Bunga Bunga per tutti


Silvio Berlusconi è un sultano. L’Italia è un sultanato e Villa San Martino (Arcore) e Villa Certosa sono due dei suoi immensi harem. Ogni giorno, dopo avere fatto qualche telefonata di rito, più che altro a Letta e Ghedini per assicurarsi che il Lodo Alfano proceda, il premier si dedica all’organizzazione di quello che davvero conta per lui: il Bunga Bunga della sera. Ecco perché è così amico di Gheddafi. Ecco perché gli procura 500 hostess bionde sopra il metro e settanta. Ecco perché minimizza sul leader libico, etichettando le sue indegne stravaganze come folklore, ed ecco perché fanno affari insieme. Sono uguali. Sono uguali e passano la giornata nell’attesa dell’amato Bunga Bunga.
 
Una volta l’Italia era la settima potenza industriale ed un faro nella culla del mediterraneo. Oggi non solo non siamo in grado di introdurre il rispetto dei diritti umani nei paesi dell’Africa del nord, ma anzi importiamo i loro costumi tribali. Importiamo il Bunga Bunga da Muammar Gheddafi e prendiamo lezioni di democrazia da un sovrano che regna indiscusso sull’Egitto da quarant’anni: Hosni Mubarak. (per capire chi è l’uomo dal quale Silvio Berlusconi vuole andare a scuola, guardate questo video).
Non è un caso se Ruby, la minorenne cleptomane che frequentava i Bunga Bunga di Berlusconi (dopocena erotici), è stata rilasciata dalla Procura, lo scorso maggio, dopo una telefonata dalla Presidenza del Consiglio che la indicava proprio come nipote di Mubarak. Ovviamente non era vero, ma Berlusconi era sicuro che Hosni non se la sarebbe presa. Perché anche loro sono uguali. Hanno  lo stesso concetto di giustizia ad personam: l’egiziano mette dentro i propri avversari politici in maniera da non avere avversari alle elezioni,  l’italiano tiene fuori se stesso e le ragazzine a cui vuole bene. Ovviamente non vuole bene a prescindere, ma solo a tipette qualunque, dozzinali e anonime come Noemi e Ruby. Se sei racchia puoi marcire in cella. Se sei una divinità greca puoi partecipare ai Bunga Bunga o curargli le carie. Quando il sultano si stufa, ti ricicla premiandoti con un posto alla Regione Lombardia.
Ora è chiaro perché lo votano: il 99% dei maschi italiani vorrebbero partecipare ai Bunga Bunga di Berlusconi come consumatori, mentre il 75% delle donne, quelle che sgomitano per diventare veline o fanno concorsi di bellezza per un posto di lavoro, vorrebbero partecipare ai Bunga Bunga di Berlusconi in qualità di fornitori (di carne). Il compenso è una candidatura politica in un collegio blindato, un posto da soubrette/attrice in Mediaset o alla Rai e gioielli a profusione (Ruby in un mese e mezzo sembra aver tirato su 150.000EUR: non male per una ladruncola che due mesi prima stava per finire dentro per un malloppo di soli 3.000EUR). I primi due premi in palio sono sostanzialmente pagati con i soldi pubblici (quindi i Bunga Bunga di Berlusconi li paghiamo noi), mentre la restante parte provengono dall’indotto sugli affari che gli deriva da quindici anni di occupazione del Parlamento (già, perché nel ’94 Berlusconi era sommerso di debiti).
Ora io dico: visto che questi Bunga Bunga sono pagati con i nostri soldi, da questa sera vogliamo partecipare anche noi. Tutti in fila davanti ad Arcore dopo le 22.30. Alla porta troverete Emilio Fede. Ditegli che siete i padroni del locale.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Io non mi meraviglio e non mi scandalizzo dei comportamenti di questo signore che dovrebbe fare i miei interessi ed invece fa i cazzi suoi. Sono scandalizzato invece dai poveri cristi che lo difendono e gli permettono tutto. Volevo segnalare il comportamento consueto del senatore Gasparri quando ad ogni critica mossa dal giornalista Peter Gomez nel corso del programma Exit su La7 rispondeva con la parolina magica: “la sinistra”. Mi avrebbe fatto piacere che una persona intelligente e preparata come Peter Gomez avesse messo in luce la tattica del “Divide et impera” praticata da Maurizio Gasparri. P.S. Non per fare pubblicità all’iPad, ma pranzare insieme ai video di byoblu sulla tavola è veramente una figata!

  • Vorrei proporre di modificare l’articolo 1 della Costituzione in: L’Italia è una repubblica televisiva fondata sulle balle raccontate attraverso i giornalisti che hanno famiglia. I problemi italiani non possono prescindere dai problemi della tv. Vero Piero Fassino??

  • Ciao Claudio, scusa la domanda, ma le prove di queste feste e del fatto che sono soldi pubblici potresti includerle nel video….giusto solo per dovere di cronaca, visto così sembra solo un attacco senza basi o quasi.

    Grazie

    Matteo Pandolfi

    • Senza basi non direi. Berlusconi deve dire agli italiani se è vero che un uomo della sua scorta ha telefonato in questura per poi passare la telefonata direttamente al capo del governo, che avrebbe chiesto al capo della questura di rilasciare Ruby e affidarla nelle mani di persone di sua fiducia. E vogliamo sapere se è vero che sarebbe arrivato al punto di mentire sull’identità della ragazza marocchina minorenne arrivando al punto di definirla la nipote di Mubarak. Vogliamo anche capire anche perché il questore in servizio fino a tre settimane fa in via Fatebenefratelli a Milano è stato nominato ‘ispettore generale di amministrazione del Consiglio dei Ministri’.

      dal blog di massimo donadi.

  • Ciao a tutti.

    A me il fatto risulta confermato per stessa ammissione dell’autore.

    Non ho bisogno di appoggiarmi ad antefatti o cause, perchè esse non sono ammesse a giustificare il fatto.

    Il fatto costituisce reato: abuso d’ufficio, salva più grave ipotesi di concussione ai danni dell’azione imparziale, legalitaria ed efficace degli organi di polizia.

    La violazione non ha solo rango penale ma anche costituzionale, poichè devia la Pubblica amministrazione dai suoi compiti (art. 97 Cost.) e usurpa il ruolo eventuale del giudice naturale precostituito per legge (art. 25 Cost.) per chiunque, distogliendo (ed anzi nascondendo), ad esso il suo controllato.

    E’ la seconda volta che ciò accade – per quanto noto – dopo i tentativi illegali di pressione del Presidente del Consiglio sull’AGCOM  per annozero.

    Non c’è alcun bisogno di ricorrere alla legge morale o ai canoni estetici quando le somm ergole giuridiche sono violate.

    Mi aspetto che di fronte a questo nuovo fatto la magistratura interverrà con una gravissima incriminazione ai danni di un eversore dichiarato, anche con provvedimenti restrittivi della responsabilità personale. E’ arcinoto infatti in base ad obiettive e ripetute violazioni della stessa specie che essendo Berlusconi – molto al di là un colossale ignorante di diritto a dispetto della sua laurea in legge con lode – l’ultimo uomo in grado di contenere le sue pulsioni (ed ogni sua intenzione o moto naturale in generale), reiterebbe il reato in qualsiasi prossima occasione.

     

     

     

  • Intanto mentre tutti parlano del bunga bunga

    passano in secondo piano

    le rilevazioni di spatuzza e di ciancimino

    la spaazzatura in campania

    la fiat che sta per mollare l’italia

    la scuola pubblica allo sfascio

    i conti pubblici in dissesto (ma che imprta c’è il superenalotto da record)

    la disoccupazione reale all 11% quella giovanile al 30%

    adesso ci maca solo un caso marrazzo bis per pareggiare i conti

    e berlusconi può andare avanti serenamente fino al termine della legislatura

  • byoblu ha scritto :
    Caro Matteo,  ne sono pieni i giornali, in questi giorni. 🙂

    Fammi capire…i tg e i giornali vengono demonizzati da te e datante altre parti, ma quando danno notizie che vanno contro Mrs. B. vanno bene e sono per forza vere e legittime ? Io credo che siano sicuramente un modus operandi ormai collaudato per distogliere la nostra attenzione dai veri problemi che affliggono il nostro come tutti gli altri paesi “civilizzati” del pianeta…

    . Fabbisogno energetico

    . Smaltimento Rifiuti / Rifiuti Tossici

    . Scie Chimiche

    . Signoraggio

    . Impoverimento dell’istruzione Pubblica

    . Più Pillole per Tutti

    . ecc…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi