La Piramide di luce

Sul monte Venda, nel parco dei Colli Euganei, a circa 400 metri d’altezza sorge una piccola piramide di 7 metri di lato per 7 di altezza. A costruirla, il 12 settembre dell’anno scorso, é stata l’associazione “Piramide di Luce“, che conta circa 600 “adepti”, su un terreno di proprietà di un agriturismo, il quale ha incrementato non di poco il business: dall’inizio dell’anno ha già contato oltre 700 turisti.
Secondo i pellegrini che vi si affollano, la piramide é fonte di energia positiva e di consapevolezza, requisiti necessari per affrontare gli sconvolgimenti previsti per l’anno 2012 con le spalle larghe. Non mancano un biglietto di ingresso a 10EUR e numerosi gadget in vendita a prezzi modici.
Per i gestori regionali del Parco Colli invece, che si sono presentati al cospetto dell’oggetto sacro con i carabinieri, é solo un abuso edilizio e va abbattuto.
A me sta anche bene, ma siccome sul piano strettamente razionale e laico una piramide di luce ha la stessa probabilità di sprigionare effetti benefici rispetto all’acqua miracolosa di Lourdes o ai souvenir di San Giovanni Rotondo, e dato che é profondamente ingiusto discriminare uno che attende il 2012 rispetto ad uno che invece attende un fantomatico giudizio universale, per par condicio é doveroso che i carabinieri si presentino anche negli innumerevoli luoghi dove sorgono improvvisate cappelline dedicate vuoi alla Madonna, vuoi a uno qualsiasi dei molti santi, generalmente cattolici, nate per volontà di sedicenti sensitivi che asseriscono di udire voci e si fanno ambasciatori di messaggi divini, del tutto abusivamente sia rispetto alle leggi italiane (veri e propri luoghi di ritrovo con tanto di statue, panchine e pergolato) sia rispetto al riconoscimento della Chiesa.
Intendiamoci: per quanto mi riguarda sia le cappelline che le piramidi possono restare tranquillamente dove sono, se c’é chi trae giovamento da esse, ma non capisco perché si debba usare il pugno di ferro con quelle che da qualcuno sono considerate legittime aspirazioni e da qualcun altro deliranti farneticazioni mistiche di un gruppo di cittadini, mentre si debba dimostrare indulgenza ai limiti della prostrazione per altri, dato che un “piramidino” e un “cattolico” hanno esattamente gli stessi diritti/doveri di fronte alla legge (e credono entrambi in cose assolutamente indimostrabili).
O vogliamo forse asserire che il turismo religioso, i viaggi miracolosi per dare speranza ai malati terminali e il mercanteggio di gadget spirituali, dove il senso del sacro é ridotto al possesso di un amuleto “Made in China“, l’abbiano per caso inventati quelli dell’associazione “Piramide di Luce”?

35 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • non è una gran tesi… quello è un abuso edilizio nonchè fatto probabilmente in una zona dove non si può costruire alcunchè,guardando il panorama….

    se mi facessero un piramidino al confine con uno dei miei campi, manderi anche io la raccomandata al comune.

    io privato cittadino divento scemo e pago per fare un pollaio e questi pretendono di erigere una struttura del genere,in tranquillità, fanno bene a demolirglielo, non ci sono spiegazioni al riguardo

    • non è per fare l’avvocato del diavolo, ma… sei proprio sicuro che i luoghi di culto siano sempre gratuiti? Non hai mai sentito di santuari cattolici dove si paga il biglietto (per finalità di conservazione etc?)?

  • meglio una piramide di luce che

    un pacchetto di sigarette al giorno

    l’abbonamento a sky calcio

    lo smartfone di moda da 499 euro

    l’automobilotta diesel con cvetri neri, clima, cerchi, radio mp3, tan 0, taeg variabile, salvo approvazione finanziaria x 8 anni di rate

     

     

    – canon 16 megapixel imac iphone reggae salamella automobile duce sigarette campionato

    + piramidi di luce e tutti i freak del mondo

     

     

     

    cerchiamo di essere fratelli tra elementi che sono sabbia negli ingranaggi del sistema, e tenere lontano chi si maschera tanto bene ma è solo una pedina

  • byoblu ha scritto :
    Ti sbagli. il terreno è stato preso regolarmente in affitto dall’agriturismo

    Che l’affitto sia regolare non significa automaticamente che il terreno sia edificabile. Non conosco la vicenda, ma se si sono presentati i carabinieri si arriverà a qualche sviluppo… e un giudice si troverà a decidere sulla liceità della costruzione, non certo sulla “qualità” del credo professato.

    Cari saluti

    • Si ma il problema non è la piramide di luce. La questione è se è giusto che la piramide venga rimossa e le altre cappelle invece rimangano, E’ la stessa problematica dei crocefissi nelle aule. Perchè un simbolo cristiano può rimanerci ed invece un corano o un buddha no? Oltretutto adesso in molte aule i bambini stranieri e musulmani sono di più dei nostri cristiani. Perchè non rispettare la laicità dello stato, non appendere nulla al muro e fare andare d’ accordo tutti quanti?

  • With land in your hand, you’ll be happy on earth.
    Then invest in the Church for your heaven
    “. (Genesis)

    La massa bovina ha sempre bisogno di credere in qualcosa di sovrannaturale, cercando così di af-fidarsi ad una delle tante sette religiose. Le peggiori sono proprio quelle delle grandi religioni (cristiana, musulmana, ebraica, ecc…). Ognuno può scegliere di credere o farsi turlupinare come meglio-peggio crede. Il guaio però è un altro. Questa sterminata plebaglia (come direbbe Bene “carne senza concetto” e magari fosse veramente “senza concetto”!) sempre alla ricerca di una papà-eterno coccolante e tranquillante, diventa pericolosa nella misura in cui crede più o meno ciecamente al sovrannaturale.

    Molti miei parenti credono in certe pratiche radicate nel passato sannita o addirittura, se non vado errando, nella setta orfica. Per esempio mettere nella tasca del morto delle monetine che gli consentano di accedere nell’aldilà. Un modico prezzo, se non altro, e comunque come in cielo così in terra: il denaro è quel che conta e fà circolare le merci, defunto compreso. L’anima in fondo è più leggera (senza peso) da trasportare. Cosa ci faranno poi con le monetine questi nocchieri trasportatori?… Boh! Mistero… della fede.

    Voglio dire… una persona che crede a queste cazzate è capace di bere di tutto, farsi condizionare dal suo credo e condizionare, se non addiritura, rovinare la vita altrui. Una fede che non dubita (di sé stessa) non è una buona fede, diceva qualcuno. Se poi questa mala-fede fa parte del tessuto sociale stesso, beh, conta poco che sia una piramide di luce o un papa o un predicatore ex-novo a rincredulire. Il problema è di ritrovarsi con questa marea sfaccendata di persone adult-ere non cresciute, il cui credo non si limita ad attecchire e operare esclusivamente nella loro sfera privata-personale, ma tracima rompendo i corbelli al prossimo.

    La religione-superstizione purtroppo è un male necessario, in quanto la maggior parte della plebe, sente fortissima la necessità di affrancarsi dalla razionalità, di deresponsabilizzarsi. Che due più due fà quattro, cosa può fregargliene… La gente, irresistibilmente attratta dall’assurdo,  ha bisogno di bere, di ubriacarsi, di dimenticare la “rugosa” realtà, finendo poi immancabilmente in pasto alla sfinge, al piazzista di turno. Vedi l’innominato di Arcore…

    La San Pietro & Co. s.p.a. o la Piramide di Luce hanno, democraticamente, la stessa ragione d’esistere, o. almeno, se non altro, viene così ad essere rispettato il vangelo del libero mercato.

  • With land in your hand, you’ll be happy on earth.
    Then invest in the Church for your heaven
    “. (Genesis)

    La massa bovina ha sempre bisogno di credere in qualcosa di sovrannaturale, cercando così di af-fidarsi ad una delle tante sette religiose. Le peggiori sono proprio quelle delle grandi religioni (cristiana, musulmana, ebraica, ecc…). Ognuno può scegliere di credere o farsi turlupinare come meglio-peggio crede. Il guaio però è un altro. Questa sterminata plebaglia (come direbbe Bene “carne senza concetto” e magari fosse veramente “senza concetto”!) sempre alla ricerca di una papà-eterno coccolante e tranquillante, diventa pericolosa nella misura in cui crede più o meno ciecamente al sovrannaturale.

    Molti miei parenti credono in certe pratiche radicate nel passato sannita o addirittura, se non vado errando, nella setta orfica. Per esempio mettere nella tasca del morto delle monetine che gli consentano di accedere nell’aldilà. Un modico prezzo, se non altro, e comunque come in cielo così in terra: il denaro è quel che conta e fà circolare le merci, defunto compreso. L’anima in fondo è più leggera (senza peso) da trasportare. Cosa ci faranno poi con le monetine questi nocchieri trasportatori?… Boh! Mistero… della fede.

    Voglio dire… una persona che crede a queste cazzate è capace di bere di tutto, farsi condizionare dal suo credo e condizionare, se non addiritura, rovinare la vita altrui. Una fede che non dubita (di sé stessa) non è una buona fede, diceva qualcuno. Se poi questa mala-fede fa parte del tessuto sociale stesso, beh, conta poco che sia una piramide di luce o un papa o un predicatore ex-novo a rincredulire. Il problema è di ritrovarsi con questa marea sfaccendata di persone adult-ere non cresciute, il cui credo non si limita ad attecchire e operare esclusivamente nella loro sfera privata-personale, ma tracima rompendo i corbelli al prossimo.

    La religione-superstizione purtroppo è un male necessario, in quanto la maggior parte della plebe, sente fortissima la necessità di affrancarsi dalla razionalità, di deresponsabilizzarsi. Che due più due fà quattro, cosa può fregargliene… La gente, irresistibilmente attratta dall’assurdo,  ha bisogno di bere, di ubriacarsi, di dimenticare la “rugosa” realtà, finendo poi immancabilmente in pasto alla sfinge, al piazzista di turno. Vedi l’innominato di Arcore…

    La San Pietro & Co. s.p.a. o la Piramide di Luce hanno, democraticamente, la stessa ragione d’esistere, o. almeno, se non altro, viene così ad essere rispettato il vangelo del libero mercato.

  • With land in your hand, you’ll be happy on earth.
    Then invest in the Church for your heaven
    “. (Genesis)

    La massa bovina ha sempre bisogno di credere in qualcosa di sovrannaturale, cercando così di af-fidarsi ad una delle tante sette religiose. Le peggiori sono proprio quelle delle grandi religioni (cristiana, musulmana, ebraica, ecc…). Ognuno può scegliere di credere o farsi turlupinare come meglio-peggio crede. Il guaio però è un altro. Questa sterminata plebaglia (come direbbe Bene “carne senza concetto” e magari fosse veramente “senza concetto”!) sempre alla ricerca di una papà-eterno coccolante e tranquillante, diventa pericolosa nella misura in cui crede più o meno ciecamente al sovrannaturale.

    Molti miei parenti credono in certe pratiche radicate nel passato sannita o addirittura, se non vado errando, nella setta orfica. Per esempio mettere nella tasca del morto delle monetine che gli consentano di accedere nell’aldilà. Un modico prezzo, se non altro, e comunque come in cielo così in terra: il denaro è quel che conta e fà circolare le merci, defunto compreso. L’anima in fondo è più leggera (senza peso) da trasportare. Cosa ci faranno poi con le monetine questi nocchieri trasportatori?… Boh! Mistero… della fede.

    Voglio dire… una persona che crede a queste cazzate è capace di bere di tutto, farsi condizionare dal suo credo e condizionare, se non addiritura, rovinare la vita altrui. Una fede che non dubita (di sé stessa) non è una buona fede, diceva qualcuno. Se poi questa mala-fede fa parte del tessuto sociale stesso, beh, conta poco che sia una piramide di luce o un papa o un predicatore ex-novo a rincredulire. Il problema è di ritrovarsi con questa marea sfaccendata di persone adult-ere non cresciute, il cui credo non si limita ad attecchire e operare esclusivamente nella loro sfera privata-personale, ma tracima rompendo i corbelli al prossimo.

    La religione-superstizione purtroppo è un male necessario, in quanto la maggior parte della plebe, sente fortissima la necessità di affrancarsi dalla razionalità, di deresponsabilizzarsi. Che due più due fà quattro, cosa può fregargliene… La gente, irresistibilmente attratta dall’assurdo,  ha bisogno di bere, di ubriacarsi, di dimenticare la “rugosa” realtà, finendo poi immancabilmente in pasto alla sfinge, al piazzista di turno. Vedi l’innominato di Arcore…

    La San Pietro & Co. s.p.a. o la Piramide di Luce hanno, democraticamente, la stessa ragione d’esistere, o. almeno, se non altro, viene così ad essere rispettato il vangelo del libero mercato.

    • Scusa se telo dico; descrivere umiliando la gente credente (non intendo i fanatici abberrati ) in questo modo è un discorso da ARROGANTE. Non l’hai precisato ma se non mi sbaglio si può concludere che l’altra massa “non bovina”? è la massa che crede solo nella scienza? Beh pure la scienza con tutti i suoi rami è basata su delle teorie che si prendono per buone finchè non si fa avanti un altro scienzato che dimostri il contrario e la storia della scienza ne è piena di esempi. Poi la scienza non ha mai creato nulla ha solo scoperto o ha cercato di spiegare come funzionano alcune cose già esistenti “già create” e pure quel POCO che la scienza ha INVENTATO, a giudicarlo nell’insieme è stato un disastro valutando in modo concreto e razionale il rapporto “prezzo/rendimento” e quando dico prezzo non intendo solo quanto costa un certo prodotto sul mercato, ma quanto ha costato effettivamente la sua materia prima in termini di vite umane, disastri ambientali, guerre…

      Caro ” Teleabuso” ! Non penso che tu sia più intelligente o che tu sappia di più del mitico Einstein che alla fine si è reso conto dell’esistenza di Dio.

       Dichiarazioni del premio Nobel della FISICA su DIO e l’universo ( due cose sovvranaturali) :

      Io non sono ateo e non penso di potermi definire panteista. Noi siamo nella situazione di un bambino che è entrato in una immensa biblioteca piena di libri scritti in molte lingue. Il bambino sa che qualcuno deve aver scritto quei libri, ma non sa come e non conosce le lingue in cui sono stati scritti. Sospetta però che vi sia un misterioso ordine nella disposizione dei volumi, ma non sa quale sia. Questa mi sembra la situazione dell’essere umano, anche il più intelligente, di fronte a Dio. La convinzione profondamente appassionante della presenza di un superiore potere razionale, che si rivela nell’incomprensibile universo, fonda la mia idea su Dio. 
      (citato in Isaacson, Einstein: His Life and Universe, Simon e Schuster, pag. 27)

      La scienza, contrariamente ad un’opinione diffusa, non elimina Dio. La fisica deve addirittura perseguire finalità teologiche, poiché deve proporsi non solo di sapere com’è la natura, ma anche di sapere perché la natura è così e non in un’altra maniera, con l’intento di arrivare a capire se Dio avesse davanti a sé altre scelte quando creò il mondo.
      (citato in Holdon, The Advancemente of Science and Its Burdens, Cambridge University Press, New York, 1986, pag. 91)

      L’uomo che è convinto dell’esistenza e della operatività della legge di causalità non può concepire l’idea di un Essere che interferisce con il corso degli eventi. A patto naturalmente che egli prenda l’ipotesi della causalità veramente sul serio.
      (dal New York Times Magazine, 9 novembre 1930)

      È difficile spiegare questo sentimento (la religione cosmica) a qualcuno che ne è completamente privo, specialmente se non esiste nessuna raffigurazione antropomorfica che possa corrispondere. Gli individui percepiscono la futilità dei desideri umani e gli scopi e al contrario il meraviglioso ordine che sta alla base della natura. L’esistenza di ognuno di noi viene percepita come una specie di prigione e ricerchiamo un’esperienza dell’universo come un singolo significante tutto. I geni religiosi di tutte le epoche si sono distinti per questo tipo di sentimento religioso, che non concepisce né dogma né Dio a immagine dell’uomo; e così non ci possono essere chiese i cui principali insegnamenti siano basati su questi principi.
      (dal New York Times Magazine del 9 novembre 1930)
       “

      Byo Blu ha scritto :

      “dato che un “piramidino” e un “cattolico” hanno esattamente gli stessi diritti/doveri di fronte alla legge (e credono entrambi in cose assolutamente indimostrabili).” 

      Caro Claudio quando vedi una bella Ferrari, dici che il designer e l’insieme del team che l’ha costruita, sono della gente che ne intende di igegneria di meccanica, aerodinamica, chimica, fisica….Basta dare uno sguardo RAZIONALE a quella “bestia ” rossa e guarda caso hai già degli elementi che ti aiutano a indovinare che quella Ferrari l’ha fatta qualcuno (suppongo che non esista uno al mondo che dica che è stata creata dalla natura) sicuramente quei pochi elementi non ti dicono se l’ingegnere è biondo , alto, o con gli occhiali. Beh basta dare lo stesso sguardo Razionale al cielo, Mare, cervello umano, o semplicemente a una mosca e hai già gli elementi basilari per indovinare l’esistenza di “qualcosa” che li ha creati. se vuoi dimostrarlo invece non basta solo lo sguardo ma bissogna studiarne il funzionamento e cercare di decifrarne la complessita perfetta!

      per tornare all’argomento del post, per me vale sempre “LA LEGGE è  E DEVE ESSERE UGUALE PER TUTTI“.

       

  • Pienamente d’accordo , la chiesa si sente minacciata per la profonda Crisi di “fede” che stà affrontando ed indirettamente tramite i propri Vescovi e Cardinali (che vanno a Braccetto con Politica ed alti Dirigenti di aziende private e della PA) cerca di soffocare il Libero Pensiero, ma oramai la chiesa è una istituzione superata in via di Declino , basterà il ricambio generazionale con gli attuali 30-45 enni per farla Tramontare. Io non sono cristiano (lo ero) ma conosco molti Cristiani che sono tornate alle origini della vera parola dell’Illuminato Gesù di Nazaret che era prettamente Gnostica ed Adogmatica!

  • Sarà anche fonte di energia positiva, ma non è sicuramente fonte di rispetto delle regole visto che è abusiva e nemmeno fonte di rispetto delle persone in fattispecie dei bambini visto che gli adepti genitori se li sono portati a seguito durante la vibrante protesta con annessa occupazione della piramide che ha di fatto desistere l’impresa di demolizione dallo svolgere il proprio lavoro.

    Per quel che mi riguarda non c’è niente di positivo nel dare il cattivo esempio ai propri figli e questo a mio avviso lo è. Allora in cosa consiste la positività di questo fantomatico solido?

    Le regole sono regole, chi non le rispetta non si lamenti poi se è a sua volta vittima di una violazione, mi sembra palese.

  • a mio avviso è il discorso economico , i comuni sono sensibili a queste tematiche, e i ragionamenti dietro le loro azioni sono banali, pensiamo solo che soppravvivono grazie alle multe, mentre gli altari sono quasi tutti gratuiti

  • byoblu ha scritto :
    il punto della questione non è Se sia abusivo o meno, ma perché bon vengono rimosse ke migliaia di strutture parimenti abusive, e o personalmente ne conosco a decine, dove anzichè adorare una piramide si adorano statue di divinità cristiane. Luoghi dove vengono eretti tabernacoli e panchine e addirittura strutture fisse senza che nessun carabiniere venga chiamato o muova un dito. così è più chiaro (ma era scritto bene già nel post)? ” Era scritto bene nel post ma – non ti offendere – è un punto che mi appassiona poco, perchè mi ricorda quelle domande tipo: “Ti pare giusto che un poveraccio che ruba pochi spiccioli sia arrestato, mentre grandi lestofanti travestiti da “imprenditori” possono rubare a man bassa senza essere toccati?” Che cosa vuoi che risponda? Rispondo che non è certo una situazione positiva, ma il fatto che esistono tanti ladri non ci autorizza a rubare a nostra volta. Se abbiamo notizia di qualche reato (inclusi gli abusi edilizi di costruzioni dedicate al culto), denunciamolo. Mi sorprende un po’ scrivere queste cose a te, perchè ti ho sempre riconosciuto come un preciso e puntuale ricercatore di notizie e buon interprete delle leggi (pur senza aver studiato in facoltà di Giurisprudenza, vero?).

    Infine: non è vero che nessuno si muove per reprimere gli abusi edilizi “cattolici”. Nella mia città pochi mesi fa è stata imposta la demolizione di una specie di cappelletta abusiva: non ho notizie più precise, perchè lo studio universitario mi prende molto impegno, ma la vicenda avrà sviluppi, esattamente come questa su cui stiamo dibattendo, e li seguirò.

    Con immutata stima e affetto.

    Antonio Fucile

    p.s.: l’ultima volta che ti avevo scritto eri su un letto d’ospedale. Ora ti sei davvero ripreso? Stai facendo qualche controllo precauzionale?

  • Caro Byoblu,

    sono una di quelle persone che ha visto e frequentato la piramide, una che crede nell’invisibile, che non appartiene a nessuna setta (l’ignoranza spesso fa scrivere cose non vere, perchè non vi documentate, e lo dico anche alla stampa) e che soprattutto ritiene di dover essere libera o meno di frequentare un posto, pagare anche 10 euro se voglio contribuire alle spese di gestione, perchè farlo non fa del male a nessuno, e tanto meno al paesaggio e alla gente che vive intorno.

    Quello che credo è affar mio ovviamente, e non sono qui per sentirmi dare ragione, chi crede crede, chi non lo fa, sono fatti suoi, però una cosa voglio dirla: le persone che hanno costruito la piramide, prima di farlo, hanno fatto le cose secondo legge, ben attenti a non disturbare nessuno e soprattutto ad avere i permessi necessari. Ma guarda caso, dopo un anno dalla sua inaugurazione, di colpo quello che hanno fatto è illegale!

    MI pare scontato dire che quella piramide dà fastidio a qualcuno, non so dire per quale motivo, ma una cosa è sicura, molto vicino esistono enormi antenne telefoniche, nonchè una che appartiene alle forze americane, deturpano il paesaggio alla grande (andate a vedere se non ci credete), eppure………………misteriosamente non danno fastidio a nessuno degli abitanti. Sarà forse perchè dietro c’è un giro non indifferente di soldi?

    Non vi chiedo di credere all’efficacia della piramide, vi chiedo solo di aprire gli occhi una volta tanto e di farvi le dovute domande.

    Ah, un’ultima cosa, non frequento la chiesa e non ne condivido i dogmi, e non ritengo affatto di essere una che SI BEVE QUALSIASI COSA.

    Grazie.

    • Cara Eliana,

       benvenuta!

      l’ignoranza spesso fa scrivere cose non vere, perchè non vi documentate, e lo dico anche alla stampa

      Non so se ti riferissi a me, ma forse hai frainteso il post, dato che (convinzioni spirituali a parte, sulle quali sono agnostico) sostengo più o meno le tue stesse tesi.

  • byoblu ha scritto :
    Facciamo a capirci . sull’abusività della struttura non ho dati sufficienti . c’èun ricorso al Tar. In ogni caso facciamo che ci credo e sono d’accordissimo. il punto della questione non è Se sia abusivo o meno, ma perché bon vengono rimosse ke migliaia di strutture parimenti abusive, e o personalmente ne conosco a decine, dove anzichè adorare una piramide si adorano statue di divinità cristiane. Luoghi dove vengono eretti tabernacoli e panchine e addirittura strutture fisse senza che nessun carabiniere venga chiamato o muova un dito. così è più chiaro (ma era scritto bene già nel post)?

    Chiedo venia mi sono perso la parte centrale del discorso.

    Direi che la differenza sostanziale sta nel fatto che: non sono ramificati in tutto il territorio con parrocchie, non hanno una banca come lo ior e non hanno un simbolo affisso in tutte le scuole “statali” Italiane. Condizioni queste che li mettono a lottare in maniera impari rispetto al cattolicesimo. Cattolicesimo e non Cristianesimo che è ben diverso dal primo.

  • Ciao,

    non ce l’ho con te ma con la stampa, tipo la repubblica, che ha definito le persone interessate alla piramide “una” setta, o la televisione che ha solo sparato sulla piramide senza nemmeno provare a sentire anche l’altra versione.

    Per totale sincerità confesso però che non mi è piaciuto sentirmi dare nel tuo articolo dell’adepta, ma in tutto questo marasma credo sia il minimo 😀

    Leggo da troppo tempo il tuo blog per non confidare nella tua intelligenza e mi sarei mai esposta se non fossi stata sicura che avresti capito cosa intendevo dire.

    Grazie

    Eli

    • non mi è piaciuto sentirmi dare nel tuo articolo dell’adepta

      Attenzione, non dell’adepta, ma dell’ “adepta”, ovvero un virgolettato. Cito dall’Accademia della Crusca: “Possono essere usate per prendere le distanze dalle parole che si stanno usando (e nel parlato si dice infatti «tra virgolette»).”

  • Una precisazione doverosa: rispetto tutti, chi crede e chi non lo fa, ma non mi piace leggere commenti in cui si fa passare chi crede per una MASSA BOVINA senza cervello, io non offendo mai chi ha idee diverse dalle mie e nessuno deve farlo con me.

  • Sono pienamente d’accordo con byoblu.

    Forse l’articolo sarebbe stato più completo presentando anche un esempio di questi abusivismi cattolici, in modo da avere un caso reale su cui discutere.

  • Caro Claudio, secondo me il problema e’ ancora piu’ complesso. L’intromissione di una religione negli affari del nostro Stato ha creato un precedente difficilmente sanabile. Non solo sono state concesse garanzie speciali e particolari al cattolicesimo come peraltro giusto per la tutela del culto in generale, ma si sono modificate e distorte leggi anche di natura amministrativa a favore della sola chiesa romana (basti pensare a quelle fiscali o edificatorie) che nulla avrebbero a che fare con la religione. Ma tali distorsioni sono state giustificate proprio con argomentazioni di tipo religioso. A questo punto chiunque sia seguace di un qualsiasi culto dovrebbe poter reclamare eccezioni alle norme il cui rifiuto comunque costituisce, questo si’, un insanabile vulnus costituzionale in tema di pari dignita’ delle religioni. Per favorire un gruppo di potere lo Stato si pone insomma al di fuori della sua stessa legge costitutiva.

  • Lasciamoli in pace

    Ho la sensazione che sia partita l’ennesima crociata contro gli infedeli. Il veneto bigotto e oscurantista sclera alla vista di qualcosa di diverso dalle solite forme geometriche per il concetto di edificio; se poi aggiungiamo anche l’idea del profano…… dacci sotto con l’inquisizione!!! Ho letto molti commenti sul Gazzettino di Padova sulla questione della piramide e il tono medio è quello della costernazione e preoccupazione per questa struttura che deturpa i colli Euganei non considerando che l’ingombro di questa è paragonabile a quella di un piccolo fienile e poco più alta dei pali dei vigneti che in questi luoghi sono di casa; ben poca cosa in confronto ai ripetitori televisivi (qui numerosi) che veramente deturpano la bellezza dei luoghi…Sono passato in questi giorni da quelle parti e, incuriosito da quanto avevo letto, ho cercato di scorgere questa struttura ma dalla strada non ho visto nulla!  Appena si è sparsa la voce sulla questione della piramide probabilmente qualche eminenza avrà chiamato l’ente Parco dei Colli Euganei manifestando il suo sdegno e la preoccupazione per l’arrivo di una non ben identificata concorrenza. Lasciamo in pace e permettiamo a questa gente di manifestare le proprie idee anche se non sono quelle di sancta romana ecclesia che con le sue intromissioni nella libertà della vita di ognuno ormai ci ha rotto!!!!

    • Bravissimo Cob, hai colto nel segno: la piramide non si vede se non ci sei davanti e dirò di più, quando ci sono andata io, ed era il 22 giugno scorso, abbiamo faticato non poco a trovarla perchè degli svariati abitanti del luogo a cui avevamo chiesto indicazioni per arrivarci, solo una signora ha saputo indirizzarci nel modo giusto, gli altri non sapevano nemmeno di cosa parlavamo…….

      A chi dà fastidio dunque questa piramide?

  • Siamo in Italia e finché esisterà lo stato Vaticano, la politica ne sarà influenzata. L’esistenza di uno stato per una religione è una assurdità enorme. La difficoltà nel prendere una decisione “contro” la chiesa è difficile per qualunque amministrazione. la scelta dei crocifissi è dovuta a una amministrazione troppo legata per interesse alla chiesa. Per le si può credere a qualunque cosa basta che la libertà del credente finisca dove comincia quella del nn credente.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi