Vincenzo De Luca vuole soldi per confrontarsi con Fico

 

Mentre il centro-destra teme i confronti politici e fa chiudere i talk-show, Vincenzo De Luca, il candidato Presidente Pd-IdV in Campania, si scava una fossa sempre più profonda, e fa tutto da solo.
Secondo lui una campagna elettorale non è un confronto tra cittadini desiderosi di mettere in campo le loro idee al servizio della collettività, no. Per De Luca candidarsi alla Presidenza della Regione è come vendere detersivi e conquistarsi fette di mercato, acquistando spot costosi e oscurando i concorrenti. Alla richiesta di Roberto Fico, candidato Presidente del Movimento Cinque Stelle, di presentarsi ad un confronto pubblico, De Luca risponde che “per farsi pubblicità con il suo nome devono pagarlo“.
 
Una vera e proprio fissazione, per De Luca, questa smania di essere pagato, se rispondono al vero le accuse per le quali è indagato, ovvero di avere agevolato la chiusura dell’Ideal Standar di Salerno “per favorire vari gruppi imprenditoriali, allo scopo di conseguire indebite erogazioni di denaro“, vendendone i suoli a varie società emiliane, a un prezzo infinitesimo rispetto a quelli di mercato, con lo scopo dichiarato di realizzare un parco marino, il Sea Parkcome da copione mai realizzato – modificando addirittura la destinazione d’uso dei terreni dell’amico Vincenzo Grieco in maniera che passassero da agricoli a turistici.  Un affaruccio da 29 miliardi di lire in fondi neri, che insieme ad altri 6 miliardi extra ha sbancato il gruppo emiliano, senza peraltro garantirgli la proprietà dei terreni.
De Luca, riferendosi agli altri due candidati in Campania oltre a Caldoro, dice che preferisce evitare i pollai. Usa la stessa terminologia del Presidente del Consiglio, usa gli stessi metodi, è indagato come Cosentino, e come Cosentino non passa indenne sotto agli intrecci che portano alla camorra, visto che un suo uomo di fiducia, dopo essere stato rinviato a giudizio per 416bis e accusato di avere rapporti con il clan Forte, come premio fu candidato al consiglio provinciale di Salerno.
Dunque, caro Vincenzo, perché  non ti sei candidato direttamente con il PdL? Forse per dare l’illusione dell’alternanza e creare una tipica soluzione win-win? In Campania votare Caldoro o De Luca è lo stesso, a vincere sono sempre loro.
Meglio Fico.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • De Luca in passato definì Grillo un “saltimbanco”. Confesso, che De Luca mi fa rimpiangere Bassolino… Voterò il “Movimento 5 Stelle”, anche se ho la sensazione che questo Movimento a stento prenderà il 2% dei voti.

  • Non ci dimentichiamo che anche “Sinistra Ecologia e Libertà” appoggia De Luca in Campania. De Luca è pluri-imputato per reati gravissimi tra cui truffa allo stato e associazione a delinquere. Poi ha già una condanna in primo grado per sversamento illecito di rifiuti.  Come se non bastasse sono indagati anche la moglie il figlio !!  Purtroppo non finisce qui : ad un convegno a Napoli, De Luca insulta e minaccia Travaglio(il video è su youtube facilmente reperibile); dà pure dell’imbecille al giornalista con cui sta parlando.

    Peggio di così non si potrebbe andare in Campania.

    Questi partiti devono sparire, hanno già fatto troppo danno.

    Fico è l’unica e a mio avviso l’ULTIMA spiaggia per la Campania.

    Grazie a Claudio Messora per quest’importante visibilità.

    Ciao.

    F. C.

  • Straordinariamente, un candidato appoggiato dall’ IDV è pronto a fare carne da macello delle regole democratiche di una contesa elettorale. La richiesta di Fico e dell’ esponente della Sinistra non mi sembrano così fuori del mondo. De Luca considera come candidato solo il rappresentante del PDL e SE STESSO. Questo vuol dire che in nessun modo garantirà anche gli elettori dei partiti minori (DOVRANNO PAGARLO PERCHE’ LUI CONSIDERI CERTE COSE, se vincerà). A questo punto, per lui non è forse nemmeno così importante vincere! Se diventa anche rappresentante del maggior partito di opposizione, nessuno lo manderà più via. Se vincerà il PDL, lui probabilmente sarà uno di quei transfughi verso quella sponda…E NON E’ DETTO CHE NON SIA A PAGAMENTO…Se prima avevo solo un dubbio, adesso ho una certezza: risiedessi in Campania voterei Fico e spererei che Grillo lo sputtanasse in 10 spettacoli solo in quella regione!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi