Ridotta la scorta a Belpietro, sostituito l'agente

La Repubblica, 13 ott 2010

Nemmeno otto giorni dopo il presunto fallito attentato a Maurizio Belpietro, il raddoppio della scorta è stato ritirato. E Alessandro M., l’agente che aveva esploso tre colpi nelle scale raccontando di essere scampato per miracolo alla morte che un fantomatico attentatore voleva infliggergli, dopo anni di onorata carriera alle dipendenze del direttore di Libero è stato sostituito. Del resto, i suoi stessi colleghi non sembravano avere mai creduto alla reale dinamica della vicenda, con buona pace dei commentatori in rete che aprivano ufficialmente la caccia ai complottisti.
 
Insomma, un epilogo molto diverso dalla promozione che l’agente si era guadagnato quindici anni prima, in seguito ad un episodio del tutto analogo al quale il giudice D’Ambrosio, beneficiario della scorta, tuttora dichiara di non avere mai creduto.
Intanto, però, Belpietro ha avuto modo di martirizzarsi in diretta tv davanti a milioni di italiani, ergendosi ad anti-Saviano, mentre questi timidi trafiletti che si avvicendano sulle ultime pagine dei quotidiani vengono letti da una sparuta minoranza di cavillosi cittadini ossessionati dal pelo nell’uovo.
Dopo il titolo a caratteri cubitali “SCUSATE SE SONO VIVO“, a quando un’edizione di Libero interamente dedicata agli sviluppi della vicenda?

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Siamo alle solite, i furbacchioni sanno che la media delle intelligenze della massa gira intorno ai 12 anni, io dico che, non solo ci vuole la patente elettorale a punti, io dico che sul documento di identità deve risultare che io voto per IDV.Le responsabilità dovrebbero ricadere anche sugli elettori. Tu hai votato PDL? Sei stato male informato, sei un credulone, non hai senso critico, la prossima volta stai più attento, intanto paghi di tasca tua più di uno che ha votato IDV. Avremmo molta più gente che vota con attenzione o che non vota. Finirebbero le vittime dello strumento del consenso. Gino Strada dovrebbe allestire dei campi in piazza Duomo per curare le orribili ferite alla testa dei telespettatori. 😉

  • Per sopravvivere a Belpietro basta non acquistare Libero e girare canale quando appare in TV (certo si corre il rischio di un’ipertrofia  della mano  causa super utilizzo del telecomando)!!! 

  • Questo e’ l’attestato, certificato dal ministero dell’Interno, che l’orribile attentato a Belpietro era solo una colossale bufala. Ora bisognerebbe ri-intervistare tutti gli sciacalli che ci hanno montato sopra un castello di menzogne contro l’opposizione additando Di Pietro quale “mandante” e rivangando gli anni delle BR e altre stupidaggini per i telepolli. Bisognerebbe intervistare di nuovo Cicchitto, Capezzone e gli altri pupazzi. Ma chi fara’ queste interviste? Quale televisione le trasmettera’ con lo stesso rilievo del primo ottobre scorso?

  • Non so se detesto di più Belpietro o Feltri, sono in un vicolo cieco.

    Mai visto in quarant’anni , giornalisti così arroganti e servi del potere senza un filo di etica professionale.

    Prodotti berlusconiani al 100 %.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi