una qualche clausola del suo contratto che gli impedisce di parlar male del datore di lavoro… altrimenti boh???!

  • Ciao a tutti, propongo di caricare il video in questione sui canali, chi ne è in possesso, personali Youtube. Personalmente seguo tutti i Lunedì la video-rubrica di Marco, e non riesco a capire dove stia il problema del Copyright, confido in Claudio o Beppe per saperne di più.

  • Basta piangere tramite email e Youtube censura il video al volo. Non penserete mica che verifichino davvero se c’è stata violazione o no? Troppo faticoso.

    Conviene iniziare ad usare altre piattaforme, a cominciare da Vimeo.

  • E’ fatta. La capacità di somatizzare, ha retto. Anche se abituati da decenni, l’escalation di cui siamo stati vittime (e ancor peggio in futuro) poteva rivelarsi una forzatura suicida, ma hanno avuto la meglio. Le ravvisaglie ci sono state tutte: manganelli ovunque, corruzione ovvia. L’impoverimento lento ma inesorabile di tutta la struttura sociale. Rinchiusa davanti alle tv. Svuotati i contenuti delle scuole. Rimodellamento delle forze dell’ordine: scarsità di risorse umane nelle attività ordinarie, ma numerosa elite addestrata antisommossa. Destituito il servizio militare obbligatorio, caotico e poco manipolabile per le immense diversità dei militi, il servizio volontario: pochi, istruiti e addestrati, e ora già dispiegati nelle strade. Tutto ciò è cominciato molti anni fa, una lunga premessa che lentamente ci ha assopito. Rattrappiti davanti alle tv, abbiam perso contatti sociali. Ci hanno messi in competizione: non per le donne e la riproduzione, ma per i soldi e il potere.

    Scrivendo mi è venuta in mente la parola “privato”. Volevo raccontare qualcosa riguardo le privatizzazioni e le mazzette, ma mi son soffermato sul termine e…

    cazzo! Volevo inserire la citazione di Wikipedia riguardo il significato di “privato” e “privare”, perchè mi era venuto in mente che sto cavolo di “privato” in fondo non è tanto bello, se deriva da “privare”, ovvero togliere….. “io sono un privato”, ovvero un “tolto” cittadino? bè, piccolo problema… su wikipedia non esiste la pagina per queste due parole. Dopo aver cercato “privato” e “privare”, pensando di essermi fumato il cervello, mi son detto cerca “cazzo”, magari il server è “giù”: bene, ero rimasto indietro sui significati della parola.

    Su WIKIPEDIA non ci sono le pagine relative a “privato” e “privare”. Volevo fare un discorso mirato a sottolineare che ormai è tardi, che ci hanno spolpati, come l’Argentina, come in tutti gli altri Paesi del Terzo Mondo, come la Grecia. Ora tocca a noi e alla Spagna. I nostri politici han bell’è capito che non devono preoccuparsi poi tanto: ci si beve tutto. Tutto è filtrato. Siamo stati sodomizzati, a tal punto che davanti a una notizia come questa, io son qui a scrivere questo post, lamentandomi che nessuno fa niente.

     

    Firmato

    PRIVATO

     

    • Provo il tuo stesso dolore (perchè una cosa così fa male, eccome..) e scrivo perchè parlare ormai sembra non servire più a niente. Il vecchio “chi ha orecchie per intendere, intenda..” non funziona più da molto tempo, e non si sa più che fare.

      Per quanto riguarda Wikipedia, è un’enciclopedia scritta dalle persone, perciò propongo di scriverla questa pagina sul “privato”! Se non lo fai tu lo faccio io, o che qualcuno lo faccia! Non possiamo permetterci mancanze tali.. sempre che non ci sia dietro un disegno preciso secondo il quale tutti i tentativi di compensare alla mancanza non vengano sistematicamente rifiutati. Mi sembra assurdo ma ormi sono abituato al peggio..

      schumyno, tieni duro.

  • Ci mettono 2 mesi per levare il video del ragazzo  Down menato su youtube e ora che li hanno condannati  hanno il pepe al culo … mamma mia…

    A quanto pare  forse nel video di travaglio  c’era uno spezzone di  terence hill con scritto rete  4  e lo hanno fatto censurare  per quello.

    Oramai siamo arrivati al  regime  quando vedremo  i carri armati per strada  forse c’e’ ne renderemo conto.

  • Scusate ma quali sarebbero i copyright di proprietà mediaset nei passaparola di Travaglio ???? Qualcuno indaghi non è possibile una cosa del genere

  • Bla Bla bla bla ……..e nessuno fa un c….o !!!!!!!

    Grillo ha lanciato,Travaglio informa,Claudio combatte e informa,Guzzanti si ribella e informa, Dario Fò ci ha avvisati,Luttazzi si unisce a questi …altri si uniscono a questi.

    Ma sono in pochi !!!

    Bla bla bla e basta ! Questo sappiamo fare !!!!!!

    Bla bla bla …e i coglioni ?????????

    Quando li tiriamo fuori i coglioni ??????????

    Io non accetto questo regime…però siamo in pochi .

    Io sono pronto (da mò,sono anni che sò pronto !)

    Per noi,per i nostri figli ,per il nostro paese,per il futuro delle nostre generazioni,

    Dovremmo e dico dovremmo avere il fegato di marciare tutti assieme contro questo marciume di regime !

     

  • Ripristinato, e meno male, mi chiedo come è possibile che in poche ore sia possibile stravolgere i provvedimenti come nulla fosse..

  • Il video e’ visibile, veramente era stato messo offline? Mi piacerebbe sapere esattamente cosa e’ successo (google l’avevo tolto per sbaglio? L’ha rimesso perche gli sono state mandate emails o altro? da chi? Oppure era stato tolto con congnizione…? e poi cosa e’ cambiato?). Claudio, se avessi qualche ulteriore news sull’argomento, potresti diffonderla? Non sarebbe male indagare anche su quanto dice un commento qui sopra, di video rimossi riguardanti servizi tg esteri su b.. rimossi per copyright pure loro?

  • Me la rido se penso che c’è gente che ha affermato che le condanne a google-youtube (quella sui diritti mediaset e quella sul caso del bambino down picchiato) non avrebbero danneggiato in alcun modo, né ora né in futuro, la libertà della rete in Italia. Mi pare assodato che le due condanne di cui sopra al di là delle intenzioni pratiche dei giudici che le hanno emesse ai fini pratici si sono rivelate proprio come delle ottime ed efficacissime intimidazioni. Perdonatemi l’espressione poco educata, ma appare chiaro che in questo momento quelli di google-youtube si stiano letteralmente cacando in mano, e alfine di evitare altre condanne pecuniarie e detentive (anche se queste ultime con condizionale e altro saranno comunque ridotte a pene pecuniarie) han deciso di andarci “con i piedi di piombo” (o anche peggio) e filtrare al volo qualsiasi video che contenga la parola “Berlusconi” al suo interno.

    • Sono dello stesso parere, sicuramente è un attacco diretto ai gestori per intimorirli e spingerli a cancellare informazioni per loro scomode e non per questioni morali o di legalità. Come dice Claudio i mezzi ci sono già per punire legalmente le persone che si macchiano di crimini come quello di picchiare una persona con dei problemi.

      Il fatto è questo, se bloccheranno l’informazione libera in rete sarà certo limitante ma scommetto che sanno anche che le voci circolerebbero comunque come si faceva in passato ai tempi di guerra. Prima di internet si faceva e lo si farà dopo nel caso dovessero rendere internet  il ricordo di una rete libera e aperta alla conoscenza dell’ umanità.

      Finchè ci saranno persone dai nobili intenti e con la voglia di conoscere e migliorare questo mondo le speranze di cambiare rimarranno. Quando non ci saranno più queste persone (spero che non accada mai!), il mondo sarà perduto e senza strada di ritorno e solo un evento divino potrà cambiare il corso degli eventi. Io continuo a tifare per queste persone e la libertà di pensiero, parola e d’informazione e per la conoscenza perchè sono una di loro. Sono dalla parte di tutti voi e di tutti quelli come noi ,come Claudio o come Beppe Grillo e tanti altri che cercano di rendere migliore questo porco mondo!

      W LA CONOSCENZA! NON RIUSCIRETE A PORTARCELA VIA!

      La scoveremo, la custodiremo e la divulgheremo come abbiamo sempre fatto!

  • Sarebbe interessante scoprire se Marco Travaglio può chiedere i danni a Mediaset per responsabilità extracontrattuale… E’ davvero possibile che un’impresa possa ottenere censure senza dover rispondere del proprio comportamento?

    Giovanni

    PS Questo episodio -unitamente a diversi altri- suggerisce un’ineluttabile necessità: per diffondere informazioni sono necessari diversi server e servizi. Magari un video può essere censurato su Youtube, ma disponibile su Vimeo e viceversa…

  • Il video è di nuovo visibile. Però nessuno ha notato una cosa. Ora il video non si può condividere. Il codice da incorporare è stato disattivato. Considerando che Travaglio permette a chiunque di condividere i suoi video, questa cosa puzza un pò…

  • Ma un “sindacato” degli utenti e di chi posta o vede i video?

    Che ve ne pare? Con un codice etico ed un regolamento es. niente video razzisti…

     

    Da soli possiamo fare poco o nente, ma insieme possiamo tutelarci

     

    Pariamoci il culo a vicenda!!!

  • DIRITTI    D’AUTORE –  MISTERI  ITALIANI

    Ancora con queste storielle e cantilene del copyright,

    ma di cosa vi meravigliate ?!

    In Italia persone molto ma molto istruite ne ignorano il significato.

    Anni addietro, attraverso normalissima  fatturazione si è verificata

    la vendita fasulla, fra una società detentrice, la quale se ne era appropriata

     ed una finanziaria,

    dagli effetti reali, di un Sistema Operativo SSP/S34

    di esclusiva proprietà IBM (la IBM è quella famosa azienda americana

    multinazionale che fabbrica computer), coperto da diritti d’autore,

    assolutamente inalienabile, di inestimabile valore,

    come si evince dalla documentazione visibile sui links

    sottoindicati, e la proprietà attualmente è di questa finanziaria,

    nonostante che tale cessione fasulla sia stata sottoposta previo transito

    dai relativi  tavoli luccicanti, al vaglio dei

    seguenti personaggi:

    – pretori in sede civile, perché all’epoca esistevano ancora le preture,

    – giudici civili di ogni specie e razza,

    – giudici delegati fallimentari, a rotazione,

    – presidenti di tribunali e relative cancellerie e cancelliere e cancellieri,

    – giudici delle esecuzioni,

    – curatori fallimentari,

    – avvocati e procuratori legali di tutte le razze,

    – ufficiali giudiziari, commessi e portieri a iosa,

    – poste e postini di ogni ordine e grado,

    – giudici di corte di appello,

    – pubblici ministeri capi e sostituti presso preture,

    – pubblici ministeri capi e sostituti presso tribunali,

    – procuratori generali presso corti di appello e cassazione,

    – gip presso le ex preture,

    – gip presso gli ex tribunali ante accorpamento,

    – investigatori, marescialli, polizia giudiziaria, questori e vicequestori,

    – giudici presso la corte suprema di cassazione italiana,

    – corte europea,

    – ministeri vari, prefetti ed organi governativi,

    – naturalmente parlamentari in ordine sparso,

    – segreterie e segretarie varie,

    – salvo se altri.

    Nonostante tutto ad oggi in seguito a tale

    cessione il suddetto oggetto è passato di proprietà

    dalla IBM colosso americano, alla finanziaria (i nominativi

    sono pubblici e risultano dalla sentenza della cassazione),

    ed è attualmente di proprietà della stessa,

    senza che mai nessuno abbia battuto ciglio,

    ed ancora c’è qualcuno che tira fuori le

    filastrocche del diritto d’autore, copyright,

    e quant’altro in Italia.

    In un paese così questi sono termini

    e concetti sconosciuti.

    L’Italia per chi ancora non la conoscesse

    è così e non cambierà mai, quindi

    è tutto fiato sprecato ed inchiostro

    sprecato, provare per credere, cari giovincelli,

    e poveri illusi dai nobili propositi.

    http://www.scribd.com/doc/25011897/Italia-Del-Diritto-2-Parte-10-01-2010

    http://www.scribd.com/doc/25011621/SSP-S34-IBM-Venduto-25-06-1987

    http://www.scribd.com/doc/24995687/I-B-M-SEMEA-spa-14-11-1994

    http://www.scribd.com/doc/25284483/I-B-M-Attestazione-17-01-1995

    Salvatore GERMINARA

    Pistoia (Italy e non Americany) 27.02.2010 dopo Cristo, credo.

     

  • Il sistema di segnalazioni di youtube è alquando farlocco: Ci sono persone che sono rimaste sospese per mesi, REI di aver postato video di Gameplay di giochi comprati al giorno d’uscita (Activision e Take Two sono note a costringere youtube a questa insensatezza).

    Video che diventano muti per i capricci della universal o della Warner.

     

    Oppure basta che poche persone segnalano un video a caso come "inappropiato" e questo viene cancellato senza se o senza ma.

     

    Oppure i DAri che hanno usato la violazionte di Copyright per cancellare tutte le prese in giro dedicate a loro.

     

    Youtube a questo grosso difetto.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi