Il Wi-Fi è finalmente libero. Ma solo quello…

 

Meglio tardi che mai: dal primo gennaio tutti si potranno connettere liberamente via Wi-Fi senza lasciare la carta d’identità.

Ora aspettiamo che, dopo il forte ritardo chedal 2005  l’Italia ha maturato nei confronti del resto del mondo per colpa del Decreto Pisanu, qualcuno voglia gentilmente anche investire in punti di connettività in giro per lo stivale. E ovviamente aspettiamo anche gli investimenti in banda larga. Altrimenti è come avere la patente in un paese senza strade.
 En passant: qualcuno potrebbe spiegarmi perché lo abbiamo chiesto al capo dei servizi segreti israeliani se potevamo aprire il Wi-Fi nel nostro paese? Mi sembra quantomeno singolare.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

17 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Dopo cinque anni e quattro mesi, se tutto va come formalmente promesso dal ministro degli Interni Roberto Maroni, le norme che hanno soffocato la Rete senza fili in Italia (il cosiddetto decreto Pisanu) saranno modificate: niente più richiesta di un documento d’identità cartaceo per accedere all’WiFi nei locali pubblici, niente più obbligo dei gestori di chiedere l’autorizzazione in questura per fornire il servizio (mentre resta ancora in dubbio se questi dovranno in qualche modo archiviare la navigazione on line dei loro clienti, come avviene ora).

    Non sarà tuttavia, come ha invece sostenuto Maroni, una vera liberalizzazione. Secondo il governo e la maggioranza infatti, bisogna «contemperare le esigenze della libera navigazione con quelle della sicurezza», come spiega il responsabile Internet del Pdl Antonio Palmieri a ‘L’espresso’: quindi «si studierà un modo per identificare i dispositivi attraverso i quali le persone si connetteranno» alla Rete senza fili da locali pubblici.

    http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/11/05/wi-fi-piu-libero-ma-non-basta/#more-9656

  • Non è d’accordo il procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso, con il via libera dal primo gennaio 2011 al libero accesso alle postazioni wi-fi, deciso dal Governo che oggi ha annunciato lo stop alle restrizioni su questo tipo di collegamenti previste dal decreto Pisanu. “Non potere identificare coloro che usano le reti internet – ha detto Grasso ai microfoni di Sky Tg24 da Bari – significa dare il via libera a tutta una serie di reati, dalla pedofilia al terrorismo, per l’evidente impossibilità di identificare le persone che commettono questi reati” utilizzando le reti wi-fi.
  • il milione di posti di lavoro, la politica del fare per il bene degli italiani, la generosità infinita, soprattutto per gliextracomunitari di orgine egizia o di antigua, le grandi pulizie della Campania a tempi da record…

    ora, io ho il massimo rispetto per tutte le tendenze, ma è mai possibile che, con tutte le palle che quell’uomo ci ha propinato per vent’anni, è mai possibile che, l’unica volta in cui si è stato espresso con sincerità, lo abbia fatto per farci sapere che non è gay?

    • Ma sei proprio sicuro che sia la verità??Con tutte le bugie che ha detto,questa,potrebbe essere una delle tante.E per nascondere la sua omosessualità,ha sparato sta minchiata.

      La maggior parte degli omofobi,sono gay repressi…ricordatelo…

  • aaaahh .. se il leprotto leporino è stato in Israele a interpellare il Mossad per sapere se può liberalizzare l’accesso alla rete in ItARGHia .. allora sì che siamo a posto .. :-(!!

    pagliacci buoni giusto per il bunga bunga ..

  • Perchè nessuno ancora ha capito che, tra le righe, c’è scritto che non verrà abrogata la tracciabilità ma semplicemente non dovremo lasciare più la carta di identità ma rimarrà la registrazione solo via SMS e/o carta di credito.

    La tracciabilità non la toglieranno mai

  • En passant: qualcuno potrebbe spiegarmi perché lo abbiamo chiesto al capo dei servizi segreti israeliani se potevamo aprire il Wi-Fi nel nostro paese? Mi sembra quantomeno singolare.

     

    Mi pare che lo spiega Maroni stesso nel video, si sono consultati coi servizi segreti israeliani, sull’opportunità di liberalizzare il WI-FI in realazione alla lotta al terrorismo. Chi può conoscere le problematiche della lotta al terrorismo internazionale, e in particolare islamico, meglio del Mossad?? anche i terroristi usano la rete per comunicare e fare transazioni, quindi la lotta, e la difesa contro il terorismo si muove anche sul web!

  • kautostar86 ha scritto :
    La tracciabilità esiste anche con la normale connessione ADSL di casa, quindi qual’è il problema? se non vuoi essere tracciabile devi usare altri tipi di connessione particolari….

     

    Assolutamente falso. La tracciabilità esiste “per legge” solo nelle connessioni da reti pubbliche quali quelle wifi o internet point.

    Nessuno ti può tracciare da una connessione casalinga a te intestata perchè se dal tuo IP casalingo fai casini è ovvio che il responsabile sei tu. Ma questo non significa che sei tracciato.

    La tracciatura significa che ogni pacchetto SYN dal mio PC viene salvato da qualche parte con sorgente e destinazione cosa che non succede ovviamente nella navigazione da casa.

    • Forse non mi sono espresso bene dal punto di vista tecnico, ma volevo dire che se ti connetti con la tua adsl personale da casa, non sei MAI anonimo al 100%, se commetti qualche reato, anche una “banale” diffamazione nascosto dietro un NICKNAME, puoi essere comunque rintracciato e denunciato!

      Siccome col WI-FI ti sfrutti una connessione che non è di tua proprietà, è giusto che chi la mette a disposizione, per tutelarsi da eventuali reati che tu potresti commettere con la sua rete e con il suo ip, possa tracciarti, non ci vedo nulla di male…

      Poi se vuoi usare il web in maniera lecita, ma hai bisogno di un minimo di riservatezza, ovviamente non userai il WI-FI!

      Ma liberalizzare il wi-fi, senza tracciabilità, sarebbe troppo comodo per chi vuole utilizzare internet per fare truffe, raggiri, cracking di siti web e cose simili

  • Quello che mi lascia maggiormente sgomento è che ci vogliono sempre anni per riuscire a formulare testi di Legge inerenti ad interessi diffusi, mentre altri passano le commissioni e sono in Parlamento in pochi giorni.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi