Telelavoro, siamo ultimi con il Portogallo


Che militiamo in serie B, agonizzando insieme a chi lotta per la retrocessione, ormai non stupisce più nessuno. Forse si potrebbe avere un sussulto di dignità, un rigurgito di amor proprio e come per magia tornare a crederci, ma finché i tassi di penetrazioni della rete internet in Italia rimangono al 53% della classifica mondiale, abbiamo poche speranze di contare qualcosa nel frastuono mediatico delle Rita Dalla Chiesa con i loro finti terremotati, dei reality show con i loro finti innamorati, dei TG nazionali con i loro finti inviati, dei San Remo con i loro finti premiati. E’ tutto finto. E così sembra paradossale dirlo, ma in un mondo che ha scelto di vivere nella più grande rappresentazione letteraria di tutti i tempi, per una ironica legge del contrappasso la vita vera si può ritrovare solo nel mondo virtuale della rete, dove i cittadini comunicano fra di loro e lentamente iniziano a spegnere il grande megafono. L’epopea dell’inganno globale, l’epico viaggio nel delirio onirico di una società che vive di allucinazioni è iniziato accendendo una televisione e può finire accendendo (e poi spegnendo) un computer, transitando per la contaminazione intermedia dei contenuti televisivi ad opera dei nuovi internet-tv. A condizione che, nel frattempo, la rete resti libera.
Nel frattempo, mentre i pochi che se la possono giocare ad alto livello hanno sempre meno problemi, come Luca Barbareschi che, dopo il suo rientro da FLI, ha subtio chiuso un contratto in RAI  con la sua casa di produzione per un grande show dal titolo “La vita è una cosa meravigliosa” (ettecredo!), gli italiani stanno sempre peggio. Il tasso di occupazione (quello che rileva ai fini della comprensione del problema) a febbraio 2011 è del 56,7%, mentre il tasso di disoccupazione sale all’8,4% (la Germania invece scende al 6,3%) [Dati Eurostat].
E il telelavoro? E’ quasi retorico chiederselo in un paese dove non esiste un’agenda digitale e lo sport nazionale sembra essere quello di sottrarre risorse all’innovazione e alla banda larga. Questo è del resto quello che Berlusconi sa della rete:


Una ricerca commissionata da Manageritalia sul tasso di penetrazione del telelavoro nei paesi europei, come al solito, ci vede penultimi, poco prima del Portogallo. Di questi tempi, un compagno di classifica un po’ imbarazzante.
Eppure il telelavoro avrebbe tanti vantaggi. Quei pochi che lo utilizzano dicono che fa risparmiare sugli spostamenti (54,9%), permette di organizzarsi autonomamente l’orario di lavoro (41,9%), riduce lo stress (34,8%), aumenta il tempo per la famiglia (34,8%), fa risparmiare denaro (32,8%), aumenta il tempo libero (23,9%), aumenta la produttività lavorativa (19%), permette di concentrarsi maggiormente sul lavoro (10,5%) e valorizza le proprie capacità professionali (9,9%). Di contro, fa sentire un po’ isolati dai colleghi (74,5%), rende più difficoltoso il confronto (61,3%), non agevola l’aggiornamento sulle routine aziendali (43,9%), determina scarsa visibilità e dunque genera timore per la propria carriera (40,3%) e, udite udite, genera un assorbimento eccessivo da parte della famiglia (42,1%), che fa da contraltare a quel 34% di padri e madri meno assenti. I difetti tuttavia sono destinati a diminuire la loro incidenza a mano a mano che aumenta la diffusione della pratica.
Se però spostiamo la nostra attenzione dai vantaggi individuali a quelli collettivi, il telelavoro potrebbe dare un contributo enorme alla battaglia contro gli sprechi energetici e alla riduzione dell’inquinamento. Pensate a quanti milioni di scatolette con le ruote in meno potrebbero circolare tutti i giorni sulle strade dove accompagnamo i nostri figli a scuola o intorno ai parchi dove li portiamo a giocare. Pensate a quanto petrolio si potrebbe risparmiare e al miglioramento conseguente della qualità dell’aria, con significativa riduzione dello stress e con il recupero delle nostre città a una maggiore vivibilità.
L’esigenza di controllare i dipendenti? Solo un manager arretrato e un’azienda ferma ai modelli di gestione del personale di cento anni fa potrebbe preoccuparsene. Basta lavorare per obiettivi. Chi li raggiunge, conserva il suo posto di lavoro e viene gratificato. Chi li buca, senza una ragionevole motivazione, va a casa (anzi, ci resta, ma si dedica a qualcos’altro).
Eppure, ancora una volta, tutto questo non si può fare senza investimenti seri per recuperare il gap sulle infrastrutture di connettività e sulla qualità della banda larga. Solo negli ultimi 15 anni, la produttività in Europa è aumentata del 50% grazie alle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni. In Italia invece siamo al 48° posto della networked economy, l’economia di internet, che da noi produce solo l’1,6% del Pil contro il 3,7% della Francia e il 7,2% del Regno Unito.
E c’è ancora chi pensa che internet serva solo a chattare su Facebook.
 

11 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • la mia infatti era una provocazione …. che chiaramenta ha funzionato !!!!!

      comunque rispondete alle mie domande !!!! una volta tolto di mezzo il sacco beluskino chi sarebbe colui che ci risolleverà e ci farà entrare nel mondo di internet a pieno titolo anche col tele-lavoro ?????

  • Carissimo claudio ti ammiro perche sei una persona valente, pero’ non lasciarti ingannare dal male italia perche oramai negli italiani hanno impresso nel subscosciente il sottile piacere della sofferenza, li hanno riempiti di paure e ricatti psicologici e di forme vuote, preferiscono il piacere del dolore che un atto di coraggio per fare il salto e migliorare la loro nazione e dare alle loro prossime generazioni un mondo migliore, ci sono tante persone formidabili pero’ sono ancora una minoranza, la maggioranza hanno stampate 5 parole nel cervello "chi me lo fa fare" e cosi tutto, come la prima legge della fisica non puo in modo inevitabile che peggiorare. Comunque sia le persone avrebbero gia dovuto capire oramai da tempo che ce una matrix occulta che vuole pilotare le loro menti.

    IL PRIMO INGANNO DEL DIAVOLO E’ QUELLO DI FARTI CREDERE CHE NON ESISTE.

     

     

  • Sono un assiduo lettore e sostenitore di ByoBlu e per la prima volta posso partecipare in maniera attiva e davvero consapevole alla discussione.

    Sono un telelavoratore, anzi sono un felice telelavoratore. La mia vita è cambiata radicalmente da quando non dedico più un’ora e mezza della mia giornata al viaggio in macchina da casa al lavoro, ma la utilizzo per accompagnare mio figlio a piedi a scuola, fare colazione al bar e cominciare a lavorare per strada con qualche telefonata.

    Durante il telelavoro non ho perso opportunità lavorative, ma al contrario sono stato premiato venendo inserito in un gruppo di coordinamento. La mia produttività è aumentata, anche grazie alle numerose e lunghissime pause caffè sparite con i colleghi, con cui ho tuttavia un ottimo rapporto grazie al rientro settimanale. 

    La mia famiglia ne ha risentito in meglio, visto che finalmente ho del tempo di qualità da passare con mio figlio.

    Non parlo dei risparmi di benzina, autostrada, ecc, perchè sono in parte compensati dall’aumento dei costi di riscaldamento in inverno, condizionamento d’estate ed elettricità tutto l’anno.

    I buoni pasto che mi vengono comunque corrisposti servono a fare la spesa e questo è davvero positivo!!! 🙂

    L’unico rovescio della medaglia sta nel fatto che a volte è difficile smettere di lavorare e più di qualche volta le scadenze imminenti mi hanno fatto terminare il lavoro a sera inoltrata.

    A parte questi casi però il giudizio sul telelavoro è complessivamente positivo…

    La mia azienda è molto contenta di me e avendo dato il telelavoro anche ad altri dipendenti ci risparmia sulla sede passando da un affitto da migliaia di euro ad una sede molto più piccola e più facile da mantenere…

    quindi mi sembra davvero una situazione di tipo win win, in cui gli unici a perderci sono i parassiti (petrolieri ed autostrade) e in cui ci guadagna anche chi non fa il telelavoro, visto che sono sempre una macchina (da una persona) in meno per strada.

    Spero davvero che il telelavoro salvi anche voi!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi