Strauss-Kahn: significativi dubbi. La cameriera avrebbe mentito.


Lo ammetto, questa volta inizio a farmi paura da solo.
Strauss-Kahn sarà rilasciato. La procura ha riconosciuto che ci sono “significativi dubbi” sulla credibilità dell’accusatrice, e il giudice ha accolto la sua tesi.
Qui i due post pubblicati sul blog il 16 maggio.
Marine Le Pen: Strauss-Khan come Silvio Berlusconi
Ecco com’è andata davvero a Strauss-Kahn
 
Qualcosa che puzzava c’era, insomma. Nel sondaggio, vi avevo chiesto se concordavate con la mia visione alternativa della vicenda. Avete dimostrato di avere naso: forse le cose non saranno andate proprio così come abbiamo ipotizzato, ma di certo non sono andate esattamente come volevano farci credere.

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Del complotto Usa contro Strauss-Kahn ne parlammo in quei giorni; però noi non abbiamo il tuo stesso eco in Italia, i nostri lettori sono principalmente in area cirillico o russi che vivono all’estero. La montatura ai danni di Strauss-Kahn era per difendere il dollaro americano dal baratro, mancavano giusto gli spiccioli, cioè 34 miliardi di dollarsi (su oltre 17 mila di debito) dal default; il congresso non aveva intenzione di alzare nuovamente il tetto e Barack Osama, con la sua amministrazione, ha fatto diverse vittime:
    Metà maggio Strauss-Kahn, fine maggio un noto banchiere egiziana, Mahmoud Abdel Salam Omar, di 74 anni, idem accusato di stupro e con la stessa tecnica usata per Dsk.. Per non dimenticarsi Gheddafi, nemico numero uno del dollaro. Questi tre personaggi, così diversi l’uno dall’altro, avevano la stessa avversità al biglietto verde e muovevano da tempo critiche sulla moneta americana, mettendone in discussione affidabilità e futuro; fecero proposte troppo ambiziose e azzardate, intenzionati a sostituire il dollaro con qualcos’altro negli scambi internazionali. Adesso, comunque vadano le cose, non potranno più nuocere alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America.

  • Il primo posto in cui ho letto una ricostruzione e un’analisi critica della vicenda è stato questo blog, e sono contento che i fatti abbiano dato ragione a Claudio. I giornali, col popo’ di redazioni e giornalisti che si ritrovano, si sono limitati a cavalcare la notizia in modo scandalistico. A volte è insopportabile la sciattoneria con cui gli organi di informazione trattano vicende così importanti.

    Certo, il “caso” rimane aperto, ma che quell’accusa fosse montata ad arte appare evidenete. La domanda ora è: chi può aver organizzato una montatura simile? E perché? Gheddafi? Sarkozy? Obama? Come segnalato nell’interessante contributo linkato nel commento nr 1, il cui prodest può avere molteplici risposte, e tutte ad altissimo livello politico e istituzionale. Di sicuro comunque non si tratta della banda dell’ortica. Ma a questo punto ho un dubbio: se a incastrare DSK ci hanno provato forze che agiscono ai massimi livelli istituzionali, come è possibile che siano state così goffe? Davvero non sarebbero state in grado di organizzare qualcosa di più credibile?

  • Possiamo però fare un elenco di chi ci ha guadagnato con la fine infelice del direttore del FMI:::

    1. L’America per la salvezza della valuta nazionale; Dsk aveva osato dire che gli Stati Uniti dovrebbero, prima di tutto, diminuire le spese per la difesa e delle guerre per salvare il dollaro dal baratro.

    2. Sarkozy. Un rivale in meno per le prossime elezioni francesi del 2012.

    3. Germania e Francia, entrambe prime creditrici della Grecia; Strauss-Kahn aveva intenzione di risanare l’economia greca nello stile curatore fallimentare. La sua ricetta era quella di proporre ai creditori circa il 60% di quello che devono avere. Ovviamente, senza di lui, le soluzioni prospettate ed i risultati sono stati ben diversi; la Grecia, in sostanza, ha rinnovato la cambiale con i creditori, ma senza alcuno sconto.

  • Nelle ipotesi fatte, non so se avete preso in considerazione il fatto che possa essere stato il suo stesso staff ad organizzare tutto.

    Il nostro carissimo nano insegna in tutto il mondo.

    Sto parlando della statuetta del duomo di Milano.

    Prima dell’episodio il nano malefico era in difficolta, dopo la statuetta il nano malefico e’ risorto.

    Puo’ essere un episodio analogo????

  • Sarà, ma a questo punto mi chiedo come mai la cameriera abbia fatto un errore cosi stupido. Quello non si fa mica difendere da pincopallino. In ogni caso sarebbe una sciagura per i socialisti francesi farsi rappresentare da un nababbo che di socialismo sa solo la teoria e lo uole solo sulla pelle degli altri.

  • Caro Claudio, anche io ho sempre sostenuto che vi sia stato un complotto, d’altronde se volevano insabbiare la vicenda era facilissimo: i media non avrebbero esitato a tenere nascosta la versione di una cameriera in confronto alla versione di uno degli uomini più potenti del mondo.

    Comunque, per quanto possa essere d’accordo con te, c’è un palese errore nella tua ricostruzione che certo non stravolge la mia opinione e credo nemmeno quella degli utenti del blog.

    L’orario del fatto non è le due di notte, ma di pomeriggio.. anzi poco dopo le tredici come è riportato su tutti i media e come è possibile verificare per esempio qui.

    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/finestrasullamerica/grubrica.asp?ID_blog=43&ID_articolo=2054&ID_sezione&sezione

    A presto e complimenti per il tuo blog.

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi