Quella complottista della Gabanelli

Si era agli inizi di novembre e i governo di due stati sovrani, l’Italia e la Grecia, erano stati ribaltati ad appena 48 ore di distanza l’uno dall’altro. Al loro posto, si erano insediati due uomini legati al mondo degli affari e dell’economia, entrambi provenienti da un’organizzazione mondiale che aveva ufficialmente accusato la democrazia di essere la causa dell’inefficienza delle burocrazie nazional: la Commissione Trilaterale. Era troppo, per essere liquidato come una singolare coincidenza o come il naturale effetto delle logiche neoliberiste dominate dall’adorazione del dio Mercato.
Scrissi un post, Tutto Tranne Democrazia, e girai un video, Il Grande Golpe Globale. Mi invitarono a Servizio Pubblico e successivamente a Matrix. Immediatamente il Corriere della Sera, l’organo di informazione che aveva portato Mario Monti al potere, per il tramite della raffinata penna di Pierluigi Battista mi attribuì la carica di più grande complottista del secolo. Ad alcuni bastò per liquidare la questione, ma per altri un po’ meno faciloni non era così semplice. Non c’erano alieni né illuminati che ingoiavano topolini vivi: c’erano conflitti di interesse giganteschi, c’erano attività di speculazioni macroscopiche, c’era in ballo il primato della politica sull’economia, ovvero il benessere dei popoli contro il benessere di pochi spregiudicati criminali.
Oggi, dopo che la tecnocrazia della Commissione Trilaterale ha mostrato a tutti il suo vero volto, affamando i popoli per compiacere le banche e saldare i debiti con i grandi usurai che muovono le borse, e mentre milioni di persone iniziano a rendersi conto che è necessario cercare una soluzione diversa, prendendo le distanze dai leader che hanno dimostrato di non saper fare l’interesse dei cittaini (come stanno facendo i francesi con Sarkozy), i temi che affrontai già sei mesi fa stanno affiorando anche nei programmi di informazione più seguiti, con le medesime identiche argomentazioni.
Ieri sera Milena Gabanelli ha parlato di Commissione Trilaterale, del rapporto Crisis Of Democracy, di Monti e Papademos. Forse, se i mezzi di informazione avessero più coraggio, preso atto del meccanismo diabolico di cui siamo diventati schiavi, anche in Italia si potrebbe iniziare a parlare di soluzioni possibili, dove per mantenere il priviliegio di pochi non sia indispensabile rendere schiavi tutti gli altri. Dove andranno a nascondersi, i vari Pigi Battista, quando la storia avrà chiarito da che parte stavano?

34 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La gabanelli è stata infamata così tanto dopo la puntata sull’eliminazione del contante che sono corsi ai ripari.

    Piccola curiosità: se andate sul sito di report nella sezione puntate integrali avete la lista degli episodi disponibili in streaming. Se passate con il mouse sopra le foto viene fuori un piccolo riassunto dei temi trattati. Provate a passare sulla foto della puntata della scorsa settimana. E si, nessun riassunto su come va eliminato il denaro contante, che si vergognino pure loro come ladri dopo essere stati infamati dal 99% di internet e non? 🙂

    • qua si devono vergognare tutti? Insomma…non esageriamo: si perde credibilità, poi…. Milena ha sempre fatto servizi di giornalismo di inchiesta in condizioni difficili…

  • Sì, la televisione arriva dopo,e giornalisti “scomodi” è difficile che vengano messi in condizioni di farsi veramente capire, com’è successo quella volta a Matrix…

    Mi immagino Barnard mentre sente la Gabbanelli su questi argomenti oggi, quando una decina d’anni fa, lui diceva le stesse cose ed è stato abbandonatoda da lei…Penso che se la Gabbanelli oggi si prende questi “rischi” è perchè a dirlo non rischia più di tanto…Segno che si stanno facendo maturi i tempi..

  • ma pigibattista, è un ruffiano, sia di faccia che dentro, basta vedere da chi è stipendiato…oltre naturalmente al finanziamento pubblico, che verso gentaglia come lui è permessa

  • penso anche che il pigi leccalecca abbia anche un bel pò di invidia nei tuoi confronti, se dovrebbe fare un blog lui lo leggerebbero i suoi parenti e battisti e camerieri vari…e gli zerbini

  • Sei un grande Claudio! Anche la Gabbanelli ci è arrivata dopo di te.

    Se fossimo in un paese meritocratico i padroni del Corriere dovrebbero prendere a calci in culo i loro giornalisti…ma ovviamente costoro sono solo i loro servi…come mai potrebbero farlo?

    Claudio docet!

     

  • Ciao Claudio, assolutamente d’accordo con te.

    Ma come diamine si spiega che, secondo i sondaggi, se Monti si presentasse alle elezioni vincerebbe?

    Pensavo fossero sondaggi taroccati e invece parlando con un po’ di persone, soprattutto del tipo che si fida ancora di giornali e telegiornali mainstream sembrano del tutto plausibili… -sic-

     

  • Duccio A ha scritto :
    Ciao Claudio, assolutamente d’accordo con te. Ma come diamine si spiega che, secondo i sondaggi, se Monti si presentasse alle elezioni vincerebbe? Pensavo fossero sondaggi taroccati e invece parlando con un po’ di persone, soprattutto del tipo che si fida ancora di giornali e telegiornali mainstream sembrano del tutto plausibili… -sic-  

     

    Si spiega perchè questo è un paese di vecchi rincoglioniti dalla tv negli ultimi 30 anni.

  • Mi dite che funzione ha la tv main stream, quando arriva a raccontarci cose che già sappiamo?

    La funzione della tv non è piu’ giornalistica, ma piu’ che altro di certificazione e di sdoganamento.

    Dopo che molte persone si sono prese appellativi come complottisti e vaneggiatori, arriva “mamma tv” a certificare cosa non è complottismo.

    Quando la tv mi racconterà cose che non so, magari mi farà un po’ piacere.

  • Quelli come Pigi Battista vengono invitati nelle trasmissioni tv, alla faccia nostra e di chi vorrebbe un minimo di approfondimento e di confronto. Anche oggi, ad esempio, all’infedele a parlare dell’Argentina chi ci sarà? Ho seguito un po’ la trasmissione del sabato pomeriggio su rai 3, dove si parlava di Grillo e dell’antipolitica, dove il solito Lerner si sfogava nell’attaccare Grillo: peccato che non approfondisse nè confutasse le idee, liquidando il tutto come populismo e ricordando mani pulite , e andando contro la Lega (che definisce ,ormai, morta) ,faceva presente che in tv, oggi come all’inizio degli anni 90, in tv si può fare satira , cosa che in tempi anche recenti è stato impossibile (si riferisce alla canzone di Elio e a Crozza e altri). Ritengo che non ci siano voci autorevoli che oggi abbiano il coraggio di criticare apertamente la politica di Monti e del suo governo: anche chi non appare d’accordo, si limita a rinviare il proprio giudizio quasi ad aspettare che le cose si aggiustino da sole. Invece criticando con argomenti e non con attacchi ad personam in stile Grillo o Travaglio, ma chiamando le cose per nome , anche chi è digiuno su certi temi può capire che cosa non va e cosa ,al contrario, andrebbe fatto. Non è un invito a trasmettere documentari sull’economia, ma a scendere sul piano pratico e concreto: uno che ha delle cartelle da pagare e non ha soldi che cosa deve fare? Da qui in poi si può parlare di cose vere e reali.

  • la gabanelli…..mmm..

    fa la parte signori..ricordatevi che è la stessa che pochi giorni fa’ ha detto che x

    sconfiggere l’evasione deve sparire il contante..

    vai al bar e strisci,in edicola strisci,in panetteria e srisci finche’ non strisceremo noi…

     

  • GiuseSimo ha scritto :
    Sette anni fa e iniziato quel processo che ora sta dimostrando come la realta sia la razionalita e la razionalita sia la realta non sono daccordo con chi afferma che i media siano oggettivi o soggettivati in maniera aggettivabile in ultima istanza ad un figura di figura figurabile basta la storia ci insegna che ma che c’insegna la storia c’insegna ma che cosa che cosa che cosa vi chiedo la storia non ci insegna nulla grazie

     

    Hai dimenticato di aggiungere: lasupercazzolaprematurataconscappellamentoadestra.

    Per il resto sono d’accordo.

    Salutamassoret

  • Però si sono limitati a spiegare le funzioni della Trilateral senza toccare il Bilderberg…

    Sto ancora aspettando che qualcuno faccia vedere in TV il filmato in cui Schulz conferma la truffa della BCE, con conseguente dibattito sul tema. Claudio, proponilo a l’Ultima Parola visto che tu sei in confidenza con Paragone; magari invitando quel simpaticone di Giannino con i suoi anelli teschiati.

  • Per chi avesse perso la puntata di in onda su la7 di 2 domeniche fà, metto il link di 5 minuti di video in cui Giulio Sapelli con poche parole distrugge mario monti e le sue capacità “intelettuali”. Da ascoltare.

    Mauro

    • grazie, l’ho visto per intero e posso dire che rispecchia il pensiero della maggioranza di persone che si lamentano di quest’andazzo di sole tasse…con la differenza che stavolta l’ha detto un economista!

  • la storia puo tornare utile per spiegare tante cose. attenzione:con un pizzico di creatività la si puo usare per spiegare tutto e il contrario di tutto. Sta a chi scrive e a chi legge cogliere un senso apprezzabile al riferimento.

    dai tempi che furono le comunità organizzate hanno teso a rimpinguare le proprie risorse con le conquiste di  nuovi territori. Col tempo, gli stati hanno cominciato a modificare le proprie conquiste in base al rendimento da trarre dalla conquista stessa.I porti, le miniere, terreni fertili etc etc. 

    Adesso si è passati alla piu sottile guerra finanziaria.Quella attuale è difficilmente comprensibile ai piu.Ecco che un tecnico al nostro governo puo tornare utile alla nostra comunità; ma sembra una scelta piu imposta che strategica. O strategica per altri che muovono i fili, e che subirebbero i danni di una caduta greca o italiana: ovvero i tedeschi. Solo loro? anche gli Usa mi paiono alquanto interessati. Dai movimenti di ricchezza parrebbe una guerra est-ovest, una guerra dei piani alti. I cui effetti sono i medesimi di quelli portati a Roma dall’espansione e dalle mire mondiali. Non esiste via d’uscita. Il sistema è questo: vincerà la comunità che avrà piu assi nella manica, e potrà sfruttare una comunità piu adeguata a questa nuova guerra. La Cina mi pare molto piu avanti, ma non ha granchè esperienza dei piani alti a livello globale.

    Per il momento non ci resta che stare a guardare; cercando ove possibile di incidere per far prevalere alcuni valori insopprimibili nella nostra piccola comunità: onestà, trasparenza, condivisione…..e far sparire dalla circolazione quei ladri di galline dei nostri “politici”

  • Ma che STR…A!

    Proprio una settimana fa chiedeva a Monti di eliminare il denaro contante in perfetto stile NWO, come vuole la “troika” Bilderberg-CFR-Commissione Trilaterale!

    • La Galbanelli non si ricorda una cosa molto importante; Ossia quella che tutte le transazioni non devono passare tramite le banche ma tramite il ministero del tesoro. Le banche non devono assolutamente essere a conscenza della nostra privacy poichè questo darebbe un grande potere di controllo sia economico che sociale, e questo non è assolutamente ammissibile.

      Poi Pensa allo stato ed ai cittadini. Hai guadagnato 100!, hai speso 80! su venti paghi le tasse. senza denuncie dei redditi o altra cazzata simile. Tutto viene fatto alla fonte e dalla fonte tutto parte.

  • Peccato Claudio…forse hai perso il titolo di “Più Grande Complottista Del Secolo”…

    Ma vedrai che presto approderai a Report, magari per spiegare come mai tanta gente ha protestato per la puntata sull’eliminazione del denaro contante!

  • ok è una delle poche che ne parla in tv,ma si sono accorti che hanno detto una cosa gravissima ?? se si è certi di quello che si sta dicendo,bisognerebbe parlarne in modo serio,non 4 minuti di filmato con parole velate dal mistero

  • Dopo la vergognosa e filo-governativa puntata sul denaro elettronico, preludio del marchio, la Gabbanelli tenta di ricostruirsi un’immagine con qualche lenocinio sulla cospirazione globale, senza, però, citare i Gesuiti. Patetica oltre che per nulla credibile.

     

    Cordialità

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi