Goldman Sachs innesca la crisi e poi piazza Mario Monti a risolverla

A integrazione del post “Tutto, tranne democrazia!” (qui il link) e del video qui sopra, ecco una notizia di Milano Finanza, noto covo di complottisti. Ci sarebbe Goldman Sachs dietro all’ondata di speculazioni che ha in pochissimo tempo innalzato artificialmente lo spread tra i buoni del tesoro poliennali italiani e suoi cugini tedeschi. Uomini Goldman Sachs innescano la crisi, uomini Goldman Sachs si propongono per risolverla, salendo a Palazzo Chigi per realizzare misure che non sono state dibattute né sottoscritte attraverso un mandato elettorale da nessun cittadino italiano. La terza guerra mondiale non usa carri armati: le nazioni oggi si conquistano rendendo in pochi giorni i loro debiti insostenibili.
Nel rapporto “The Crisis of Democracy“, della Commissione Trilaterale di cui sia Mario Monti che Lucas Papademos (banchiere proposto per il governo tecnico greco) fanno parte (uno tra i tanti club “di ispirazione massonica ultraliberista statunitense”, per dirla alla Odifreddi su Repubblica.it, ma senza dimenticare il Bilderberg, l’Aspen Institute e tutti quei posti dove una certa èlite, da Monti a Tremonti a Draghi, discute amabilmente di strategie politiche ignorando che le sedi preposte esistono e si chiamano istituzioni) viene detto a chiare lettere che un eccesso di democrazia paralizza gli USA e gli stati dell’Europa dell’est. E si sottolinea che:

Il funzionamento efficace di un sistema democratico necessita di un livello di apatia da parte di individui e gruppi. In passato [prima degli anni ’60; nda] ogni società democratica ha avuto una popolazione di dimensioni variabili che stava ai margini, che non partecipava alla politica. Ciò è intrinsecamente anti-democratico, ma è stato anche uno dei fattori che ha permesso alla democrazia di funzionare bene

Può anche essere vero, ma se accettiamo che siano questi i principi guida ispiratori di chi sale al governo senza essere stato eletto da nessuno, in conseguenza di attività speculative che ne preparano l’ascesa, allora dobbiamo per forza accettare che la democrazia ha fallito, insieme a tutti i principi ispiratori che in questi anni ci hanno guidato grazie alla rete. E’ la rete che ci ha permesso di coltivare il sogno della conoscenza condivisa. E’ la rete che ha condotto alla stimolazione di uno spirito critico diffuso. E’ la rete che ci ha consegnato un ideale di una consapevolezza allargata. E’ la rete, quindi, che mette in discussione quel livello di apatia che il club di cui Mario Monti fa parte identifica come essenziale per il controllo delle masse. Del resto era proprio Zbigniew Brzezinski, uno dei fondatori della Commissione Trilaterale, a dire che “è più facile ammazzare milioni di persone che controllarle“.
Questa sera sarò ospite di Servizio Pubblico, intervistato da Giulia Innocenzi.

65 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Possiamo dire che questa crisi economica è una 11 settembre versione 2.0 ? E’ stata progettata per rimappare il mondo e per applicare altri patriot act un pò dappertutto nel mondo?

  • Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda… Si allunga la lista dei paesi i cui governi vengono rovesciati non dal ‘furor di popolo’, ma dall’alta finanza internazionale.

    Paolo Barnard ci mise in allerta in tempi non sospetti e non fu il solo: il più grande crimine, la più grande truffa, il più grande golpe nei confronti di milioni di cittadini è quest’ectoplasma capace di tenere al giogo intere masse di popolazione ignorante, senza strumenti per poter percepire cosa sta accadendo delle loro esistenze.

    La rete? Gran bella cosa Claudio, gran bella speranza, ma penso che, soprattutto in questo paese, non sia ancora in grado di rendere ‘edotte’ le masse, coaugulandole verso una ribellione generale nei confronti dei nuovi tiranni che faranno terra bruciata di centinaia di anni di conquiste democratiche.

    PS: Papademos è il nuovo premier greco, notizia di pochi minuti fa.

  • Sottoscrivo dal primo all’ultimo rigo. Tra Monti e Berlusconi io mi terrei Berlusconi. Siccome non voglio giocare al meno peggio andiamo a votare subito.

    Dovremmo difendere l’Italia da quelli come Monti e Draghi. Bilderberg e Trilateral Commission.

    Bravo Claudio!

  • Claudio per favore nel tuo intervento di stasera a Servizio Pubblico dille queste cose, e ricorda a Santoro e compagnia che le persone non hanno pagato per finanziare la trasmissione e poi ritrovarsi Lavitola, Della Valle e Fini. Vogliamo qualcuno come te che possa finalmente far conoscere alla gente questi argomenti. Grazie… a stasera

  • Appoggio in toto CLAUDIOM. ed aggiungo di ricordare a queste persone che ci sono altre persone che li osservano in modo estremamente critico ed affatto apatico. Stessero in campana perché nessuno può dormire sugli allori: di gonzi col cervello lavato ce ne sono ma molti di noi, rimasti silenti per anni, sono pronti a farsi avanti ed a combattere la guerra dell’informazione. Questa è la resa dei conti e non gli permetteremo di giocarsi il futuro nostro e delle generazioni a venire.

  • Domanda retor-iron/ica OT:

    hai regolarizzato la licenza SIAE per la pubblicazione della tua musica su questo blog? hai pagato i 1800 e più Euro?

    Attento: tra poco anche la voce, essendo un suono personale, potrebbe essere interpretato come “musica” (particolare sottospecie del tipo etnico), quindi anche solo il parlare ti rende soggetto alla tutela del diritto d’autore della SIAE.

    se non l’hai fatto potresti approfittarne tra poco arriveranno sconti di introduzione significativi: si comincerà introducendo un poco alla volta, invece che tutto in un colpo solo…

  • E mentre si perdono le sovranita’ dei vari stati e la gente diventa schiava delle banche (anche se la cosa non e per nulla nuova) la razza umana nella sua infinita stupidita’ va verso il baratro senza ritorno della estinzione massima:

    Il pianeta terra si avvia verso un punto di non ritorno si stanno estinguendo 65.000 especie ogni anno tra vegetali e animali,il globo terreste si avvia a cambiare radicalmente e per sempre il suo stato fisico per diventare una sfera incandescente con temperature dai 300 ai 500 gradi centigradi piu’ o meno come il pianeta venere,il dramma di tutto questo non sara’ la totale estinzione dell’essere umano il vero dramma sara’ di aver trascinato verso questo orribile destino esseri viventi innocenti.

    Stephen hawking

    E continuamo a pedere tempo con la politica, come dice il profeta beppe grillo. ma Vaffanculoooooooooooooooo.

  • Voglio farvo notare che queste per persone chetrattate alla stregua di golpisti, sono le uniche, nel panorama politico istituzionale, che abbiano fatto carriera grazie ai loro meriti ed alle loro competenze. Sembra un paradosso ma vi faccio notare che i rappresentanti del popolo , quelli titolati ad esercitare la democrazia, sono i nani e le ballerine che ieri sera, intervistati alle iene, non sapevano neanche cosa fosse lo spread o un BTP.Non prendiamoci in giro, la democrazia diretta è sempre stata un illusione.Siamo liberi di essere rappresentati da persone elette con i voti delle mafie e delle clientele.Per chi volesse approfondire sul vero significato della democrazia consiglio la lettura di “Sudditi” di Massimo Fini.

  • Premesso che tutto ciò che sta dietro gli intrallazzi economici mondiali sia tutt’altro che trasparente, oltre che frutto di un programma sinistro ai danni dei paesi oggetto di speculazione (ed in ultima analisi della loro gente), si tratta di cose facilmente auspicabili che emergono anche da una semplice malpensata riguardo alcune coincidenze assolutamente evidenti, come questo strano parallelismo di sorti fra Grecia ed Italia. L’insieme di giochi sporchi che vengono scoperti dalle indagini condotte da Claudio, di conseguenza sono i presupposti necessari che motivano le richieste di chi (dentro e fuori dalla politica) rifiuta il governo tecnico e vuole nuove elezioni, affinché ad operare sia un governo eletto dal popolo.

    Mi dispiace per Claudio, ma per quanto mi riguarda è proprio qui il punto su cui si infrange tutto il suo discorso, per quanto riguarda il nostro paese. Vorrei chiederti, Claudio: sei convinto che in Italia, un nuovo governo “eletto” in luogo del governo tecnico (presieduto in buona sostanza dai soliti orchi), sia un affare risolutivo? Ti ricordo che lo sarebbe solo nel caso in cui la legge elettorale consentisse ai cittadini di eleggere direttamente i politici da mandare in Parlamento. Poiché a mettersi di traverso sul nostro destino non sono soltanto i baroni della finanza che creano e disfano come gli pare, ma lo è banalmente anche una legge elettorale che ci impedisce di esprimerci, istituire un nuovo governo col porcellum significa automaticamente procrastinare per ulteriori 5 anni teorici l’attuale situazione fallimentare derivante da un Parlamento di nominati. Allora, se questi sono dei nominati e non degli eletti messi lì dal popolo per fare i suoi interessi, quanto potrebbe mai cambiare la situazione rispetto a quella di un governo tecnico imposto dall’alto? … Tu stesso hai messo in evidenza che Tremonti, ossia l’artefice del bordello economico che ci ha portati dritti dritti nelle mani dei baroni della finanza, è proprio uno dei “prodotti politici” del porcellum, grazie al quale lo schieramento che vince le elezioni piazza chi gli piace e di conseguenza anche chi risponde ad una serie di giochi e dinamiche di interesse internazionale già previste (quelle che tu hai argomentato). Ma c’è di più: poiché il porcellum fa girare la politica nelle mani delle stesse persone e queste persone hanno anche dimostrato di aver fallito (sia come maggioranza che come opposizione), cosa facciamo? Facciamo le elezioni anticipate, così chi sta in politica per i propri interessi, in sostanza continuerà a farlo, sotto la vile scusa che si tratta pur sempre di un governo “eletto”? Se ci pensi due volte fra una situazione del genere e quella di un governo tecnico, dal punto di vista degli interessi dei cittadini, non cambia assolutamente NIENTE: ce la prendiamo in quel posto lo stesso. Pertanto, tanto vale mettersi nelle mani di chi (sobordinato al risico internazionale delll’economia), quanto meno permetterà con i pessimi sacrifici che ci toccano, di far rientrare l’Italia in condizioni più tranquille o quanto meno di uscire fuori da questo gioco al massacro con il quale i mercati ci stanno polverizzando. Un governo eletto in questo momento non farebbe altro che acuire il problema, perché opporsi a certi provvedimenti, quando questi sono tristemente inesorabili non disponendo del potere per contrastare chi li chiede, non serve a nulla. Viene soltanto prolungata l’agonia di un paese che dal suo canto sarebbe totalmente una vittima sacrificale. Proprio perché, come tu stesso hai detto, attualmente servono misure impopolari che non farebbe nessuno, cosa ti fa pensare che un nuovo governo eletto si comporterebbe in modo diverso? Probabilmente andrebbe avanti come è successo a quello uscente, fra inutili bracci di ferro e continue inadempienze che alla fine ci portano dritti dritti al default. Dunque il governo tecnico ci salverà? Non lo so, ma quel che so è che è l’ultima spiaggia, per la serie: “o ti mangi sta minestra, o ti butti dalla finestra”. Per cui inutile continuare a polemizzare ed inverire quando c’è un paziente (l’Italia) che ormai è mantenuto in coma farmacologico e merita semplicemente silenzio e fare a testa bassa. Per cui prendiamone atto e cerchiamo un po’ tutti di abbassare i toni, i particolare i soliti politicini da strapazzo (La Russa, Bindi, ecc.) che ieri sera da Vespa continuavano a beccarsi su chi ha fatto cosa. Non gliene frega niente a nessuno: ciò che ci frega è sapere che ci toccherà un siluro da mettere dentro come supposta e per giunta ci tocca farlo in silenzio. Per cui, cerchiamo di non dimenticarlo anziché alimentare polemiche e malumori non risolutivi, perché NOI SIAMO SOTTO SCACCO e NON CI POSSIAMO FARE NIENTE, almeno con i nostri mezzi (escludendo la sommossa popolare). Pensaci su, Claudio.

    • Come vedi Claudio, anche Travaglio ha ribadito il succo del mio discorso: auspicabile un nuovo governo eletto dal popolo, ma se la classe politica resta sempre quella, le cose andranno sempre male, sia che si tratti di un governo tecnico, che di un governo di nominati (sempre gli stessi che hanno fallito) col porcellum. Le cose non cambiano se non si rinnova la classe politica ed una nuova legge elettorale è fondamentale, prima di invocare le elezioni.

  • claudiom. ha scritto :
    Claudio per favore nel tuo intervento di stasera a Servizio Pubblico dille queste cose, e ricorda a Santoro e compagnia che le persone non hanno pagato per finanziare la trasmissione e poi ritrovarsi Lavitola, Della Valle e Fini. Vogliamo qualcuno come te che possa finalmente far conoscere alla gente questi argomenti. Grazie… a stasera

    Oh madonna, mi stai davvero dicendo che fino ad ora gli ospiti sono stati questi?

  • Sia in Grecia che in Italia stiamo sostituendo due governi eletti democraticamente con due governi tecnici presieduti da “bancari” entrambe provenienti dalla “Commissione Trilaterale” fondata da Rockfeller (http://it.wikipedia.org/wiki/Commissione_Trilaterale). Ecco : la banche hanno creato il disastro e adesso pretendono anche di risolverlo (attraverso i loro uomini, per di più). E allora diciamolo chiaramente che la democrazia è un utopia, che l’unico governo possibile spatta alle élites monetarie e finiamola con queste commedie…

    Sempre grande Byoblu, grazie.

  • Napolitano ha fatto un capolavoro. Durante tutto il mandato non è andato dietro ai vari grilli e travagliati, ma ha esercitato alla perfezione il suo ruolo, ben sapendo che respingere leggi su leggi non sarebbe servito a nulla, perchè tanto erano tutte visibilmente inaccettabili e ci avrebbe pensato la Consulta, come puntualmente è successo. Avrebbe solo indebolito la sua posizione di fronte a metà della nazione e fornito argomenti alla Bestia. Invece è arrivato al momento cruciale, che sapeva bene sarebbe venuto, al massimo della forza ed ora si può permettere di mandare a cagare le beghine di B. così platealmente, proprio perchè ha usato i tempi giusti. Non capirlo, significa non aver ben presente cosa sia stato questo paese (ed i suoi abitanti) negli ultimi 4 anni (momento clou degli ultimi 20). Non si poteva proprio far meglio, ma si poteva fare molto peggio (pensate che legittimazione avrebbe avuto D’Alema al Quirinale. Ci andammo vicini, ricordate?). La nomina a senatore a vita di Monti toglie argomenti a B. ed alla Lega. In qualche modo Napolitano predispone addirittura il proprio erede. L’ometto malvagio, cui abbiamo sempre riconosciuto l’unica qualità nella scaltrezza, quello che ‘tanto ci frega sempre’, è stato sonoramente fregato (e non è la prima volta, vedasi Lodo Alfano) da un giovanotto di 86 anni ed un passato da ‘politico di professione’ e di gran classe. Una vera carogna del PCI, Dio lo benedica! Una razza estinta purtroppo. Per quanto riguarda le menate su Goldman Sachs, Bilderberg o la necessità ‘democratica’ della legittimazione elettorale, in questo momento ed in questo paese, suonano con la stessa rilevanza del dibattito sul cineforum… Per una crisi economica si è pensato di chiamare un grande economista. Guarda un po’ che stravaganze. Delusi i sostenitori de ‘l’uomo della strada’…

  • Ho il vago sospetto che Travaglio non abbia capito una sega di quel che ha detto Claudio!

    Che grande giornalista… chissa poi se ha riconosciuto il “mitomane”… ^__^

    Visto pero’ che nessuno ha voluto indagare su quanto detto… mi viene da pensare che certe cose non si potessero proprio dire!

    Ma e’ lo stesso, tanto a chi vuoi che interessi??

    O chi vuoi che ci arrivi??

    La democrazia rappresentativa NON funziona… punto! non c’e’ niente da fare…

     

    • Anch’io ho avuto la stessa impressione vedendo in tv l’intervento di Messora e quel che ha poi detto Travaglio…

      Non so se in malafede, ma certo l’argomento non è stato approfondito quanto avrebbe meritato. I tempi e gli argomenti in tv sono sempre troppo diversi da quelli della rete.

  • Ottima performance della triade santoro-feltri-tavaglio! Ribaltato completamente l’abbozzo di realta detta da Claudio. Con gol in rovesciata del sionista travaglio, per la santificazione di mariolino sachs!

    Questo non è giornalismo, è poesia!

  • Ho assistito al tuo intervento a Servizio Pubblico. Peccato che ti abbiano concesso la parola per un tempo così breve visto che il punto di vista espresso è uno di quelli meno rappresentati (per usare un eufemismo) dal mainstream.

    L’obiezione per cui è tutta colpa del debito pubblico è veramente divertente. Al massimo il debito ci rende vulnerabili, ma l’attacco speculativo è la vera causa dei problemi.

    Sarebbe come se domani Francia, Germania e Inghilterra ci attaccassero militarmente e il Feltri di turno si alzasse dicendo che la colpa è del fatto che il nostro esercito non è abbastanza imponente da riuscire a difenderci. Penso che anche il più sprovveduto cittadino lo guarderebbe con occhio sgranato.

    Il tuo commento sulla terza guerra mondiale combattuta sul campo di battaglia finanziario è fin troppo azzeccata (anche se non è detto che rimarrà confinata lì); purtroppo tra la gente manca la percezione del fatto che si tratta di un vero e proprio attacco, anche se per adesso non viene sparso sangue vero e proprio.

  • Claudio, sei riuscito a portare il Bildeberg nel salotto di Santoro… e a farmi venie simpatica la Innocenzi ! Ovviamente abbiamo notato tutti come Santoro ha fatto immediatamente scivolare il discorso su altri argomenti passando la palla a Feltri, ma insomma  mi pare che il tuo messaggio sia passato…

  • QUello che secondo me però manca al tuo ragionamento è il fatto che un eventuale gov. Monti NON riformerà la legge elettorale e NON va lì per questo motivo. Meglio un Governo eletto dal POPOLO, meglio un Parlamento COSTRETTO a fare la riforma e ad ammazzare questo maledetto Porcellum prima di andare a votare. Vedi, la dobbiamo fare FINITA di pensare di essere bambini dell’asilo incapaci di darsi regole serie: il successo dei referendum questo dice, e cioè che siamo GRANDI abbastanza per autodeterminarci. Monti? Oltre che dare il Paese ed i NOSTRI DIRITTI in mano alle banche, abdichiamo, ALLA SOLITA, alle nostre responsabilità in quanto cittadini. Io mi sono rotto il cazzo di questo modo di fare e pensare. Ho dignità, onestà e competenze seconde a quelle di nessun altro cittadino del mondo, quindi non ammetto che arrivi un tecnico bancario che non ho eletto (DEMOCRAZIA, anyone?) a dirmi come devo campare. Chiaro?

     

    TheResearcher80 ha scritto :
    E probabilmente non soltanto lui, segno che se si andasse subito alle elezioni e, come scontato che sia, vincerà il PD, questi personaggi grazie al porcellum resteranno sempre dove sono, quindi ecco spiegato perché fra un governo tecnico ed uno eletto, ora come ora, non cambierebbe niente. Purtroppo il discorso che Claudio ha ribadito da Santoro, ossia che si può parlare di tutto, tranne che di democrazia, non vale soltanto per il governo tecnico, che poi è la cosa più spudorata, ma anche per un altro ed eventuale generato da elezioni in cui i cittadini, comunque, non scelgono i politici che siederanno a Montecitorio e che poi si insedieranno nei dicasteri. Questo discorso lo rivolgo anche a Di Pietro, che con i referendum d’estate (prima) e con quello per l’abolizione del porcellum (poi), in un primo momento si fa paladino dei cittadini (come al solito finché gli conviene), mentre successivamente, quando finalmente cade Berlusconi e si può andare più sereni verso il prossimo traguardo dell’abolizione del porcellum, ecco che ci ripensa clamorosamente ed ora vuole le elezioni, come se in queste condizioni un governo “leggittimato dal popolo” cambiasse le cose. Sul conto di Di Pietro devo dire che quasi quasi c’era riuscito a convincermi sul conto di questa Italia dei valori “2.0” (come da lui stesso dichiarato quest’estate), ma a quanto pare il lupo perde il pelo ma non il vizio, perché con il comportamento attuale non ha fatto altro che avvalorare l’ipotesi che per lui, come per tanti altri, la poltrona continua ad esercitare sempre un fascino irresistibile, specialmente quando una nuova legge elettorale è molto più che una lontana ipotesi da definire con calma, poiché senza Berlusconi il referendum di primavera potrebbe non essere più necessario. Allora ecco che quelle storielle su cui si cerca di fare silenzio, come suo figlio alla regione e via dicendo, ritornano ad essere viste sotto un’altra luce. E il cerchio sulla filosofia “Dipietriana” si chiude se si ricorda che Scilipoti e Razzi vengono proprio dall’Idv. Ora chiedo a Claudio e a tutti voi: alla luce di queste considerazioni, quale sarebbe la differenza reale fra Di Pietro e Scilipoti? … A voi l’ardua sentenza.

    • TRovato!  Per chi vuole vederlo :

      http://www.youtube.com/watch?v=dV16iUM4Yig

       

      Sentire Quei coglioni di Travaglio e Feltri….è fastidioso…

      Ma santoro è l’altra faccia del potere purtroppo…fai bene Claudio a prenderti più visibilità che puoi ma ricordati di non mischiarti mai troppo.

      Le uniche analisi obiettive  a cui non hanno dato il minimo peso sono state le tue…

       

  • Il sionista Travaglio ieri è stato fortissimo. Lui e i due compari Santoro e Feltri… esistono argomenti tabù di cui non si può parlare in pubblico e uno di questi argomenti, probabilmente il più importante, è quello affrontato da Claudio in questo post.

  • Il sionista Travaglio ieri è stato fortissimo. Lui e i due compari Santoro e Feltri… esistono argomenti tabù di cui non si può parlare in pubblico e uno di questi argomenti, probabilmente il più importante, è quello affrontato da Claudio in questo post.

  • Il sionista Travaglio ieri è stato fortissimo. Lui e i due compari Santoro e Feltri… esistono argomenti tabù di cui non si può parlare in pubblico e uno di questi argomenti, probabilmente il più importante, è quello affrontato da Claudio in questo post.

  • Complimenti per l’intervento alla trasmissione di Santoro, hai solo dimenticato di dire che Monti fa parte (insieme a tanti altri anche insospettabili) dell’ASPEN INSTITUTE…..

    Cari saluti

  • Complimenti per l’intervento alla trasmissione di Santoro, hai solo dimenticato di dire che Monti fa parte (insieme a tanti altri anche insospettabili) dell’ASPEN INSTITUTE…..

    Cari saluti

  • Complimenti per l’intervento alla trasmissione di Santoro, hai solo dimenticato di dire che Monti fa parte (insieme a tanti altri anche insospettabili) dell’ASPEN INSTITUTE…..

    Cari saluti

  • Messora, ho smesso di leggere il blog quando, per mesi, parlavi solo del complotto dietro al terremoto dell’Aquila e a presunte tecniche preventive al gas Radon. Oggi ritorni con i complotti stile illuminati o, per dirla con Borghezio, internazional-massonici.

    La verita’ e’ che l’Italia e’ schiacciata da un debito pubblico fuori controllo e di questo dobbiamo ringraziare una ed una sola persona: Berlusconi Silvio. In anni ed anni di potere non ha mai agito, ne’ con un atto, ne’ una iniziativa, per limitare il debito pubblico, portando il paese dritto nel baratro.

    Oggi c’e’ chi vuole andare alle elezioni in questo stato gridando alla macelleria sociale o al complotto di Goldman-Sachs. Peccato che la strada delle elezioni portera’ i lavoratori italiani dritti all’olocauso sociale, altro che macelleria. La speculazione internazionale ci fara’ a pezzi e a noi non verra’ lasciata neanche la scelta di votare i nostri rappresentanti, essendo ancora in vigore la legge colpo-di-stato detta Porcellum.

    E allora? Che si faccia un governo iper-tecnico di durata limitata che ponga rimedio ai disastri della politica. Che si cambi subito la legge elettorale con un decreto di una sola riga, tornando al mattarellum. Che si inverta la crescita del debito, il vero unico alibi della precarieta’. Che si sblocchino pochi ma decisivi investimenti. Insomma, che si rimetta l?italia al centro.

    E se Berlusconi continuera’ a pretendere tornaconti personali, allora, prepariamoci all’inferno, ma almeno non siamone complici!

  • @patankar. Mi sa che non hai capito bene quello che sta succedendo e le sue conseguenze eppure Claudio mi sembra essere stato molto chiaro. A questo proposito, ti linko un articolo di Uriel Fanelli che trovo illuminante poiché, in un linguaggio davvero elementare, spiega le CONSEGUENZE del tuo auspicatissimo governo tecnico eletto da NESSUNO.

    http://www.keinpfusch.net/2011/11/e-tempo-di-andare.html#more

    Qui invece trovi un articolo di Paolo Barnard che, col suo modo di esprimersi anche duro (ma ha RAGIONE da vendere), definisce in modo appropriato i personaggi di questa amarissima vicenda, Presidente della Repubblica compreso che vorrei denunziare per alto tradimento (sembro pazzo ma non lo sono affatto).

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9314&mode=&order=0&thold=0

  • Salve Claudio,

    ieri sera ho visto la puntata di Servizio Pubblico sapendo che c’era lei.

    Da tempo vedo Santoro solo perché c’è Vauro e le sue vignette quanto meno mi rallegrano, ma volevo sentire cosa avrebbe detto lei.

    Ha notato come Feltri, Travaglio e, ovviamente, anche Santoro hanno liquidato il suo intervento?

    Lei ha pronunciato la parola Goldman Sachs associata a Mario Monti e Santoro ha immediatamente chiamato in causa i suoi due colleghi che hanno prontamente detto che il problema è un altro.

    Questi signori sguazzano nel sistema, e non hanno alcuna voglia di smascherare il vero potere. Alcuni di loro sanno, altri nemmeno immaginano, ma a loro va bene così.

    Ora la questione è se a noi sta ancora bene così, e per quanto tempo sopporteremo in silenzio. Credo che ormai a noi, al popolo non resti altro che la Rivoluzione, quella vera, preconizzaata da Mario Monicelli in una delle ultime interviste rilasciate prima di morire.

  • Mi pongo una domanda: perché parlate solo ora? Dove eravate quando Prodi omaggiava Soros, il peggior speculatore vivente, con la laurea honoris causa dopo che con la sua speculazione aveva fatto svalutare la lira ? o si prostata ai piedi dei signori delle banche mondiali a bordo del Britannia regalandogli mezza Italia? Sento spesso gridare “ora e sempre resistenza”, ma nessuno dice che a finanziarla sono stati gli stessi che oggi ci impongono il loro governo sfruttando la buona fede degli stessi di allora. Come mai nessun “intellettuale” italiano ha mai preso le difese del più grande poeta del ventesimo secolo,Ezra Pound, appeso dagli americani in una gabbia perché colpevole di aver attaccato “l’usura internazionale”, cioè gli stessi che oggi ci impongono il loro governo? Per anni in Italia sono stati demonizzati quei ragazzi che cantavano “il popolo vinca dell’oro il signor” o “contro l’oro vale il sangue a far la storia”; non sarebbe ora il caso di dire che avevano ragione?

  • Che Mario Monti sia un uomo indipendente dai partiti, ma non certo al di sopra delle parti, e che condivide ricette economiche rigoriste e di destra (sia pure spolverate di “equità”), e che sia consulente di Goldman & Sachs  non è una scoperta. Questo è uno dei motivi per cui un governo “tecnico” con Mario Monti è in realtà, come tutti i governi tecnici, un governo politico, e sostenerlo da parte della sinistra in nome della salvezza nazionale è un errore: bisogna votare ed eleggere un governo adesso. (Anche se farlo sotto l’incalzare della speculazione internazionale non è facile, ed è chiaro che Monti questa speculazione la può fermare, perché la sua persona, per i motivi già detti, è una garanzia per i mercati).

    Trovo invece fuorviante parlare, come si fa in questo video, di “Grande golpe globale” sulla base dell’esistenza dei tanti club di potenti che organizzano privatamente incontri periodici, nella più assoluta mancanza di trasparenza, e di cui si parla dagli anni ’70 (sono abbastanza vecchia per ricordarmi la mitica Trilaterale). La capacità di questi gruppi di VIP, molto eterogenei, di individuare e di perseguire una strategia comune a livello mondiale è stata ed è a mio avviso molto sopravvalutata (da tempo da noi ha ripreso questo allarme Paolo Barnard). Il libro “the crisis of democracy” non è di Sbignew Brzezinski, ma di Samuel P. Huntington, Michel J. Crozier e Joji Watanuki.  Il loro testo risale al 1975! Far credere che l’ideologia antidemocratica di questo vecchio libro sia certamente condivisa da tutti i membri attuali della Trilatererale o del gruppo Brueghel o simili, e in particolare da Mario Monti, come se fosse il loro vangelo, è un’illazione abbastanza improbabile. 

    Riprendiamoci la democrazia e stiamo con gli occhi aperti, ma non facciamoci paranoie con i “Grandi Golpe”: questo non ci aiuta a restare lucidi. Non è un mistero che nel sistema capitalistico la finanza internazionale domini la politica, Marx lo diceva nell’800. Ma non ha  – per nostra fortuna – un unico cervello, un supergoverno occulto: piuttosto è insofferente di regole e di governi, e vuole restarlo, scaricando rischi e perdite sugli Stati.

  • Chi ha venduto miliardi di obbligazioni italiane a Goldman Sachs ed altre banche, rendendo poi il paese “ricattabile”?

    Lo stato Italiano

    Quindi quale complotto? Trattasi di incompetenza decisionale e governativa.

    Poi: Berlusconi no, Monti no, Tremonti no, elezioni no….. complotti, clubs, mezzi massoni, ma…..

    LE SOLUZIONI CONCRETE QUALI SONO, LE PROPOSTE? neanche una!!!

    mi sembra la classica polemicuccia banale, il paese ha bisogno di risposte reali dopo decenni di inerzia… si candidi lei se ha delle proposte

     

  • A mio parere, un governo a guida Mario Monti non è “La” soluzione, ma l’unica soluzione già pronta, disponibile “chiavi in mano”, per tamponare l’emorragia.

    Del resto, l’alternativa è andare ad elezioni anticipate e non mi sembra una scappatoia percorribile in questo momento.

    In primi luogo per i tempi lunghi che avrebbe richiesto, utili solprattutto agli speculatori, che somigliano tanto agli stessi che ci hanno imposto Monti come premier, per mangiarci vivi.

    Ma poi, con quali attori?

    Con un PDL senza Berlusconi, a guida Alfano (…), comunque infarcito di mafiosi, piduisti, ex democristiani ed ex craxiani.

    Con un PD sempre in ostaggio della diatriba tra dalemiani e veltroniani, con Bersani nel mezzo a mediare, che partorirebbe il solito aborto istituzionale.

    E Casini, e Di Pietro, e Bossi e Maroni…

    Insomma, il solto teatrino, che non ha prodotto negli ultimi vent’anni una sola legge utile per la collettivià, una pantomima utile soltanto a lorsignori per sistemarsi e sistemare amanti, parenti acquisiti e non, ed affini fino alla terza generazione.

    Insomma, andare ad elezioni anticipate, senza un preventivo repulisti ed un reale cambio generazionale, avrebbe come unico effetto positivo il mancato raggiungimento del diritto al vitalizio per metà dei parlamentari, ma a quale costo?

  • Ti vedo “attivo”, allora invece di scrivere “si candidi lei”, SE hai le idee chiare, muovi il culo e fatti avanti.

    Ho già detto in precedenza che per me è necessario contarci, organizzarci e riunirci. L’unica via per un futuro migliore è la costruzione di un popolo informato, che possa decidere autonomamente esprimendo sul territorio persone che operino per il SUO, non per il PROPRIO, bene.

    Alessione ha scritto :
    Chi ha venduto miliardi di obbligazioni italiane a Goldman Sachs ed altre banche, rendendo poi il paese “ricattabile”? Lo stato Italiano Quindi quale complotto? Trattasi di incompetenza decisionale e governativa. Poi: Berlusconi no, Monti no, Tremonti no, elezioni no….. complotti, clubs, mezzi massoni, ma….. LE SOLUZIONI CONCRETE QUALI SONO, LE PROPOSTE? neanche una!!! mi sembra la classica polemicuccia banale, il paese ha bisogno di risposte reali dopo decenni di inerzia… si candidi lei se ha delle proposte  

  • Ma come è possibile che chi sta sulle seggiole a pigiare i bottoni (più che altro quelli virtuali del proprio iphone) sia tanto lontano dalla coscienza comune? Ieri durante Servizio Pubblico l’intervento di Claudio ha rovesciato l’opinione di chi rispondeva al sondaggio. Ma in studio nessuno se l’è cagato, compreso quello [bip] di Travaglio che ha fatto quasi finta di nulla. Manco non lo conoscesse. Per non parlare di Santoro che ridendo e scherzando gli ha dato del complottista. E oggi all’ingresso in senato il caro Monti è stato accolto da uno scroscio di applausi. Che delusione. Che tristezza.

    Ci buttano giù la casa e la stessa ditta di demolizione poi manda una nuova squadra per ricostruirla… E nessuno ci fa caso. Ma li avete letti i titoli su repubblica.it oggi? Sembra che parlino di Garibladi…

    Coraggio Claudio, non mollare!

     

  • Il laticlavio conferito a Mario Monti è una mossa maldestra, poiché rivela anche a chi non voleva vedere quanto galleggia da mesi. Quali meriti possa vantare il Monti rispetto a moltissimi altri è cosa tutta da dimostrare. Che la sua nomina arrivi nel giorno più topico della crisi finanziaria dell’Italia è un altro indicatore della strumentalità di tale conferimento.

     

    Pertanto, ci dice il Quirinale, Mario Monti sarà, a meno di colpi di scena sempre possibili in un ambiente torbido come quello romano, il prossimo presidente del consiglio. Non l’ha eletto nessuno e il laticlavio conferitogli è appunto solo un’ammuina in stile borbonico. Suo sottosegretario sarà Letta (quello vero, non il nipotino) a garanzia degli interessi di Berlusconi.

     

    Ma chi è Mario Monti? È il presidente del gruppo europeo della Commissione Trilaterale. Da chi è composta tale commissione? Da industriali e banchieri, gente d’affari. E qual è il passatempo di questi galantuomini? Consigliare. È una commissione di consigliori. Inoltre Monti è un dipendente della Banca privata americana Goldman Sachs, un consigliere speciale per le questioni internazionali. Di cosa si occupa, oltre che di speculazione, questa banca? Anzitutto di mediazioni sulla compravendita dei beni patrimoniali che gli Stati sono costretti a privatizzare.

     

    Andreste mai da un notaio per la vendita della vostra abitazione sapendo che egli è un dipendente dell’acquirente della vostra casa?

     

     http://diciottobrumaio.blogspot.com/2011/11/il-golpe-e-i-suoi-notai.html

     

    http://diciottobrumaio.blogspot.com/2011/11/ma-di-quale-democrazia-state-parlando.html

  • La manipolazione della quotazione di un titolo (qui ora parliamo dei BTP) è molto meno fantascientifica di quanto sembri. Certo, cittadini come noi, che ne posseggono per poche migliaia di euro, non possono determinare alcunché; grandi banche d’affari come Goldman Sachs però hanno la massa critica per avviare un processo che poi prosegue quasi automaticamente. Come? Per i prezzi delle azioni e delle obbligazioni più utilizzate esistono dei cosiddetti supporti e resistenze, ovvero quotazioni critiche superate le quali il titolo prosegue rapidamente nella sua discesa o salita. Per esempio, si prevede che un titolo che valga 100 abbia un supporto a 98 e una resistenza a 102, oltrepassate le quali si sposta il supporto a 95 nel primo caso e la resistenza a 105 nel secondo. Esse sono di dominio comune per i professionisti e sono praticamente profezie autoavverantisi, nel senso che gli operatori hanno l’interesse ad assecondarle immaginando che tutti gli altri facciano altrettanto. Ci sono addirittura programmi informatici che eseguono compravendite automatiche al raggiungimento delle soglie critiche. Ecco perché i movimenti voluti da un’importante istituzione finanziaria sono ottenibili abbastanza facilmente e senza interventi troppo vistosi. Si dice che anche dietro al fallimento di Lehman Brothers ci sia lo zampino di Goldman Sachs: alle volte cane mangia cane!

    Ora però nel mirino non ci sono i concorrenti, bensì stati sovrani, sempre meno sovrani. Lo scopo non è semplicemente di ingigantire i profitti, ma più ambiziosamente di comandare.

  • kkkkyy ha scritto :
    Cosa cambierebbe , tra un padrone ed un altro . meglio la rivoluzione 

     

    esatto, ma ancor prima del coraggio manca l’intelligenza di capire che anche se le 100 persone più potenti del mondo si mettono insieme, se il popolo si solleva non possono nulla. possono firmare trattati é carta straccia! immaginate un re che riempie di angherie il suo popolo, può perché il popolo è fesso, subisce e non si accorge che se domani gli altri 99 dicono: “sei uno come me” al re non rimane che il titolo, e il regime finisce uin un secondo

  • grazie per l’informazione che diffondi… mi sono appena registrato ma sono contento di aver inoltrato il link di questa tua opinione ad alcuni amici…solo così si può generare il consenso e, con calma, la rivolta

     

  • Mah! Può darsi che Tu abbia ragione. Può darsi che sia fantapolitica. Staremo a vedere. Un fatto, comuque, è certo. Pare che ci siamo tolti il Cavaliere dalle p…..

  • Comunque!

     

    Assodato che Claudio ha ragione… che si tratta di FATTI e non di complottismo… e che quando la capiranno che il complottista e’ colui che fa i complotti NON certo chi li scopre sara’ sempre troppo tardi… assodato questo, c’e’ da dire una cosa.

    Siamo costretti a prenderci Monti… e’ un ricatto!!!

    Siamo sotto ricatto… in barba alla presunta sovranita’ popolare… in barba al DIRITTO, in barba a quella cosa che chiamano liberta’… in barba alla democrazia!!!

    Siamo costretti… pero’ e’ giusto esserne consapevoli.

    Un giornalista HA IL DOVERE di informare… e di raccontare le cose come stanno.

    Ieri sera Claudio ha dimostrato CON I FATTI che Santoro e Travaglio non sono due bravi giornalisti… si spera non in malafede… MA inizio ad avere qualche dubbio!

    CLAUDIO, mantieniti in forma… c’e’ bisogno di te!!! continua cosi’, grazie!

     

    PS: va anche detto che era il piu’ classico dei segreti di pulcinella… ma se nessuno lo dice, diventa una primizia!!!!

  • Sono cose che sapevo, è ho trovato un’enorme soddisfazzione vederli detti da Claudio a SP, Grande Claudio (che bellovedere tanti complottisti uscire fuori , io lo sono da tanto)!


  • Per fortuna c’è stato Napolitano chge ha fatto fuori “Quello”e non poteva fare diversamente,perchè proprio quello ha tirato la volata ai banchieri….quello con la sua armata brancaleone,si è prestato a farsi manichinizzare dalla finanza internazionale,salvo poi essere disarcionato emandato in soffitta dagli stessi…Napolitano,invece,ha preso atto della situazione e agito di conseguenza..

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi