Il DDL salva-preti


Ci sono uomini di serie A e uomini di serie B. E ci sono famiglie di serie A e famiglie di serie B. Nella prima categoria si trovano quelli che sono considerati talmente importanti da richiedere un occhio di riguardo. E’ più utile tutelarli, preservarne integra l’immagine sociale insomma, piuttosto che rispettare il sacro vincolo dell’uguaglianza costituzionale.
In parole povere: se il figlio di un operaio ruba una mela, lo sbattono in galera subito. Se lo fa il figlio di un ricco, fanno una telefonata a casa dei genitori e intrattengono per un po’ un’amichevole conversazione sugli acciacchi della vecchiaia, solo al termine della quale – e in misura incidentale –  si scusano di essere costretti a tale imbarazzo, ma suggeriscono di consigliare al rampollo maggiore cautela. Che comunque si sa: son ragazzi.
 
Allo stesso modo, ci sono cittadini e cittadini, ovvero stati di serie A e stati di serie B. In serie A la classifica è dominata dal Vaticano. Noi, tutt’al più, giochiamo in una squadretta da mezza classifica di B, che si affanna per non retrocedere in promozione. Se rubiamo una mela noi, nessuno si sogna di telefonarci a casa: finiamo al fresco senza passare dal via. Se la mela la ruba un prete, il giorno dopo lo si fa accompagnare in aula dal papa, che gli da una bella tirata d’orecchie e lo condanna a quattro Ave Marie. Poi torna a dire messa come prima.
Il comma 24 dell’articolo 1 del ddl intercettazioni, approvato in commissione Giustizia del Senato, stabilisce che “se un pubblico ministero intercetta o indaga un uomo di Chiesa deve darne immediato avviso al Vaticano“.
Insomma, con l’approvazione del DDL Intercettazioni, la storia della cricca forse non sarebbe mai stata scritta. I giudici che intercettavano Anemone si sarebbero imbattuti nel cassiere della cricca: don Evaldo Biasini. Avrebbero quindi chiamato Joseph, che avrebbe sculacciato don Evaldo, che l’avrebbe detto ad Anemone, che avrebbe avvertito Balducci e tutti gli altri di stare accorti perché avevano la giustizia alle calcagna. Nessuno avrebbe organizzato festini per Bertolaso, nessuno avrebbe comprato case a Scajola, almeno fino a quando la talpa ecclesiastica non li avrebbe informati che il limite dei 75 giorni di intercettazioni era stato superato, e dunque potevano tornare tutti a delinquere allegramente.
Anche Richard A. Martin, il pm americano collaboratore di Giovanni Falcone, si dice fortemente stupito. Perché questo obbigo di notificare al Parlamento o al Vaticano che si sta ascoltando un politico o un prete? «Qual è la ratio di questa norma? Chi protegge? Sicuramente non la segretezza e l’efficacia dell’indagine».
Un cittadino italiano può essere intercettato a sua insaputa. Un cittadino vaticano può essere intercettato solo se consenziente. Le intercettazioni che dovessero eventualmente riguardare casi di pedofilia, d’ora in poi saranno piene di rosari e giaculatorie.

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio, ricorda che Razzingher (quando era ancora un cardinalenuccio) ha imposto la segretezza vaticana sui casi di pedofilia eseguiti da i preti.
    E non solo. Le vittime venivano sistematicamente isolate e messe a tacere, e la chiesa intralciava e affossava ogni tipo di indagine in corso contro i preti-pedofili. Adesso mister oro et ermellino è Papa. Grazie a dio sono ateo.

  • Ha detto bene Vendola ad Annozero rispondendo alle cazzate di Socci: il demonio è il potere!

    Rinunci il Vaticanpower al potere, torni la Chiesa ai principi di Cristo, si faccia povera; allora sì che potremo dire che ha voluto una conversone, che rinuncia al peccato… ma fintantoché sta là a batter cassa, a rimpizzarsi di oro e agi, di case e soldi, di servi e di bugie… beh, la Chiesa è destinata a implodere sempre più.

    Per quanto mi riguarda, tutti quei mezziuomini addobbati come alberi di Natale mi fanno solo orrore.

  • questo giudice americano poteva starsi zitto e pensare piu alla sua america corporativa ..chi è questo? un’altro procuratore americano come dewey ..che ci ha lasciato tutta la mondezza di gangster americani in italia nel dopoguerra ..da vito genovese a lucky luciano ..lo conoscete ?arriva uno e spara 4 cose sull’italia … magari un po di storia della mafia e della liberazione italiana oltra alla bella storia dei partigiani italiani inculcate in tutte le scuole italiane non vi farebbe male ..anche francesco rosi ci ha fatto un film ma va di moda solo travaglio sentenza ..basta che vi dicono america e voi subito che ve la bevete ..poi voi siete quelli indipendenti…mi sa che è meglio bruno vespa che l’altra sera ha fatto una puntata sulla speculazione dell’euro e da dove parte .non sarò stato il massimo ma almeno qualcuno ne ha parlato ..santoro travaglio  ormai vi dicono cosa dovete pensare..mi raccomando non sbagliate non uscire dal pensiero politcamente alternativo … ..perchè questo procuratore  non pensa allo staff di obama e al piano salva banche che ha fatto obama dopo 3 settimane da presidente …manco entri in america e sei circondato da telecamere e poliziotti e poi vengono a commentare la nostra italia che in confronto a loro è un paradiso ….l’america è praticamente  senza un welfare e ti sbattono per strada se hai dei problemi economici..ora  gode di qualche tegola amara della chiesa che tra ospedali caritas oltre ad essere un’istituzione religiosa è un piccolo welfare dentro la nostra italia ….è vero è anche una grossa istituzione finanziaria ma non ho mai visto nessuno fare del servizio sociale senza banche e uffici finanziari …come pensate di contare il denaro che si prende e immette nel loro welfare e in tutte le attività della chiesa ? con il grillo parlante ?

  • 1) che schifo questi privilegiati dello stato , sopratutto a quegli esseri che si considerano servitori dello stato, sono solo parassiti ,tangentari,

    2) finiamola con la storiella che tutti i soldati che sono morti in iraq, e afghanistan sono considerati come eroi morti per la pace , io credo che questi poveri soldati che come carne da macello vengono inviati in quei posti di merda e di merdosi senza DIO ,essi se  avrebbero  la scelta di rimanere in italia a lavorare con stipendi decorosi sono sicuro che manderebbero a cagare i capi politici che li mandano al massacro, altro che eroi, sono solo poveri ragazzi che accettano per difficoltà economiche e mancanza di lavoro, l’unico lavoro che e rimasto in italia e raccogliere i pomodori e le olive nelle tenute di mafiosi e che pagano 20€ al giorno quando va bene, e chia adesso perchè si arruolano nell’esercito e mandati al massacro .

    per tutti i nostri politici io dico ad alta voce ;  VERGOGNATEVI PARASSITI MANGIASOLDI E STRAFOTTENTI MENEFREGHISTI

  • 1) che schifo questi privilegiati dello stato , sopratutto a quegli esseri che si considerano servitori dello stato, sono solo parassiti ,tangentari,

    2) finiamola con la storiella che tutti i soldati che sono morti in iraq, e afghanistan sono considerati come eroi morti per la pace , io credo che questi poveri soldati che come carne da macello vengono inviati in quei posti di merda e di merdosi senza DIO ,essi se  avrebbero  la scelta di rimanere in italia a lavorare con stipendi decorosi sono sicuro che manderebbero a cagare i capi politici che li mandano al massacro, altro che eroi, sono solo poveri ragazzi che accettano per difficoltà economiche e mancanza di lavoro, l’unico lavoro che e rimasto in italia e raccogliere i pomodori e le olive nelle tenute di mafiosi e che pagano 20€ al giorno quando va bene, e chia adesso perchè si arruolano nell’esercito e mandati al massacro .

    per tutti i nostri politici io dico ad alta voce ;  VERGOGNATEVI PARASSITI MANGIASOLDI E STRAFOTTENTI MENEFREGHISTI

  • Un ddl simile era stato già proposto ma mai provato. Perchè già allora nessuno ne palrò? La risposta tutti la conosciamo ma nessuno lo ammetterebbe mai.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi