125 miliardi di euro che se ne vanno così


Van Rompuy ha appena relazionato al Parlamento Europeo circa le decisioni adottate dal Consiglio Europeo. Il MES, il trattato costitutivo del Meccasnismo Europeo di Stabilità (*), verrà accelerato e ratificato già entro la metà del 2012. Il MES sarà composto da 17 super-governatori, tra cui Mario Monti, che godranno di libertà assoluta nell’indebitare gli stati, nella più totale immunità da qualsiasi violazione documentale e da qualunque procedimento giudiziario.
Per l’Italia significa da subito impegnarsi a versare 125 miliardi di euro. Ma non basta. Se i 17 governatori, a loro insindacabile giudizio, riterranno opportuno chiedere altri soldi, lo potranno fare in qualsiasi momento e noi saremo tenuti a pagare, sull’unghia, secondo le modalità e i tempi da loro stabilite.
Quante finanziarie lacrime e sangue avremmo potuto evitare se, eventualmente, avessimo potuto indire un referendum per deliberare in maniera consapevole e informata circa la ratifica del MES? Non lo sapete. Non potete saperlo, perché non sapete neanche cosa sia, questo MES. Nessuno ve lo ha detto. Così come nessuno vi ha chiesto se e in che termini volevate ratificare il Trattato di Lisbona, passato al Parlamento italiano il 15 agosto 2008 mentre eravate pieni di vino a ballare sulla spiaggia. Benvenuti al Jurassic Democracy Park. Sobrietè! Frugalitè! Austeritè!
Dovete restare in apnea.
 (*) per approfondire sul MES: Piccoli pezzetti di sovranità nazionale che se ne vanno
 

FIRMA ADESSO LA PETIZIONE PER IL

REFERENDUM SALVA-ITALIA

 

4.700 FIRME IN TRE GIORNI

Aiuta a diffondere questa petizione.
Copia e incolla questo codice sul tuo sito :

15 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • @ Claudio

    Ormai stai per completare il puzzle, avevi ragione ! Grazie per lo sforzo che fai e cerca di raccontarlo sempre ogni volta che ti ospitano in quei programmi televisivi, non ti preoccupare se è OT di quella puntata, la gente deve sapere queste cose. noi, i tuoi lettori abbiamo anche noi la responsabilità di informare i nostri amici, colleghi di lavoro… Diamoci da fare tutti !

  • Vedo ingiro tanti cittadini smarriti che non sanno più cosa votare e forse per questo faranno la scelta peggiore: astenersi. Sono confusi perchè non capiscono che il paradigma della politica è cambiato. Non ha più senso (o comunque ha meno senso) riferirsi alla politica in termini di “destra” e “sinistra”, quanto piuttosto di “democratico” e “antidemocratico”. A prescindere dal “colore”.

    Oggi viviamo una situazione fortemente antidemocratica, cioè stiamo cedendo quel poco di sovranità (e dunque di potere) che ci rimaneva.

    Bisogna far di tutto per invertire la rotta prima che sia troppo tardi.

    Se sentite discorsi fra “destra” e “sinistra” convertiteli in “democratico” e “antidemocratico”.

    Si può anche scegliere di essere antidemocratici, europeisti, di voler delegare tutto il potere ad altre persone “più preparate”. Ma bisogna esserne consapevoli. E, soprattutto, bisogna essere consapevoli dell’unica regola antropologica sempre valida in politica:

    Chi è al potere fa i propri interessi.

    Quindi, tu che leggi, se non sei fra coloro che detengono direttamente il potere, ma comunque ai tuoi interessi ci tieni, penso proprio che ti convenga essere democratico.

    • GRANDISSIMO!!!!!!!!!! meno male che c’è ancora qualcuno come te che ha la forza e l’indipendenza orto-spirituale caratteristica dell’intellettuale civile!!! dobbiamo farci delle domande darci delle risposte! Basta con la dottirna monroe di accettare tutto quello che dicono i poteri forti!! Sono da poco un convertito ai poteri della blogosfera!! e adesso voglio anche io farmi delle domande!!! grande byoblu grande claudio grande messora!!! ci date sempre la forza di andare avanti!! e grazie anche a te che, come tutti noi, ti fai delle domande.

       

      VIVA LA LIBERTA VIVA LA GIOIA VIVA LA REVOLUTION!!!!

    • Forse mi sono spiegato male o tu non hai capito cosa intendevo: il movimento 5 stelle mi sta più che bene proprio perché va nella direzione della Democrazia (Diretta). Quindi al potere non va un segretario di partito ma un gruppo di cittadini che, coerentemente a quello che ho scritto sopra, faranno gli interessi dei cittadini. In passato ho scritto un pezzo molto critico sul m5s (definendolo “wannabe della Democrazia” se cerchi, trovi) ma a oggi, seppure quelle cose le penso tuttora, lo voterei lo stesso non essendoci alternative a mio avviso migliori.

  • L’unico meccanismo di stabilità che dovrebbero inventarsi questi geni sarebbe qualcosa per prevenire che il mercato immobiliare crolli come sta per iniziare paurosamente a fare (qui con l’aiuto delle tasse, per riprodurre ciò che è accaduto in america 3-4 anni fa e scatenare la nuova crisi che serve all’europa). Sapete quanti casini finanziari accadranno appena il valore delle case scenderà sotto la soglia che può garantire il valore dei mutui fatti per acquistarli?

    Inolte è DA PAZZI far fede allo spread e tenere gli interessi dei titoli di stato al 6-7% in pratica l’investimento più speculativo che un broker possa fare attualmente. Una volta le obbligazioni erano sinonimo di sicurezza, ma ragazzi ragioniamo in maniera ELEMENTARE E LUCIDA per favore: come fa uno stato in crisi a pagare interessi del 6-7%?? crescerà del 6-7%? No. Svaluterà? Non può. Semplicemente si indebita paurosamente ad ogni bot venduto, sarebbe meglio non vendre. Possibile che nessun economista abbia le palle per alzare la voce e farsi sentire?

  • Pippo ha scritto :
    Dato che lei perde tempo con barzellette si vede che non è uno di quelli che rischia il posto di lavoro o la pensione Probabilmente lei ha o crede di avere qualche santo in paradiso che la protegge altrimenti non avrebbe tanta voglia di scherzare ” mi permetto di dire che forse la verità non e da tutti accettata come tale. dobbiamo smettere di andare in giro con il paralume sugli occhi! MA APRITE LI OCHI!!! la verità veritabile è proprio li, di fronte a voi, e inutile che cerchiate di nascondervi dietro segnali di fumo!! la storia ci insegna, ma che ci insegna. e si perche la storia ci insegna, ma che ci insegna, la stoia e magoistra vitate!!!!!

    RICORDA: NON CHI SA E’ MA CHI E’ SAPREBBE DI ESSERE!!!!

    la vita e bella la morte e brutta la liberta e il bene piu preziosop che bbiamo . yo peace out

  • ciao claudio. è da un po che ti seguo, e trovo molto interessante quello che dici. chiedevo se tu fossi a conoscenza di una raccolta firme contro la ratifica del mes. potresti postare qualcosa a riguardo? sarebbe qualcosa di molto utile, magari tutti insieme potremmo esprimerci a riguardo e farci sentire. grazie ! in bocca al lupo !

  • Pippo ha scritto :
    Cuor contento dio l’aiuta Beato lei che ha il cuor contento

     Forse lei non ha compreso la sottile ironia. il mio era un commento atto a mostrare come quegli stessi raprresentanti dei poteri forti, poi si presentano anche come gli sciocchi che operano all’interno di quello che poi è la nostra società.

    Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri

    grazie mille

  • Mi corre l’ obbligo di ricordare che all’ art. 75 la nostra (santa) costituzione vieta, ripeto: vieta, di sottoporre a referendum popolare la ratifica di trattati internazionali. Quindi domandarsi cosa sarebbe accaduto con un referendum sul MES o il Trattato di Lisbona, lascia il tempo che trova. Già che ci siamo: qualcuno ricorda chi approvò per conto dell’ Italia l’ adozione del MES?

    Lo domando perché Monti non poteva esimersi dal ratificarlo, non poteva rifiutare di ratificare un accordo internazionale sottoscritto da un precedente governo. Quindi se il MES non ci piace, e io sono tra questi, non possiamo dar la colpa a lui.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi