Lezioni di democrazia dalla Spagna

 
 « In quanto politico io non ho condiviso l’idea di una grande gioia per avere un governo che non è un prodotto della volontà diretta popolare, che ha la fiducia del Parlamento ma che non è una espressione politica » [José María Aznar subito dopo avere vinto, con il PP, le elezioni regolarmente indette in Spagna nonostante l’emergenza dettata dalla crisi]

37 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Anche se ha mentito al suo popolo, Aznar ha ragione!

    Gli spagnoli hanno sì prodotto un dittatore come Franco ma dopo una cruenta guerra civile.

    Noi italiani, tranne Matteotti e pochi altri, abbiamo accettato supinamente Mussolini ed oggi non siamo cambiati molto.

    Siamo fatti così…da secoli calpesti e derisi.

    Continuare ad informare, come fai tu Claudio, è imperativo ma ogni tanto vengo assalito dallo sconforto perchè penso che sia come lanciare perle ai porci.

    Speriamo che resistano gli Indignados e gli Occupy, almeno loro nell’universo.

  • Non si fa che parlare di “governo democraticamente eletto”, “governo del popolo”, “volontà popolare”, ma qualcuno mi sa dire qual’è l’ultimo governo che ha realmente portato avanti la volontà popolare?

    Prodi eletto da noi ci ha portato in quest’inferno per volontà non nostra.

    Berlusconi… lasciamo perdere.

    Prima ancora, socialisti, democristiani e compagnia cantante ancora peggio.

    La verità è che la democrazia, specialmente in Italia, non è mai esistita! A meno che per democrazia non intendiate il diritto di mettere una X in un pezzo di carta.

    Che cosa sarebbe successo di diverso andando a votare?

    avrebbe vinto Bersani, o Alfano, o chi per loro, ma avrebbero fatto le stesse cose che farà adesso Monti, ossia gli interessi dei grandi gruppi finanziari.

    Non so se con Monti ci aspetti davvero un’era di buio, è probabile di si, ma sicuramente sarà un buon momento perché la gente cominci a svegliarsi, a prendere coscienza della situazione in cui siamo e ad attivarsi veramente per un cambiamento. E non dico di andare per forza in piazza a strillare, parlo di cambiamento nel piccolo, nella propria coscienza, migliorare come persone, abbandonare i vantaggi clientelari e magari votare qualcuno che faccia veramente gli interessi del paese e non solo del proprio clan. Perché gli italiani, si sa, capiscono il valore del rispetto verso il prossimo e verso la collettività solo quando vengono toccati seriamente in prima persona. E allora ben venga il periodo di lacrime e sangue in questo paese.

    • Quoto.

      Infatti basti pensare che l’italiano quando vede morire i figli degli altri sta zitto e pensa “l’importante è che mio figlio stia bene” poi quando è il proprio figlio in pericolo allora si lamenta perché nessuno gli dà una mano a salvarlo.

    • Ragazzi, per quanto mi riguarda avete proprio centrato il problema. in effetti la nostra democrazia è urlata, fatta di continui assestamenti e prese di posizioni volte ad avere più potere o toglierne ad altri … correnti, e correntine tolgono il vero potere al popolo elettore che infatti vede operare i politici non su mandato ma in piena libertà.

      In una situazione come questa è impossibile fare riforme strutturali. Monti è chiamato a farle, e forse riuscirà, proprio perchè non eletto e non legato ai giochetti di palazzo.

      Tra l’altro io credo che il governo Monti sia stato voluto dagli “operatori” i palazzo per dare loro il tempo di tramare l’assetto per l’attesa tornata elettorale, cosa che non si è ancora riusciti a fare visti i forti movimenti al centro che nessuno ha ancora capito quale peso avranno.

      Forse conviene navigare a vista e portarsi a casa una fettina di utilità per il nostro Paese, quando si riesce. Noi popolo del web dovremmo fare sempre di più. A questo poposito vi segnalo un sito interessante, mi sembra si chiamoi petizioni.it, dove ognuno può proporre la sua petizione e se raggiunge il quorum viene presentata all’indirizzatario. Finalmente la democrazia può diventare reale.

      Vi auguro una buona giornata, GaldaSan

  • Lezioni di democrazia dalla Spagna, da molto prima. E’ questo che non si vuol capire. Se c’è una serietà politica a monte e ci sono difficoltà politiche ed economiche da affrontare, giustamente il paese avrà risposte opportune dal ricambio politico. Ma l’Italia non è la Spagna. L’anomalia italiana rispetto alla Spagna è che Zapatero, quando ha capito di essere un problema per il rilancio del Paese, si è messo in discussione e si è fatto da parte, mentre Berlusconi è sembrato un infante attaccato al seggiolone. E non parliamo di un governo che in 10 giorni ha rifatto 4 volte la manovra economica, neanche fossimo alla scuola materna. Incapaci di redigere un documento.

    E l’opposizione? Annebbiata esclusivamente dall’antiberlusconismo, non ha mai cavato un ragno dal buco, con proposte concrete.

    Lascio immaginare una campagna elettorale, al nastro di partenza con il dibattito che serpeggiava prima delle dimissioni di Berlusconi. E con i problemi economici sul tappeto. Sarebbe stato un disastro.

    Se democrazia significa dare fiducia all’idiozia, preferivo un governo tecnico.

    Ed ho spinto per questo.

    Senz’altro se avessi immaginato, consenso unanime su Monti, non l’avrei fatto, perchè è un pari disastro, come  i politici, inconcludenti, inutili e dannosi  che abbiamo evitato dall’incubo elezioni.

    Questo è un disastro chirurgico che caverà i coglioni agli italiani.

    Ma tutti lo vogliono. Anche la gente. Beh sì infinfita fin che si vuole, ma è rassicurata. Perciò c’è anche una parvenza di consenso democratico.

    Come se dessimo credito alla non volontà di rapinarci, espressa da un rapinatore, con il quale usciamo volentieri a cena, ed egli pure è soddisfatto di intrattenerci, mentre i complici ci svuotano la casa.

    Diciamo la verità, che in fondo, in fondo, siam un popol di coglioni ed abbiam quel che democraticamente spetta, in percentuale alla maggioranza: 2 guerre mondiali Mussolini, Berlusconi, ed ora Monti.

    Chissà che a furia di cadere, si cominci a vedere la luce. 

    Bah, siate longevi.

     

     

     

  • E’ così logico il pensiero di Aznar da sembrare banale. Eppure i primi a non capirlo sono quelli che la notte leggono Kant ed affini. 

  • Non si fa che parlare di “governo democraticamente eletto”, “governo del popolo”, “volontà popolare”, ma qualcuno mi sa dire qual’è l’ultimo governo che ha realmente portato avanti la volontà popolare?

    Prodi eletto da noi ci ha portato in quest’inferno per volontà non nostra.

    Berlusconi… lasciamo perdere.

    Prima ancora, socialisti, democristiani e compagnia cantante ancora peggio.

    La verità è che la democrazia, specialmente in Italia, non è mai esistita! A meno che per democrazia non intendiate il diritto di mettere una X in un pezzo di carta.

    Che cosa sarebbe successo di diverso andando a votare?

    avrebbe vinto Bersani, o Alfano, o chi per loro, ma avrebbero fatto le stesse cose che farà adesso Monti, ossia gli interessi dei grandi gruppi finanziari.

    Non so se con Monti ci aspetti davvero un’era di buio, è probabile di si, ma sicuramente sarà un buon momento perché la gente cominci a svegliarsi, a prendere coscienza della situazione in cui siamo e ad attivarsi veramente per un cambiamento. E non parlo solo di scendere in piazza a protestare, ma anche di cambiamento nel piccolo, nella propria coscienza, migliorare come persone, abbandonare i vantaggi clientelari e magari votare qualcuno che faccia veramente gli interessi del paese e non solo del proprio “clan”. Perché gli italiani, si sa, capiscono il valore del rispetto verso il prossimo e verso la collettività solo quando vengono toccati seriamente in prima persona. E allora ben venga il periodo di lacrime e sangue in questo paese.

  • @CLAUDIO

    Guarda un po’ che cosa ho trovato:

    http://files.abovetopsecret.com/files/img/fh4eca65e4.png

    Questo diagramma di Venn (ah, la cara vecchia scuola), mette a nudo una realtà semplicemente mostruosa. GS di fatto governa gli USA. Complottismo? No, semplice REALTA’. E adesso voglio vedere in faccia quelli che dicono il contrario. Potresti stampare il file suonarglielo in fronte la prossima volta che li incontri.

  • Il Governo Monti  è la cosa migliore che ci poteva capitare considerata la situazione disastrosa in cui i nostri politici “eletti” ci hanno fatto sprofondare. In questo blog ci si lamenta spesso che il governo Monti non è espressione diretta della volontà popolare ma invece espressione dei poteri forti, nello specifico delle grandi banche vedasi GoldmanSachs. Queste idee complottiste a mio avviso sono il frutto di menti malate (nel migliore dei casi) o di persone in malafede. Monti è una delle poche figure tecniche che insieme ai suoi ministri (forse per la prima volta competenti nel loro settore specifico) può tirarci fuori dal guado in cui siamo sprofondati anche grazie ai nostri politici “espressione” del popolo. Faccio notare che secondo gli ultimi sondaggi l’80% degli italiani gradisce questo governo:in considerazione di ciò a cosa servirebbero “ora” le tanto invocate elezioni? Forse a spendere 200 o 300 milioni di euro per dare un’altra chance ai vari Berlusconi, Bossi, La Russa & C.?

    Non vi è bastato?

    Ci hanno commissariato? La democrazia è sospesa? …..Ma meno male!!!! visto quanto siamo incompetenti e corrotti.

    C’è ancora qualcuno in Italia che sente la loro mancanza? o quella delle competenze specifiche delle varie soubrette-ministro quali Carfagna, Gelmini-neutrini, Brambilla, etc.? Qualcuno pensa veramente che un governo espressione diretta del popolo “ora” potrebbe fare qualcosa di diverso o migliore rispetto a ciò che Monti si sta accingendo a fare?

    Qualche tempo fa lessi su questo blog un post in cui veniva sostanzialmente espresso il seguente concetto:….anche se cade Berlusconi non cambierà nulla perchè la politica italiana è un sistema talmente corrotto che non c’è spazio per null’altro. Se qualcuno ha la pazienza di cercare questo post può rileggerselo. Ora invece si invocano le elezioni dalle quali far scaturire un governo “espressione” del popolo…..e per cosa? dico io….per perpetuare questo sistema corrotto? ma dov’è la coerenza di queste nuove icone televisive che si vendono per una comparsata in più sui canali televisivi nazionali? Meditate gente….meditate.

    • A parte il fatto che sei veramente off-topic, comunque è davvero facile dare a qualcuno del complottista commentando questo post quando invece avevi l’occasione (e in realtà ce l’hai tuttora) di controbattere nel merito ogni dubbio che è stato posto da Claudio Messora negli ultimi post pubblicati su questo blog; ma forse hai preferito evitare di farlo proprio perché quei dubbi shanno delle basi reali dato che sono supportati da informazioni vere e non da opinioni personali come quelle che porti tu nel tuo commento.

      Tu scrivi, citando credo il blog “anche se cade Berlusconi non cambierà nulla perchè la politica italiana è un sistema talmente corrotto che non c’è spazio per null’altro” ma non è quello che è successo, ovvero Berlusconi non è caduto ma si è dovuto fare da parte per imposizione di un presidente della repubblica che nessuno di noi ha eletto in quanto il parlamento si è praticamente autonominato grazie a questa legge elettorale; oltretutto è stato scelto Monti che non faceva parte neanche del parlamento però aveva il favore dell’unione europea (guarda un pò).

      Ora non mi va di ripetere quanto ha gia scritto e approfondito claudio in questo blog, ma sei tu che devi chiederti come mai monti avrebbe l’80% della fiducia degli italiani. Ha anche il record di fiducia del parlamento, record che spettava al governo precedente ed è stato veramente positivo, no!?

  • C’è un solo piccolo problema a ragionare così: in Italia un governo eletto dagli elettori non è costituzionale.

    Possiamo discutere se ciò sia giusto o meno, ma tant’è… e non è neanche un problema da prendere sottogamba, visto che snatura le istituzioni italiane per così come sono pensate e strutturate.

    Poi anche questa cosa che la politica debba per forza di cosa essere fatta da politici di professione non sta in cielo ne in terra. La politica la fa chi fa scelte politiche, quindi relative alla gestione dello stato… poi siamo tutti d’accordo che la politica dovrebbe essere guidata da considerazioni sociali più complesse del mero conteggio economico. Ma sinceramente non credo che eleggendo direttamente il governo le cose andrebbero in questo senso, o almeno non andrebbero diversamente da come sono andate in questi ultimi anni: dare il potere al primo populista che si affaccia sulla scena e con le TV cariche ale spalle.

    Sinceramente la Spagna ci sta dando lezione di democrazia da tempo, scegliendo politici più capaci e presentabili… ma se permetti questo non dipende dagli strumenti istituzionali che hanno a disposizione, ma da una certa maggior libertà dei media, capace di formare un’opinione pubblica più consapevole della nostra.

    Insomma se uno è incapace alla guida non serve che lo metti alla guida di un mercedes per migliorare le cose… prima c’è bisogno di insegnargli a guidare o lo metteresti in grado solo di fare più danni.

    E questo scorcio di presidenzialismo mascherato delle liste con premier incorporato ce lo hanno dimostrato.

  • gigi53 ha scritto :
    Il Governo Monti  è la cosa migliore che ci poteva capitare considerata la situazione disastrosa in cui i nostri politici “eletti” ci hanno fatto sprofondare. In questo blog ci si lamenta spesso che il governo Monti non è espressione diretta della volontà popolare ma invece espressione dei poteri forti, nello specifico delle grandi banche vedasi GoldmanSachs. Queste idee complottiste a mio avviso sono il frutto di menti malate (nel migliore dei casi) o di persone in malafede. Monti è una delle poche figure tecniche che insieme ai suoi ministri (forse per la prima volta competenti nel loro settore specifico) può tirarci fuori dal guado in cui siamo sprofondati anche grazie ai nostri politici “espressione” del popolo. Faccio notare che secondo gli ultimi sondaggi l’80% degli italiani gradisce questo governo:in considerazione di ciò a cosa servirebbero “ora” le tanto invocate elezioni? Forse a spendere 200 o 300 milioni di euro per dare un’altra chance ai vari Berlusconi, Bossi, La Russa & C.? Non vi è bastato? Ci hanno commissariato? La democrazia è sospesa? …..Ma meno male!!!! visto quanto siamo incompetenti e corrotti. C’è ancora qualcuno in Italia che sente la loro mancanza? o quella delle competenze specifiche delle varie soubrette-ministro quali Carfagna, Gelmini-neutrini, Brambilla, etc.? Qualcuno pensa veramente che un governo espressione diretta del popolo “ora” potrebbe fare qualcosa di diverso o migliore rispetto a ciò che Monti si sta accingendo a fare? Qualche tempo fa lessi su questo blog un post in cui veniva sostanzialmente espresso il seguente concetto:….anche se cade Berlusconi non cambierà nulla perchè la politica italiana è un sistema talmente corrotto che non c’è spazio per null’altro. Se qualcuno ha la pazienza di cercare questo post può rileggerselo. Ora invece si invocano le elezioni dalle quali far scaturire un governo “espressione” del popolo…..e per cosa? dico io….per perpetuare questo sistema corrotto? ma dov’è la coerenza di queste nuove icone televisive che si vendono per una comparsata in più sui canali televisivi nazionali? Meditate gente….meditate.
    Francesco_F ha scritto :
    A parte il fatto che sei veramente off-topic, comunque è davvero facile dare a qualcuno del complottista commentando questo post quando invece avevi l’occasione (e in realtà ce l’hai tuttora) di controbattere nel merito ogni dubbio che è stato posto da Claudio Messora negli ultimi post pubblicati su questo blog; ma forse hai preferito evitare di farlo proprio perché quei dubbi shanno delle basi reali dato che sono supportati da informazioni vere e non da opinioni personali come quelle che porti tu nel tuo commento. Tu scrivi, citando credo il blog “anche se cade Berlusconi non cambierà nulla perchè la politica italiana è un sistema talmente corrotto che non c’è spazio per null’altro” ma non è quello che è successo, ovvero Berlusconi non è caduto ma si è dovuto fare da parte per imposizione di un presidente della repubblica che nessuno di noi ha eletto in quanto il parlamento si è praticamente autonominato grazie a questa legge elettorale; oltretutto è stato scelto Monti che non faceva parte neanche del parlamento però aveva il favore dell’unione europea (guarda un pò). Ora non mi va di ripetere quanto ha gia scritto e approfondito claudio in questo blog, ma sei tu che devi chiederti come mai monti avrebbe l’80% della fiducia degli italiani. Ha anche il record di fiducia del parlamento, record che spettava al governo precedente ed è stato veramente positivo, no!?

    …..i complottisti di questo blog (tutti di destra) non sanno fare altro che attaccarsi alla forma tralasciando volutamente la sostanza di quello che è successo in questi ultimi tempi in Italia. Ho posto dei quesiti nel mio commento ma nessuno si è preso la briga di rispondere e questo volutamente. Se volete posso ripetervi i quesiti che ho posto digitandoli con caratteri cubitali per facilitarvi la comprensione. L’incoerenza tra i vari post di questo blog è evidente anche ad un bambino. Solo chi non “vuole” non riesce a coglierla.

    La realtà è questa: la politica italiana è composta da malfattori e corrotti. Il commissariamento è stato un bene….meno male che è avvenuto perchè solo così l’Italia ha la possibilità di uscire da questa situazione. Ripeto la domanda: c’è qualcuno in questo blog che ha fiducia nel fatto che un politico “eletto” in un sistema corrotto come quello italiano possa fare meglio di Monti? Fatevi avanti e motivate con argomentazioni serie e non solo con soliti disperati tentativi di attaccarsi alle procedure “democratiche” e “parlamentari” che sottendono alla formazione di un governo espressione della volontà popolare!!!

     

  •  Gigi53 ha scritto: “…i complottisti di questo blog (tutti di destra)”.

    Credo che bastino queste poche parole per definire la tua pochezza…

    Sono stati spesi fiumi di parole da Claudio (e non solo da lui) per esprimere quanto il termine “complottista” sia improprio.

    Ed è inutile sprecare parole per esprimere quanto sia stupido generalizzare “tutti di qui” o “tutti di là”.

    E infatti non ne spreco.

  • Esatto, Sofia. 🙂

    sofiaastori ha scritto :
    Mi aiuti a capire? Sono i nomi al centro (in comune, quindi) che determinano la dipendenza? Grazie.

    1. La democrazia non è corrotta, corrotti sono gli uomini che sfruttano le libertà e la rappresentatività che offre, per fini personali, per corrompere o per essere corrotti.
    2. La Domanda era: “C’è qualcuno che possa essere “eletto” e fare meglio di Monti in un sistema corrotto come quello italiano? Fatevi vanti e motivate con argomentazioni serie…”
    3. La Risposta è semplice: “E chi ne è consapevole e desidera il cambiamento, noi, voi, tanto per intenderci, saremo mica identici ai corrotti, almeno spero.
    4. Chi è “onestamente” convinto e coinvolto per il cambiamento, può essere eletto e fare meglio di tutti, compresi Berlusconi, Monti e tutti i magna magna che si sono avvicendati al governo ed in Parlamento.
    5. Noi.
  • purtroppo, non la vedo tanto allegra neppure per la Spagna.

    traditi da un governo di sinistra che ha fatto cose di destra, gli elettori si sono consegnati a un governo di destra che farà di peggio. loro sono più avanti di noi, ma non saprei dire di quanto, perché neppure là la democrazia sembra partecipata a sufficienza.

  • Claudio, in Spagna hanno dei politici in gran parte onesti e decenti e un sistema bipolare che funziona. Da noi non poteva che finire in questo modo… e non è storia nuova. Per secoli le città, i ducati e gli staterelli italiani, spesso ricchissimi e avanzatissimi, spendevano il meglio delle loro risorse a guerreggiarsi l’un l’altro finché non veniva un imperatore o un re straniero a prenderseli tutti… E anche oggi è cosi’. Nuove elezioni non avrebbero portato necessariamente stabilità, lo sappiamo benissimo. E dunque, visto che siamo dei poveri stronzi, qualcuno ci ha pensato per noi. E ne pagheremo le conseguenze.

  • Robespierre ha scritto :
    Il governo Monti è il “meglio” che potessimo avere, ok sig. Gigi 53? Mi dica ora però chi nel 2013 (al massimo) eleggerà o nominerà il nuovo governo! Se cittadini eleggono solo corrotti, facciamo fare le votazioni ai tedeschi, ai francesi? Basta il parere di Napolitano, della Merkel, della BCE, della Goldman Sachs, …. Dobbiamo sperare in un’ invasione franco-tedesca o in un colpo di stato ad opera di un manipolo di generali? Oppure basta il Suo parere? Mi dica come dobbiamo fare o cosa dobbiamo sperare per avere un governo (visto che per Lei la democrazia è meno che un optional). Sul fatto poi che contro o critico a questo governo è solo chi è di destra denota due cose: un pregiudizio politico (tipico e non sto a spiegarlo, si capisce ugualmente) ed una ignoranza palese. A me sembra che proprio da sinistra (vedi ad es. Il Manifesto e Liberazione) arrivino i dubbi e le critiche maggiori. Non parliamo poi della stampa estera; ne abbiamo parlato fin troppo fino una settimana fa, ora basta, lasciamo perdere giornali tipo Le Monde, il WSJ,… questi sono di destra (come B. diceva comunisti quelli che lo criticavano)! A me sembra e sottolineo A ME, che succeda il contrario; tutti quelli che prima gridavano al regime, tutti quelli che avevano come unico disegno politico la morte politica (e fisica) di B. abbiano esaurito gli argomenti. Tutti quelli che passano le notti a leggere Kant non hanno nient’ altro da dire se non grazie Napolitano, evviva Monti ed il suo governo. Chi invece passa le notti in catena, in corsia, per le strade a svolgere servizio di sicurezza …….. sono meno convinti!

    Sig. Robesbierre….le rispondo subito. Tutti più o meno partiamo dall’assioma che la democrazia sia la forma di organizzazione del popolo più pura, il massimo a cui un popolo possa aspirare. Questo succedeva anche durante il ventennio fascista: se qualcuno di noi fosse vissuto in quel periodo avrebbe toccato con mano il fatto che la stragrande maggioranza degli individui erano convinti che il fascismo fosse il massimo a cui si potesse aspirare; stessa cosa per il nazismo in germania; poi con l’avvicendarsi degli eventi politici hanno tutti cambiato idea: stessa cosa succederà per i sistemi democratici. Credete veramente che la “democrazia”, parola con la quale tutti ora si riempiono la bocca, sia la forma di  organizzazione popolare più idonea? La democrazia che abbiamo nell’occidente è solo una forma di tirannide più sofisficata…ti fanno credere di essere libero  ma in realtà sei nella situazione peggiore che tu possa immaginare. La democrazia è una buffonata. Come il comunismo ha fallito nei paesi dell’est….così la “democrazia” fallirà nei paesi dell’occidente.

    Mettete in discussione tutto fin dalla radice, non partite da assiomi precostituiti.

    Tornando all’attualità, cosa dobbiamo fare alla fine del governo Monti? A mio modo di vedere dovremmo prorogarlo fino a quando non si sia bonificato il panorama politico italiano: nuova legge elettorale e divieto per i partiti di candidare personaggi in odore di malaffare che siano coinvolti in situazioni giudiziarie. Come possiamo pensare di tornare a votare personaggi che già hanno dimostrato ampiamente chi sono in realtà. Come possiamo pensare di tornare a votare personaggi che sono contrari alla patrimoniale? Vi siete domandati perchè un politico debba essere contrario ad una patrimoniale? il principio è semplice: chi ha di più paghi di più….è un concetto elementare che anche un bambino capirebbe. E’ un concetto giusto in assoluto. Perchè ci sono politici in parlamento contrari a questo concetto di equità. Chi mi risponde? Se devo trovarmi nella cabina elettorale una scheda in cui ci sono nomi di candidati che la pensano così è meglio non andare a votare e continuare con un governo non espressione del popolo che però nella sostanza fa le cose giuste. E’ meglio continuare ad essere commissariati e che gente più competente di noi (anche stranieri) decida per noi. SignificA CHE SIAMO INCOMPETENTI, CHE NON SIAMO CAPACI E CHE ABBIAMO BISOGNO DI INTERVENTI ESTERNI PER FARE LE COSE PIù SEMPLICI ED OVVIE.

  • Peccato che Aznar abbia sorvolato sul fatto che un certo governo – oggi sostituito – piu’ che sulla volonta’ popolare si reggesse, da tempo, sulla corruzione e sull’acquisto di parlamentari.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi