A noi Schettino, a voi il Cermis

Il 3 febbraio 1998, esattamente 14 anni fa, un aereo militare statunitense, decollato dalla base aerea di Aviano, tranciò di netto il cavo della funivia del Cermis, in Val di Fiemme. Una cabina con 20 persone a bordo precipitò al suolo da un’altezza di 110 metri. La neve si riempì di lamiere contorte e di sangue. Morirono tutti.
Gli Stati Uniti cercarono dapprima di sostenere che la cabina di trasporto fosse caduta da sola. Solo grazie al tempestivo sequestro del velivolo incriminato, ad opera della magistratura trentina, fu possibile provare la responsabilità dell’aviazione americana. Il pilota, durante il volo, aveva con sè una videocamera. Riprendeva la sua faccia sorridente. Il giorno dopo distrusse immediatamente il nastro ed ogni prova circa i reali motivi del disastro.
Nonostante il superamento dei limiti di velocità e nonostante l’aereo volasse a 110 metri di altezza dal suolo contro un minimo obbligatorio di 609 metri, il pilota Richard Ashby e il navigatore Joseph Schweitzer vennero dapprima prosciolti, e poi condannati dalla Corte Marziale con la sola accusa di intralcio alla giustizia, per aver bruciato il nastro della videocamera. Il pilota prese 6 mesi. Dopo 4 mesi e mezzo era fuori. Nel 2008 entrambi hanno fatto ricorso per ottenere la reintegrazione e i tutti i benefici del trattamento finanziario destinato ai militari.


Noi, è vero, abbiamo Schettino, responsabile di un “inchino” mal riuscito che noi stessi abbiamo messo alla gogna per primi. Forse perfino troppo presto, perché la Costa Crociere e la Capitaneria del Porto di Livorno al processo dovranno spiegare tante cose. Ma il paese di David Letterman, che chiede al suo pubblico quanti di loro fossero inciampati e caduti nel teatro, ha sulla coscienza la strage del Cermis, che ha cercato di coprire in tutti i modi e per la quale oggi, a distanza di 14 anni, non ha pagato nessuno. Non fu anche quello, in fondo, un tragico “inchino”?
Ci sono tanti modi di non “salire a bordo” delle proprie responsabilità. Ma se proprio dobbiamo sceglierne uno, preferiamo lo stato confusionario e la paura di un uomo solo rispetto alla codardia di un’intero corpo militare, alla compiacenza di una intera classe giudicante ed alla scorrettezza di un intero Governo, quello degli Stati Uniti, che ha pagato i risarcimenti alle vittime solo quando vi si è trovato costretto dai trattati Nato, e solo per il 75% degli importi, liquidati dallo Stato italiano nella misura di 2 milioni di euro circa per ogni vittima.
Almeno, noi, un De Falco l’abbiamo mostrato al mondo. Sarà poco, ma è sempre meglio di niente.

39 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Io non sono ne Italiano e tantomeno Americano quindi sarei imparziale. Vorrei soltanto dire che condivido pienamente quello che hai scritto. Sarebbe giusto che qualcuno facesse presente al signor Letterman che esiste la strage di Cermis. Sarebbe giusto che anche lui leggesse questo articolo cosi’ capisce che almeno gli Italiani si prendono le colpe e non si nascondono.

    Saluti.

  • Gli americani sono notoriamente un popolo di mediocri facilmente manipolabili coi massmedia (ometto riferimenti all’Italia), come ad esempio il caso di Amanda Nox illustra egregiamente… gente che vive appresso agli show, che pensa ciò che gli si dice di pensare, che è patriotta verso una patria di altri (i pellerossa, sterminati e umiliati), che si spaccia per democratica e pacifista ma che di fatto è la più grande nazione guerrafondaia mai esistita, che causa oltre il 50% delle emissioni di gas serra del mondo (rappresentando, di fatto, la popolazione più pericolosa per l’integrità della biosfera…in altri termini: SONO IL NEMICO NUMERO UNO DELL’AMBIENTE, e siccome nell’ambiente ci siamo anche noi, sono anche un nostro nemico), che identifica nemici dovunque ci siano ostacoli per la loro bulimia di risorse energetiche ed economiche, che deruba le risorse di altri Paesi imponendosi militarmente. Da questa gente non dobbiamo imparare niente, anzi, dovremo imparare a tenerli a debita distanza ed isolarli, per il loro bene, e soprattutto per il nostro.

  • Questa storia mi fa tornare in mente pure quella di un certo Nicola Calipari… Abbiamo poi chiesto scusa per il suicidio del nostro agente segreto?

  • I comandanti delle navi (parlo di tutti i tipi di navi, da carico e passeggeri) sono schiacciati tra MINISTERO/CAPITANERIE DI PORTO E ARMATORI.

    Secondo voi MINISTERO/CAPITANERIE DI PORTO subiscono influenze da ricche compagnie di navigazione o dai sindacati dei marittimi??

    Sembra che leggi e regolamenti siano fatti ad hoc per gli armatori. 

    Laddove ci sono leggi a tutela dei lavoratori, queste vengono disattese. Il mare non è diverso da quello che succede sulla terraferma.

    Una volta le navi arrivavano in porto e sostavano settimane o mesi. Oggi ripartono dopo poche ore. Equipaggi massacrati da turni di lavoro, lontano dai loro cari, una vita che non si distanzia molto da quella dei carcerati. (i carcerati non vanno incontro a tempeste durante la navigazione).

    Riconosco l’errore del Comandante Schettino, ma non ho mai visto tanto accanimento contro la classe politica che ha fatto molti più danni di Schettino..

    http://www.serviziopubblico.it/i_fatti/2012/01/22/news/il_lato_oscuro_delle_crociere.html?cat_id=9

  • e se avessero solo il Cermis sulla coscienza sarebbe un lusso….

    i morti non si contano e li hanno sparsi in tutto il mondo i ‘grandi’ stati uniti…

    jugoslavia,kuwait,afghanistan,iraq,libia solo per dirne alcuni recenti,piu tutte le guerre e guerriglie finanziate ‘non ufficialmente’…e poi ci vogliamo mettere anche gli auto attentati…11 settembre sopra a tutti….e l’elenco potrebbe continuare per ore e ore….

  • Ma a David Letterman lo hai mandato il tuo commento? Io gli ricorderei anche come il suo paese ha gestito l’11 settembre, emergenza quasi piu’ grave della “Concordia”: il comandante (Bush) era con la faccia imbambolata a dire fesserie in una scuola e non e’ stato capace di fare nulla. Salvo poi scatenare due guerre inutili e abolire la meta’ dei diritti costituzionali del suo paese per acchiappare un pugno di mosche. Se poi dovessimo approfondire tutto, su quella vicenda………altro che il vile Schettino!!!

  • Gli Stati Uniti d’America probabilmente sono un paese popolato da ipocriti che mentono a se stessi non sapendo di mentire. Il più grande popolo che usa la contraddizione senza conoscerne il significato. Gente con poca fantasia ma con mille prcedure, una per ogni evenienza. Gente dalla risata facile se deve denigrarti, ma dal broncio altrettanto facile se gli fai una osservazione.

  • Quando dei sanguinari, menefreghisti guerrafondai cercano di insultarci, mai registrare la comunicazione e ritrasmetterla alla fonte.

    Sicuro che la prendono come “dichiarazione di guerra”..

  • A questo giro sono d’accordo con voi! Su tutto!! 

    A) le responsabilità sono molteplici.

    B)gli americani non hanno proprio nulla da insegnare sul fronte dei comportamenti!! 

    Per quanto il comico in questione mi stia simpatico, gli americani devono capire che vevono smetterla di sentirsi superiori al resto del mondo!!!

  • Inoltre non bisogna dimenticare che la Costa Cioncordia era di proprietà della Carnival ossia una società americana.

    Se comandente era italiano gli altri membri dell’equipaggio erano di varie nazionalità (compresi gli imbarcati in nero) e l’organizzazione è americana ivi compresa la tolleranza all’uso dell’ “inchino” e la  confusione sulla lista dei passeggeri.

    Quiindi se noi piangiamo dalla vergogna gli americani hanno poco da ridere.

  • Finalmente sì! Quoto su tutta la linea. Se l’errore di un uomo deve rappresentare un intero popolo, che ciò sia fatto sempre. O mai.

     

     

  • Gli States hanno sempre occultato, deformato o insabbiato ogni caso che li vede coinvolti penalmente.

    Un altro, più recente, è il caso Calipari.

    Parlano di democrazia e accusano tutti di non esserlo. Si ergono tanto a modello ma hanno gli armadi pieni di scheletri! 

    Di stragi di innocenti e di civili (tipo i bombardamenti “intelligenti” e l’uranio impoverito).

    Perpetrando crimini di guerra e contro l’umanità e, badate bene: senza mai pagare, e con pagare intendo essere processati !

    Noi avremo pure il nostro Scvhettino, che molto probabilmente incarnerà il 99% degli italiani, ma loro sono molto, moooolto peggio !

  • byoblu :

    ”  Noi, è vero, abbiamo Schettino, responsabile di un “inchino” mal riuscito che noi stessi abbiamo messo alla gogna per primi. Forse perfino troppo presto, perché la Costa Crociere e la Capitaneria del Porto di Livorno al processo dovranno spiegare tante cose.”

    Indubbiamente non è solo la colpa di Schettino, ma per dirla con le tue parole ” Non gli ha detto il medico di fare il comandente”. Lui sapeva perfettamente che quello che faceva ogni volta era pericoloso e lo sanno tutti, però ha preferito lo stipendio invece di dire io me ne vado mi cerco un altro posto, perchè io in questo gioco non ci sto io non oltre passo i limiti.

    • Ci sono tanti modi di non “salire a bordo” delle proprie responsabilità. Ma se proprio dobbiamo sceglierne uno, preferiamo lo stato confusionario e la paura di un uomo solo rispetto alla codardia di un’intero corpo militare

      non è perchè ha un passaporto Italiano gli devi trovare una scusa……………è un delirio…………..Lascia stare l’orgoglio…chi ammazza una persona o dieci o 100 è sempre un assassino !!!!……non c’è questo è un pò assassino e l’altro lo è di meno!!!………era consapevole di quello che faceva !!!………Claudio dov’è la tua serenità nel giudicare?

  • Claudio avevi fatto la stessa cosa quando la coppia Merkel sarkozi hanno riso di Berlusconi….ed è successo lo stesso scenario tra Monti e il premier inglese LO STESSO IDENTICO scenario hanno riso della Merkel e non ti ha scandalizzato !!!

  • Anas E. ha scritto :
    … Lui sapeva perfettamente che quello che faceva ogni volta era pericoloso e lo sanno tutti, però ha preferito lo stipendio invece di dire io me ne vado mi cerco un altro posto, perchè io in questo gioco non ci sto io non oltre passo i limiti.

     

    A me sembra che ti sfugga totalmente l’oggetto dell’articolo, che non è Schettino bensì l’operato dei media internazionali che hanno fatto di lui l’italiano tipo.

     

  • Il popolo degli USA è così lontano dalla propria classe dirigente che noi in confronto con i nostri politici siamo parenti.

    Il problema si allaccia alle vicende che accadono proprio in questi giorni e che vedono la Germania intenta e preoccupata ad accaparrarsi (ricattare?) quanti più stati cuscinetto possibile per i futuri voti alla presidenza del consiglio europeo, tuttavia è presumibile ammettere che, come per il popolo statunitense, anche noi europei saremo destinati al vero distacco di classe. I governatori avranno per un periodo non meglio determinato l’immunità d’ufficio, questo li preserverà da responsabilità ed abituerà il popolo al concetto di immutabilità degli eventi, così che una nuova forma mentis si diffonderà dal portogallo all’Albania. Il presidente europeo sarà visto come il papa, si scriverà quando è stato da qualche parte per la prima volta e se farà una battuta verrà stampata in tutte le lingue europee.

    Il popolo americano ha sempre creduto, ingenuamente, alla democrazia come massima espressione di civiltà, lo vediamo nei film, nella letteratura ed anche nelle invenzioni e verosimilmente anche nella finanza, amano la loro civiltà anche se logora dalla corruzione e dalla solitudine delle masse, la amano anche a discapito dei più deboli, l’importante è far sopravvivere la civiltà americana.

    Pertanto, qualora qualcuno di voi ammetta che ci può essere del vero in quel che dico, io al vostro posto esiterei a dare dei giudizi che così poco si discosteranno da quelli che dovrete dare delle nostre nazioni.

    La Class Action è un risultato dal basso del popolo americano, come lo sono tante altre cose, che ogni giorno facciamo, leggiamo, mangiamo. Noi siamo come gli ebrei per i cristiani, senza il cristo non sarebbero esistiti, così noi, senza stati uniti oggi saremmo forse tutti tedeschi. Siamo il risultato all’europea dell’americanizzazione post bellica.

    E comunque, siamo e restiamo tutti solo esseri umani, forse qualcuno di voi può non morire? anche loro schiattano, l’altro giorno ne hanno perso uno di 93 anni, e detto fra noi, la reversibilità ci costerà di meno.

  • che aspettarsi?

    da un sistema che respinge come pericolosi nemici dei turisti che twittano "Distruggerò l’America"… da un sistema che per farti entrare ti sottopone a un test in cui ti domanda se sei un terrorista o narcotrafficante o se intendi compiere attentati. Beh si, chiaro che il vero terrorista risponde "si" e quindi da loro li fermano alla frontiera e il terrorismo non esiste!

     che ci aspettiamo da un sistema del genere se non arroganza e idiozia. Gli USA sono solo una gallina piazzata dentro un carro armato. Riesce a fare quel che fa solo per forza bruta e mezzi.

  • Concordo con quello che hai scritto, Claudio, io però lo manderei davvero a Letterman,  corredato dal link al film “Zeitgeist Addendum”

  • Ciao Claudio,

    circa 3 ore dopo il tuo articolo, è andato in onda su NatGeo il programma: “la strage della funivia” 

    http://natgeotv.com/it/la-strage-della-funivia

    Dimmi il tuo trucco.

    Provo a dare una spiegazione: Hai visto in anticipo la pubblicità su SKY di questo servizio e hai deciso di fare un ottimo approfondimento, prima della messa in onda. Dimmi che ci ho azzeccato..

     

  • D’accordo fra la differenza fra la codardia di un uomo e la pretesa di impunità di un intero sistema.

    Ma la nave Italia ha picchiato contro gli scogli perché l’intero equipaggio ballava, fornicava e si sballava mentre la nave si avvicinava alla costa guidata da quel “pilota automatico” modernissimo che sarebbe il mercato.

    E a differenza della Concordia, sulla nave Italia non c’è stato nessun ammutinamento, nessunissimo tentativo di abbandonare la nave in tempo utile.

    Infatti ci siamo ancora aggrappati alla nave che affonda affidandoci all’eroico e competente Comissario di Bordo Monti.

    Siamo un intero popolo che non si vuole rendere conto della realtà. Basta che ci sia qualcuno (il 95% della stampa) che gli dice che va tutto bene madama la marchesa.

    I giovani, che sono già immersi fino al collo, al 60% dicono che sarebbe ora di abbandonare la nave e andare all’ estero, ma solo (relativamente) pochi lo fannoi

    Dovremmo radunare tutto l’equipaggio e ufficiali e chuderli nei saloni (leggi: circondare i palazzi). Poi fra 60 milioni di marinai vuoi che non saltino fuori quelli con competenze VERE capaci di portarci piano piano fuori dai guai. 

  • Guit :

    Finalmente sì! Quoto su tutta la linea. Se l’errore di un uomo deve rappresentare un intero popolo, che ciò sia fatto sempre. O mai.”

    Ti sbagli, è l’errore di tutto un sistema corrotto e irresponsabile, i capi di Schettino sapevano, quelli del porto lo sapevano e nessuno ha detto NO.

    In Italia ogni stagione salta fuori uno scandalo nel mondo dello sport allo show a quello politico…..Loro Giudicano gli Italiani a partire da questi scandali. Non solo per colpa di Schettino …..è tutto marcio e la gente non si lamenta e non chiede conto e alcuni nemmeno si indignano, anzì dicono se fossi io al posto di quello avrei fatto lo stesso!

     

  • Byoblu:

    un intero Governo, quello degli Stati Uniti, che ha pagato i risarcimenti alle vittime solo quando vi si è trovato costretto dai trattati Nato, e solo per il 75% degli importi, liquidati dallo Stato italiano nella misura di 2 milioni di euro circa per ogni vittima. “

    Perchè in Italia non funziona così?

    Per tutte le stragi di tensione che sono successe da Piazza fontana a quella della stazione di bolognaa quella di via d’amelio,quella di capaci, Ustica….il “terrore” del G8 di Genova al terremoto dell’Aquila, alla morte di Ilaria alpi ai soldati Italiani morti in Iraq e in afganistan a Quello ammalati di Leucemia del Kosovo….Chi ha pagato? a parte qualche capro espiatorio gli altri sono saliti di grado o sono diventati senatori a vità. ci sono dei processi in corso forse aspettano la prescrizione?

    Stiamo parlando della stessa Italia o parlate di un’altra che io non conosca?

     

  • Noi ci dobbiamo sorbire una programmazione televisa totalmente americanizzata, una inculturazione totale su ogni aspetto dell’esistenza, il salutismo e la medicalizzazione sociale, il neo-puritanesimo, il dileggio di ogni nostra tradizione, per far piacere a lor signori americani, e in cambio siamo spaghettari codardi?

    Ma un po’ di dignità italiani, quando la tirerete fuori? sempre lì a dare ragione al primo straniero che passa.

    E per quanto attiene la liberazione, e quella strana teoria che ho letto per cui ebreo sta a Cristo come italiano sta a Stati Uniti (?), la guerra i tedeschi l’avrebbero persa lo stesso, ma ho sempre nutrito gratitudine verso tutti quei ragazzi che vennero qui a morire, sessant’anni fa, per combattere contro un nemico comune.

    Ma non per questo mi devo beccare, come italiano, gli insulti.

     

     

  • Guit ha scritto :
      “[…]e quella strana teoria che ho letto per cui ebreo sta a Cristo come italiano sta a Stati Uniti (?), la guerra i tedeschi l’avrebbero persa lo stesso, ma ho sempre nutrito gratitudine verso tutti quei ragazzi che vennero qui a morire, sessant’anni fa, per combattere contro un nemico comune. Ma non per questo mi devo beccare, come italiano, gli insulti.    

    perdonami e passami la precisazione, forse mi sono espresso male e mi sono lasciato andare a paragoni fuori luogo, in realtà volevo significare che la nostra attuale situazione sociale, non è niente altro che l’espansione e l’evoluzione della società post bellica nata sulle ceneri di una secolare cultura italica sostituita da una pseudocultura commerciale statunitense.

    Comunque chi sarebbe il nemico comune? e chi avrebbero salvato quei poveracci mandati qui nel ’44 a morire? Mi trovo spesso a precisare che l’Italia è partita fascista, ha “perso” la II guerra mondiale, anche se, come mia moglie mi insegna, nessuno vince in una guerra…

    L’articolo su Byoblu, è solo la rappresentazione di una caricatura che echeggia in tutti gli angoli del globo e non da ora, non da 20 anni, ma da prima della ‘900, la strana indignazione “Schettino” non parte dagli USA ma da qui, come se orientare l’attenzione su altro possa far dimenticare al popolo ciò che sta accadendo… e forse in effetti sembra essere così..

    Non cadiamo in queste trappole mediatiche, mi sento di dover ricordare a chi legge che il nazismo ed il fascismo, ottennero l’affermazione popolare tramite la propaganda.

    Anche se più raffinata, questa è propaganda nazionalista, la tua reazione ne è la prova. Oggi Monti ha affermato che sta rinascendo l’orgoglio di sentirsi Italiani.. a cosa si riferiva? chi a detto cosa? per amor proprio od orgoglio si commettono anche consapevoli errori, poichè l’orgoglio viene assimilito ai pregi, ha pertanto un’accezione positiva, una visione di coerenza a tutti i costi.. che invece, è pacifico, rappresenta solo l’involuzione del democratico dibattito sociale.

    Siamo uno strumento nelle loro mani solo se ci risparmiamo di riflettere…

  • Allora cosa dovremmo fare noi romani, se il tempo non può cambiare le cose? Quando vediamo un tedesco lo dobbiamo odiare per le ardeatine?

    Se dobbiamo andare avanti a stereotipi non se ne esce più. Se c’è qualcuno a livello internazionale che sta usando un neo-populismo anti italiano, dobbiamo saperlo riconoscere, avere una dignità, e dirci contro.

    Gli apprezzamenti e le valutazioni verso il popolo americano, verso chiunque altro, fanno parte di un’altra discussione. Qui si parla di strumentalizzazione da parte di poteri, che utilizzano il luogo comune per indebolire le identità nazionali in favore del Nuovo Ordine Mondiale. E’ ora che la gente si dia una svegliata, ed è ora che quando uno si fa la barba al mattino, davanti allo specchio, un italiano, non si debba leggere come un pentito, un mancato cittadino USA che ha avuto la sfiga di nascere qui. Sennò me lo dite subito e me ne vado pure io.

     

     

     

    • Se dobbiamo chiamare le cose col proprio nome, dovremmo dire che non sono gli americani il problema, ma il mercato finanziario internazionale…

      Ora iniziamo a fare un po’ di ricerche e rispondiamo a queste domande?

      Chi pompa risorse in questo sistema?

      Che identità hanno i consiglieri, i presidenti, i soci, di questi gruppi bancari?

      A cosa servono le fondazioni bancarie?

      Cosa è la fiducia sui mercati finanziari?

      Perchè oggi lo spread è a 385 mentre una settimana fa era oltre 500? e cosa ci frega del differenziale di rendimento con i bund tedeschi?

      Come si spostano i capitali e soprattutto perchè?

      Una volta trovate le risposte potresti sentirti maggiormente consapevole di cosa ti accade ma dopo devi chiedere qualcosa a te stesso:

      perchè pensi che “la gente debba darsi una svegliata”?

      perchè non suggerisci una soluzione?

      Cosa si potrebbe fare per contrastare questi poteri dal basso? ma soprattutto perchè?

      Hai mai pensato alle conseguenze di un capovolgimento governativo da parlamentare a finanziario?

      Ora concludo dicendoti, che la nostra energia, la nostra rabbia non si deve esaudire o sfogare tra le righe di un blog, ma deve uscire fuori, essere canalizzata, organizzata, propagandata tra le strade, i bar, gli ospedali, le scuole, serve una rivoluzione sociale che parta dalle menti.

      Gli strumenti ci sono, sembra ci siano anche le volontà, manca un organizzatore, uno per città o forse per quartiere.

      Il Movimento a 5 stelle potrebbe fungere da caposaldo per i comitati popolari e esercitare dove può la rappresentanza nei consigli comunali.

      Serve, oltre che allo scrivere l’agire!

  • Tanatx ha scritto :
    … perchè pensi che “la gente debba darsi una svegliata”? perchè non suggerisci una soluzione? Cosa si potrebbe fare per contrastare questi poteri dal basso? ma soprattutto perchè? …

    Perché sono convinto che il problema sia epocale e di natura culturale, tale per cui nessun partito può da solo ambire a risolverlo. O lo fanno tutti o non succede niente. E sicuramente non succederà niente, perché, perdonami è la mia idea, il movimento 5 stelle, che pure rispetto, è portatore degli stessi valori di base degli altri. Vi vedete CSI Miami come tutti e non sapete nemmno più chi è Pulcinella (uso il voi come generalizzazione, ovvio). Ma di quale Italia e cultura andiamo parlando? Di quale paese civile? Non siamo un paese ma una colonia, una portaerei, uno scolapasta.

     

    • Beh, che il M5S sia portatore degli stessi valori degli altri, mi sembra un’affermazione un po’ tirata! Anzitutto perche’ combatte i partiti per quello che sono (confraternite di affari e di potere) e poi perche’, ad esempio, e’ l’unico che rifiuta quasi due milioni di finanziamento pubblico proprio per non assimilarsi agli altri che con la politica e gli imbrogli, ci campano

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi