Da quando i feroci black bloc aiutano i finanzieri?

No, perché la Finanza smentisce seccamente che ci fossero agenti in borghese insieme al militare aggredito: «Tutte le persone in abiti civili intorno al nostro uomo sono dimostranti» [fonte Corriere].
 
Dunque chi è il signore con la giacca a scacchi? Cioè: sei un violento facinoroso che si copre dalla testa ai piedi perché odia il sistema e le forze dell’ordine, assali camionette dei carabinieri, le prendi a badilate sfasciando tutto, stacchi cartelli stradali e li tiri su qualsiasi cosa abbia una divisa, poi nel ben mezzo della sommossa che hai aizzato con feroce goduria, quando con la bava alla bocca finalmente riesci a scaraventare a terra un finanziere che per di più brandisce una pistola, vieni colto da un irrefrebabile impulso di solidarietà e lo aiuti fraternamente a rialzarsi, stando attento che non si sia fatto male?
Credo di essermi perso.

42 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I politici sono sempre pronti a condannare le violenze di popolo.

    Ma le violenze che la politica fa al popolo, non le condannano mai.

     

    • Ma queste non sono violenze del popolo(che poi chi sarebbe sto popolo??il termine popolo è un po’ troppo astratto, in realtà non esiste nessun popolo, solo individui!) contro la politica, queste sono manifestazioni violente di “povere” TESTE DI MINCHIA, contro persone (commercianti, comuni cittadini ecc..) che con la politica non c’entrano assolutamente nulla!

      Le auto bruciate, e le vetrine distrutte, non sono mica di Berlusconi!

  • Mah secondo me questa foto non dimostra proprio nulla, tanti dei manifestanti oggi a Roma, erano solo ragazzini delle superiori, o dell’università, magari teppistelli e con tanta voglia di fare casino, ma non fino al punto da mettersi in guai seri, non disposti ad uccidere!

    Poi anche lo “studente” un po’ bulletto, si può spaventare se vede un’agente che sfodera la  pistola..

    • Kautostar, so bene che fa tendenza fare la voce fuori da questo coro.

      Bello sarebbe leggere tuoi commenti, con argomenti però.

      La foto è singolare: agente ferito a terra che impugna la Beretta 92FS, il tizio alle spalle lo sorregge. Chi si avvicinerebbe ad un agente, se non avesse credenziali, con arma in pugno dalle spalle, ferito???

      Tu sei un troll, e su questo non vi è ombra di dubbio.

      Spari  minchiate galattiche senza argomentare una sega.

       

  • Mai come oggi è utile ricordare cosa diceva quell’escremento umano di COSSIGA in una delle sue ultime interviste:

    «Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno. In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito».
    – Gli universitari, invece?
    «Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città.
    Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano»

    Quindi io non mi faccio abbindolare come un allocco. Non ci credo alla storiella degli studenti facinorosi che, ovviamente, finiscono per screditare tutta la protesta e le motivazioni della stessa. I facinorosi di Roma possono benissimo essere poliziotti o loro collaboratori infiltrati, e non studenti. Aggiungo che, proprio per quanto disse Cossiga a suo tempo, la gente comune giustamente arrabbiata nera per le auto bruciate e i negozi danneggiati… dovrebe prendersela con la polizia, con lo stato e con la politica pretendendo energicamente spiegazioni su quelle dichiarazioni scandalose del nostro ex presidente della repubblica delle banane. Altro che prendersela con gli studenti… quei facinorosi erano tutto fuorchè studenti anche un bambino lo capisce.

  • Per i questurini che leggono queste note: la violenza che vedete nelle strade, in occasione di queste manifestazioni, è NULLA rispetto alla violenza che ogni giorno la politica di merda che c’è in Italia e che VOI PROTEGGETE avendo venduto voi stessi a questa politica, applicano in modo sistematico nei confronti di chi non ha santi in paradiso. Persone che perdono il lavoro, gente che è strozzata dalle tasse perché molti altri non le pagano, persone malate che affollano ospedali non in grado di affrontare le situazioni perché senza soldi…ed intanto crescono o si mantengono i privilegi di quelli che MANGINO ANCHE SUL VOSTRO FUTURO.
    Svegliatevi e date un futuro migliore del vostro ai vostri figli.

  • Per chi mi definisce TROLL(anche loro sono anonimi, quindi da che pulpito!), mi dimostri che quello è un sicuramente un poliziotto, e se anche fosse, mi dimostri dove sarebbe lo scoop, perchè francamente non l’ho capito!

    Cosa ci sarebbe di male ad usare dei poliziotti in borghese? si vuole forse sostenere la tesi (assurda) che gli unici ad aizzare violenza erano i poliziotti? beh l’onere della prova spetta a chi fa certe insinuazioni, e quella foto da sola, non può dimostrare nulla.

  • Se ancora credete alle favolette raccontate in tv allora vedetevi anche queste foto:

    http://violapost.wordpress.com/2010/12/14/cosa-ci-fa-un-finanziere-con-la-pistola-in-mano-tra-i-manifestanti/

    Ma credo che sia la “normale procedura” per aizzare un corteo di manifestanti… se non ricordo male queste tecniche di sommossa-indotta venivano usate anche da Hitler agli esordi del suo ingresso in politica.

    Una volta accesa la miccia è facile che gli eventi degenerino.

    I black block sono solo un comodo pretesto. I fatti del G8 di Genova dovrebbero insegnarci qualcosa.

    Per scoprire i mandanti basta rivolgersi a chi ne trae il maggior vantaggio.

  • fabio p. ha scritto :

    … quei facinorosi erano tutto fuorchè studenti anche un bambino lo capisce.

     

    Su questo hai ragione, al massimo sono iscritti all’università, ma definirli studenti è una parola grossa! Paradossalmente sono soprattutto i fuoricorso, chi non frequenta e non combina quasi nulla, a riventicare il diritto allo studio, occupando università, monumenti e intere città…

     

  • Rispetto a quanto riportato dal Corriere della sera, Il Corriere adriatico riporta la versione di Montani, fotografo ANSA, che cita fonti della GdF in senso opposto:«Poi sono arrivati gli altri suoi compagni, che l’hanno portato via insieme a loro. Anche i manifestanti, a questo punto, si sono lentamente allontanati», dice Montani. Dal comando generale della Guardia di finanza spiegano che il militare «era impegnato a difendere l’arma d’ordinanza che i manifestanti volevano sottrargli. La stessa sequenza fotografica – aggiungono – non lascia dubbi: il finanziere, aggredito da decine di facinorosi, era stato già privato del casco e della radio, e i manifestanti volevano impossessarsi della pistola. Ha coraggiosamente difeso l’arma, senza mai farne uso, ed è stato sottratto dalla furia dei teppisti grazie all’intervento dei colleghi, alcuni in divisa, altri in abiti civili».

     

  • Il problema vero è che dobbiamo “vedere” per credere e non sapere e conoscere e studiare. Poi quello che “vediamo” è quello che vogliono farci “vedere” e se qualche immagine o video scappa dal loro controllo non riusciamo nemmeno a capirlo! Ci hanno condizionato il pensiero o meglio ci stanno quasi riuscendo…ci sarà una salvezza o dobbiamo sperare che la natura ne abbia le tasche piene?

  • ciao, sono uno studente che ieri ha partecipato alla manifestazione e mi sono trovato immezzo agli scontri.

    volevo dire che gli infiltrati della polizia immezzo a noi giovani ce ne erano, ed erano pure tanti; come faccio a dire una cosa del genere?

    1- perchè durante gli scontri i lacrimogeni non arrivavano solo dalla parte dei cellerini, ma arrivavano anche da immezzo alla folla.

    2- perchè durante gli scontri a piazza del popoli gli ordini alla polizia venivano dati da persono vestite uguali ai ragazzi con caschi e viso coperto.

  • byoblu ha scritto :

    Non vedo nessun motivo per cui ci sia il bisogno di travestire le forze dell’ordine da facinorosi, perché poi qualsiasi processo successivo o resoconto dei giornali perde assolutamente di senso e si presta a strumentalizzazioni infinite.

    Gli agenti mimetizzati tra la folla, possono aiutare e supportare l’azione degli agenti in divisa, correndo meno rischi di essere aggrediti e presi di mira dai facinorosi, quindi non è del tutto ingiustificato.

    Per esempio, prendendo per buona la spiegazione della polizia, e del fotografo, in questo caso con un’agente in borghese è stato molto più facile soccorrere il collega in difficoltà.

  • Io sò solo una cosa , se un dimostrante si trova un finanziare con la pistola in mano (e quello la vede molto bene da quella posizione) comincia a darsela a gambe e non osa toccargli il braccio in quel modo , oltretutto in una posizione che non blocca l’arto ma lo asseconda a rivolgere il braccio che impugna la pistola proprio contro di lui….altro che dimostrante quello secondo me è un finanziare in borghese che aiuta il collega, la finta aggresione a B. "Docet", la  strategia della dissimulazione è ormai radicata nella politica moderna grazie anche alla politica di oltreoceano e non solo, non dimentichiamoci cosa fece la polizia Cinese nelle manifestazioni del Tibet travestendosi da Monaci.

  • A parte le prese di posizione soggettive, se si osservano le circa 100 immagini degli scontri riportate ieri sul sito di “Repubblica”, si vedono senza ombra di dubbio, almeno sei o sette agenti di polizia vestiti come manifestanti che stazionano insieme agli agenti in tenuta antiommossa dalla parte delle forze dell’ordine. Questo e’ un fatto verificabile da chiunque e incontrovertibile. Si puo’ discettare se cio’ sia utile o invece rischisissimo (io propendo per questa seconda tesi) ma comunque non si puo’ negare che la polizia vada in piazza con agenti vestiti in modo tale da muoversi con i dimostranti e agire confusi tra loro (soprattutto per isolarne qualcuno impedendogli di ritirarsi e catturarlo).

  • Anche al G8 di Genova furono numerose le testimonianze e le riprese di persone col volto coperto e magari oggetti contundenti in mano che si appartavano con i carabinieri e dialogavano.

    Alla questura di Genova dove si coordinavano le forze dell’ordine era presente Gianfranco Fini.

    E’ risaputa la vicinanza di alcuni ambienti dei carabinieri con la destra. Furono anche visti nell’accampamento alla Fiera di Genova, carabinieri cantare cori fascisti.

    In seguito a tutto questo, io concludo: Fini ha la disponibilita’ di alcuni apparati delle forze dell’ordine, e sono stati usati anche ieri nei disordini a Roma in modo simile a come e’ successo a Genova.

     

  • Emiliano Bruni ha scritto :
    Ma guarda… più che altro mi viene da chiedermi chi è questo  http://www.repubblica.it/scuola/2010/12/15/foto/scontri_il_giallo_dell_uomo_con_la_pala_infiltrato_o_dimostrante_-10219683/1/?ref=HRER3-1  con manganello e manette…..

     

    http://www.iltempo.it/politica/2010/12/16/1224317-cantonata.shtml

     

    eccoli qua gli infiltrati!

    La Repubblica (non è una novità) ha messo in prima pagina tutte BALLE, ma quando a mentire è IL GIORNALE(o LIBERO) si indignano tutti, mentre ai giornalisti organici all’opposizione, si perdona sempre tutto…

    Anche Byoblu ammetta di aver preso una CANTONATA!

     

    • http://lombardia.indymedia.org/node/34556

       

      E su indymedia(che a differenza del TEMPO non è certo un media “berlusconiano”) rivendicano il fatto che le azioni violente ci sono state per MERITO di “studenti, ultras e tanti altri” e addirittura si sono incazzati con il PD e la Repubblica, perchè hanno osato parlare di Black Block e infiltrati della polizia, e così hanno “svalutato” e sminuito la loro azione “EROICA” !:-))

       

      Insomma il “TROLL”(cioè io) c’aveva visto bene!

    • e un liceale avrebbe le manette? Il Tempo nella foga di servilismo ha fatto l’errore marchiano di mettere n evidenza anche quela foto in cui l’infiltrato brandiva il tutto.

      ma vergognati di dire bugie su bugie. la verita’ e’ che sei pagato per andare su siti come questo per cntinuare a disinformare, e le ultime rivelazioni di Wikileaks, che volevano la legge Romani favorire mediaset e mettere un forte bavaglio alla contorinformazione on line, ne sono un’altra prova.

    • Ma che cavolo c’entro io con la legge Romani?? non avete argomenti, e volete sentirvi dire solo quello che vi fa comodo!

      Anche i ragazzi di Indymedia si sono incazzati con Repubblica per non avergli riconosciuto il merito dei danni fatti il 14, e per aver insinuato che fossero poliziotti infiltrati. Non ti fidi nemmeno dei teppisti sinistroidi che scrivono su Indymedia??

  • Vorrei porre l’attenzione su un punto fondamentale: la distinzione tra violenza e vandalismo.

    Scagliarsi, bruciare e rompere oggetti, può creare fastidio, rabbia, indignazione ma sempre cose inanimate sono.

    La violenza si attua su esseri animati…uomini e animali compresi.

    Ora, lasciando da parte un momento le elucubrazioni su chi è stato, chi ha iniziato e perchè lo ha fatto, rispondetevi con sincerità, senza ipocrisia, a questa domanda:

    il 14 dicembre, a Roma, chi ha usato violenza?

    A sipario abbassato, le telecamere sulle strade ormai spopolate, riprendono il disordine, le vetrine scheggiate, gli arredi urbani rovesciati a terra. Rivoli di fumo si alzano da oggetti ancora in fiamme. Gli obiettivi indugiano sul particolare curioso delle tante scarpe abbandonate. Ogni tanto, tra queste,  una larga macchia di un rosso vivo, colora l’asfalto…

     

     

  • sofiaastori ha scritto :
    " Vorrei porre l’attenzione su un punto fondamentale: la distinzione tra violenza e vandalismo. Scagliarsi, bruciare e rompere oggetti, può creare fastidio, rabbia, indignazione ma sempre cose inanimate sono. La violenza si attua su esseri animati…uomini e animali compresi. Ora, lasciando da parte un momento le elucubrazioni su chi è stato, chi ha iniziato e perchè lo ha fatto, rispondetevi con sincerità, senza ipocrisia, a questa domanda: il 14 dicembre, a Roma, chi ha usato violenza? A sipario abbassato, le telecamere sulle strade ormai spopolate, riprendono il disordine, le vetrine scheggiate, gli arredi urbani rovesciati a terra. Rivoli di fumo si alzano da oggetti ancora in fiamme. Gli obiettivi indugiano sul particolare curioso delle tante scarpe abbandonate. Ogni tanto, tra queste,  una larga macchia di un rosso vivo, colora l’asfalto…     "

     

    Quelle che definisci cose inanimate, sono anche frutto di sacrifici!

    E se con il vandalismo riesci a mettere in ginocchio una persona vanificando quello che ha costruito dopo una vita, il reato diventa doppo: fai sia vandalismo sia violenza.

    Vergognatevi, siate obiettivi e condannate anche l’operato dei vostri "compagni".

    Non difendono la libertà, la inficiano!

  • Bhè, Se tanto mi dà tanto e sono gli stessi che hanno definito eroe Giuliani.

    Nel mese di luglio, un passamontagne potrebbe proteggere da improvvisi cali di temperatura.

     

  • @  novio: al primo commento ho pensato ingenuamente che tu fossi solo un maleducato “Vergognatevi, siate obiettivi e condannate anche l’operato dei vostri “compagni” “ o stavi scherzando?

    ma poi, al secondo, ti sei svelato. “Bhè, Se tanto mi dà tanto e sono gli stessi che hanno definito eroe Giuliani.”  

    Non stai cercando un confronto pacato ma vuoi a tutti i costi provocare. Ancora il giochetto di “destra e sinistra”? Ma non ti ha stufato? A me sì, anzi, non mi ha mai interessato. Mi piace ragionare con la mia testa e non sento il bisogno che qualcuno lo faccia per me.

    Comunque so che per iscritto non è facile comunicare ma, per piacere, non decidere tu come la penso io.

    Io ero e rimango stupita che si parli di violenza quando si vedono oggetti rotti e si ritenga invece normale rompere la testa e calpestare (era una ragazza!) dei ragazzi che, per quanto esagitati, erano pur sempre disarmati e, quindi, non pericolosi.

    Stasera riguardando le immagini, però, ho visto anche ragazzi che picchiavano alcuni poliziotti: probabilmente anche questo è uno dei motivi per cui ho visto violenze gratuite contro ragazzi la cui colpa era quella di sfilare accanto ai facinorosi.

    Rompere e incendiare è sbagliato; ferire, camminare sopra, calciare dei ragazzi che manifestano è ancora più sbagliato.

    Un’ ultima cosa: non mi risulta che abbiano messo in ginocchio un nostro concittadino; se lo sai, fammelo sapere; comunque, la legge del far west, grazie al cielo, nella nostra civile società democratica non c’è. La vita di un essere umano vale più di una panchina bruciata.

     

     


Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi