Gheddafi brucia vivi i soldati. Berlusconi non lo disturba

Libia Soldati bruciati vivi

 

ATTENZIONE: IMMAGINI MOLTO VIOLENTE

 I soldati che in Libia si rifiutano di sparare contro i loro fratelli vengono bruciati vivi dal tizio a cui Berlusconi bacia le mani. Verso la fine del video si sentono chiaramente alcune voci disperate gridare “Eccalb!”… “Eccalb!”. Un po’ di arabo lo so, vi posso dire che significa “Cane!“. Chi ha proferito quelle parole si riferiva ai soldati del Rais che avevano arso vivi i militari.
La rete internet in Libia è bloccata. Se vi trovate lì, per collegarvi e condividere informazioni potete chiamare via modem il numero +31205350535. Username: xs4all Password: xs4all
Intanto, il nostro Presidente del Consiglio non chiama per non disturbare l’amico Gheddafi, il nostro Ministro degli Esteri Frattini si augura una transizione pacifica. Andatevene affanculo tutti e due! (*)
(*) update serale:


   E’ arrivata in serata anche la condanna di Berlusconi e di Frattini. Come mai siamo stati gli ultimi? Quali interessi difendiamo? C’entra qualcosa la commessa di elicotteri (ad uso militare?) venduta alla Libia da Finmeccanica in cambio  del 2% di quote sul gruppo italiano? E cosa ci farebbero portaerei italiane attraccate al porto libico? Stanno andando ad aiutare il socio d’affari o la povera gente? E’ vero che centinaia di soldati italiani sono entrati a Tripoli, a piedi? Stanno andando a proteggere le aziende italiane?
 

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

31 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • E’ qui che ci vorrebbe l’intervento armato italiano, contro i sodlati del rais, non in afghanistan o in Iraq!!!!!! Condivido appieno il vaffanculo!!!!

    • Ieri sera, passando da Trigoria (sede della squadra calcistica romana), ho visto sotto un diluvio di pioggia tremendo “manifestanti” pronti a stracciarsi le vesti per esprimere tutto il loro dissenso nei confronti di una squadra di calcio.

      Intanto altri manifestanti, nell’est libico, muoiono sotto i bombardamenti.

      E’ necessario ben più di un esame di coscienza.

  • Non ci sono parole. Poveri uomini.

    Mi viene solo da pensare che molti telespettatori dei vari telefilm (vedi C.S.I.) degli ultimi anni, oramai non distinguono la realtà dalla finzione e sono “abituati” a certi orrori.


  • Ma a nessuno è venuto in mente che, un giornalista degno di questo nome, dovrebbe verificare BENE certe informazioni prima di diffonderle dandole per certe? E poi sempre Berlusconi al centro di ogni avvenimento del mondo…capisco che si abbia necessità di fare ascolti e visite ma un minimo di professionalità va garantita comunque. Messora da cosa ha intuito che si tratta di soldati libici arsi vivi? Si è basato solo sul titolo dato al filmato? Dell’audio in lingua araba ha tradotto solo la parola “cani”? E quella basta per far intuire che “Gheddafi ha bruciato vivi i soldati che non hanno sparato sulla folla”?

    Magari è tutto vero, eh? Io personalmente non faccio troppa fatica a crederci ma che diamine: il giornalismo “alternativo” non può essere più cialtronesco ed approssimato di quello “tradizioinale” che tanto si critica.

     

    Ps ho fatto uno screen-shot del commento; così da potervi sbugiardare nel caso in cui decideste di censurarmi come la politica messoriana spesso impone.

    Saluti

  • Ma anche gli altri leader europei, e pure Obama,  a parte condannare a parole la violenza di Gheddafi, cosa stanno facendo in concreto?le vite non si salvano con le belle parole, quindi a quanto pare, perlomeno in europa, tutti la pensano come Berlusconi, solo che altri politici invece di rivelare le loro reali intenzioni, preferiscono pronunciare tante belle(e inutili) parole

    • E’ arrivato kauto col suo solito commento senza nè capo nè coda. 

      NON MI RISULTA CHE IL TONO SIA STATO LO STESSO.
      INFORMATIINFORMATI! INFORMATI!

      Stamattina Frattini era l’unico, l’unico dei 27 ministri della comunità europa a non condannare e ad auspicare una transizione pacifica. E Berlusconi l’unico primo ministro (o equivalente) che non aveva detto niente, se non “non chiamo per non disturbare“. E tu che sei tanto dietrologo sugli interessi economici, bunga bunga a parte, domandati perché!

      La dichiarazione di questa sera è tardiva ed è dettata dall’essere rimasto isolato! Gli altri, da Obama in giù, hanno sempre condannato subito, compresa la rivoluzione egiziana, quando ancora da noi qualcuno auspicava che “Mubarak continuasse a governare con la consueta saggezza e lungimiranza” (il tuo Frattini). 

      Per favore. Basta minchiate. Non è più tempo, dato quel che accade intorno a noi.

    • Senti non c’è bisogno di scaldarsi tanto, io ho fatto solamente notare che sono tutti colpevoli allo stesso modo, e quei leader che dicono tante belle parole, ma in fin dei conti temono anche loro la caduta di Gheddafi, o comunque nbon hanno nessunissima intenzione di intervenire, non sono affatto diversi da Berlusconi, Frattini, o D’alema(si anche D’Alema ha preso le difese di Gheddafi)

      La linea politica di Frattini mi pare che nel parlamento europeo è condivisa da tutti(nessuno ha proposto un’azione militare)

    • L’italia è stata l’unico paese che non si era espresso condannando fermamente il genocidio. Se non leggi i giornali ma ti informi solo a sera tarda, quando in scivolata Frattini e berlusconi recuperano, non è colpa mia.

  • byoblu ha scritto :
    ".  NON MI RISULTA CHE IL TONO SIA STATO LO STESSO.INFORMATI! INFORMATI! INFORMATI!

    A me non me ne frega nulla del tono, CONTANO I FATTI! le belle parole senza fatti, sono solo IPOCRISIA!

    Se qualcuno ti dice di volerti tanto bene, ma non fa mai un cazzo per te, e quando sei in difficoltà non muove un dito, è tanto diverso da uno che dice chiaro e tondo che di te NON GLIENE UN CAZZO??!!

    Chissà, magari per te sarà diverso, ma a casa mia è la stessa identica cosa

    • Mi sono espresso male, volevo dire se un paese condanna a parole, ma poi di fatto non fa nulla per ostacolare il dittatore, e non vuole nemmeno imporre sanzioni economiche contro il regime, alla fine non è che è poi tanto diverso da chi dice chiaro e tondo di “non voler disturbare”

      se la diplomazia deve essere solo ipocrisia, a che serve??

      In questo caso sarebbe stato molto più sensato(rispetto all’Afghanistan e all’Iraq) inviare l’esercito, per imporre anche con la forza il rispetto dei diritti umani, e magari(se è possibile) cercare anche di agevolare la nascita di uno stato democratico, ma nè Obama, nè l’Ue, nè tantomeno l’italia, mi pare che abbiano intenzione di intervenire concretamente in favore dei manifestanti. Le parole servono a far bella figura, ma purtroppo da sole sono inutili!

    • intanto condanni (e la condanna ufficiale, per tutti tranne che Frattini, è arrivata oggi alla riunione dei 27 ministri degli esteri). Poi, se la situazione non cambia, decidi il da farsi (sanzioni piuttosto che caschi blu piuttosto che altro).

      Le diplomazie, te lo ripeto, non sono cose da spogliatoio di calcio. Hanno codici e una lingua. E’ come un balletto rituale. Ogni gesto corrisponde a una dichiarazione. Il gesto di non condannare non è casuale: corrisponde ad una posizione di avvallo. Che poi non è stata più sostenibile di fronte alla comunità internazionale e alle notizie che arrivavano. Ma se qui in rete si sapeva da ieri, perché l’Italia ha sostenuto il balletto dell’avallo fino a questa sera? nel linguaggio delle diplomazie internazionali sono cose che hanno molto peso, anche se tu ragioni con il metro delle tue discussioni tra amici.

  • byoblu ha scritto :
    E tu che sei tanto dietrologo sugli interessi economici, bunga bunga a parte, domandati perché!

    Gli interessi economici(e non solo) sono noti a tutti, sono quelli descritti anche in questo articolo e non dipendono solo ed esclusivamente da Berlusconi

  • Davanti a questi eventi ogni commento è superfluo.

    L’unica cosa che mi consola è sapere che tutti questi accadimenti isolano il nostro governo, da fuori e da dentro.

    C’è una proposta alle opposizioni di bloccare il Parlamento finchè Berlusconi non si dimette. Importante in questo momento non abbassare la guardia, perché i colpi di coda potrebbero essere micidiali.

     

  • Messora, Messora…ti confermi il solito berlusconiano di ferro nei metodi denigratori di chi ti contesta argomentando, nell’incapacità di confronto sereno e nella sistematicità con la quale tenti di sfuggire a domande scomode. Dove ti avrei insultato, di grazia? E dove avrei scaricato “liquami intellettuali”? Non basta usare due paroline pseudocolte di seguito per essere credibili, sai? Perchè non rispondi alla mia PRECISA E PACATA DOMANDA? Come fai ad essere così sicuro che quelli sono corpi carbonizzati di soldati “disobbedienti” che sono stati arsi vivi per punizione? Quali sono le prove iconfutabili che, da bravo giornalista quale ti professi, hai raccolto per sostenere tale tesi e svrivere questo articolo? Ti sei basato esclusivamente sul titolo del video? Beh direi che è poca cosa, no?

    Ripeto: potresti avere ragione ed il video potrebbe benissimo essere autentico ma, la differenza tra giornalisti e giornalai sta proprio nell’approccio alla notizia: i primi VERFICANO LE FONTI; i secondi sparano titoloni PER VENDERE. E non uscirtene con un patetico “non meriti una risposta” perchè ti sbugiardi da solo in maniera clamorosa e dimostri di non avere argomenti. Ti ho fatto una domanda PRECISA, SERENA E IN TEMA. Sai rispondere? Bene….non sai cosa dire? Abbi il coraggio di ammettere che forse ti sei fatto prendere dalla foga antiberlusconiana ancora na volta. Meno spocchia ingiustificata e più maturità…del resto non sei più un ragazzetto.

  • Claudio,

    hai fatto bene a dare risalto a questa intervista ma per ora la notizia rimane destituita di ogni fondamento.

    L’intervistato non cita alcuna fonte, non è in grado di dire se i velivoli erano pilotati da militari italiani o libici o altro, fa un riferimento vago a “mercenari italiani”.

    Si può essere d’accordo sull’inettitudine del nostro Governo (a cominciare da Frattini) e sulla colossale figuraccia del “non voglio disturbare”.

    Ma finché non si portano prove a sostegno di queste accuse, rimangono gratuite illazioni campate per aria.

  • Oggi ascoltando la TSI (televisione della Svizzera Italiana), hanno detto e fatto vedere in diretta Obama che ha dichiarato di voler fare un grande embargo alla Libia di Gheddafi, allo scopo di far finire questa strage. In caso contrario, gli USA attaccheranno la Libia con forze armate unilateralmente.

    Mi domando: come mai la TV Italiana non abbia detto nulla in riguardo?

  • ragaaaazzzziiii svegliaaaaa!!!!!! L’italia ha i suoi sporchi interessi lì e cmq le rivolte in nord africa sn comandate dalla CIA…… quegli sporchi vogliono il petrolio…….

    ZEITGEIST guardate sto documentario

    QUESTO SISTEMA DEVE BRUCIAREEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • cosa successa all’iraq, afganistan (per l’oppio cosa che i governi occidentali rendono illegale) e in ogni paese che può interessare per qualsiasi cosa agli USA….

    BASTA POLITICA, BASTA SISTEMI FINANZIARI, BRUCINO LA FEDERAL RESERVE E QUELLE FOTTUTE BANCHE MONDIALI CHE STANNO ROVINANDO LA TERRA LORO E QUESTE FOTTUTE MULTINAZIONALI ALLE QUALI INTERESSA SOLO IL PROFITTO……

    BRUCI QUESTO SISTEMA…. BISOGNA SVEGLIARSI E RIBELLARSI. RIBALTARE STI GOVERNI E FARE DEL CAOS. SOLO COSI LE COSE TORNERANNO IN ORDINE

  • ah! dimenticavo…… se per caso guardate sto ZEITGEIST e ZEITGEIST ADDENDUM e rimanete ancora della stessa idea(riferito a tutti coloro seguono ancora la politica che è parte di questo sistema corrotto) riguardo ai politicanti cioè andate a votare ecc….

    vuol dire che vi meritate tutto ciò che questo sistema di mmerda ci sta facendo e quindi BRUCIATE ANCHE VOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi