Libero: tra la Shoa e il divieto di fumare non c'è nessuna differenza

Shoah

Il fascismo era roba di sinistra.
Questo è Nicholas Burgess Farrell, autore di Mussolini: a New Life. Non è finita: Hitler era roba di sinistra. “I nazional-socialisti tedeschi odiavano gli ebrei perché banchieri e piccoli imprenditori, simboli dell’odiato capitalismo”. “Non a caso – secondo Farrel – di sinistra sono gli antisemiti mascherati da anti-sionisti, che tutt’oggi odiano Israele e tubano con i fascisti islamici che sottomettono uomini e donne in nome dello Stato”.
Insomma: Mussolini era di sinistra, Hitler era di sinistra, i Gulag erano giustamente roba di sinistra e i dinosauri si sono estinti grazie a un meteorite carico di comunisti. La destra, poverella, è sempre rimasta a guardare. I suoi bambini sono stati divorati da famiglie di orchi rossi. Gli imprenditori sono stati barbaramente perseguitati da quel grandissimo pezzo di Stalin che era il Führer. La bibbia dei fascisti era “Il manifesto del Partito Comunista” e Benito non era altri che il figlio segreto di Karl Marx.
E dove poteva scrivere, Nicholas Burgess Farrell, se non su Libero? Del resto, il Cavaliere è già in campagna elettorale e per costringere a votare un popolo di destra sempre più amareggiato e deluso lo spettro delle toghe rosse non basta più: bisogna spararle grosse. Mi aspetto di assistere al ritorno del Messia, ricevuto in pompa magna con un altare in noce negli studi di Porta a Porta, che stende le sue mani sulla faccia di bronzo di Arcore pronunciando solennemente: “Silvio, alzati e cammina”. O magari, se siamo fortunati, vedremo l’apertura del Mar Rosso  – il mare comunista -, con la divisione delle destre dalle sinistre per consentire l’ascesa del Mosè da Arcore al Colle.
Sarei disposto ad accettare tutto, perché tutto sarebbe meglio della continuazione dell’articolo di Farrell.
« La Shoah è stata roba di sinistra come lo è il divieto di fumare nei locali pubblici. […] Diciamolo: c’è un nesso tra l’odio per ebrei e l’odio per i fumatori. HItler e Mussolini odiavano il fumo. E non per niente quelli che vogliono tramite lo Stato  vietare ai cittadini il loro diritto di fumare, bere, mangiare il grasso, ecc., vengono definiti in America “health fascists”, cioè: fascisti del salutismo. Da fumatore, ad esempio, io sono costretto ormai a vivere da cittadino di seconda classe per strada anche quando nevica come un cane randagio. Mi manca solo la stella gialla. »
Propongo una colletta per mandare Farrell in viaggio premio ad Auschwitz, così imparerebbe la differenza tra fumarsi una sigaretta sul balcone e morire gasati dopo essere stati ridotti a grotteschi simulacri di corpi umani.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

16 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • C’è davvero poco da ridere. Gli articoli sui giornali dei primi periodi del fascismo (poco prima-poco dopo la marcia su Roma) non erano tanto audaci come questo. Per ritrovare un clima del genere bisogna andare al regime già saldamente instaurato, poco prima delle leggi razziali.

     

  • jonnymind ha scritto :
    C’è davvero poco da ridere. Gli articoli sui giornali dei primi periodi del fascismo (poco prima-poco dopo la marcia su Roma) non erano tanto audaci come questo. Per ritrovare un clima del genere bisogna andare al regime già saldamente instaurato, poco prima delle leggi razziali.  

     

    … ma siamo gà oltre le leggi razziali fasciste. Quelle vigenti sono per alcuni aspetti già peggiori e ovviamente al peggio non c’è mai fine. Non solo per le leggi in vigore, ma per la situazione complessiva, per noi stessi.

    .

    A caldo, si è tentato qualcosa anche nella mia città: http://duespostidacondividere.blogspot.com

    .

    E ora? Nonostante tutto, rifare, riprendere, resistere…

    .

    • Che bello vedere che non tutto è perduto.

      Gente che commenta in questo blog “speciale”, come commenterebbe una persona normale e ragionevole.

      Gente che ha una morale “normale” quella che esercita lo spirito di soprvavvivenza con gli altri, l’educazione e il saper vivere.

      Niente cafoni e arroganti, pochi burini e pochi esaltati.

      Insomma una cosa tra noi, dove tutto è palpabile, senza volare tra ideologie e mercanti di idee.

      ROBA VERA

      Quella del contadino e lo speculatore è semplicemnte  grandiosa.

      Mostra  la pressione che le banche e la finanza esercitano sulle nostre vite. Non dobbiamo fare altro che mandarli a FARE IN CULO.

      Ecco che sono diventato maleducato, ma spero che non mi caccerete via.

       

  • Beh sul fatto che essere ANTISIONISTA oggi, è in realtà un modo moderno per essere ANTIEBREO, visto che dopo la SHOAH è meno socialmente accettabile dichiarare apertamente l’odio per il popolo ebraico, e la cultura ebraica.

    D’altra parte anche il fondatore di ITALIA-PALESTINA ha dichiarato che nei movimenti filopalestinesi si annidano moltissimi antisemiti(per essere precisi ANTIEBREI), e negazionisti dell’olocausto, quindi BURGESS non ha tutti i torti!

    http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2010/3-giugno-2010/lascio-infopal-troppi-antisemiti-1703134693870.shtml

     

    Anche sul fatto che Hitler era “di sinistra”, beh vabbè sono opinioni un po’ stravaganti,  ma ognuno sarà libero di pensare come cavolo vuole!

    Io direi che le dittature sono dittature, e tutte le dittature ovviamente hanno l’aspirazione al controllo totale sull’economia, sul pensiero, sull’informazione, sulla cultura, ecc… insomma ogni dittatura aspira a controllare ogni singolo aspetto della vita, per controllare totalmente le persone, in questo non esiste alcuna differenza tra dittature COMUNISTE, e dittature ispirate ad altre ideologie, come poteva essere la dittatura di HITLER, o di MUSSOLINI.

    Comunque anche Hitler aspirava a un controllo totale sulla produzione e sull’economia, perchè senza libertà economica, viene meno qualunque altra forma di libertà, riuscire a controllare totalmente l’economia, rientra nelle aspirazioni di TUTTI i dittatori!

    In questo senso probabilmente BURGESS definirebbe anche Berlusconi un COMUNISTA!

  • Certo Farrell ne ha di fantasia per scrivere una tale quantità di cazzate nei suoi lavori.

    Comunque noto con piacere che Claudio Messora non riesce a stare in vacanza in completo relax, ma evidentemente ha un impulso irresistibile a scrivere sul blog 🙂

  • Oblio di massa o demenza collettiva ?? La terza definizione mi si è spenta, mentre da dentro mi sale un solo grido … VERGOGNA !!

    Grande Claudio !!

     

  • oltre che idiota è anche ignorante, i nazisti odiavano gli ebrei perchè dopo la batosta della prima guerra mondiale a differenza dei tedeschi che stavano con le pezze al culo gli ebrei avevano le banche, ed erano abili commercianti, hitler non dovette far altro che cavalcare il risentimento popolare dei tedeschi altro che contro il capitalismo…

  • Claudio, fammi un piacere: l’ unico uso che puoi fare di Libero consiste nel pulirti il culo…se poi utilizzi l’ articolo di Farrel, proverai anche un certo piacere…Questo pseudo-storico non riesce a scrivere un articolo nel mondo anglosassone a causa delle sue idee malsane: e dove poteva venire a pubblicare?? Ma da noi, naturalmente…Perchè si cerca di accreditare l’ idea dell’ uomo forte al comando! Se si guarda RAISTORIA sul digitale terrestre si resta basiti dai documentari che fanno: l’ Uomo ha 6000 anni di storia, e da tre mesi si vedono solo il ventennio fascista, mussolini e hitler…FARE UN CANALE TELEVISIVO PER MARTELLARE LA GENTE CON IL FASCISMO E’ SPRECO DI DENARO!

  • Altro che pazzo.Questo la sa’ lunga.Utilizza il vecchio schema, scrivere una marea di menzogne inserendo il colpo ad effetto: fumare e’ come la Shoah.Di sicuro qualcuno gli crede.Un imbelle.Null’altro.Vs.Zacforever

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi