Il branco di iene

 
Il Tribunale di Milano ha stabilito che le arcorine, cioè le ragazze dei festini di Arcore, sono tutte parti offese. Tutte e 29, anche quelle che non ne hanno fatto richiesta: in base alla tutela della libertà della persona umana. Ora, è evidente che il reato di sfruttamento della prostituzione, se provato, è ripugnante per una società che pretende di considerarsi civile. Specialmente in questo caso, poi, coinvolgendo nel ruolo di satrapo una delle più alte cariche istituzionali, la pena dovrebbe essere esemplare. Tuttavia, considerare vittime il “manipolo di volontarie” che orbitava intorno a Villa San Martino come un nugolo di mosche intorno a una carcassa mi pare un’interpretazione un po’ stiracchiata.


 
Quando penso alle vittime dello sfruttamento della prostituzione, penso per esempio ad una giovane ragazza dell’est che fa avanti e indietro tra il marciapiede e il monolocale dove esercita, controllata dal suo magnaccia che alla fine della lunga nottata requisisce l’incasso e fa le parti. Oppure penso alle nigeriane che atterrano in Italia con il miraggio di un lavoro, indebitando la loro famiglia di origine per decine di migliaia di euro e poi si trovano senza documenti, scaraventate per strada, con l’incubo che qualcuno possa fare del male alla loro mamma lontana se non riacquistano la libertà a suon di 20 euro a botta.
Invece, pensare a tutto quel branco di iene che si avventava intorno al ragionier Spinelli per strappare una bustarella da diverse migliaia di euro – l’equivalente di diversi mesi di lavoro per un impiegato comune -, dopo avere ingaggiato battaglie all’ultimo sangue per stabilire chi avrebbe avuto il privilegio di passare la notte con il sultano, ottenendo così ingaggi più sostanziosi e magari qualche particina in tv, come a “parti offese, in base alla tutela della libertà della persona umana”, ecco: sarò arcaico, ma confesso che mi rende perplesso. Anzi, a giudicare dai commenti messi a verbale nelle chilometriche intercettazioni telefoniche, quelli dove il sultano veniva definitoculo flaccido“, “vecchio di m…” dalle stesse cortigiane che si prodigavano poi in sorridenti balletti in sua presenza, la tentazione di ripensare a chi abbia giocato il ruolo della vittima e chi del carnefice è un moto spontaneo dell’animo che non mi indigna.

35 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Povero B., ma chi è causa del suo mal pianga se stesso!

     

    Ho letto che stanno organizzando una class action che vedrà il Popolo italiano come parte offesa!

    È meglio che si decida ad espatriare, magari in Russia, acquistando un’isba fuori Mosca.

  • Secondo me il problema è prima di tutto stabilire, fra quel manipolo di donne, chi era cosa. Sicuramente lì in mezzo ci sono almeno 3 profili possibili: quello della mignotta completa, che non ha problemi a vendere il suo corpo per estorcere denaro al vecchio sessuomane-rincoglionito (la maggioranza); quello della tipa che comunque ci ha provato, forse sottovalutando i suoi limiti (la minoranza); quella che proprio non se l’aspettava (direi si conterebbero sulle dita di una mano). Quest’ultimo caso lo vorrei mettere per compassione nei confronti di eventuali tipi come la Danese, che ha raccontato di non essere stata neppure preparata al tema delle serate (ho comunque dei forti dubbi nel crederle). Fatto sta che si vede lontano 1 km che gli obiettivi della procura di Milano, come già dichiarato, siano quelli di approfittare dello stato di vulnerabilità dello psico-nano per sferrargli il colpo di grazia, prima che si ripresenti l’eventualità che lui (improbabile) o chi per lui (molto probabile) ritorni al potere dopo le prossime elezioni. Ciò che resta indubbio è lo sfruttamento della prostituzione (eventualmente minorile) compiuto da Berlusconi e dal cerchio magico Mora-Fede-Minetti, perché da che che se ne dica, le intercettazioni hanno la loro voce, per cui qualsiasi tentativo di destituirle di fondamento oppure considerarle mezzo di giustizialismo per me è un atto maldestro che si scontra contro quel briciolo di intelligenza di cui (presuppongo) siamo tutti dotati. Pertanto a me importa poco se le mignotte di Arcore sono più o meno iene dello psico-nano o se i metodi della Boccassini sono poco ortodossi/molto discutibili: quel che so è che è Mr B. che può accedere al potere e non le sue puttane (almeno direttamente) per cui mi interessa che venga fatto fuori un elemento di puro danneggiamento per il nostro paese, perché se siamo finiti nelle mani di Monti (che non piacerà per qualcosa che Claudio non ha ancora detto abbastanza !?!?!), è tutta colpa sua, dei suoi soldi e dei suoi servi. Per le mignotte, ci sarà il tempo (che già di suo sta facendo la sua parte perché, come dichiarano le stesse, non riescono più a trovare un posto in televisione e per quanto riguarda la Polanco, che se non sbaglio sta ancora a Milan Channel, ha le ore contate).

    • @rg3: Esatto, anche quella è un’altra importante azione che se avrà il successo che sembra stia riscuotendo, purtroppo solo a Milano, a B. non resterà altro che espatriare. Forse non è escluso che non l’abbia già pianificato, anche se la sua stupidità (che va di pari passo con la sua megalomania, oltre che demenza senile) non lo spinga a sfidare la sorte, finendo almeno come meritava di finire Craxi. Fa niente: significa che ci rifaremo su di lui anche per quella giustizia mancata, visto che parecchie fonti ormai confermano che è grazie a Craxi che quel cancro chiamato Silvio Berlusconi è ciò che vediamo oggi con i nostri occhi).

  • Concordo con Claudio al 100%.

    Mi sa che quel tipo che tanti anni orsono diceva con tipico dialetto toscano: “qui sc’e’ tutto da rifareeee” aveva proprio ragione…

  • La prostituzione fisica o intellettuale che sia è quasi sempre provocata dal blocco di potere che ti impedisce di crescere nella società come vorresti e come crederesti di meritare.

    Se quella è la strada unica per crescere professionalmente in molte di più saranno dispose a scendere a compromessi.

    C’è anche questo da tener conto rima di giudicare queste persone.

    E se, come si sospetta, sfrutti le debolezze di queste ragazze tramite la tua posizione dominante, per accrescere il tuo potere (vedi telefonata B.-Saccà) o per avere ritorni economici (vedi Tarantini, Fede e Mora) allora quello è sfruttamento della prostituzione e le ragazze sono vittime in quanto sfruttate.

    Ci penserà poi il processo a stabilire meglio colpe e pene.

    • Di questo c’è da esserne convinti, perché sono disposto a giocarmi le palle che “donne” come quelle, anche se potenti e ricoperte di denaro, continuerebbero ad utilizzare l’arma del loro corpo piuttosto come strumento di sottomissione/corruzione/abuso di potere, anziché come mezzo per uscire fuori da una situazione di disagio. Del resto la storia ci testimonia di donne del genere, per cui c’è poco da fare.

    • È vero che la storia ci testimonia di donne del genere ma, Dio del cielo, lo si può fare con stile.

      Vogliamo paragonare le Olgettine a Cleopatra o Mata Hari?

      Siamo figli e figlie dei nostri tempi ormai si fa così, do ut des, e nulla più.

      O tempora o mores!

    • Frena, hai lasciato per strada un dettaglio importante: che, come ho già detto, le olgettine restano comunque delle poveracce come tante altre che vendono il corpo per avere ricchezza, ma visto che la loro è proprio una questione di impostazione morale, ritengo che si comporterebbero ugualmente allo stesso modo anche se fossero già ricche e agiate, ma per ottenere altri fini. Con le mignotte di potere che ci insegna la storia, comunque non c’entrano nulla.

    • @TheResearcher80, tranquillo io la penso esattamente come te e Claudio.

      La mia era solo una provocazion-battuta.

      Giusto pochi minuti fa ho letto un articolo riguardante una monaca tibetana (quindi donna) che si è data fuoco per protestare contro l’egemonia cinese. Come potrei non pensarla come voi.

      Però ricordiamoci anche di quel padre che, intercettato, spronava la figlia ad essere più intraprendente con B.&Co.(a darla via, in poche parole). A quel padre gli farei fare la fine della povera monaca tibetana; non per essere populista ma quando è troppo è troppo.

  • Dopo aver visto questo video pensavo alle migliaia di persone che sono costrette a prostituirsi schiavizzate e torturate … costui avrebbe dovuto fare una legge per portare la prostituzione alla luce del sole si per salvaguardare quelle ragazze si per evitare lo spargimento di malattie infettive … per non parlare della legge Fini Giovannardi che non fa altro che colpire consumatori di cannabis e continua a garantire un sistema vergognoso di redistribuzione di denaro a favore di criminali e di tutti quelli che mangiano e speculano intorno a questo ambiente … !

    A questo punto ben venga la condanna per un liberale che non si e dimostrato tale facendo approvare leggi vergognose e di puri interessi politici senza guardare le vere problematiche !

     http://www.youtube.com/watch?v=ufjnfocau3a&feature=related

  • le uniche offese sono quelle ragazze che non sapevano a cosa andavano incontro e non sono piu’ tornate ad Arcore.

    le altre le vedo piu’ come prostitute di professione(anche se non registrate all’albo)

    effetivamente e’ una forzatura come tu di Claudio.

  • Io concordo col Sig. Messora.

    Tutte le ragazze sono andate con uno scopo, hanno preso i soldi dati da Berlusconi e adesso prenderanno anche di più per essere risarcite di qualcosa che hanno scelto di fare spontaneamente.

    Ci sono donne che vengono tirate per i capelli, prese per i polsi e sbattute sul letto: quelle sono donne o ragazze che non possono scegliere.

    Quelle altre, invece ballavano, si spogliavano, si strusciavano e avevano anche la scelta di non fare tutte queste cose e di poter tornare a casa.

    La legge italiana dimostra che è capace di risarcire e ritenere parte offesa certi tipi di persone e non riesce a ritenere parte offesa chi viene vessato dal datore di lavoro -tra bassa busta paga e mobbing- oppure chi subisce soprusi da un politico, e per questa ultima affermazione lo stesso Messora ne sa qualcosa.

  • Il ballo in maschera dei puritani. E’ stato un gioco da ragazzi ritorcere su una persona scomoda il sentimento fallofobico moderno. Potevano fare di meglio ma perché sforzarsi quano è così facile?

     

     

  • Non ho condiviso la campagna moralista antiberlusconiana, fin dall’inizio.

    In ogni caso non non si può dire che non abbia raggiunto lo scopo. Si voleva incastrare il Berlusca, con un reato secondario, affrontato con sufficiente superficialità dall’interessato, visto che non si riusciva sul fronte della corruzione, non certo per mancanza di volontà degli inquirenti o dei media, ma per lo stravolgimento compiuto dal premier negli ambiti giudiziario, legislativo ed istituzionale.

    In pratica Berlusconi, è stato fregato, come fu fregato Al Capone, non per gli omicidi commessi, ma  per le illegalità fiscali, che il bos aveva sottovalutato.

    Anche se il premier italiano non dovesse pagare con il carcere, il danno subìto sul piano individuale è rilevante, se è vero che l’isolamento internazionale inerente la credibilità, ha intaccato anche il suo partito, al punto da costringerlo a dimettersi.

    E la credibilità è affondata sull’onda delle battute sulle vicende a sfondo sessuale del premier italiano che in ogni angolo del pianeta, in ogni ufficio de parlamento europeo, venivano raccontate tra l’ilarità condivisa all’unanimità.

    Poco intelligente Berlusconi, a non aver valutato che Bill Clinton, ci lasciò la poltrona e qualcos’altro, per qualche pompino, reso pubblico da una segretaria davvero irriverente. 

    E’ un mondo complicato da passaggi imprevisti. Berlusconi si meritava di peggio, ma con un Monti che t’incula il paese, e son tutti d’accordo, riampiangerem il bunga bunga, oh se lo rimpiangerem, almeno ridevamo nella pausa caffè.

     

     

     

    •  “almeno ridevamo nella pausa caffè.”

      “Ridevamo?” Non tutti ridevano… Io non ho mai riso: mi sono sempre profondamente vergognata dell’immagine di un “premier” italiano così come veniva percepita a livello nazionale ed internazionale.

      Relativamente al contenuto del post, sono d’accordo su tutto con Claudio: le belle ragazze giovani hanno (hanno sempre avuto) davanti a sé una strada più facile da poter imboccare, è una questione di scelta.

      Queste di cui si parla, se vittime sono, lo sono di se stesse e/o delle loro famiglie. 

    • Il tuo buon senso non appartiene più all’istituzione che lavora su schemi anti-uomo.

      Questo geverno ha proposto l’IRPEF differenziata tra chi possiede vagina e chi possiede pene, in nome della parità.

      E gli uomini tacciono sotto il peso della colpa di una narrazione storica a loro sfavore, scritta da donne.

      Questo processo non è solo contro Berlusconi, ma è un’abile operazione di regime per associare le sue pochezze a uno specifico carattere sessuale gonatico.

      Si basa tutto sullo schema neo-morale tale per cui chi vende un corpo per soldi è vittima e chi spende soldi per un corpo è carnefice.

      Lo spacciatore è innocente e il consumatore è carnefice.

       

  • quando ho appreso la notizia mi sono detto “vinci ‘sta pigrizia e scrivi”; rincasato mi sono documentato e la spinta finale a scrivere (davvero di getto) qualcosa è stata la mail che mi ragguagliava di questo post apparso su byoblu…

    cosa dire, mi sembra un’ennesima follia di questo carrozzone italico

    un saluto a claudio ed ai lettori

       paolo

    vi allego il pezzo

    http://paoloaquino.wordpress.com/2011/11/21/le-puttane-di-arcore-sono-una-specie-protetta-e-manco-in-estinzione/

  • quando ho appreso la notizia mi sono detto “vinci ‘sta pigrizia e scrivi”; rincasato mi sono documentato e la spinta finale a scrivere (davvero di getto) qualcosa è stata la mail che mi ragguagliava di questo post apparso su byoblu…

    cosa dire, mi sembra un’ennesima follia di questo carrozzone italico

    un saluto a claudio ed ai lettori

       paolo

    vi allego il pezzo

    http://paoloaquino.wordpress.com/2011/11/21/le-puttane-di-arcore-sono-una-specie-protetta-e-manco-in-estinzione/

  • quando ho appreso la notizia mi sono detto “vinci ‘sta pigrizia e scrivi”; rincasato mi sono documentato e la spinta finale a scrivere (davvero di getto) qualcosa è stata la mail che mi ragguagliava di questo post apparso su byoblu…

    cosa dire, mi sembra un’ennesima follia di questo carrozzone italico

    un saluto a claudio ed ai lettori

       paolo

    vi allego il pezzo

    http://paoloaquino.wordpress.com/2011/11/21/le-puttane-di-arcore-sono-una-specie-protetta-e-manco-in-estinzione/

  • Calma…

    Voi confondete il piano etico morale con quello giuridico

    la “persona offesa dal reato” è una parte necessaria nel processo penale (come l’imputato e il pm)-

    Se ritiene può prendersi un avvocato e costiursi parte civile per choedere il risarcimento dei danni derivanti dal reato (lo può fare fino all’apertura del dibatimento) in ogni caso ha diritto ad avere le comunicazioni e le notifiche e può opporsi all’ordinanza di archiviazione.

    Io credo che i giudici di Milano, che non sono sprovveduti, abbiano voluto mettere le mani avanti per evitare colpi mano della difesa di Berlusconi.

    Mi ricordo che anni fa in uno dei procressi di berlusconi per falso in bilancio o false fatture (non ricordo esattamente) gli avvocati di berlusconi cercarano di fare annullare tutto mandando avanti Mediaset che si lamentava di non avere avuto le notifiche come parte offesa.

  • Credo che ciò che dici sia tecnicamente corretto. Ma ovvio che dietro c’è anche una filosofia del diritto, qualcosa che stride e colpisce; a meno di non voler porre il piano giuridico nello scientismo e nel tecnicismo, se il diritto è di tutti, allora la polemica ha solide basi morali. Morali appunto, come hai giustamente rilevato.

     

  • Ricapitoliamo. C’era un uomo con potere e soldi, il quale ha fatto sapere: la donna giovane e bella che voglia venire a divertirsi da me, in questo e quel modo precisi, non ha che da presentarsi e noi valuteremo.

    Questo accadde. Si presentarono in molte, e penso che nessuna sia stata obbligata pistola alla tempia. Sapevano cosa andavano a fare.

    Ora quelle donne sono vittime. Bene. …Ma dove sta la logica? Che non ci sarebbero mai andate se non ci fosse stato quel potere e quei soldi? …Ma che logica è!?? Mi sapreste spiegare???

    Leggendo cose come questa si capisce bene perchè il popolo italiano è mediamente stupido. E si capisce perchè si trova sempre dietro tante altre nazioni, e perchè si trova sempre nella melma. Un popolo istintivo e (ripeto) mediamente stupido, sempre pronto a giudicare col sistema limbico, quando è al massimo dello sforzo intellettivo. Penso non ci sia nessuna speranza, e credo anche che ci debba rendere finalmente conto di ciò.

  • concordo e che schifo aggiungo!!!! 

    ma che faccia quel che gli pare ma non da politico, lui e TUTTI quelli come lui, perchè non è l’unico.

  • Gente, i padroni del vapore ci stanno deliberatamente mandando al macello

    tutti quanti e la cosa parte da lontano. Sto mettendo in fila una lunga  serie di fatti anche distanti nel tempo e vanno tutti nella stessa direzione: è agghiacciante!

    E’ chiaro che hanno messo nel conto la fame per un sacco di gente e probabilmente anche l’eliminazione in un modo o nell’altro di tanti altri disgraziati.

     Possibile che nessuno si organizzi per mandare all’aria i loro sudicissimi progetti?

    Diamoci una mossa! Cominciamo almeno a mettergli i bastoni fra le ruote!

    Nel Maquis chi non poteva imbracciare un fucile almeno andava la notte a buttare i chiodi sulle strade percorse dalla wehrmacht o tagliava le linee dei loro centralini telefonici.  

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi