Benvenuto Utonto!

guarda l’immagine ingrandita
Feltri ci fa sapere, con una screenshot via Twitter, del suo imminente servizio di abbonamento digitale a Il Giornale. Dall’immagine ingrandita (scarica qui) si può notare quale sia l’icona, il tratto distintivo, il pezzo forte della sua produzione giornalistica da usare come specchietto delle allodole per attrarre lettori rinfeltriniti: STRONCATO FINI. C’è da capirlo: ognuno si sente fiero di ciò che ha, come deve pensare il neonato che orgogliosamente ostenta il prodotto della sua digestione alla mamma che lo gratifica di sorrisi mentre gli cambia il pannolino. Del resto, lo sanno tutti che gli escrementi sono l’unico regalo che gli infanti, ancora in difetto di argomentazioni ragionevoli, sono in grado di offrire a chi interagisce con loro.
 

E come gli infanti, Feltri inizia ad avere un’età nella quale si regredisce. progressivamente ma inesorabilmente, fino allo stadio in cui l’attitudine alla menzogna cede il posto ad una disarmante propensione alla sincerità.
Così, nel suo opuscoletto pubblicitario, candidamente chiama ogni potenziale abbonato al suo prodotto editoriale per come lui se lo immagina, ovvero salutandolo così: “Benvenuto, utonto!”.
Forse non ci crede neanche lui, che qualcuno possa davvero spendere dei soldi per le sue marchette. Soprattutto dopo essere stato appena sospeso per sei mesi dall’Ordine dei Giornalisti, dopo cioè essersi per definizione “reso colpevole di fatti non conformi al decoro e alla dignità professionale, o di fatti che compromettano la propria reputazione o la dignità dell’Ordine“. (art. 48)
Per chiunque legga al solo scopo di informarsi, insomma, abbonarsi al Giornale sarebbe l’equivalente in campo finanziario di andare a depositare la pensione del nonno all’Anonima Sequestri.

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao Claudio,

    se il tutto non fosse assurdo, sarebbe ridicolo!

    Mi chiedo quanti dei suoi stimati lettori (utonti!), siano al corrente della sua condanna, delle motivazioni, e se non gli passa per l’anticamera del cervello, che forse è il caso di guardarsi attorno per trovare qualcosa di più serio e credibile da leggere!

    Ma considerando che l’Italia vive di tifo, e da “forza Italia” in poi, anche la politica é ormai ridotta solo ad una questione di tifo, ho poche speranze che gli utonti rinfeltriniti si sveglino.

    Cordiali e civili saluti.

  • probabilmente il webmaster non è deve proprio essere un feltriano… cosa non si fa per pagnotta! anche gestire il web-site del il “giornale” di feltri!! Però una volta ogni tanto si toglie una piccola soddisfazione. Ricordo una volta sul sito della rai, se cliccavi con il destro sulle proprietà di un’immagine di gigi d’alessio spuntava fuori che il nomefile era “ilmerda”…

  • Sta proprio avanti Feltri è all’avanguardia. Siamo noi a non capire la finezza di cotanto uomo…

    …di questo enorme, maestoso, grandioso materiale di rifiuto solido prodotto dall’apparato digerente ed espulso tramite il retto di Dio in un momento in cui faceva la pennichella dopo aver bevuto il 3° bicchiere di vino novello e reso grazie…

    …uno di quei giorni che l’uomo ha preferito cancellare dalla “carta” e dal calendario!

  • Ciao CLAUDIO,

    spero che i tuoi lettori non si siano dimenticati di te.

    Mi riferisco al problemino del finanziarti perche’ tu possa continuare a fare inchieste.

    Ti scrivo per promettere il mio piccolo contributo di 100€ per il lavoro che svolgi tutti i giorni.

    Risolvo un piccolo problema con PAYPAL ed eseguo.

     

    Ti saluto con stima.

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi