L'infiltrato Mediaset

Io e Alessandro stiamo cercando di capire come sia possibile che un perito Mediaset abbia autonomamente rimosso un video di Marco Travaglio che non violava alcun diritto.
Di seguito quello che ha scoperto Alessandro:



 

 
Ieri sera, poco prima delle 21,
Byoblu ha segnalato che un video di Marco Travaglioera stato oscurato da YouTube «a causa di un reclamo di violazione di copyright da parte di Mediaset», come recitava la pagina rimossa. Questa mattina mi sono rivolto a Google, proprietaria di Youtube, per sapere quali motivazioni aveva addotto Mediaset per chiedere e ottenere la rimozione.Dopo alcune ore di attesa, durante le quali il video è riapparso, poco dopo pranzo Google mi ha fatto sapere che quando accaduto sarebbe una conseguenza della causa civile intentata da Mediaset nei confronti di Youtube per la pubblicazione di alcuni stralci del Grande Fratello.In questo processo, il tribunale ha stabilito infatti di nominare un perito che deve verificare, tra l’altro, l’eventuale funzionamento della tecnologia Content ID, una sorta di “firma digitale” che se fosse inserita nei video dai suoi proprietari eviterebbe a YouTube di caricarli, mettendo fine alle controversie.
Secondo quanto sostiene Google, nell’ambito di questo lavoro il perito nominato dal tribunale avrebbe considerato (per errore? per assunzione di stupefacenti?) il video di Marco una «violazione del copyright di Mediaset» e con un clic l’avrebbe rimosso, senza alcun ruolo di Youtube.
L’oscuramento avrebbe fatto quindi partire in automatico un avviso a chi aveva uploadato il video (l’agenzia Casaleggio, che cura il sito di Grillo su cui il video era stato caricato). A questo punto Casaleggio avrebbe inviato un controreclamo che Youtube avrebbe trasmesso (sempre in automatico) al perito, il quale a questo punto avrebbe consentito la ripubblicazione del video stesso.
Come vedete ho usato un sacco di condizionali: infatti la versione di Google mi pare un po’ lacunosa. Non si capisce in base a quali ragionamenti ‘sto perito avrebbe considerato una violazione del copyright di Mediaset un video che parlava d’altro, né perchè dopo un po’ di ore avrebbe cambiato idea.
Al telefono, l’ufficio stampa di Google pareva preoccupato soprattutto di sottolineare che loro non hanno avuto alcun ruolo né nella rimozione né nella ripubblicazione e non ha voluto fornire ulteriori dettagli né sul perito che con clic avrebbe fatto sparire e poi riapparire il video, né sulle possibili motivazioni delle due successive decisioni di questi.
di Alessandro Gilioli

21 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Sono anni che lo penso, le manifestazioni non si fanno davanti al parlamento, si va a Segrate o a Saxa Rubra (tana della tigre).

      Qualche volta l’ho anche scritto.

      Mi ha entusiasmato la notizia di aquilani che contestavano Scodinzolini durante le riprese di tv7 con la “giornalista” Busi.

  • Ricordiamo che mr. B ha usato i servizi segreti a scopi personali per creare dossier sui suoi nemici politici e non? Ricordiamo che mr. B era iscritto alla loggia massonica Propaganda 2 (detta P2) giudicata eversiva? E ricordiamo che la P2 essendo una loggia massonica agiva segretamente mediante un fitto intreccio di connessioni a tutti i livelli civili, economici, istituzionali e militari? Qualcuno crede veramente ad un semplice “errore”?

  • PER ASSURDO secondo me questa e’ una bella notizia, sono arrivati al punto di INVENTARSI L’IMPOSSIBILE.. per addormentare le coscienze !!

    ma fino a quanto potranno andare avanti cosi ??!!

    • Fatto!

      TG1: Mills assolto!?!

      Da altre fonti mi sembra che i magistrati non abbiano usato questo termine, ma sono sicuro che lo sappiate anche voi.
      Siete diventati un manipolo di assoggettati e belanti servitori del potere. Complimenti per la disinformazione metodica e meticolosa.

      Con immensa disistima,
      un ex abbonato.

  • E’ stata una prova: proviamo a vedere che succede cancellando questo video scomodo.

    Hanno preso nota di come i vari attori hanno agito… la prossima volta ne terranno conto…

    Protesta, ragazzi, protesta senza quartiere contro questi delinquenti/censori/squadristi :@

  • Molto bene.

    La domanda ora è: chi è il perito?

    (a questa, che mi pare la più importante, potrebbero seguirne delle altre. Tipo: è esterno a google? è esterno a mediaset? c’è un controllo della lista di video che il perito elimina da youtube? c’è un controllo del perito? Quali sono i criteri che utilizza per l’oscuiramento?)

    Luigi

  • Forse sarò paranoico (e può darsi che io lo sia), ma è da un po’ di tempo che mi frulla il dubbio sulla possibilità che Google (o qualche sua parte deviata o addirittura i vertici?) e Mediaset stiano facendo un patto segreto, un doppio gioco… siano piuttosto d’accordo che discordi, mentre intanto fanno sembrare all’opinione pubblica che loro, i due conte(nde)nti, si stiano beccando e spennando come galli nel pollaio.

    L’altro ieri, per un intera giornata, mi è stata tagliata l’ADSL fino al giorno seguente. 24-30 ore senza ADSL. Il giorno dopo una volta ripristinata la linea, non mi funzionava (come a tanti altri utenti) la funzionalità “crea nuovo post” di Blogger. Blog fuori uso.

    Mania di persecuzione?… Può darsi.

    Se la Rete, blogger e utenti schedati, danno fastidio e non si possono attuare misure legali come il decreto Romani, si può però far funzionare male la Rete, il software dei blog schedati, ovvero: colpire la Rete a livello fisico… 

    Questo video ritirato di Travaglio può essere forse emblematico… Allora sai che ti faccio? Giacché Messora dà fastidio, vuoi perché è abbastanza noto in Rete, vuoi perché è un potenziale demolitore del pensiero unico, gli sequestriamo tutti i video…che scompariranno così da Youtube. Messora, come è ovvio, protesterà vivamente, mentre ne passerà del tempo, tra una telefonata e un’altra, tra una verifica e un’altra, prima che i video vengano ricaricati su Youtube. Voglio dire, si può pagare Youtube, o qualche suo addetto corrotto,  affinché i video di qualche utente restino congelati  (se non altro almeno per un certo lasso di tempo) allo stesso modo che Formigoni o chi per lui paga per farsi pubblicità su Youtube.

    Gli ultraporci invaderanno la Rete, questo è sicuro, poiché è l’unico modo per riprodursi, colonizzare e ottenere consensi. In fondo basta un clic…

    Durante le elezioni regionali, con l’eliminazione di Annozero e qualche altra trasmissione, baluardo del pluralismo, un attacco alla Rete (a livello fisico) da parte degli ultraporci sarebbe un po’ come il cacio sui maccheroni.

  • Ma per quanto riguarda la notizia di “assoluzione” di Mills, non si può fare qualcosa simile ad un esposto/denuncia almeno presso l’ordine dei giornalisti ed esigere una rettifica da parte del TG1 nella stessa fascia oraria?

  • Salve a tutti

    l’anno scorso ho filmato un mio amico che suonava. Poi l’ho messo su youtube come tutte le cagate che faccio. 

    Ieri ricevo un’email da YouTube che mi dice che ho “infringed copyright material”. Ebbene uno della band ha “deciso” che la propierta’ era sua. Ha cliccato su “FLAG”, selezionato “COPYRIGHT INFRINGEMENT” et voila’, video rimosso e email spedita.

    Ho cosi’ provato a farlo io ad un video qualsiasi: Ce l’ho fatta! Si! un qualsiasi pirla puo’ farlo!

     

    Forse sarebbe meglio che YouTube abbia un sistema di notificazione piu’ raffinato. Com’e’ possibile che succedano cose del genere? E se il mio lavoro si basasse su questi video su YouTube? Devo aver paura che un pirla qualsiasi in malafede mi blocchi il video, e che io devo aspettare che YouTube faccia le investigazioni necessarie?

     

    Ciao e grazie Claudio per quello che fai. 

  • HO APERTO UN GRUPPO FACEBOOK “DENUNCIAMO IL BUGIARDO MINZOLINI”
    INVITO TUTTI AD UNIRSI
    Dopo l’ennesimo scempio della verità perpetuato dalla testata del Tg 1 il cui responsabile è il direttore Augusto Minzolini ho deciso di creare un gruppo per valutare l’eventualità di denunciarlo. Il Dott. Minzolini è stipendiato da noi e non ha diritto di fare propaganda per un padrone. Questi singnori la devono smettere di fare quel che cazzo vogliono senza pagarne mai le conseguenze.
    Invito avvocati, esperti e tutti i cittadini ancora liberi ad aderire per discuterne e vedere di fare qualcosa di concreto per impedire che questo scempio continui.

    HO APERTO UN GRUPPO FACEBOOK “DENUNCIAMO IL BUGIARDO MINZOLINI”
    INVITO TUTTI AD UNIRSI

     

    http://www.facebook.com/group.php?gid=355394858828

     

    Dopo l’ennesimo scempio della verità perpetuato dalla testata del Tg 1 il cui responsabile è il direttore Augusto Minzolini ho deciso di creare un gruppo per valutare l’eventualità di denunciarlo. Il Dott. Minzolini è stipendiato da noi e non ha diritto di fare propaganda per un padrone. Questi singnori la devono smettere di fare quel che cazzo vogliono senza pagarne mai le conseguenze.Invito avvocati, esperti e tutti i cittadini ancora liberi ad aderire per discuterne e vedere di fare qualcosa di concreto per impedire che questo scempio continui.

  • Scritto mailaccia alla RAI, all’indirizzo pubblicato qui sopra: appena ho cliccato su “accetto” le norme privacy e blabla, il messaggio è sparito. Prima che premessi “invio”.

    Andato in automatico o censurato in automatico? Mistero.

    Comunque è una VERGOGNA e non si può fargliela passare liscia.

  • A me non pare una cosa inverosimile.

    Il perito, chissà chi è, ha provato a fare il furbo, ha pensato “ora metto anche quel rompicoglioni di Travaglio nella lista, così impara, forse non se ne accorge nessuno”.

    Poi, quando è arrivato il controreclamo ha pensato “vacca, se ne sono accorti, ora lo rimetto su”.

    A me non pare inverosimile trovare persone che ragionano così.

    Google giustamente è imbarazzata perché probabilmente non ha i mezzi per effettuare queste operazioni indipendentemente e deve affidarsi a terzi, i quali terzi però non sono per nulla obiettivi, ma sono parti in causa.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi