Loggione su loggione viene su l'istituzione


 

Loggione su loggione viene su l’istituzione, che paura, che paura che mi fa!

 La prima loggia non si scorda mai. Dopo le imprese del Discepolo 1816, che si avvia a conseguire felicemente tutti gli obiettivi del Piano di Rinascita Democratica pensato insieme a Licio Gelli (non lo dico io, lo dice Gelli), i giovani discepoli, come le Giovani Marmotte, cercano di cospirare a loro volta con la loro piccola loggetta in proprio, un tenero virgulto da innaffiare con Eau de Golpe e da concimare con tutto il letame istituzionale che è possibile reperire, nella speranza che metta radici.
 
 
Robetta, insomma, uno hobby come l’aeromodellismo per molti. Quando eravamo piccoli noi, giocavamo al piccolo chimico o al meccano. Questi invece sono appassionati fan del piccolo piduista, un gioco di ruolo ideato da Gelli e organizzato dai senatori Dell’Utri e Verdini.
Associazione per delinquere e violazione della legge Anselmi“, che vieta la creazione di associazioni segrete, sono le accuse contestate all’imprenditore Flavio Carboni, all’ex esponente DC Pasquale Lombardi e all’ex assessore socialista del comune di Napoli, Arcangelo Martino, arrestati ieri su richiesta della Procura di Roma.
Indagati inizialmente per i presunti appalti truccati sull’eolico in Sardegna, secondo gli sviluppi investigativi Carboni, Lombardi e Martino avrebbero in realtà costituito una loggia massonica volta a condizionare la vita politica e istituzionale del paese. I tre, secondo l’accusa, avrebbero anche cercato di pilotare la decisione della Corte Costituzionale a favore dell’approvazione del cosiddetto Lodo Alfano, un’operazione decisa in una riunione a casa del senatore del PDL Denis Verdini ed alla presenza di Marcello Dell’Utri.
Carboni sarebbe un mediatore tra ambienti della politica, dell’imprenditoria e organizzazioni criminali quali la Banda della Magliana, l’organizzazione mafiosa Cosa Nostra e la loggia massonica Propaganda 2. E con chi si dovrebbe incontrare, se non con Dell’Utri, che a sua volta si incontra con Berlusconi?
Tutto questo sarebbe normale se vivessimo a Paperopoli e avessimo descritto una riunione della Banda Bassotti con Macchianera, Gambadilegno e Spennacchiotto. Che in realtà queste siano le frequentazioni dei senatori della nostra Repubblica è un fatto marginale che non indigna più nessuno.
A forza di soffiare nelle vuvuzela, evidentemente abbiamo espulso anche i neuroni preposti all’indignazione. Così, con un colpo di catarro…

10 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Non solo “Fratelli d’Italia”,di Pinotti,anche”Poteri Forti”va letto,per non essere sorpresi,impreparati a questi piccoli eventi.

    Comunque,è roba attualissima perchè la P2 non è andata in “pensione”.

  • Complimenti Claudio, sai anche cantare e suonare bene!!

    Comunque è sempre una vergogna che queste informazioni non vengano diffuse con forza

  • Ciao, Claudio, sono Davide, ti seguo dal primo giorno del blog (giuro!), ma non mi ero mai registrato (sono timido).

    Volevo farti i complimenti per questo video… la musica dovresti inserirla + spesso nei tuoi video (non scherzo), aiuta a ricordare meglio (anche io facevo così ai tempi dell’università per ricordare meglio i concetti) il significato di ogni post!

    la mia ragazza non sapeva nemmeno cosa fosse la P2 (scoprendo scandalosamento di conoscere addirittura una persona che poi è risultata iscritta alla stessa!!!!!), ora ne saprà ancora di più grazie a te (e al fattoquotidiano ovviamente).

     

    ciao e buon “lavoro”

     

    Davide Nai

  • Maxso Magazine ha scritto :
    " Complimenti Claudio. Con questo video ti sei superato. Per uscire da questa "dittatura" attuata attraverso i media ci vorrebbe una popolazione intelligente… "

  • grazie claudio,per tenere sveglie e attente le menti addormentate di quelli che continuano a pensare che la p2 è solo cosa del passato,o che non sanno assolutamente niente,del piano di rinascita democratica,del dicepolo 1816 che in  questi anni sono stati realizzati vari punti di quello che era il pensiero di gelli.sei uno dei pochi che ancora ne parla,la gente deve risvegliarsi e sapere,per poter se si vuole ancora fermare questa assurda situazione.ciao e ancora grazie per il tuo assiduo e continuo lavoro.

  • Intanto Minzolini non si smentisce…Verdini/ Idv: Tg1 censura nuova P2, silenzio complice massoneriaRoma, 10 lug. (Apcom) – “Il ‘direttorissimo’ del Tg1 è riuscito nell’impresa di censurare la notizia dell’inchiesta per violazione delle legge contro le associazioni segrete che vede indagato anche il coordinatore del Pdl, Denis Verdini”. Lo ha affermato il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando spiegando che “la notizia è riassunta in una nota di difesa di Verdini letta dal conduttore fuori dal contesto e che non spiega ai telespettatori da cosa si stia difendendo”.”Ormai il Tg1 è una nave alla deriva che ha perso i pezzi migliori ed è l’ennesima conferma: una cattiva notizia per il premier non è una notizia per Minzolini che da tempo ha abdicato alla sua professione di giornalista, cioè quella di essere un cane da guardia della democrazia. Uno dei progetti della loggia massonica di Licio Gelli, d’altronde, era proprio quello di avere un’informazione asservita. Chi oscura le malefatte dei corrotti e dei massoni ne diventa complice. Inoltre – rileva Orlando -, anche questa sera, i telespettatori che pagano il canone per l’ennesima volta non hanno potuto sentire la voce dell’Italia dei Valori, ma solo quella del padrone. Abbiamo già chiesto alla commissione di Vigilanza Rai di audire Augusto Minzolini”.”Minzolini dirà che c’erano i mondiali e che non c’era spazio per la notizia – chiosa Orlando – è più importante d’altronde parlare del polpo Paul che azzecca tutti i pronostici che di inchieste su associazioni segrete massoniche per far pressione su organi costituzionali”.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi