Chi tocca Maroni muore

La nuova divisa da giornalista

Mentre il paese naviga alla deriva, senza un governo, alle soglie di un lungo inverno polare, facendo lo slalom in mezzo a una distesa di iceberg che vagano come gelidi, tetri fantasmi dello spirito della politica che fu, i media applicano con encomiabile dedizione la prima legge della manipolazione mediatica: la strategia della distrazione.
 
Roberto Maroni si prepara ad applicare la dottrina Sarkozy anche in Italia: prima revoca gli 11 alloggi già assegnati dalla Moratti ad altrettante famiglie rom regolari, provenienti dai campi di via Triboniano e via Novara, poi dichiara che «Serve una innovazione legislativa che ho in animo di prendere per applicare concretamente gli obiettivi della direttiva europea del 2004».
Ovvero? Rimane «soltanto chi è nelle condizioni per poter rimanere». In altre parole, chi guadagna e manda i figli a scuola. Dopo il fiancheggiamento di Berlusconi al governo francese, con la presa di posizione contro la nemica storica di Mediaset, Viviane Reding, ecco dunque che anche l’Italia si avvia verso improbabili deportazioni rigorosamente in salsa etnica.
Visto che il caso transalpino aveva già provocato un gran putiferio, sollevando reazioni forti in tutta Europa, le dichiarazioni di Maroni rischierebbero di guadagnarsi troppo spazio sulle prime pagine di Corriere e Repubblica (Libero e Il Giornale sono ormai da mesi in ostaggio della Scavolini). Che fare? Non c’è problema, ci pensa Umberto Bossi, così ne approfitta anche per fare un po’ di campagna elettorale.
SPQR – Sono porci questi romani”, spara via senza pensarci due volte (ce l’aveva già pronta alla bisogna). E giù titoloni di prima, perfino SkyTg24 ci fa un sondaggio. I Rom? Non pervenuti. O perlomeno non tanto quanto avrebbero meritato. Tra l’altro, ottiene due piccioni con una fava, visto che attenua anche l’attenzione nei confronti del discorso di Berlusconi domani mattina alla Camera. Anzi tre, perché oscura la mini guerra civile contro l’apertura della seconda discarica di Terzigno. Diavolo d’un Bossi. Pecore di italiani!
Distrarre. Distrarre. Distrarre. Funziona sempre. Alt. E come si fa con chi sfugge al circuito mediatico e tenta di fare una domanda fuori programma? Che ne so, magari una giornalista incauta che non ha ancora imparato a stare al suo posto? Non c’è problema: la si blocca, sollevandola da terra, impedendole di respirare e causandole un “trauma toracico-addominale da schiacciamento“. Questo è quel che è appena accaduto ad un’inviata di Sky che voleva avvicinare Roberto Maroni, fuori dalla sala di Castel dell’Ovo, a Napoli. Poi uno dice perché i giornalisti non fanno più domande: se non ti mena La Russa, a mandarti all’ospedale ci pensa una guardia del corpo. Forse bisognerebbe iniziare a presentarsi con un’armatura medioevale e il microfono sulla punta della lancia.
Per la cronaca, la direttiva europea del 2004 si trova qui. E recita così:

In nessun caso la decisione [restrizioni al diritto di ingresso e di soggiorno] può essere dettata da ragioni economiche.

Poi, certo, dice anche che il diritto di soggiorno per una durata superiore a tre mesi deve essere subordinato alla disponibilità di risorse economiche sufficienti, entrando in palese o apparente contraddizione. In ogni caso, chiunque abbia soggiornato in un paese dell’Unione per un periodo di almeno cinque anni, ininterrottamente, non può essere deportato per nessun motivo al mondo.
Insomma, è complesso. Meglio mandare affanculo i romani ed evitare di parlarne, no?

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ti sei dimenticato di menzionare un’altra distrazione. La casa di Montecarlo. Nello stesso periodo del “caso” Fini, il “nanetto” regalava la frequenza 58 alla “sua” Mediaset. Così potremmo gustarci Emilio Fede in HD. Il Tg3 Campania ha parlato dell’aggressione(?) ricevuta dalla giornalista di Sky Tg 24. Ma non c’è un video? Sul sito di Sky ancora non c’è nessun articolo…

    • >ma non c’è un video?

      Non è che tutto quello di cui non c’è un video, significa che non esiste, altrimenti cadiamo noi stessi nella trappola mediatica che filtra e definisce la realtà.

  • A proposito di armatura… ma non si potrebbe fare che quando si fanno delle manifestazioni e arrivano i poliziotti in tenuta antisommossa non ci potrebbe presentare vestiti da legionari romani… eh.. che ne dite almeno si sta quasi ad armi pari! E che è …. è nn se ne può più! Magari anke senza spade…

    Nn si può manifestare pacificamente! 

     

    Questa è… una provocazione preciso

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi