Il Cubo di Ruby

 

Quante volte avete sentito dire a Silvio Berlusconi che lui è l’editore più liberale del mondo? E per dimostrarlo, lui e ai suoi sostenitori hanno spesso citato la satira di Striscia la Notizia che ogni sera lo prende in giro sulla sua stessa rete ammiraglia. Ho dunque pensato di fare cosa gradita mostrando come la crisi interna alla maggioranza viene affrontata da Antonio Ricci e compagni.
La puntata è quella di ieri sera, lunedì 8 novembre 2010. Greggio entra e, nell’ordine, arringa il pubblico con le seguenti tre battute.
 
 

« Alla convention di Futuro e Libertà Fini ha detto che Berlusconi deve avere il coraggio di salire al colle a dichiarare aperta la crisi, ma Berlusconi ha subito risposto: “Cribbio! Io il coraggio di salire al colle ce l’ho eccome! Ma non per dare le dimissioni: per rimanerci sette anni. Mi consenta! »

Ovazione da stadio. Gianfranco Fini sistemato. Cavaliere proiettato verso la Presidenza della Repubblica.

« Dopo la svolta di Fini, il segretario del Partito Democratico Bersani ha proposto un governo breve, e di Bersani ci si può fidare ciecamente. Se il governo lo fa il PD, è breve di sicuro! »

Risate e applausi scroscianti. Sinistra delegittimata. Cavaliere unico leader di governo possibile.

« Per protestare contro la visita di Benedetto XVI, 200 gay hanno inscenato nelle strade di Barcellona un bacio collettivo. Il Papa ha commentato: “Uomini che si baciano in strada? Vergogna! Queste cose andatele a fare solo in sagrestia!” »

Pioggia di fragorosi consensi. Famiglia Cristiana e L’Avvenire, che avevano criticato duramente il Premier dopo il caso Ruby, massacrati nel loro lato più vulnerabile. Fine del primo tempo. Berlusconi – Resto del Mondo: 3 – 0.
Entra Iacchetti. A lui l’arduo compito di riportare le sorti del match in parità. Anzi, a onor del vero, da lui ci si aspetterebbe l’impresa epica non solo di segnare una tripletta, ma di realizzare il punto del 4 – 3, se è vero che Striscia va in onda a testimonianza della natura estremamente liberale del Premier.
Il signor Enzino entra con un cubo di Rubik. Sui lati sono disegnati semi-corpi di donna, scelti nei quarti che usualmente Mediaset ritiene più interessanti, esilmente ricoperti da un tanga nero. Sorridendo, informa Greggio che si tratta del Cubo di Ruby.


Il cubo di Ruby… solo un gioco. Più che un gioco il simbolo, l’emblema della visione della donna con la quale Berlusconi ha forgiato il paese delle soubrette e delle veline: un puzzle di culi, tette e labbra da bambola gonfiabile che si possono ricomporre a piacimento per assemblare dieci, cento, mille donne ideali.
In realtà è un gioco per ragazzi“, dice Iacchetti, caso mai non si fosse capito. “Se ci prova un uomo di una certa età rischia di fare una brutta figura“. Berlusconi e Fede dunque scagionati per legittimo impedimento.  In definitiva, “E’ comunque una cosa OK!“, concludono i due compari chiudendo una fase di asperrima critica antigovernativa.
Toni talmente forti da richiedere una parziale anche se inefficace compensazione. Più avanti, viene infatti mandato in onda un servizio nel quale si mostra come Fini e Veltroni si siano spinti entrambi, a distanza di anni, ad usare la stessa citazione di Antoine de Saint-Exupéry. 4 -0. Punteggio quasi tennistico.
Insomma, con oltre 5 milioni di telespettatori a sera, Striscia è proprio una spina nel fianco del Cavaliere! E allora basta, dargli del dittatore! Basta, gridare al regime! Basta, accusarlo di condizionare i media! Ricci lo fa nero ogni sera in prime-time su Canale5 da oltre vent’anni e lui non dice niente. Ah! Se potessimo urlarlo al mondo… E’ un gran peccato che questo post e questo video non possano raggiungere che lo 0,1% dell’audience di Greggio e Iacchetti.
A meno che, certo, non facciate un po’ di massiccia condivisione! Perchè poi, se nessuno dice niente, questi sono i risultati del clima di odio alimentato di Antonio Ricci: guardate cosa succede oggi in Veneto.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

21 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Va be’, ieri ne son state dette di tutti i colori su Berlusconi a Rai3, non vedo che differenza fa se qualcun altro piglia per culo il PD e le opposizioni in genere.

  • E’ da anni che non guardo quel programma: fa troppo male vedere bravi comici abbassarsi a quel livello. Quando smisi, ricordo che era il turno di Ficarra e Picone che non mi sembrano gli elettori ideali del Cavaliere.

    Spinta dal tuo intervento, mi sono decisa di guardare il video in questione e sono sorpresa dall’evoluzione. Povero Enzo! Fa davvero pena, non so se è la qualità bassa dell’immagine ma la sua espressione smbra tradire un certo disagio; il tono gioioso del passato, però, quello sono sicura che non c’è più. Non sta lavorando con passione.

    Vabbè, potrebbe essere influenzato…

  • Fabio A. ha scritto :
    Va be’, ieri ne son state dette di tutti i colori su Berlusconi a Rai3, non vedo che differenza fa se qualcun altro piglia per culo il PD e le opposizioni in genere.

     

    Fabio, il problema è che lui si lamenta dei cattivi giornalisti, magistrati, ecc., che lo denigrano mentre lui fa lo stesso da anni sulle sue reti e non solo.

  • Quindi anche Benigni lavora per Berlusconi? Sfotte il PD, prevede la scalata al Quirinale di Berlusconi, scherza su Ruby… ma dai! Questo post è veramente delirante. Avevo notato una certa ossessione per i complotti anche in un post precedente sulla battutaccia sui gay, fatta passare per chissà quale artificio studiato ad arte dai geni del male. Ossessionarsi a tal punto e vedere nemici ovunque non serve proprio a nulla ed abbassa la qualità dell’informazione in rete. Certe sparate tirate fuori tanto per passare per originali allontanano il lettore serio che vuole prendere le distanze dai soliti strilloni (che pure vennero criticati intelligentemente qualche post addietro) che abbondano in rete. 

    Perdere un lettore è ovviamente poca cosa ma mi domando che senso abbia pensare di contrastare il fenomeno berlusconiano diventando attrazione per complottisti da web ed assecondare i loro deliri.  

     

  • Marcello2 ha scritto :
    …quindi suppongo che anche per quanto riguarda tette e culi in tanga tu non abbia nulla da obiettare. Ti ricordo cmq che Striscia è presa ad esempio dal Cav come trasmissione da lui, editore liberale, tollerata. Ricordo ancora i suoi servizi di anni fa: Prodi era massacrato nella sostanza, mentre per fare satira su Berlusconi lo si mostrava con la bandana e con Apicella alla chitarra.

     

    Potrei citare Annozero, dove Bassolino ci fece una grandissima figura e Travaglio non manca occasione di affondare su Berlusconi come fosse l’unico male di questo paese. Che c’azzeccano le tette ed i culi, poi, non saprei.

     

    Quello che sto dicendo è quello che già ho detto, niente di più, niente di meno.

    • Che c’azzeccano le tette ed i culi, poi, non saprei.

      Beh… a questo punto ne desumo che non hai letto bene il post, ma non hai neanche guardato le figure.

  • JhonnyBeGood ha scritto :
    Non lo fa lui, lo fa chi dirige il programma, che evidentemente è filoberlusconiano. Ahhhhh…. adesso la differenza è chiara. Evidentemente uno che lavora per Berlusconi in Mediaset (lo stesso posto dal quale Mentana se ne andò dicendo che era diventata un comitato elettorale), come uno che lavora per Berlusconi al Giornale, è solo casualmente filoberlusconiano. Fratello, tu stai messo proprio male.

     

    Ho per caso parlato di causalità e casualità? Questi commenti c’entrano con quel che ho scritto come il due di coppe quando la briscola è a bastoni. Io sto messo alquanto bene, comunque, ma grazie per l’interessamento.

  • Iacchetti e Gregio sono i veri terroristi, altro che quel caciottaro di Bin Laden. Sono anni che lo grido al vento e in qualche caso mi sono sentito dare pure del paranoico, grazie claudio condivido il post per alzare lo 0,1% e, se mi è concesso, per una mia piccola rivincita personale.

  • Gente, quante discussioni superflue.

    Ripartiamo dal punto. Quando Berlusconi si candidò per la prima volta, alcuni dissero che c’era un grave conflitto d’interessi perché in grado di controllare numerosi media.
    I berlusconiani risposero che in fondo questo non era importante, basta guardare come Berlusconi lasci ogni libertà a quelli che lavorano con lui. Infatti c’era Montanelli al Giornale, c’era Mentana al Tg5, c’era Striscia la notizia e altri esempi.

    Dopo alcuni decenni cosa possiamo concludere?
    Io concludo che Berlusconi ha tollerato alcune voci contrarie all’inizio per non fare brutta figura, ma che appena ha potuto se ne è liberato… e ancora si deve liberare di altre (santoro e il Tg3 per esempio) che sono convinto siano nella sua agenda.

    Di solito i berlusconiani dicono anche che non credono che la televisione influenzi davvero il voto e la gente non cambia idea solo perché vede una trasmissione.

    Beh quale è la vostra opinione?

  • Più che un gioco il simbolo, l’emblema della visione della donna con la quale Berlusconi ha forgiato il paese delle soubrette e delle veline..

     

    Questa teoria che Berlusconi avrebbe mercificato le donne, l’ho sentita tante volte, in bocca a tante persone diverse(sinistroidi, femministe, catto-comunisti, ecc..), ma mi pare davvero un’assurdità!

    Prima di Berlusconi non esistevano le mignotte? l’umanità era fatta di puritani?e all’estero, dove non c’è Silvio, le donne non la vendono? la mercificazione dei corpi non esiste? La rivista Playboy e Penthouse sono state fondate da Berlusconi?

    Di donne che vendono tette e culi, per raggiungere soldi, successo e fama, il mondo è pieno, e sono sempre esistite. E anche il binomio SESSO e POTERE, non è una novità, anche nell’antica Roma e nell’antica Grecia imperatori e uomini di potere se la spassavano con prostitute, schiave e spesso anche schiavetti.

    Con questo non voglio assolvere Berlusconi, ma sono altre le colpe del Nano, ma la mercificazione della donna non l’ha inventata lui, e per come la vedo io può andare con tutte le puttane che vuole, a patto che per fare i suoi porci comodi non sfrutti la carica pubblica che ricopre!

  • il copione viene scritto dagli autori, non dai conduttori che sono le macchiette che ci mettono la faccia…

    quindi la paternità delle tecniche di persuasione, diffamazione, ecc, è opera di tecnici.

    a striscia come in tutte le altre trasmissioni. notate dove vengono mandati gli inviati più spesso, nella puglia di nichi vendola per denunciare gli sprechi, (prima delle elezioni il martellamento era ossessivo), a milano quando ci sono gli extracomunitari che fabbricano banconote false. Questo è un esempio ma volendo perderci del tempo è una goccia nel mare..

    non c’è nulla di casuale..

  • byoblu ha scritto :
    Già, peccato che la RAI sia lottizzata, per cui è istituzionalizzato il fatto che RAI1 dovrebbe essere filogovernativa (nei limiti della decenza e non rispetto al TG1 che dovrebbe essere superpartes), RAI2 di destra e RAI3 di sinistra. Invece che un Presidente del Consiglio abbia tre reti nazionali su 6 con cui farsi campagna elettorale continua non è istituzionalizzato, ma si chiama conflitto di interessi che altrove non sarebbe stato consentito.

     

    RAI 2 di destra?? ma che stai a dì, SANTORO e ANNOZERO ti sembrano programmi DI DESTRA?  In realtà la rai non dovrebbe essere proprio lottizzata, e il fatto che lo sia è un’anomalia, tutte e 3 le reti dovrebbero essere indipendenti dalla politica, sia di DESTRA che di SINISTRA.

    Quindi d’accordo c’è il conflitto di interesse di Berlusconi, che in molti altri paesi sarebbe irregolare, ma è altrettanto anomalo che la rai sia controllata dai partiti a livelli nauseanti…

    E siccome la RAI i soldi per fare anche programmi superfaziosi(sia in un verso, che nell’altro, non faccio distinzioni tra i vari schieramenti, anche se prevalgono le propagande del centrosinistra), a differenza di Mediaset, li prende direttamente dalle nostre tasche, è quasi peggio del conflitto di interessi!

  • Si perche’ qualcuno pernsava fosse il paladino della liberta’ riccio.. ma non avete sentito cosa ha risposto a ricca in merito alla corruzione.. che la ritiene una cosa giusta.. ma hai capito dove cazzo vivono questi con la caveza.. credo che un periodo/livello di corruzione cosi non sia mai esistito al mondo.. subdolo STRISCIANTE

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi