diecimila euro per Byoblu?

Per chi si sintonizzasse su queste frequenze solo adesso, invito a leggere il post di sabato scorso, dove annunciavo di voler mettere in vendita il nome di dominio www.byoblu.com, che alcune stime estremamente ottimistiche riescono perfino a valutare in oltre 500 mila dollari, e senza considerare  il valore delle community costruite intorno a Youtube (oltre 5 milioni di visualizzazioni video e 11 mila iscritti)  e Facebook (qualche decina di migliaia di prodi combattenti per la libera informazione). Diciamo che crederci non costa nulla.
E’ davvero stimolante leggere i vostri commenti, le vostre email e toccare con mano l’attaccamento che in questi ultimi anni di duro lavoro personale avete sviluppato nei confronti non certo della mia trascurabile persona (come direbbe Enzo Biagi al quale non è mia intenzione accostarmi), ma nei confronti di uno spazio che è riuscito a fare molto di più di quel che avrei mai immaginato. E francamente non so ancora come ci sono riuscito, anche se qualche idea ce l’ho. Poi un giorno ve la spiego.


Se potessi vivere di entusiasmi, di passione, di incoraggiamenti e di solidarietà, credetemi, lo farei, perché la più grande lezione che ti insegna tenere un blog come questo è che la ricchezza umana è la più grande fortuna che nella vita sia dato accumulare. Qualcuno si stupisce di non vedere libri o dvd in vendita. Questo non è certo dovuto al fatto che sia contro la mia religione pubblicarli: più semplicemente i libri bisogna avere il tempo di scriverli, e i dvd non si producono da soli. Il blog, nei momenti di ordinario tran-tran, ha sempre avuto contenuti pubblicati con cadenza giornaliera. Scrivere articoli, registrare e montare video anche più volte al giorno, senza contare i servizi da realizzare in esterna e i convegni dove si è invitati in qualità di relatori, non lascia il tempo neppure per guardare in faccia la tua vita che ti passa davanti e fermarsi a osservare il cielo. Figuriamoci se da solo puoi fare anche lo scrittore o l’editore. Mi sono sempre meravigliato di come sia possibile per alcuni scrivere quotidianamente sui giornali, fare apparizioni su talk-show e telegiornali più volte alla settimana, curare rubriche televisive, scrivere un libro al mese e avere almeno una data al giorno in teatri, cinema o sale-conferenza programmata per i dodici mesi a seguire. Una domanda a cui non ho ancora dato una risposta, a meno di non ammettere l’esistenza dei famosi sette sosia per ciascuno di noi.
Io, che di sosia non ne ho, devo fare i conti solo con le mie forze. Per questo non ho mai avuto il tempo di rendere redditizia un’attività che mi ha rapito per la consapevolezza di essere chiamati a fare, o perlomeno a provarci, qualcosa di utile, non certo per la prospettiva di guadagno. Questo non significa che potenzialmente non possa esserlo. Molti ritengono di sì. Le idee che avete espresso sono molte e in molti casi valide. Si va dall’azionariato popolare al rendere parte dei contenuti del blog disponibili solo dietro una piccola quota annuale, passando per il finanziamento di un progetto complessivo tramite una piattaforma come Kickstarter e per la vendita più aggressiva degli spazi pubblicitari del blog. C’è anche qualcuno che si è dimostrato interessato ad acquistare byoblu.com, lasciando invariata la linea editoriale e lasciandomi al posto di guida per un anno intero. Intanto, la squadra di volenterosi che da mesi è al lavoro per trasformare questa piattaforma in una versione open source, multi categoria, pluri-notizia (come una testata giornalistica), è a buon punto sulla strada per una prima versione del nuovo blog. Chi volesse dare una mano può scrivermi tramite il modulo contatti, oppure a byoblu@gmail.com. E poi c’è il grande progetto di realizzare un canale televisivo, con un piccolo telegiornale quotidiano, grazie alla collaborazione con Streamit. Per ora la tv di Byoblu si trova sul canale 100, un numero semplice da ricordare. E’ ancora in fase di testing tecnico, per cui vengono riproposti soltanto alcuni video del blog, senza un palinsesto vero e proprio, e in alcuni casi potrebbero esserci problemi di flusso (il video va a scatti), perché devo ancora abbassare il bit-rate dei video per adattarli allo streaming in tempo reale, ma se sosterrete il progetto molto presto potremo partire anche con una vera e propria “televisione” (che brutta parola) visibile in rete, sui tv tradizionali, grazie ad uno speciale decoder per digitale terrestre, e sui nuovi internet-tv. Devo solo arrivarci vivo, ovvero: sopravvivere.
Prima ancora di valutare qualsiasi progetto, però, mi servono diecimila euro. Almeno un quarto di quei 40/50 mila euro di investimenti e posizioni debitorie accumualte dal blog in questi tre anni sono costretto a ripianarlo subito, perché ogni giorno è buono per vedere arrivare l’ufficiale giudiziario a portarsi via la scrivania. Lo scorso dicembre avevo preferito che un grosso donatore, nonché persona squisita e dall’alto senso civico e sociale, Roberto (in fondo a questo lungo post trovate la sua toccante lettera), devolvesse una simile cifra per l’acquisto di nuove attrezzature, anziché per il ripianamento delle spese sostenute. Non ne sono pentito: è stata una dimostrazione di amore per questa attività e di coraggio. Però, tre mesi dopo, quella cifra serve davvero, in contanti e in fretta.
In cima al post troverete l’entità degli importi donati da sabato ad oggi. Siamo a circa 950 EUR, quasi un decimo del salvagente che riporterebbe questo barca a galla. Troviamo insieme altre 9 mila persone con un euro in tasca oppure qualche azienda con un po’ di soldini da devolvere in beneficenza. Possibile che per realizzare progetti fallimentari come il portale Italia.it si sperperino decine di milioni di euro di soldi pubblici, e per un posto dove si fa servizio pubblico con risultati da  guinness, se si pensa che sono stati prodotti da una persona sola e gratuitamente, non si trovino neppure diecimila euro? Questa volta, se potremo continuare a sognare insieme, dipenderà un pochino anche da voi.

p.s. datemi il tempo di organizzarmi, e pubblicherò i vostri nomi, insieme agli importi delle quote salva blog.

24 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • L’informazione libera dovrebbe essere sostenuta da tutti… 

    Il mio piccolo contributo è partito…. fatelo tutti!!!!

  • Io il mio piccolo contributo te l’ho dato, 20 euro, un nulla per sostenere la libera informazione in italia.

    Invito anche a sostenere il fatto quotidiano con un abbonamento cartaceo come ho fatto io.

    Forza caro Claudio Messora, so che la passione fa fare cose che manco a pagarle, ma progetti degni come il tuo vanno sostenuti assolutamente.

  • le mie finanze sono scarse, ed ho fatto una micro-donazione di 10€. è poco, ma non volevo perdere l’occasione di essere anche io una “goccia del mare”. grazie Claudio Messora, per il tuo lavoro di informazione.

  • IO SONO UN DISABILE, CON TANTI TROPPI PROBLEMI ECONOMICI, MA MI SONO SENTITO IN DOVERE DI CONTIBUIRE ALLA TUA INZIATIVA ANCHE CON UN MISERO EURO NELLA SPERANZA CHE TI INTERESSI ANCHE DELLE PROBLEMATICHE DELLE CATEGORIE DEBOLI, SIAMO MALATI CRONICI E SIAMO SOTTO ATTACCO DIRETTO E PASSIBILI DI TAGLI DEI SERVIZI ESSENZIALI ALLA PERSONA, UNA BRUTTA SITUAZIONE PER IL RITORNO DEL CONTRIBUTO AL MINIMO VITALE PARI ALLE CIFRE DEL 2006 UN TAGLIO NETTO DI 60 EURO RISPETTO AL 2009 SENZA NESSUNA VALIDA GIUSTIFICAZIONE A PARTE ALZARE LE SPALLE PER LA CRISI ..  ANCHE LE ORE PER LE PULIZIE Cè L’HANNO DIMEZZATE !! 

  • Donatoti ByoBlu pero’ chepppalle – assomigli sempre di piu’ al Manifesto con questi debiti da saldare, ma non hai un’amica da mandare ai festini di Arcore? 10.000 Euro glie li darebbero come gettone di presenza 😉

     

  • La mia parte arriva, domani, parola d’onore!

    Ti prometto anche promozione!! …però per questa mi posso muovere già!

  • Hola buen amigo que tal?La lucha nunca e facil pero la sodisfacion e muy grande se, podria aiudarte te haria rico como el bil pero de dinero estoy pobre ma muy rico de corazon.Lo que si puedo enviarte es  tanta buena vibra y en estos tiempo sirve mucho ya que la gente se la pasa odiandose .Se puedo permitirme de darte un consejo yo creo que antes de qualquier decision, antes deberia hacerte una buena vacaciones asi despues con mente calma y relajata sin toxinas, lo que decides va a ser sereno y seguro.Tu pais e muy bonito pero assumecha todo el mundo va muy  de prisa,deberia la gente pararse mas a ver el ciel y relajarse asi da ponerse mas calmado.Hasta la vista hermano un abrazo y recuerdas,hasta la victoria siempre.

  • Anch’io sostengo l’informazione libera di Byoblu.

    Ora si passa dalle parole e dalle promesse ai fatti :

    i miei 50 Euro stanno atterrando sul conto di Byoblu 😉

    Forza ragazzi tocca a voi adesso!!!

    Claudio! Coraggio non mollare !!!:)

     

  • Eccoci. Si fa quel che si può in ‘sto periodo economicamente disastroso.

    Però ribadisco che una soluzione più stabile sono degli sponsor veri, non Google, per intendersi.

    Se fossi in te metterei un banner “cercasi sponsor”.

    ps: ho provato a scriverti ma non so, forse ho cannato mail…o forse hai milioni di mail a cui rispondere…

  • Passerò per berluscones, anche se detesto profondamente il regime attuale, ma non mi farà né caldo né freddo, è già accaduto. Saranno i soliti limitati, quelli che ragionano per o bianco o nero, niente di nuovo sotto il sole quindi.

    Ma nel video che hai fatto in diretta e poi rimontato, ne hai dette parecchie di sciocchezze, alcune anche importanti. Ti sei infilato in un ginepraio, caro Claudio, omettendo di dire cose importanti e travisandone altre non meno importanti.

    Non credo tu voglia che ti scriva qui quali e quante sono, oppure, se pensi di avere espresso opinioni inappuntabili, potresti essere interessato a conoscere come stanno le cose. No, non sono io portatore di verità assolute, però ci sono molti casi che stridono, a dir poco, con quello che hai detto.

    Un paio per tutte? L’ imparzialità dei magistrati che ritieni impossibile in radice, mentre così non è: basta osservare come, nonostante l’ obbligatorietà dell’ azione penale, alcuni procedimenti avanzano spediti mentre altri languono per anni; oppure basterebbe ricordare l’ indebita ingerenza attiva nella politica con un caso clamoroso che tutti ben ricordano, ma di cui fingono di dimenticare la curiosa data in cui vengono divulgate le intercettazioni: Trani.

    Fammi sapere se vuoi che prosegua, magari così coinvolgo anche un amico ben informato sul caso Tortora, visto che per te i magistrati non possono essere responsabili in solido delle bestialità commesse nel processo penale, tanto a pagare ci pensa lo Stato… cioè NOI, tu incluso.

    Ciao

    • Se eviti di usare formule retoriche eviti anche di usare quella perenne forma di supponenza che trasforma i tuoi interventi, da potenziali contributi fonti di inestimabili rilfessioni, in qualcosa di viscido e fastidioso.

      Direi che anche tu dovresti fare un atto di umiltà, ogni tanto, e imparare a comunicare meglio con il tuo prossimo. 🙂

      Quindi, per esempio, è inutile che continui a chiedere, col sorrisetto beffardo, se devi andare avanti, come a voler spaventare qualcuno. Questo è uno spazio pubblico, e fintanto che sei in tema e non sei offensivo, non solo puoi, ma devi aiutare tutti a crescere arricchendo i contenuti del blog e imprimendo il tuo personale punto di vista sulle cose.

      By The Way, il tuo commento qui è OT, perché hai commentato una cosa che non c’entra nulla con il tema del post, ma non ho uno strumento per spostarlo nel post corretto, e farlo a mano implica sbattersi a collegarsi in remoto con il server, lanciare l’interfaccia di gestione del DB, costruire e lanciare apposite query… francamente un po’ troppo. 🙂

  • Ho appena messo in vendita il mio piccolo ETF sul petrolio, se passa la transazione domani ti giro la seppur modesta plusvalenza!

    Non mollare!!

  • Caro Claudio, non dico in tempo reale, ma almeno ogni tanto ci farebbe piacere vedere muoversi il tuo grafico sugli incassi. Rafforza visivamente il piacere di aver fatto qualcosa.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi