Ecco com'è andata davvero a Strauss-Kahn


Ti entra una cameriera di notte in camera e tu sei lì, casualmente nudo, pronto a saltarle addosso… Ma che ti sei preso, due scatole di ecstazy e una caraffa di viagra? Manco Fantozzi! Sarà stato anche un porco, non si discute,  ma Strauss-Kahn non è di certo un vecchio pirla.
 
Volete sapere come è andata davvero? Dicono che stesse aspettando un’amica quella sera. Qualcuno deve avere contrattato con lui un gioco erotico, tipo:  «arriva una vestita da cameriera, tu fatti trovare nudo e giocate a “stupra la cameriera ignara di tutto”». Lui ci avrà creduto, si sarà fatto convincere, c’è cascato insomma, come in un film di Liam Neeson. Magari avrà anche pagato fior fior di quattrini, solo che al momento giusto gli hanno mandato in camera una cameriera vera, veramente ignara di tutto, che lui avrà pensato recitasse da Dio. 🙂
Perchè dai: una cameriera ti entra di notte a rifare una camera che credeva vuota? Ma chi ci può veramente credere? Stiamo parlando di una Suite Imperial nel migliore hotel di Times Square, ok? Roba da 3mila dollari a notte. Si è mai vista una Suite da 3mila dollari dove “non sanno se il cliente è dentro”? Alle due di notte?? E mandano una cameriera a fare le pulizie? La 32enne può essere inconsapevole,  d’accordo, ma qualcuno ce l’avrà pur mandata a quelll’ora, facendole credere che il cliente super-prestigioso, nientemeno che il direttore del Fondo Monetario Internazionale non c’era, come se la sua presenza avesse una sola chance di passare inosservata!
Quando l’acquirente del gioco sessuale per clienti raffinati e generosissimi, in stile Fidelio di Eyes Wide Shut, si è reso conto che quella non era la escort attricetta hard che stava aspettando, nudo, a notte fonda, pronto a ghermirla come da contratto, ma stava usando violenza su una donna non consenziente ed estranea a qualunque giro di prostituzione di lusso, insomma quando si è accorto che questa qui non stava recitando per niente, allora si è reso conto che lo avevano fottuto alla grande e ha tentato una rocambolesca fuga in aereo…
Ecco, così riesco a immaginarmela meglio, molto meglio.  Se non altro è più realistico.

14 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Questa persona decide le sorti di governi e di milioni di persone! E si fa fregare in questo modo? In che mani è messo il mondo?

  • Claudio, innanzi tutto buona pronta guarigione!!

    2° se stava facendo una doccia , io non sono un’esperto ma credo che esistano sostanze che dalla pelle passano direttamente nel sangue…

    Cmq credo nel complotto ma si dovrebbe capire chi aveva un reale vantaggio a rendere inoffensivo un personaggio così influente!

    Ancora tanti auguri!!

    DOM

  • C’e anche un’altra cosa che mi fa sorgere il dubbio.

    L’hanno preso letteralmente al volo: se è scappato subito sono davvero stati mooooolto bravi a beccarlo già sull’aereo. Forse troppo. Anche ammettendo che sapessero già tutto quello che serviva sui suoi spostamenti, per arrivare praticamente in contemporanea erano già pronti ad uscire. In quel breve lasso di tempo non fai in tempo a chiamare la polizia, farla uscire, raccogliere la denuncia, capire cosa fare (perche un poliziotto di Harlem non è così coglione da lanciarsi alla Jojn Wayne contro il presidente del FMI senza una lunghissima serie di autorizzazioni da molto in alto) lanciarti in aereoporto e fermare il volo.

    Infine, sbattuto subito in prima pagina? senza neppure una soffiata un tentativo di chiarificazione prima… nulla… subito ai giornali? allora è voluto…

    Perche?

  • Forse o sicuramente è un trappolone.

    Solo, se il soggetto è abbastanza cazzaro da cascarci, figuriamoci se è degno di gestire il FMI.

    Beh, a pensarci due volte, mi sa che è decisamente più degno di chi ha preparato il trappolone.

    Insomma, una faccenda per cui dovremmo essere più volte tristi.

  • Beh, diciamo che tutto è possibile… chiaramente un disegno crimonoso c’è stato e si è basato sulla debolezza dell’uomo che ovviamente è incline a fare certe cose (pertanto umanamente non accoglie assolutamente il mio supporto) e pertanto deve essere condannato… l’altro aspetto altrettanto squallido è che l’architetto dell’intera operazione non solo ha violentato (indirettamente) la cameriera ma è nascosto ed in attesa di ricevere il suo premio. Ci sono molti complici a cominciare dal personale dell’albergo che tendenzialmente monitora e garantisce (a fior di quattrini) la privacy dei suoi  illustri ospiti, com’è possibile che sia stato realizzato tutto così velocemente… è evidente che lo si voleva cogliere sul fatto e soprattutto su suolo americano e quindi sbattuto in prima pagina!!! Insomma il sudiciume è ovunque e non penso che il suo successore sarà umanamente migliore… professionalmente ahimè … sembra che non occorrano grandi qualità!! 

  • Ivan bortolin !

    Siamo in mano ai puttanieri,massoni e delle “prostate depravate”

    Quasta gente dovrebbe capire che quando si coprono certe funzioni, non hanno più una vità privata come gli altri, debbono badare alle loro frequentazioni e alle loro abitudini, altrimenti si giocano la carriera e la riputazione…Secondo me sono i loro vizi che col tempo gli rendono RINCOGLIONITI !!!

  • Claudio: ma ti sei accorto che tutto e’ successo tra le 12:00 e le 13:00??  E’ successo di giorno!! Tu fondi la tua teoria sul fatto che sia improbabile che una cameriera entri di ….notte!

    Forse stavi scherzando…..

    • All’inizio le prime versioni a circolare parlavano di orari notturni, anche sui quotidiani. In ogni caso, togli il particolare del rifare la camera di notte, ma il resto della dinamica regge: Strauss-khan stava attendendo un’amica consenziente.Con ciò, sono e restano ipotesi per eserciterei un po’ nell’arte di non credere per forza alla prima versione delle cose, specialmente quando tutto sembra cosí strano e comprensibilmente sospetto. Poi magari è andata davvero cosí, ma in questo caso ci troveremmo di fronte piú a un pazzo squilibrato senza né arte né parte, piuttosto che a un uomo di mondo, facoltoso, ai vertici della carriera mondiale, venerato da Wall Street, che nel privato sa come togliersi gli sfizi che la sua natura sessualmente patologica gli richiede senza avere bisogno di farsi una cameriera di colore che entra inavvertitamente nella sua stanza.No… Proprio, per quanto non nutra nessuna simpatia per Strauss-Khan, cosí come la raccontano non mi convince.

  • byoblu ha scritto :
    All’inizio le prime versioni a circolare parlavano di orari notturni, anche sui quotidiani. In ogni caso, togli il particolare del rifare la camera di notte, ma il resto della dinamica regge: Strauss-khan stava attendendo un’amica consenziente. Con ciò, sono e restano ipotesi per eserciterei un po’ nell’arte di non credere per forza alla prima versione delle cose, specialmente quando tutto sembra cosí strano e comprensibilmente sospetto. Poi magari è andata davvero cosí, ma in questo caso ci troveremmo di fronte piú a un pazzo squilibrato senza né arte né parte, piuttosto che a un uomo di mondo, facoltoso, ai vertici della carriera mondiale, venerato da Wall Street, che nel privato sa come togliersi gli sfizi che la sua natura sessualmente patologica gli richiede senza avere bisogno di farsi una cameriera di colore che entra inavvertitamente nella sua stanza. No… Proprio, per quanto non nutra nessuna simpatia per Strauss-Khan, cosí come la raccontano non mi convince.

     

     

    Si, ovvio. Su questo sono d’accordo anche io. La mia non era polemica, del resto, ma dovere di cronaca. Chissà, magari fra un po’ di tempo, saltera’ fuori qualcosa.

    AL prossimo post! ; )

     

    P.S. La storia del Berlusca incazzato nero e furioso per i risultati delle elezioni, mi sta facendo godere come una scimmia cambogiana!  : )

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi