Finanziaria shock: 1 MILIONE A TESTA PER I PARLAMENTARI

 

Problema: la maestra ha 10 bambini e solo 5 mele. Come fa? Soluzione: distribuisce mezza mela a testa, oppure distribuisce le mele ai bimbi più gracili. Questo sempre che non voglia mangiarsele tutte da sola. Un Onorevole invece, che sembra non aver frequentato le elementari e che vede le mele come Dracula vede una vergine, ragiona nel seguente modo.
 
Siccome, con i tempi che corrono, una mela può tornarmi utile per accattivarmi simpatie e voti, le mele me le porto a casa io. Così posso usarle come merce di scambio e darle non ai bambini che hanno più fame, ma a quelli che mi aiuteranno a diventare Preside dell’istituto.
Altra spiegazione non c’è per la scoperta che ha fatto Massimo Donadi. Le commissioni Cultura e Bilancio hanno a disposizione 120 milioni di euro circa, stanziati nell’ultima finanziaria, per ristrutturare edifici scolastici, modernizzarli o migliorarli. Positivo, ma perché non è direttamente il Ministero dell’Istruzione ad occuparsene?
Semplice: perché questi 120 milioni verranno suddivisi tra i parlamentari, ognuno dei quali avrà circa un milione di euro a testa. Per farci cosa? Per ristrutturare, ammodernare o migliorare un edificio scolastico. Quale, per la precisione? Affari suoi, nel senso che il parlamentare deciderà a capocchia sua. Se riterrà opportuno sostituire le lampadine alla scuola che frequenta suo figlio e lasciare intatte le crepe nel muro di una scuola in periferia, potrà farlo nel pieno rispetto della normativa, che non impone alcun criterio se non l’insindacabile giudizio dell’Onorevole.
Vi ricorda qualcosa la legge Mancia? Era una risoluzione che indicava al Governo una serie di finanziamenti a pioggia: nel 2007 il totale era di 17 milioni di euro. Soldi la cui destinazione era decisa a porte chiuse dalla Commissione Bilancio di Camera e Senato. Amaro ma prevedibile fu constatare che i fondi venivano utilizzati dagli onorevoli per finanziarsi la campagna elettorale, intervenendo in quelle aree che potevano territorialmente garantire loro un ritorno in termini di voti.
La legge Mancia fu abrogata nel corso del Governo Prodi, ma come ogni cosa buttata fuori dalla porta, rientra dalla finestra con questa ennesima declinazione del famigerato finanziamento illecito, non più ai partiti ma alle campagne elettorali prossime venture degli Onorevoli che compongono le commissioni Cultura e Bilancio.
Ai genitori che temono per la sicurezza dei propri figli consiglio di andare a Montecitorio portando in dote oro, incenso e voti. Come per magia, nelle aule dei loro pargoli ricompariranno i gessetti e gli estintori.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Se facessimo una summa di tutti i soldi che prendono, tra rimborsi elettorali multipli, stipendi, bonus presenza, e questi di cui parla l’altricolo.. altro che finanziaria. altro che crisi.

    Le scuole sono uno dei beni più preziosi, in quanto sono i posti fisici in cui crescono le persone della società di domani. Avere un buon ambiente in cui studiare, anche a livello di ammodernamento e ristrutturazione, è fondamentale per creare quel clima adatto all’apprendimento, che stimoli e invogli all vita scolastica.

    Io ho studiato 5 anni in un istituto con i calcinacci per terra, una voragine al posto dell’ascensore e i classici banchi che cadono a pezzi, armadi sfondati, bagni intasati e chi più ne ha più ne metta. Più che un istituto sembrava il bronx. Ora sto concludendo l’università, ed essendo questa privata mi trovo davanti ad uno spettacolo di magnificenza, modernizzazione, praticità e bellezza esteriore.

    Posso assicurare che il clima è ben diverso tra una realtà e l’altra.

    Ragazzi come cambiano le cose, se si paga..

  • Ciao, claudio!

    Mi spieghi meglio la divisione dei 120 milioni tra i parlamentari?

    Come fa idv ad avere 3 milioni quando i parlamentari sono molti di più?

    non capisco…

  • Salve a tutti,

    qualche giorno fa ho scritto una e-mail all’amministratore del blog, riportando la mia richiesta di attenzione  riguardo alla violazione del diritto allo studio nella regione piemonte. siamo alcuni borsisti edisu, ora come ora abbiamo bisogno di voi. forse il fatto che sia una cosa apparentemente locale potrà portarvi a non soffermarvi sul problema, ma non è vero che riguarda solo la regione piemonte, poichè molti studenti universitari, borsisti, provengono da tutta Italia e non solo. Il consiglio regionale ha in previsione di tagliare i fondi. Non solo l’università sta andando alla deriva “grazie” alla Gelmini, ma ora la giunta regionale ci sta praticamente buttando per strada senza un euro e senza possibilità di sperare in un futuro.

    avrei gradito che alla mia e-mail informativa avesse avuto seguito una certa attenzione da parte di questo blog, sempre critico.

  • Domanda. Qualcuno potrebbe dirmi in quale societa’, in quale sistema, in quale tempo e luogo, questo meccanismo clientelare non ha trovato luogo nella classe politica?

    In altre parole, quando e dove chi detiene il potere ha agito nell’interesse e per il bene collettivo?

     

    Ps: cliens et patronus…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi