Il Professore distratto

 articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Mario Monti ha presentato, nei giorni scorsi, la nuova manovra finanziaria, tronfiamente ribattezzata “Salva-Italia“. Aumento delle accise sulla benzina e dell’IVA, reintroduzione dell’ICI, innalzamento dell’età pensionabile, finanziamento delle grandi opere faraoniche come la Tav. Nessun taglio invece alle missioni militari, all’8 per mille alla Chiesa Cattolica né al numero dei parlamentari. Niente aste per l’assegnazione delle reti televisive (che continueranno ad essere regalate a Rai e Mediaset), né misure efficaci contro l’evasione fiscale. La manovra stabilisce, inoltre, una seconda minimale tassazione sui fondi rientrati con lo Scudo Fiscale (1,5%) e garantisce nuovamente l’esenzione dall’IVA per gli edifici religiosi a scopo di lucro.
L’opposizione finge di opporsi ma poi sottobanco chiede essa stessa che venga posta la fiducia. I sindacati si sono dichiarati contrari, salvo dividersi sulle modalità di protesta: 4 ore di sciopero indette dalla CGIL e 2 da CISL e UIL. Dopo la riedizione speciale di Carramba che sorpesa! andata in onda domenica scorsa, Monti ieri sera è andato da Vespa (ma “non per fargli un piacere”), il quale ha rispolverato per l’occasione il suo inconfondibile stile, così riassumibile: “Si faccia domande, si dia risposte, si dia un voto. Bravissimo Presidente!“. I giornali, gli opinionisti e i sedicenti intellettuali italiani si sono lanciati in lunghe articolesse, anch’esse facilmente accumunabili nella logica seguente: “La manovra è dura, chiede enormi sacrifici. Ma la situazione è tragica, i tempi ristretti e il Paese sull’orlo del baratro. Dunque lunga vita a Monti!“.
Però, in fondo, la finanziaria di Monti è un bene. Almeno ha gettato la maschera e ha mostrato da che parte sta. E non è certamente dalla parte della classe media, dei lavoratori e dei cittadini onesti. Se infatti avesse davvero voluto fare dell’equità il punto centrale della manovra, i soldi, anziché chiederli a chi percepisce una pensione di poco superiore ai mille euro, li avrebbe chiesti a chi le tasse non le ha mai pagate, o a chi ha sempre goduto di benefici enormi e insopportabili.
I grandi evasori, ad esempio, quelli che per anni hanno tenuto i propri soldi all’estero, nei paradisi fiscali, e hanno potuto riportarli in Italia grazie allo Scudo Fiscale a fronte di un misero 5% di tassazione e con la garanzia dell’anonimato, si vedranno aumentare il prelievo solo del 1,5%. Si dice che rivalersi su questi capitali sarebbe una violazione del patto con lo Stato. Invece violare il patto sulle pensioni va bene? Se Monti avesse davvero voluto distribuire i sacrifici avrebbe tenuto conto che negli USA, o nel Regno Unito, lo Stato obbliga di tanto in tanto i ricconi a riportare in patria i propri fondi esteri, e su quelli si prende dal 40% al 50%. Dunque perché non adeguarsi agli standard di altri Paesi?
Oppure, sempre se avesse voluto applicare davvero la famosa equità, avrebbe preteso anche dal Vaticano qualche soldino, dal momento che ogni anno, tra ICI, Irap, Ires e altre imposte mancate, alcuni ritengono che il mancato gettito pontificio assommi anche a 6 miliardi di euro. Del resto, proprio il cardinal Bertone ha affermato cheI sacrifici fanno parte della vita“. Evidentemente in certi casi l’eutanasia è più attraente.
Poi ci sono i finanziamenti al TAV. Quarantasette miliardi di euro, secondo il Financial Times, che l’Italia dovrebbe gettare in un progetto che prevede di sventrare le Alpi per costruire una ferrovia che trasporti merci tra Torino e Lione. Anche se quella linea esista già ed è sfruttata soltanto per un sesto delle sue potenzialità. E ben dovrebbe saperlo Mario Monti, lui che è professore, visto che è stata proprio una commissione composta da 130 docenti universitari a mandare una lettera a Napolitano per denunciare l’inutilità dell’opera.
E vogliamo parlare poi dell’assegnazione delle frequenze televisive? Lo Stato oggi regala alle emittenti una cifra stimata in 16 miliardi di euro, cioè più della metà dell’attuale finanziaria. Semplicemente si rifiuta di incassare. Questo, oltre che ad essere equo, sarebbe stato anche un provvedimento che avrebbe messo a tacere le malelingue, che vedono nella nomina di Corrado Passera al ministero dello Sviluppo, delle Infrastrutture e delle Telecomunicazioni una garanzia data da Monti a Berlusconi sull’intenzione di salvaguardare interessi e privilegi del Biscione.
Senza voler poi nominare la spesa militare che per il 2010 è stata di 23 miliardi ma che nel 2011 è destinata ad aumentare, in considerazione della guerra in Libia e di quei 18 miliardi che stiamo spendendo per l’acquisto di nuovi caccia-bombardieri. E senza considerare i 43 miliardi di sprechi nell’amministrazione pubblica derivanti dal mancato sviluppo della banda larga, tutti aspetti considerati in questo post di Claudio Messora. Per non parlare poi dei 98 miliardi di euro che i gestori concessionari del gioco d’azzardo devono allo Stato almeno dal 2007.
Quante finanziarie ci uscivano, professore, quante? Ma forse era più facile, o più strategico, mandare le guardie del Re a prelevare ulteriori raccolti dai granai, depauperando le messi già provate dalla carestia e dall’applicazione di decime su decime. Che si parli dell’antica Roma, dell’alto Medioevo o della grande era della globalizzazione non c’è niente da fare: a pagare è sempre il popolino. Una volta, almeno, non la chiamavano democrazia. Era già qualcosa…

per Byoblu.com: Valerio Valentini

 

51 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Caro Sig. Tirelli. Pur non essendo io un baciapile tutto casa e chiesa, prima di scrivere una qualsiasi cosa che potesse essere facilmente contestabile su un argomento delicato come la spiritualità, tendo a documentarmi. Sebbene io concordi con Lei che la Chiesa è afflitta da problemi non indifferenti di secolarizzazione, materialismo ed infiltrazioni malefiche, ciò non ci autorizza a stravolgere il senso del Cristianesimo e dei Sacramenti.

      La confessione è un Sacramento dettato da Gesù, cosa verificabile piuttosto semplicemente. L’assoluzione successiva alla confessione è un nostro diritto e ci riconduce nella Grazia e, effetto “secondario” non insignificante, ci costringe all’ammettere una colpa, rendendoci più consapevoli della gravità con il proponimento di non ripetere l’errore. Personalmente, tentando di fare una vita la più corretta possibile, dopo la confessione mi sento decisamente meglio.

      Cordiali saluti.

  • Sono stufo di sentirmi inerme ed impotente di fronte a tutto ciò!

    Nessuno ha mai detto che il destino degli uomini è quello di essere felici, di conoscere gioie, successi e di godersi la vita. L’uomo fin dalla notte dei tempi è vissuto nelle tribolazioni. La felicità, il benessere e la prosperità sono cose che nessuno ci ha promesso (all’infuori di noi stessi), il destino dell’Uomo è forse quello di soffrire, è scritto anche nella bibbia.

    E allora se si deve soffrire che si soffra, ma una cosa proprio non sono più disposto a sopportare: che mi si prenda per il culo!

     

  • Hai capito…. Quei 98 miliardi evasi non li prendono eh… però almeno sarebbe bastato riprendersi il monopolio del gioco d’azzardo che son 80 miliardi annui in forte crescita (causa disperazione esponenziale degli italiani).

    Una semplice revoca delle licenze ai concessionari per renderlo un monopolio di stato.

    Con quello solo ci facevan 3 manovre come questa.

    Invece si prendono il nostro sangue.

    http://www.associazionedifesaconsumatori.it/comunicati-stampa/informazione/i-dieci-padroni-del-gioco-dazzardo-la-terza-industria-dopo-eni-e-fiat/

  • claudio le armi allo stato servono! servono per reprimere la gente che scenderà in piazza a manifestare (spero).

     

    cluadio scusami se ti dò un suggerimento magari ne hai gia parlato.. ma il debito dell’italia è ligittimo? qualcuno se ne sta occupando? hai mai parlato sul tuo blog del debito odioso? magari sono un po in ritardo sull’argomento dato che solo oggi ho visto debitocrazia… 

     

    attendo speranzoso tue risposte.. grazie per quello che fai..

     

    Antonio Cassano

    • Ho appena visto il documentario Debitocracy, lo dovrò rivedere perchè ci sono dei punti che voglio analizzare con più attenzione. Comunque la cosa che mi ha colpito maggiormente è la nozione del “DEBITO DETESTABILE”. Chissa come è messo il debito italiano, sarà abbastanza DETESTABILE? Mha.

      Da noi però una commisione come quella ecuadoregna per indagare sui responsabili e sulle cause del debito non potrà mai costituirsi perchè c’è troppa corruzione e troppo poco amor di patria.

      Da noi ci vorrebbe qualcosa di più drastico. 

  • Ora stanno davvero esagerando..inoltre stanno facendo il lavaggio del cervello alla gente convincendo il popolame che è tutto necessario e non si può fare a meno di farsi fottere il culo..ora mi sto incazzando sul serio!

  • hanno la risposta pronta all’uso , qualsiasi  cosa non vada di questa  manovra la scusa  è non abbiamo fatto in tempo…

    ..ma  l’ici alla  chiesa?

    non abbiamo fatto in tempo…

    …ma il sostegno ai giovani?

    non abbiamo fatto in tempo…

    …ma la concorrenza dei fornitori?

    non abbiamo fatto in tempo…

    …si ma stiamo morendo di fame!

    emmm ci spiace ma non abbiamo fatto in tempo…

  • perchè non fate una bella psicoterapia di gruppo voi complottisti? hai visto mai che funzioni!!!

    e se non funziona potreste darvi fuoco con la benzina!!!

    • Le chiedo un favore, gentile Sig. Gigi 53:

      Perchè non prova a Demon-tizzarsi per un attimo? Ci dia le risposte Lei, quelle che non trovando noi, dovrebbero indurci all’annullamento per mezzo di costosa combustione? Mi voglia gentilmente interpretare la situazione attuale come la vede Lei, La prego! Provvedimento e risultato, prognosi e diagnosi. In modo semplice, affinchè anche noi complottisti e cerebrolesi ben si comprenda..

      Per quanto mi riguarda, la mia posizione è la seguente: ci sono testi vecchi di quasi duemila anni che delineano la situazione attuale e che non chiedono interpretazioni ma semplice lettura.

      Le consiglierei di avvicinarsi a questi testi profetici, giusto per fare un paragone con quanto sta accadendo. E’ un invito a schierarsi dalla parte giusta, ovviamente secondo me. Ma forse, grazie alle Sue illuminate interpretazioni, sarò io a venire a cercarla per essere ulteriormente illuminato.

      Ringrazio anticipatamente!

      Cordiali saluti,

    • Si sentiva giusto la mancanza del Sig. Gigi”troll”53… e dei suoi commenti pieni di acume e saggezza.

      Però per cospargermi di benzina aspetterei che la stessa scendesse un pochino di prezzo… oppure potrei aspirare il GPL, che costa sicuramente meno.

      Almeno per ora, poi un domani chissà: potrebbe sempre rientrare in qualche “manovra bis”…

       

       

    • opps, sbagliavo ad usare il blog ed ho postato altrove la risposta che mi ero serbato per Lei, esimio Gigi.

       

      Gliela ripropongo integralmente, certo di fare cosa gradita.

      Eccellente analisi, Professore Gigi 53, considerando l’intuibile estrazione sociale e conseguente difesa dello status attuale. Lei dice “abbiamo vissuto oltre le nostre capacità reali”.. Le spiace restituire alla società quello ha indebitamente speso (almeno nei 14 anni di differenza che ci separano), per favore? Perchè io, pur lavoratore autonomo, non ho rubato niente a nessuno, nè vissuto oltre le mie reali possibilità giacchè in giovane età ho avuto il coraggio di fare una famiglia che ora conta 5 elementi e quindi di denari da sputtanare ne ho avuti pochini. E, pertanto, non ho voglia di pagare per chi come Lei, ammette candidamente di avere vissuto ad un livello sproporzionato rispetto alla reali ed oneste capacità. E magari che ora ha la casa e la pensione e se la ride di chi è arrivato dopo! Ma certo non è il Suo caso. Ci mancherebbe!

      In quanto agli scenari fantapolitici: davvero Lei vede tutto con sì sapiente chiarezza? La invidio, si sta meglio quando si hanno tali certezze, l’intelligenza riposi in pace. E amen.

      p.s. Ma suvvia, neanche un dubbietto? Ora che ci penso: mi sa che Lei è un normalizzatore prezzolato da M&M. Questa nuova figura, “il normalizzatore”.. ne ho sentito parlare di questo progetto “normalizzante”. C’è altro materiale per i fautori del complottismo… Lei è bravissimo nel ruolo, un “normalizzatore” di gran classe che non lascia trapelare neppure un sospettino e usa vocaboli scurrili solo quando servono ad enfatizzare maggiormente il suo ruolo durante lo scioglimento del corpo di Benignana memoria. Bravo davvero e grazie, davvero. E buongiorno, davvero. Ed evviva il governo dell’ombra e dei sacrifici che ci impone dei sacrifici che faremo anche per Lei… davvero? Io che non ho certezze, qui ne ho una: MAI per Lei come MAI anche per mia nonna che è in pensione da 34 anni ed ha vissuto come Lei ritiene che sia stato fatto.

  • ma… se avessero presi i provvedimenti (giustissimi!!) suggeriti da Valentini, non avrebbero potuto conseguire il risultato desiderato! Ovvero indebolire tutte le classi sociali a partire dal ceto medio a scendere. E come si governa altrimenti? Tutti al suolo stramazzati e poi il salvataggio, ad opera di chi non si sa ancora: e arriveranno tutte le soluzioni! Eh già…

  • Si sapeva già. Morte annunciata, prevista, predetta, spiegata.

    Ma ancora non è uscito tutto. Manca la parte per l’annebbiamento delle masse causa eccesso di democrazia  Cosa invenetranno ?

    Partite di calcio gratis ?  I camion che distribuiscono pasta gratis nelle piazze a giorni alterni ? I piccoli politici ignoranti che regalano buoni benzina ?  UFO nei cieli di Milano ?

    Difficile prevederlo. La droga l’hanno già usata; l’AIDS non fa più tanto presa; l’Aviaria è stato un flop. Le lacrime stanno già colando, ma il sangue scorrerà veramente a fiotti nelle strade. Speriamo sia il LORO.

  • Innanzitutto grandissimi complimenti a Claudio Messora, l’unico che è riuscito a intravvedere e scovare cose che gli altri caratterizzati soltanto da blasonati nomi ancora non hanno capito.

    E poi, senza offesa per nessuno, ma chi vede il signor Monti come il cambiamento aspettato per l’italia dopo anni di “angherie berlusconiane” non solo non ha capito ma non sa come stanno le cose in questa “povera italia”. Sa soltanto criticare e dire che berlusconi se ne deve andare. Evidentemente se parla in tal modo è uno che guadagna più di 75000 euro all’anno altrimenti nemmeno riuscirebbe a scrivere un vocabolo a favore di questo pseudo-governo tecnico antidemocratico. La verità è che queste persone che sono d’accordo con tale governo non sanno che cosa sia la libertà ed il benessere sociale; sono degli inutili boccaloni che credono che bisogna fare sacrifici per risolvere il problemi creati da governanti in malafede e da una così inutile europa unità. Ma per far si che questi nuovi cialtroni non prendano il sopravvento la gran parte della gente credulona si deve disipnotizzare e scendere tutti uniti nelle piazze a protestare. Come disse un cialtrone di vecchio stampo, un certo Forlani in una intervista sulla Rai TV “parlamento vuol dire parlare” in questo nostro mondo oramai il parlare non serve più; per combattere i cialtroni che ci governano bisogna scendere tutti uniti nelle piazze (6 mesi possono bastare di protesta a oltranza) e allora si che pian piano ci riapproprieremo della nostra libertà e del benessere sociale cosa che da molti anni è inibita da cialtroni e da loro sostenitori.

  • per il blocco della mia pensione (2000€) perderò nei prossimi 20 anni 100.000 euro!!!!  

    questo al 3% se invece dovesse aumentare l’inflazione !?!?!

  • Questa cosa non deve passare…

    – chi ha versato 40 anni di pesanti contributi non è giusto che paghi ora una tassa così pesante !

    – dopo aver lasciato il lavoro, con figli che ancora studiano, non è giusto che ci si trovi in questa situazione !

    – un’assicurazione privata non potrebbe fare la stessa cosa, quindi lo stato (con la minuscola) è un truffatore !

     

  • Possibile che non ci sia nessun altro modo per mandare avanti un Paese se non quello di chinarsi ai poteri economicamente forti, quali le Banche centrali? Che poi questa cosa che la moneta di uno Stato non debba essere dello Stato bensì di privati, non è terribilmente controsenso?

    Potrei dire molte altre cose, come l’iniquità di questa manovra e di quanto sia iniqua l’Italia stessa, così come potrei dirvi del terrificante grado di corruzione avvertito, ecc.. ecc…

    Invece voglio chiedervi: perché siamo nella merda? (scusate il “francesismo”)
    Non è forse perché quando in parlamento si votava per l’acquisto delle 16 maserati blindate, noi cittadini non abbiamo potuto fare nulla per impedirlo? Non è forse per questo che ogni anno i parlamentari hanno potuto aumentare i loro stipendi, prendere pensioni da sceicchi, infossare di debiti miliardari per costruire un aereo d’attacco che a distanza di un decennio (se non sbaglio) è tutt’ora in fase di sviluppo?
    Non è forse perché questi signori sono praticamente nella posizione di fare tutto quel che gli pare senza che i cittadini possano fare nulla per impedirlo?
    Direi di sì.

    Cosa potremmo fare? Potremmo per esempio unirci in un unico movimento al fine di riottenere la DEMOCRAZIA, concetto e valore per cui i nostri antenati hanno lottato e dato la vita, ma non so’ proprio se siano riuscita ad afferrarla se non per più di pochi attimi. D’altronde all’epoca non c’erano i mezzi per attuare una democrazia diretta, ma oggi ci sono. Non siamo più nel paleolitico: abbiamo Internet, l’informatica e l’elettronica!

    Una possibile soluzione al problema potrebbe essere lo Stato 2.0 (ancora in fase di sviluppo). La proposta si basa sulla democrazia diretta, quindi su un controllo distribuito su ogni singolo cittadino anziché su un’oligarchia; su una maggiore equità delle retribuzioni: possibile che gente che sbadiglia per 3 giorni a settimana debba prendere 20 volte di più di chi si spacca la schiena 7 giorni su 7? Insomma, le idee sono tante e tutte concrete, l’unica utopia è quella di riuscire a realizzarlo. Utopia, badate bene, solo perché il nostro è uno Stato che mira al profitto dei pochi anziché il benessere dei molti!
    È una proposta che tutti possiamo aiutare a migliorare e soprattutto concretizzare (in modo non violento, sia ben chiaro). Se finalmente risulteremo compatti, se finalmente saremo un’Italia unita, l’attuazione del progetto non potrà essere fermata. Abbandoniamo lo status di consumatori e riprendiamoci quello di cittadini.

    Mi scuso per essermi dilungato così tanto, buona giornata.

  • Salve,

     

    ma secondo voi adesso monti che sta facendo? Pensa a come buttarcelo ancora più a fondo o dorme come un bimbo di 1 anno dopo la poppata? 🙂

    Stiamo a parlare in continuazione di democrazia e dei mille modi che stanno usando per togliercela ma niente accade. Guardi i TG e senti i commenti dei passanti di turno che inneggiano alla manovra “salva italia”, ormai quasi assuefatti a prenderlo in tasca. Oggi una signora quasi “godeva” all’idea di togliere i contanti così “becchiamo tutti i maledetti evasori che hanno rovinato l’italia..e..blà..blà..blà..” Il cetriolo è stato inserito e sembra piacere alle masse.. Ci uniamo? Dove? Quando? Siamo tanti dite? I famosi indignados dove caxo sono adesso?! Gente che protestava contro le banche senza sapere il perchè (avete visto per sbaglio un cartello contro il signoraggio bancario?) Ci hanno rotto i..”l’ex ministro leghista”..per giorni e giorni, rappresentanti fissi nei vari programmi simil democratici e adesso? Tutti spariti..

    Forse spariremo anche noi.. Qua servono unione e azione, che non significa (ancora) necessariamente spaccare tutto. Passaparola generale e invece di fare un giorno di protesta..espandiamo la protesta a tutto l’anno, 365 giorni. Scoviamo ogni servizio televisivo, ogni trasmissione, qualsiasi collegamento che preveda una telecamera per strada o un microfono e agiamo.. Non deve esistere DA NESSUNA PARTE qualcuno che parla all’italia senza che dietro appaia un cartello, una maglietta, un urlo che suggerisce su cosa informarsi, Signoraggio bancario in cima alla lista. Tutto nasce da li, è la loro arma di sodomizzazione di massa, toglietegliela dalle mani e dovranno ripensare tutta la loro strategia. 

    Per far funzionare questa cosa dovremmo essere centinaia di migliaia, sempre attenti e in continua espansione. Non vedo altra soluzione se non cercare di svegliare più persone possibili. Purtroppo Claudio ha gia perso diverse occasioni per diffondere il problema, forse le regole della TV sono quelle da noi spesso immaginate e forzarle avrebbe portato solo all’allontanamento permanente.

    Auguri a tutti noi..

     

     

     

  • RIVOLUZIONE pacifica! Siamo noi che finanziamo le guerre petroliferi, i miliardi per la difesa+prezzi gasolio/benzina, a voglia fare “missioni di PACE…”. Doviamo fermare il paese finché non se ne vanno questi “signori”, finché i extra ricchi, le banche, il vaticano e i politici non paghino la crisi. Rimanere a casa, non andare in piazza che e’ esattamente quello che vogliono, così possono organizzare casini per poi dire che il popolo e’ violento. Starsene a casa, fermi, spendere il minimo possibile, muoversi il minimo necessario, non recarsi più al lavoro… fermare tutto!

  • chi deve pagare sono gli evasori, e la chiesa deve cominciare a pagare qualche cazzo di tassa e non ho capito che diavolo ci fanno tutti quei soldati italiani a spese nostre in giro per il mondo con lauti stipendi e il lince col pieno di gasolio a spese nostre! che paghino tutti prima ti sparare queste cavolate che spari tu! io pago tutto! quindi fai poco il fregnone!

  • Prima di scendere in piazza sarebbe meglio fare un referendum con i seguenti quesiti:

    1. Vuoi che la proprietà della Banca d’Italia torni in mani pubbliche?
    2. Vuoi uscire dall’Europa?
    3. Vuoi tornare alla Lira?
    4. Vuoi che il debito con l’estero venga rinegoziato?

    4 SÌ, come quelli per l’acqua pubblica, il legittimo impedimento e gli altri.

    Il popolo italiano ha già dimostrato di non essere così sprovveduto nonostante i media prezzolati. L’Euro ha impoverito l’Italia e arrichito solo la Germania che ha avuto un boom delle esportazioni. Con una Lira debole i nostri prodotti finiti farebbero concorrenza alla Cina.

     

  • Ma quella tassa sugli Yacht è un altra presa in giro? per farci capire che anche i ricconi pagano e non solo il solito operaio sfigato che paga le tasse?

    Da quello che ho sempre visto nei Reportage, quasì tutti gli Yacht non erano intestati in nome di chi li utilizza ma a delle società Offshore.

    chiedo a chi ne sà più di me : Si può fare pagare queste tasse a queste società? O ci prendono per i fondelli?

  • A gigi53.Quelli che scrivono con il tuo linguaggio un po’ di anni fa’ marciarono su Roma. Cerca di avere un po’ di rispetto per chi non la pensa come te, e per chi magari si illude, l’insulto nasconde sempre arroganza, e un sognatore non e’ per forza un malato di mente….

  • GTD Governo tecnico a delinquere, questa è un sistema mafioso legalizzato, e noi come pecore facciamo quello che vogliono è ora di finirla bisogna aggire subito altro che sacrifici. Ve lo scrivo il lettere cubitali, Non pagare è l’unica arma rimasta..

  • Vero é che Monti non L’Abbia
    nemmeno Proposto, Ma Tutte le Domeniche
    Il Papa dal suo Balcone si renda conto
    del Momento di crisi che i suoi fedeli stanno passando… In un momento di Enfasi
    Emotiva “La stessa che colpi la Fornero
    pochi giorni fa…” Potrebbe 
    Immaginare L’Ipotesi e annunciarla
    direttamente ai suo Fedeli, dìii…
    Rinunciare “non dico tanto” Màaa…
    Rinunciare dicevo almeno al 5 per MILLE!
    Io personalmente con il 3 per Mille una città
    come Campobasso Potrei farla marciare bene.
    Oggi come Annunciazione sarebbe
    un bel colpo basso al Governo Passato
    per un Centro Futuro migliore della DC. 

  • Grandi ECONOMISTI grandi PROF.!!!!!, oggi sono aumentati i prezzi dei carburanti e di conseguenza aumenteranno moltissime altre cose e servizi; credo che chi ha un reddito di 15.000 euro annui non abbia la stessa sostenibilità di quello con 70.000 e oltre (forse mi sbaglio!!). Monti & diteci cosa significa equità, spiegatelo almeno ai vs. alunni in università. Con la vs. manovra dobbiamo rinunciare a tutto, c’è rimasto solo di andare a lavorare a 1.000 euro mensili fino alla fine dei ns. giorni; così mettiamo ancora più in difficoltà chi è già nel disagio e limitazioni. Chiunque avrebbe potuto fare  correzioni del genere, a destra, centro e sinistra, non avete fatto una figura eccelsa, anzi!!!! forse, meglio se eri rimasti ad occupare la sedia precedente!!!! Una manovra che fa aumentare la POVERTA’ non ha motivi di comprensione, neppure quella dell’ URGENZA. In tal modo si distrugge il vero senso del rigore, dell’ equità della crescita e il valore di appartenere a un popolo e nazione.

  • Un fine settimana di fuoco e fiamme per la mia pensione che nel 2012 doveva essermi riconosciuta dopo 40 anni di contributi versati. Già il fatto di aver dovuto aspettare 18 mesi prima di riscuoterla o lavorarne ancora 18 senza il conteggio dei contributi mi aveva fatto riscaldare l’animo e la mente (tantochè sono pronto a tutto), ora questo week-end mi si prospetta una situazione ancora peggiore, i nostri diritti sfumati da chi ci ha ridotto alla miseria, perchè dopo 40 anni di lavoro per 40 ore settimanali a 1.000 euro mensili e con una eventuale pensione di 800/900 euro, questi  nuovi capi hanno anche il coraggio di calpestare i nostri miseri diritti. VERGOGNA, ora basta chi ha fatto i DANNI fuori in piazza, devono pagare il conto!!!!! Non solo dovrò aspettare ancora altri due anni, ma sarà pure penalizzata da una decurtazione o aspettare il 2015 o 2016 per il raggiungimente dell’età. Certo se io guadagnassi almeno 1500 euro forse potrei anche essere felice di lavorare 4 o 5 anni in più; ma con la miseria che prendiamo, dopo 40 anni di fatica non ho la minima intenzione di accettare psicologicamente le loro condizioni disumane e insensate, (per salvare questo paese o il treno che stava deragliando, non certo per colpa mia), che sarebbero necessarie e di unica soluzione. Chi è salito sul treno che stava deragliando non può disconoscre o far finta di non saper chi lo guidava in modo errato e obsoleto, se a loro interessa solo il futuro a me anche il passato prossimo e non devono impormi che per salvare questo paese debba accettare ingiustizie che non condivido e che non esiste altro modo di tirarsi fuori da questo grave pericolo. Spero nel mio sindacato, nei suoi rappresentanti che in questi giorni ho ascoltato in TV, donne coraggiose e umane alle quali va tutta la mia simpatia e la stima più sincera, purtroppo non posso dire altrettanto dei partiti…….pochi quelli da salvare.

  • Ma perchè non si parla più di Berlusca, ecco cosa ha detto ultimamente:

    L’Italia dei benestanti. L’Italia è uno stato indebitato ma di cittadini benestanti. Quindi, capace di fronteggiare e vincere la crisi. Questo il quadro della situazione disegnato da Silvio Berlusconi: “L’Italia ce la farà, non ho mai avuto dubbi – ha aggiunto il Cavaliere – perché se sommiamo il nostro debito pubblico alla finanza privata restiamo il secondo Paese più solido d’Europa, secondo solo alla Germania, prima di Svezia, Francia e Gran Bretagna. Pertanto, non dobbiamo essere preoccupati”.

    IO dico che benestante saranno quelli come lui che ancora ha la faccia di dire certe cazzate da uomo ignorante vorrei vederlo mandare avanti una famiglia con 1200€ al mese, ma pensa con quale coraggio dice certe cose.

    La manovra salva papata servirà solo a far cassa visto che lo spread è ancora in salita, dico soltalto una cosa ed è quella di uscire dall’Europa

  • Eccellente analisi, Professore Gigi 53, considerando l’intuibile estrazione sociale e conseguente difesa dello status attuale. Lei dice “abbiamo vissuto oltre le nostre capacità reali”.. Le spiace restituire alla società quello ha indebitamente speso (almeno nei 14 anni di differenza che ci separano), per favore? Perchè io, pur lavoratore autonomo, non ho rubato niente a nessuno, nè vissuto oltre le mie reali possibilità giacchè in giovane età ho avuto il coraggio di fare una famiglia che ora conta 5 elementi e quindi di denari da sputtanare ne ho avuti pochini. E, pertanto, non ho voglia di pagare per chi come Lei, ammette candidamente di avere vissuto ad un livello sproporzionato rispetto alla reali ed oneste capacità. E magari che ora ha la casa e la pensione e se la ride di chi è arrivato dopo! Ma certo non è il Suo caso. Ci mancherebbe!

    In quanto agli scenari fantapolitici: davvero Lei vede tutto con sì sapiente chiarezza? La invidio, si sta meglio quando si hanno tali certezze, l’intelligenza riposi in pace. E amen.

    p.s. Ma suvvia, neanche un dubbietto? Ora che ci penso: mi sa che Lei è un normalizzatore prezzolato da M&M. Questa nuova figura, “il normalizzatore”.. ne ho sentito parlare di questo progetto “normalizzante”. C’è altro materiale per i fautori del complottismo… Lei è bravissimo nel ruolo, un “normalizzatore” di gran classe che non lascia trapelare neppure un sospettino e usa vocaboli scurrili solo quando servono ad enfatizzare maggiormente il suo ruolo durante lo scioglimento del corpo di Benignana memoria. Bravo davvero e grazie, davvero. E buongiorno, davvero. Ed evviva il governo dell’ombra e dei sacrifici che ci impone dei sacrifici che faremo anche per Lei… davvero? Io che non ho certezze, qui ne ho una: MAI per Lei come MAI anche per mia nonna che è in pensione da 34 anni ed ha vissuto come Lei ritiene che sia stato fatto.

  • Salve a tutti,

    voglio permettermi oggi di inserire una foto su questo blog e sono pronto a scusarmi anche pubblicamente se Caudio non sarà d’accordo.

    A parte l’ovvia considerazione sulla quale potremmo parlare per giorni interi, volevo aggiungere che:

    la necessità degli “illuminati” di dichiararsi non si ferma qui, essendo in progetto di dichiarare anche la loro fede luciferina e di imporla al mondo(questo avverrà dopo lo step sottoelencato);

    il passo successivo all’imposizione dell’unificazione sarà l’imposizione del microcheep agli esseri umani;

    tale microcheep, in grado di autoalimentarsi col calore del corpo, trasmetterà qualsiasi dato sarà richiesto trasmettere, non solo di tipo puramente legale(conto corrente, gps satellitare, proprietà e dati personali)ma anche emotivo (cosa si stia pensando di fare e come si stia indirizzando l’attenzione) . Il tutto dovrebbe accadere inizialmente tramite gli stessi ripetitori dei cellulari e dopo con apparecchiature più capillari, sofisticate e neanche troppo incognite.

    Ma non basta, queste apparecchiature potranno condizionare il sistema nervoso ed indurre chi le indossa a fare o non fare determinate cose e soprattutto si sarà assoggettati. Ritorsioni e penali, sospensioni e decurtazioni saranno immediati ed insindacabili per chi dovesse disobbedire o rendersi eversivo. Insomma vorrebbero “spegnerci” appena dissentiamo.

  • Prima cosa il sig. Gigi la trottola farebbe bene a smettere di frequentare questi siti, siamo tutti complottisti nati qui e se non vuol rischiare di finire con le cervella fumanti come noi è meglio che torni al suo ovile dove potrà belare tranquillamente da ora alla sua dipartita (che tutti qui ci auguriamo essere rapida ed indolore, più rapida che indolore a dir la verità).

    Cmq Seconda cosa, ok prendiamo la sua teoria signor trottola, lei sostiene che siamo in un periodo di recessione economica (e qui non ci piove) derivata dalla naturali oscillazioni del mercato (e qui avrei seri dubbi, la crisi è iondotta questo si sa). Ora per uscire dalla crisi il signo Trottola poropone la ricetta Monti: sangue e lacrime per tutti (e anche su questo avrei molto da obiettare, secondo me questa manovra non farà altro che far scendere la pressione dei mercati sul nostro paese temporaneamente), ma prescindendo dalla bontà o meno di questa manovra prendiamola così come viene. Fingiamo che vada tutto bene.

    Terza cosa, se prendiamo per buono tutto quello detto da Gigi la trottola mi sovviene alla mente che: io tengo 28 anni ho sempre lavorato tutte le estati (dai 16 in su) per mantenermi all’università, ho sempre pagato più tasse di quelle che dovevo (la legge dice che se non hai un reddito superiore ai 6000 euro annui puoi non fare la dichiarazione dei redditi, ma la legge non ti dice che se hai una rendita inferiore ai 6000 euro la dichiarazione dei redditi il più delle volte è a tuo favore, perchè il prelievo forzoso sul tuo stipendio è superiore a quello dovuto …), ho fatto servizio civile per un anno (400 euro al mese di rimborsospese), facevo la spesa sempre e dico sempre al pennymarket perchè se la facevo al Poli non arrivavo a fine mese, devo ascoltare il sign. Trottola che mi dice che per anni LUI ha vissuto al di sopra delle sue possibilità e perciò IO ora devo pagare il suo conto?

    Sign. trottola lei probabilmente è uno di quelli con la partita IVA che scarica anche la cartegienica che usa per pulirsi il culo, lei probabilmente sign. Trottola è uno di quelli che si sentono in dovere di pagarlo questo “debito” perchè è uno di coloro che ha enormemente contribuito a provocarlo. Io no, io non ci sto io non lo pago.

    IO SONO FIERO DI ESSERE UN COMPLOTTISTA OK?????? Sono fiero di non essere come lei che prende tutto per oro colato e si china a novanta ogni volta che glie lo chiedono, il tutto perchè si aspetta, da me, che mi chini a novanta anch’io per il suo perverso piacere.

     

  • Per cercare di essere propositivi, consiglio la lettura del libretto “Voglia di Cambiare”, che elenca i casi di successo, pubblici e/o privati, avvenuti in vari Paesi Europei negli ultimi anni, nei settori non solo della logistica/mobilità, ma anche energia, lavoro, ambiente, edilizia, turismo ecc… dai quali molti si potrebbe imparare, volendo… potete leggere gratis tale libro su http://1-url.net/b9VXFX

  • Scenari nella mente del “distrattone”:

    a. l’italiano non si ribella:  inflazione, stagnazione, nuove tasse, depressione, aumento delle contravvenzioni (magari altre imposte dirette, chi se ne frega dei piccoli evasori, troppa fatica, complicato! Quelli grandi sono buoni clienti, pagano bene).. prima o poi si ribellerà, questo pacifico italiano che ama soffrire!

    b. L’italiano si ribella a parole perchè si accorge che i Sindacati non invitano più allo sciopero, Berlusconi è diventato silenzioso e non fa più incontri galanti con giovani donne, Bersani non è più capace di profferire neanche la parola “dimissioni”, vocabolo usato 15 volte al giorno negli ultimi 15 anni, la Marcegaglia tiene famiglia e quindi rimane al suo posto in Confindustria… Per il resto, come sopra

    c. L’italiano si ribella di più: tutto come sopra ma arrivano le prime timide bombette nei posti più odiati, tipo uffici Equitalia (notizia di poco fa al TG5).

    IL GOVERNO DELL’OMBRA SI DIFENDE: MA DOBBIAMO FARE COSI’! NON RIUSCIAMO A PAGARE LE PENSIONI, L’EUROPA CE LO CHIEDE, abbiate pazienza..NEL FRATTEMPO DOBBIAMO ESSERE INFLESSIBILI CONTRO I SOBILLATORI. (a parole, ma nei fatti solo operazioni di facciata. Non bisogna mica sopprimere la rivolta, bisogna soffiare sul fuoco ma senza farsi vedere)

    Nel frattempo in altre parti del Mondo avverranno cose simili o convergenti come intenti: disordini in Medio Oriente.. Egitto e Siria ricomninciano a pestarsi i piedi, Israele ha paura nell’isolamento cui è già quasi costretto, Palestinesi che rompono, coalizioni internazionali che si avvicinano all’Iran non per visitare gli Hotel dei Pasdaran ovviamente ma con ben altre mire… La Russia che con Putin artatamente risveglia voglie di guerra fredda, la Cina economicamente declassata ma militarmente potentissima che si schiererà nel modo milgiore per peggiorare la situazione etc etc etc.

    Bisogna preparare il terreno, creando enormi tensioni internazionali.

    Passerà del tempo (magari un decennio, chissà). con una escalation di disordini via via più gravi.

    E poi? 

    Una voce, potente, risuonerà nel cielo (inteso come Sky): fermatevi, gente. Non siate sciocchi, vi ammazzate fra di voi ma non potrete mai colpire i potenti! Niente violenza: ecco, sto arrivando! Qualcuno lo accoglierà dicendo che non potrebbe neppure sfiorare la portiera dalla sua Bentley ma egli dirà di farlo comunque, perchè è bene che sia così, per ora. E porterà tutti a convincersi della assoluta necessità di riunirsi sotto la sua guida. Si proporrà come soluzione e tutti i vari Monti insieme con i vati Napolitano lo nomineranno Senatore a vita e subito dopo Premier universale.

    Alla fine, dopo che saranno chiari gli schieramenti, l’unico titolato a presentarsi come Salvatore verrà e ristabilirà l’ordine delle cose, prendendo i caproni separandoli dal gregge sano. E poi tutti verso la leggittima final destination.

     

    Buon Natale e Felice 2012 a tutti.

    APOCALYPSE NOW, PLEASE! Non ho voglia di aspettare tutto il tempo forse ancora necessario, nè ho tanta voglia di vedere ancora violenza e sopprusi.

     

     

    .

  • Le tasse le devono pagare tutti..

    ma quando lo stato fà un patto,in questo caso lo scudo,deve mantenerlo se no è uno stato disonesto come chi non mantiene i patti soprattutto se codificati in legge,altrimenti quale credibilità può avere in qualsiasi cosa,il patto non andava fatto o andava modulato per cifre  e percentuali ben maggiori,ma una volta spesa una parola lo stato deve mantenere …una cosa sono le pensioni ,uno è costretto a subire lo stato….una cosa è lo scudo che viene fatto da chi ha soldi all’estero se conviene se no li tiene là,e lo stato che con l’inganno ritassa i capitali non ha credibilità ,poi che gli evasori vadano scovati e devono pagare come tutti …bhe questa mi sembra cosa ovvia e civile.

  • Mi congratulo con l’autore dell’articolo per l’ottima, condivisibilissima analisi. In quanto ai commenti ritengo sia sterile contestare la Chiesa sui valori in cui crede, condivisibili o meno, mentre si discute su cosa occorre far pagare. 

    Sarebbe come se si contestasse il marxismo leninismo, mentre si discute di far pagare l’affitto alla sede della casa del popolo.

    Sull’8 per mille, ho una posizione equilibrata ed equidistante. Per me è sbagliato imporre, sia di far pagare la tassa, sia di imporre di non pagarla. E’ un gesto di solidarietà e quindi dovrebbe essere facoltativo e questo non solo a favore della Chiesa Cattolica, ma anche per le altre confessioni o scopi, per cui viene destinato.

    In merito all’ICI gli immobili devono avere scopi di lucro, ossia con una rendita che consenta di pagare la manutenzione, l’ICI ecc… E credo che ciò riguardi soprattutto case albergo, o per ferie, in cui gli ospiti pagano il soggiorno, l’alloggio.

    Le abitazioni del clero, parroci ecc… se è vero chl’8 per mille serve anche per il sostentamento del clero, bisogna rifletere se sia giusto farla pagare.

    Dopo vorrei osservare, per obiettività, che si notano sempre e solo le pecche o i privilegi di cui gode la Chiesa, senza notare che qualcosa dà in termini di generosità, più di quanto farebbero personalmente molti degli indefessi critici, al suo posto.

    Ci sono milioni di metri cubi di strutture in cui organizzazioni cattoliche supliscono all’assenza dello Stato nell’assistenza ad un folto stuolo di bisognosi: disabili, tossicodipendenti, malati, extracomunitari accolti come persone e non come bestie, ragazze madri, anziani e poveri a cui un piatto di minestra e un alloggio è sempre stato dato da un frate, un prete o una suora.

    Tutti bravi a giudicare, ma a metterci il muso sono loro.

    Se ciò che spetta ad uno Stato sociale non all’altezza della situazione è svolto dalla Chiesa, non è giusto riconescerne il valore e la necessità con qualche agevolazione? Si usano i soldi pubblici per finanziare cultura, spettacolo e sport e cose molto più inutili.

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi