Quattro pensionati al bar


Silvio Berlusconi ha detto che la nuova P3 non sono altro che quattro pensionati sfigati.
Sarà, ma…

« …sono quattro pensionati al bar, che volevano cambiare il mondo,
destinati a qualche cosa in più che a discuterne in un Parlamento!

Si parlava, senza dignità, di grandi appalti e di impunità.
Tra un appuntamento in un bordello e una condanna di Marcello
si giocava alla P3…
Saranno quattro pensionati al bar… ma volevano inculare il mondo!  »

12 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • FRA PENSIONATI RINCOGLIONITI, AMICI AL BAR, COMPAGNI DI MERENDE, AFFILIATI DI LOGGE SEGRETE , ci troviAmo sommerdi dal..”GUANO”

  • Ma quand’è che ci decidiamo a cacciarli a calci in culo?

    cosa dovranno ancora fare prima che gli italiani si rendano conto

    di quello che sta succedendo? ma è possibile che vada in giro a dare dell’imbecille a chi a votato berlusconi, e non ne trovi uno che mi dica “l’ho votato” con orgoglio. ma dove cazzo siete??

  • bravo dante! calci in culo e date bene sai! ma non solo al berluska e dell’utri e cosentino e lupi e bondi e schifezze varie, ma anche a tutti i loro compagni di merende del pd in primis: d’alema, violante, finocchiaro, fassino, … la torre, i LETTA!!! azzzz! che corse nelle piazze! che goduria! che bello veder feltri e vespa e belpietro correre tutti sudaticci!

    Ora mi rivolgo a Claudio, che ha un ottimo fiuto investigativo: ma LETTA’s Family nn è per caso già a far le valigie per darsela a gambe da qualche parte???

     

  • Bravo Byoblu, con questo post melodico-letterale mi hai conquistato, stasera, ma non mi sono mai sentito parte dei “nostri”, è un mio problema, forse. Cmq mi sono registrato, alla fine.

    Questo blog se lo sta meritando, e lo seguo da un po’… qualche volta si esagera, o forse sono io che non mi rendo conto che 4 sfigati al bar possano cambiare le regole della convivenza nella società in cui vivo… 

    …scherzo, lo sapevo già.

  • Maxso Magazine ha scritto :
    Complimenti per il video e il testo della canzone… Una cosa però non mi torna, Berlusconi davvero crede che in Italia siamo tutti stupidi?

     

    certo, visto che è ancora “lì”!

    Ne è la prova!

    • berlusconi non crede che siamo un popolo di rincoglioniti…. lo sa, ne ha le prove e infinite conferme empiriche, non teoriche

  • jenas ha scritto :
    Maxso Magazine ha scritto : ” Complimenti per il video e il testo della canzone… Una cosa però non mi torna, Berlusconi davvero crede che in Italia siamo tutti stupidi? ”   certo, visto che è ancora “lì”! Ne è la prova!

     

    Non solo che ne e’ convinto, sa anche che ha gli strumenti per tenere la maggior parte degli italiani in un regime di stupidita’ costante attraverso il mezzo mediatico TV.

     

    L’ italiano medio e’ pigro, un libro non lo prende in mano, le generazioni piu’ aggrigiate non sanno come far funzionare Internet, quelli che lo sanno invece dedicano l’ 80% del loro tempo a cliccare su links XXX e farsi dirottare il PC.

     

    Ecco perche’ finiscono sempre li’, dopo il lavoro attaccati alla TV, la Domenica a pranzo in familia, tutti in cucina a mangiare attaccati alla TV. Berlusconi gli entra nel cervello e glielo cementa ben benino. Questo non e’ nulla di nuovo, la tecnica si chiama Demoralization ed e’ stata inventata dal KGB sovietico, raggiunge l’ apice di successo in 30 – 40 anni ed infatti oggi come oggi vediamo l’ Italia degli zombies. Mettiamo a rapporto la reazione degli italiani durante lo scandalo Craxi e la fine della Prima Repubblica e cio’ che succede adesso, le vedete anche voi le conseguenze e il risultato graduale di questa tecnica messa in atto. Per ulteriori informazioni googolate “Yuri Bezmenov”

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi