Monti a Londra? Non se lo fila nessuno

Qui sopra: L’intervista di Byoblu.com del 25 novembre scorso a Nigel Farage, subito dopo il discorso al Parlamento Europeo nel quale accusava il furto della democrazia in Grecia e in Italia

 

Noi vediamo una stretta associazione tra le due azioni politico-diplomatiche che stiamo conducendo in Europa, al di fuori dell’Eurozona, ossia l’avvicinamento con il Regno Unito – nel senso che cerchiamo di avvicinare loro all’Unione europea, anche perché li troviamo un pochino privi di orientamento in questo momento -, e l’avvicinamento ai Paesi futuri membri della zona euro come, ad esempio, la Polonia. “

 
Ecco quello che mi ha appena scritto Nigel Farage, europarlamentare britannico che avevo recentemente intervistato: “The arrogance of Mr. Monti knows no bounds. His appointment was a disgrace in democratic terms and the idea that anyone in the UK will listen to him is laughable.
Tradotto:

L’arroganza del signor Monti non conosce limiti. La sua nomina è stata una disgrazia in termini democratici e la sola idea che esista qualcuno nel Regno Unito che stia ad ascoltarlo è risibile.

It was love at first sight!

19 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Non capisco tutto questo disfattismo verso Monti (tuo, di Rainews24, ed poco fa La7). Preferite tornare con Berlusconi? Ci sarebbero state valide alternative “classiche” allo stesso?

    • Beh, non lo devi mica sposare Farage, ma solo giudicare con obbiettività la sua affermazione…anche i “cattivi” posso dire una cosa giusta 😉 insomma, persino Lucifero, alla sua cacciata, criticò il delirio di onnipotenza nel suo Signore…e non aveva mica torto.

  • I popoli non conteranno più un cazzo in una sorta di supervisione e controllo sovranazionale che annichilisce del tutto il sistema democratico.

    Monti è l’ imbonitore sguinzagliato in giro per l’ Europa per cercare di prendere per il culo i Governi. 

    Evidentemente in Inghilterra la democrazia è ancora troppo forte e ben radicata nello spirito dei loro governanti oppure i negrieri che stanno cercando di schiavizzare tutti i popoli europei (o almeno la maggior parte ddi essi) hanno il loro quartier generale e la loro cabina di regia proprio nella city.

  • Stamattina ero in coda in auto (tanto per cambiare) e osservavo l’autobus davanti a me che aveva sul retro la pubblicità elettorale di un candidato sindaco di genova.

    Come possiamo accettare che il denaro sia una discriminante tra i candidati alla guida di una città? Mi viene da piangere, possibile che solo io mi accorgo di vivere nel medioevo? Vi faccio un esempio, questo pomeriggio sono salito su un taxi e il cellulare del tassista ha suonato con una suoneria particolare, la registrazione di un URLO INDEMONIATO CHE GIOIVA AL GOL DEL GENOA. Sono stato preso dallo sconforto.

  • E allora? Già gli inglesi sono antieuropei(e infatti stanno fuori ormai), figuriamoci lui!

    E poi non deve permettersi di parlare così del nostro presidente del consiglio. Ma come si permette?(vale anche per Berlusconi).

    Loro hanno deciso di stare fuori. Benissimo. Non mi sembra che li stiano obbligando.

    L’unica cosa su cui gli do ragione l’ha detta nella precedente intervista in cui parlava dello strapotere della Germania in europa. La Merkel sta cercando di commissariare ufficialmente la Grecia. Ma è impazzita? Si potrebbe fare se il Parlamento Europeo avesse più poteri e se a capo dell’europa vi fosse un governo DEMOCRATICAMENTE eletto. Ma, oggi, si sta chiedendo alla Grecia di sottomettersi alla Germania. Follia!!

    • Giusto; stanno dicendo alla Grecia: o con le buone o con le cattive…con noi ancora -per poco- le buone maniere. Finché c’è Monti. Claudio, se non sbaglio, dicevi che in passato si era candidato in Germania?

  •  Questo signore si e’ dimenticato che anche il nostro Parlamento  non e’ stato “eletto ” da noi ma e’ stato nominato in modo non democratico da questi pseudo politici . Sugli elementi scelti non faccio commenti, si commentano da soli. Quando ci ridaranno la possibilita’ d poter scegliere i nostri rappresentanti? Sto notando che non contiamo piu’ niente e nemmeno i nostri referendum hanno piu’ seguito.E questa la chiamiamo democrazia? Non prendiamocela  con Monti che ancora dobbiamo vedere all’opera , ma con chi ci ha “governato” , si fa per dire, per piu’ di 10 anni.

  • Salve a tutti, vi seguo da tempo dall’estero e vorrei dire la mia. Mi sembra che qui si guardi molto al pollaio politico e poco ai proprietari delle galline, se mi passate la metafora. Monti lavora per Goldman Sachs e per la Nato. I suoi fili sono tirati dai Rochefeller e Rotschild tramite Il gruppo Bilderberg e la Trilaterale. Stanno finendo l’opera iniziata nel 92 sul Britannia, quando con Prodi e Draghi hanno svenduto l’Iri e mezza Italia produttiva. Ora se i blog come questo e altri di vera informazione non decidono di fare squadra per organizzare azioni concrete, molto presto saremo davvero schiavi delle multinazionali in tutti i sensi. Sostengo da sempre gli scioperi a oltranza e il boicottaggio dei consumi. Altre strade pacifiche ne vedo poche. Comunque bravo Messora, ma cercate di unirvi, divisi facciamo solo il loro gioco. Saluti.

  • La Class Action può essere una strada. Se domani mattina nessuno di noi mettesse benzina (lo so non si farà MAI, ma in teoria…) i petrolieri finirebbero a gambe all’aria nel giro di 2 giorni. Se domani tutti noi ci accordassimo per ritirare i NOSTRI soldi dalle banche, le banche (che non hanno più i NOSTRI soldi disponibili) chiuderebbero.

    Se tutti noi domani facessimo una causa collettiva ad una multinazionale, la stessa fallirebbe.

    Il potere al nemico lo diamo noi.

     

  • Veramente interessante questa interviste che purtroppo sono a condividere nel pieno del suo significato.

    Purtroppo siamo gia entrati nella dittatura ma siamo cosi ignoranti e cechi che non ce ne siamo ancora accorti.

  • Tanatx offline ha scritto :
    Premettiamo che la class action per il momento è ancora una “idea” più che una realtà, poichè per molto, non sarà possibile dare impulso a questo tipo di processi.. tuttavia, visti i requisiti di economicità e di interesse pubblico è rivolto ai consumatori contro le aziende con ampia distribuzione commerciale e non nascondo di aversi pensato su qualche volta… Il vero potere non deriva dalla posizione che si ha, ma solo dalla quantità di denaro che si riesce a gestire, viceversa se non lo si ha, non si può avere potere.. in base a questa semplice funzione, far fallire una multinazionale quando ce ne sono centinaia simili, significherebbe fare solo gli interessi delle concorrenti non dei consumatori, tuttavia si potrebbero individuare come obiettivi quelle società che agiscono commercialmente in regime di duopolio o oligopolio, il problema poi sarebbe identificare il danno ai consumatori, queste sono le società con i poteri forti sottostanti, quelle a partecipazione statale o parastatale, dove i soliti noti hanno piazzato i loro “consiglieri” amici. Il suggerimento di Highlander di applicare lo sciopero ad oltranza, oltrechè di difficilissima organizzazione, produce i suoi effetti sulla popolazione e non sulla classe dirigente, che in attesa dei disordini civili non tarderà a inviare la forza pubblica per lenire il ribollire degli animi… causando doppio danno, ma queste cose le abbiamo già viste molte volte. Il boicottaggio dei consumi andrebbe bene, ma bisogna decidere cosa mangiare, come vestirsi ecc ecc.. anche qui, occorrerebbe decidere che tipo di consumo evitare, ma per non fare un torto a nessuno, alla fine si deciderebbe di non comprare più animali esotici del Madagascar invece delle autovetture, queste ultime in effetti, contribuiscono al calcolo del PIL, parametro di comparazione per stabilire la crescitra di un paese e sarebbe straordinario ottenere un anno senza acquistare motoveicoli ed autoveicoli, incentivando l’uso delle biciclette e dei mezzi pubblici, con costi enormemente più bassi per la nazione sotto tutti i punti (energetico, ecologico, politico e sociale). Per quanto riguarda la benzina, se non ricordo male, le società petrolifere, hanno in magazzino come riserve, un anno di consumi di petrolio, poichè in effetti, comprare il petrolio un anno prima e vendere lo stesso al doppio del prezzo l’anno dopo, ha concesso loro, di velocizzare la capitalizzazione aziendale e formare gruppi internazionali quotati in borsa, il maggior profitto apparente a loro porta enormi vantaggi, boicottarli, li farebbe sorridere, ma creerebbe disordini in seno alla filiera di distribuzione, che poi sono i morti di fame del petrolio, i benzinai, gli autotrsportatori, i marinai, i minatori ecc.. anche questa possibilità mi sembra poco realizzabile. In un mondo dove non c’è la guerra armata (per il momento il nostro), la necessità di conquista dell’uomo si traduce con la guerra silenziosa della legalità, quella a colpi di legge, o di cause, ecco perchè ci indignamo di più se berlusca si fa le leggi ad personam e non ci frega niente se in Congo scannano donne e bambini, siamo stati educati fin da piccoli con l’abusato concetto del diritto e del dovere, quanti di voi non hanno mai detto “e’ un mio diritto!”, ebben quel tuo diritto nasce dal sacrificio di qualcuno che altrove sta trovando la morte, vedasi per le pietre preziose, per l’oro, per il rame, il titanio, le terre rare, e tutte quelle cose che nemmeno immaginiamo, quando lo diciamo potremo cercare di dargli un significato più esteso, e pensare se quel diritto “è un diritto dell’uomo”. La guerra vera ora si dovrebbe fare a colpi di cause e di referendum, finchè ci sarà una status pacifico, potremo ottenere qualcosa. In questo blog, ho letto più volte Claudio scagliarsi contro un’immagine sociale non contro qualcuno in particolare, l’ho visto spesso ripetere dell’esautorazione di democrazia che ogni giorno ci viene somministrata da un parlamento mai legittimato dall’espressione popolare, dei diritti di quelle famiglie della Val di Susa che vengono infamate da posizioni strategico politiche che poco hanno a che fare con gli interessi del Paese. Siamo alle solite in Europa, la Germania cerca con apparente rigore di tirare il carro della democrazia, dimentica di quanto accaduto le ultime TRE volte che, in qualche modo, gli è stato concesso, grazie al commissariamento della Grecia, potrebbe decidere di utilizzare quel popolo come pozzo di san patrizio, come portafogli personale, in tantissimi altri modi non previsti dalla democrazia inventata proprio dalla Grecia. Chi crede di avere la soluzione per tutti, spesso ha solo la soluzione per se stesso, è la natura umana, per questo dico sempre più spesso di creare un pensiero collettivo in rete e poi una volta affermato come collettivo, portarlo nelle nostre vite quotidiane, senza dare un nome a questo movimento, semplicemente dite il nome dei vostri blogger preferiti e diffondete queste notizie, siamo noi il vero VIRUS, per annientarci dovranno sopprimere la rete, e per farlo devono eliminare la corrente elettrica, perchè riusciremo sempre a connetterci anche con delle semplici pile da 6 volt.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi