Il Presidio della Memoria


Io mi ricordo.
Ricordo il gusto melmoso della calce nei polmoni, quando la sera tornavo a casa dopo avere passato un’intera giornata a L’Aquila, i primi devastanti giorni dopo il terremoto del 6 aprile. Ricordo la paura, lo sgomento, la consapevolezza di avere respirato fibre di amianto. Ricordo il volto dei ragazzi della Casa dello Studente, accasciati in un fazzoletto di terra, lo sguardo fisso, i pochi pensieri sopravvissuti rivolti ai loro amici ancora sepolti sotto ai loro stessi libri. Ricordo gli operatori Rai che, uno alla volta, mi avvicinavano per raccontarmi di un’intervista, realizzata sei giorni prima ad un pazzo che gridava in senso contrario alla voce autoritaria della Commissione Grandi Rischi. Un’intervista destinata a giacere sotto alle macerie, insieme alle oltre 300 vittime accertate.

Io mi ricordo, ricordo il coraggio e la disperazione di chi aveva perduto tutto. Ricordo Stefania Pace, tra i primi a raccogliere le forze e la determinazione per raccontare il terremoto con le parole di chi l’aveva vissuto, molto, troppo diverse da quelle dei telegiornali. A tal punto che la sua storia, in cui la Protezione Civile non rivestiva il ruolo dell’angelo salvatore ma quello, ben più sinistro, dell’angelo della morte, doveva essere oscurata, in nome della protezione, sì, ma di quella incivile, eretta a baluardo delle colpe, in nome della salvaguardia degli interessi di pochi.

E ricordo come l’informazione ufficiale si tenesse a distanza di sicurezza da quella dei blog, raccontando versioni di comodo della realtà, in nome del rispetto minuzioso di quel Metodo Augustus secondo il quale i cittadini non dovevano avere un’opinione propria, ma scivolare anonimamente sui binari della versione ufficiale dei fatti. Salvo poi avventarsi come un falco sulla rete, giocando delittuosamente con le parole, inventando inesistenti atti di sciacallaggio mediatico per screditare chi accendeva i riflettori sugli angoli bui, sulle notizie eretiche come chiese sconsacrate, quando tanti, troppi cittadini iniziavano a mostrarsi diffidenti circa la favola dei camping estivi, degli aquilani che vissero felici e contenti.

Io mi ricordo la fibrillazione di cento e mille funzionari di stato, soccorritori, politici, psicologi e giornalisti acquartierati nella caserma della Guardia di Finanza di Coppito. Ricordo i terribili, agghiaccianti sospetti sui clandestini che occupavano abusivamente il centro storico dell’Aquila. Corpi che forse nessuno avrebbe potuto reclamare. Uomini e donne che nell’agenda delle squadre di salvataggio non potevano avere la priorità, perché a nessuno sarebbe convenuto denunciarne la presenza. Informazioni quasi impossibili da verificare: meglio nasconderle, anche e soprattutto a se stessi, piuttosto che tentare di approfondire.

Io mi ricordo Cristiano, l’operatore di ripresa Rai che volle raccontarmi la sua storia. La storia di una troupe che aveva parlato con l’eretico, il folle, lo scienziato scomunicato la cui opinione divergeva dalle rassicurazioni ufficiali, quelle stesse rassicurazioni che le cronache più recenti avrebbero smascherato come l’ennesima distorsione fraudolenta della verità, mentre un piccolo tecnico di laboratorio veniva riabilitato dalla magistratura che lo discolpava da ogni accusa e ne riconosceva la competenza, restituendogli d’ufficio il diritto di parola, anche se nessuna parola ormai poteva raggiungere chi avrebbe potuto farne tesoro per mettersi in salvo.

Io ricordo queste e mille altre battaglie combattute da questo blog, dalla rete e dagli abruzzesi. E per non dimenticare, tornerò a L’Aquila, il 6 marzo, a soli undici mesi da quell’aprile che resterà nei libri di storia per molto tempo a venire. Sarò con gli aquilani e con i ragazzi che hanno organizzato Il Presidio della Memoria.
Sarò con tutti quelli che ricordano, e che quella notte, alle 3.30, non ridevano.

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • E’ vero, accidenti, è passato quasi un anno!

    E tante verità sono ancora sepolte, nascoste alla gente comune che attinge prevalentemente dai media che dell’informazione ne fanno uno strumento di controllo delle coscienze, delle opinioni.

    Tutto il lavoro fatto in controtendenza da Byoblu direi che trova ulteriori validazioni dopo gli sconcertanti vergognosi fatti venuti alla luce.

    Purtroppo è vero, c’è una macchina cinica operante in un sistema spregiudicato che la verità non la vuole per poter muovere senza incomodi i propri sporchi ingranaggi; il profitto a tutti i costi prevede anche il sacrificio di vite umane mentre i Cristiano, Claudio, Giampaolo e Stefania di turno sono delle pericolose schegge impazzite che rischiano di sfuggire al controllo e di allargare la conoscenza dei fatti reali, rappresentando una seria minaccia per chi in certe notti maledette “se la ride” mentre aspetta di poter piombare sul disastro come un avvoltoio.

     

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi