Chi, Amato? Quello che voleva depenalizzare il finanziamento illecito ai partiti?

 

articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Si dice che la politica sia una cosa difficile, che servano persone preparate ed esperte per prendere le decisioni più giuste. Ma forse basterebbe molto meno. Anziché introdurre l’IMU, ad esempio, o innalzare l’IVA e aumentare le accise sulla benzina, costringendo un disoccupato al giorno a togliersi la vita e 140mila aziende in chiudere in tre mesi, forse sarebbe bastato copiare.
Il 13 aprile l’Austria ha siglato un accordo con la Svizzera in base al quale può prelevare una quota una tantum sui capitali esportati nelle banche elvetiche dagli evasori fiscali. La  quota è stata fissata al 30%, cioè sei volte quello che Tremonti aveva imposto alla mafia attraverso lo scudo fiscale e che Monti si è sentito in dovere di correggere soltanto dell’1,5%. Se invece i tecnici super efficienti che ora dirigono il nostro Stato avessero copiato dall’Austria, avrebbero potuto recuperare una quisquilia come 50 miliardi di euro, cioè 10 miliardi in più rispetto alla finanziaria che il governo ha da poco varato. Senza effetti recessivi e in ossequio all’equità vera, non a quella solo sbandierata.
Populismo? Qualunquismo? Sarà, ma Hollande in Francia ha dimostrato che si può anche rischiare di vincere avanzando proposte che non implichino per forza la più bieca macelleria sociale operata sulla classe media, come ad esempio l’aliquota del 75% per chi guadagna più di un milione di euro. In Italia si sarebbe preso subito del demagogo, o magari del gabibbo. O entrambi. Sta di fatto che, al di là delle facili promesse in vista del ballottaggio, quello di Hollande è stato un messaggio forte e chiaro: non ci sono caste di intoccabili.
Da noi, invece, i messaggi sono altri. Per esempio, nominiamo un signore che guadagna 31mila euro al mese di pensione (quindi soldi pubblici) come super tecnico per regolamentare l’afflusso dei cosiddetti rimborsi ai partiti (quindi soldi pubblici). Uno che drena risorse come un’aspirapolvere, dunque, ma soprattutto uno come Giuliano Amato, che propose di depenalizzare il finanziamento illecito ai partiti e sotto la cui guida il debito pubblico salì di 220.357 miliardi. (leggi: “Se c’è Giuliano Amato, stiamo tranquilli )
Che messaggio sarebbe, dunque, il nostro? Il solito, ho capito…

25 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Amato chi? quello che insieme a Monti, Daghi, Prodi, ha contribuito a creare l’euro così com’e? Gia’, proprio lui.

    E’ proprio vero: a volte ritornano…

    Se continuano di questo passo richiameranno Andreotti…

    Non mi dite che l’anno prossimo sara’ Amato il nuovo capo dello stato, non ci posso credere… bisognerebbe fare una legge che non permetta l’elezione ad una carica così importante a chi assomiglia ad un topolino e che venga chiamato “dottor sottile”, vi prego!

    A parte le battute, la situazione  sta’ degenerando ogni giorno di piu’, questi sono fuori dalla realta’. Oppure sanno benissimo che l’italiano non si ribellera’ e quindi proseguono nei loro giochetti di palazzo chiamando gli amici degli amici.

    • Anch’io ogni volta che lo guardo penso che assomuigli a un topo! (topastro, non topolino)

      Non sono invece d’accordo sul fatto che gli italiani si ribelleranno, li hanno ben rincoglioniti col calcio ed altro che non nomino. E cattiva informazione.

      Forse si può sperare solo nel Movimento 5 stelle, ma aspettiamoci che gli faranno una guerra senza esclusioni di colpi, comprese leggi ad hoc, come hanno sempre fatto…

      Io comincio a sperare in quello che dicono alcuni, che ci aiuteranno gli extraterrestri…

  • Purtroppo adesso la soluzione è quella delle tasse per tutti noi. Quelli che guadagnano di piu devono pagare di piu. Se guadagni 2 invece che 3 milioni, vivi lo stesso da nababbo.  

    Non c’è via di scampo. Per adesso tasse, solo quelle possono salvare tutti a discapito di una buona percentuale di persone che ne soffriranno! Ahimè sarà un discorso freddo e cinico ma se dobbiamo salvarci bisogna tagliarci una gamba.

    Una volta ripresi(e non c’è dubbio che questo accadrà), dico anche uno cosa banale, la soluzione è semplice: ridurre gli sprecchi nella pubblica amministrazione. Tagliare tagliare e tagliare!!! Cambiare il sistema da quello dello raccomandazioni a quello meritocratico. Se queste cose non le faranno siamo al punto di partenza con conseguenze inimmaginabili.

    Saluti,

    Evald

  • Per i più giovani, vorrei acnhe sottolineare, che amato è stato colui che ha inventato nei primi anni 90 l’ISI che poi è diventata ICI e il prelievo forzoso dai conti correnti di un’aliquota che mi pare fosse il 3×1000.

  • Amato è un ruba quattrini. Fin qui siamo tutti d’accordo! 

    Sull’Austria non so, la Svizzera nicchia: le banche spostano i conti all’estero mantenendone la gestione. Se funzionasse anche solo parzialmente, però, perché no? Monti disse che ci stava pensando…. è un po’ lento a pensare….

    Su Hollande: sì, quella è demagogia e gli  i suoi stessi colleghi di partito glirlo hanno fatto notare. Sono altre le misure utili per cui conviene votarlo: una su tutte la riforma della BCE per renderla più simile alla FED. Oltretutto vuole rompere il Fiscal Compact che tanto è vituperato su quetso blog. 😉

    • Basta bigalfry! adesso inizi pure a dire che non bisogna andare a prendere i soldi di chi scappa in svizzera ma cosa hai in testa sei forse un banchiere travestito secondo me sto iniziando a pensare che si. basta basta basta spero che byo e gli altri commenters di questo blog si accorgano di quella che a me sembra solo la verita fai finta di essere una persona seria per spargere zizzania e per promuovere il pensiero del nwo e dei poteri forti come goldman sachs e amici cari. 

    • per cortesia Giuseppe, puoi gentilmente esprimere il tuo pensiero con un carattere piu’ umano?!

      Mi tocca muovere troppo la rotella del mouse per avanzare, rischiando così l’artrite all’indice.

      Grazie

  • Politici!! Tutti quanti,sarebbe ora di finirla con questa farsa.con questa pagliacciata!!!!!

    Lo sapete benissimo dove andare a prendere i soldi!!!! Non prendeteci in giro!!! Lo st

    ate facendo gia da troppo tempo!!

  • Amato, che il Signore l’abbia in gloria, è quello che nel 1992 (assieme a Cipolletta, Pallesi, Draghi: era presente anche Costamagna che diventerà dirigente di Goldman quando sua moglie finanzierà la campagna di Prodi) oltre che fotterci il 6xmille sul conto, a SVENDUTO l’italia agli angli comodamente ospitato sul Britannia, prestato per l’occasione ai”British Invisibles” e ormeggiato al largo di Civitavecchia. Da allora è iniziata la rovina. Tutte le maggiori aziende ci sono state scippate. L’IRI ad oggi sarebbe la maggior multinazionale al mondo e noi non saremmo un paese in svendita. Mandiamo il “dottor Sottile” dove si merita: a….o!

  • Carissimo Claudio,

    seguo il tuo blog piacevolmente e con avidità da ormai parecchi anni. A dir poco fantastico! Sei la mia fonte quotidiana di informazione e non posso esimermi dall’esprimere la mia più grande ammirazione e stima nei tuoi confronti.

    Questa è la prima volta che scrivo nel tuo blog. Non l’ho mai fatto principalmente perchè credo che i tuoi articoli siano così completi e piacevoli da lleggere che ogni mio commento potrebbe risultare superfluo.

    Ciò che mi spinge quindi a scriverti, riguarda semplicemente un problema tecnico.

    Potresti gentilmente dirmi il motivo per cui non posso più condividere correttamente i tuoi articoli nella mia pagina di Facebook?!? Cercherò di spiegarmi meglio. È possibile condividerli ed i links riportano direttamente al sito di Byoblu però il titolo è sostituito dal messaggio “Page not found ed invece della foto appare questo simbolo:


    Grazie per la tua attenzione!
    Un saluto
  • Per quelli che credono nelle tasse:

    se sei un dipendente, allora non credere che il fatto che il tuo stipendio netto sia sempre quello, l’azienda che te lo paga, riesca a continuare a pagartelo;

    se sei un autonomo e credi nelle tasse sei completamente scemo!

    se sei disoccupato e credi nelle tasse sei più scemo dell’autonomo!

    se sei pensionato e credi nelle tasse, perchè tanto a te non ti cambia nulla, inizia a guardare bene i prezzi dei supermercati e augurati che non ti si rompa il frigorifero o non si guasti la lavatrice;

    tutto il nostro sistema è basato sulla circolazione della moneta, l’aumento della circolazione della base monetaria, l’offerta della moneta, bla, bla, bla, ma se questa moneta è rastrellata dallo Stato attraverso le tasse e restituita alle banche attraverso gli interessi sui titoli pubblici, non ci resta che chiederci come fare a trattenere più moneta possibile nel mercato liquido dei poveri cristi, per evitare di essere schiavi di Stato e banche…..  ed ecco che un campanello di allarme si illuminerà nel nostro cervello e ci farà intuire che eliminare il contante, significa eliminare la possibilità di trattenere moneta nel mercato liquido e facilitare la sempre più elevata richiesta di moneta da parte di banche e Stato.

    La moneta elettronica sarà il nuovo strumento di fiscal drag del III millennio, lavoreremo per loro, saremo le loro vacche grasse, produrremo ricchezza tassata a valori che sfioreranno il 100%. Si inizierà a parlare di debito del 120% anche per i singoli cittadini, poichè non ce la faranno alla fine del mese a produrre la giusta ricchezza per pagare le tasse che gli verranno prelevate direttamente dal conto corrente.

    Per chi non lo sapesse, tolte le detrazioni e le deduzioni, su un imponibile di

    € 30.000 si arriva al 73,72% di pressione fiscale già oggi, non c’è bisogno di fantasticare… serve solo riprendersi il Paese anche a suon di mazzate in testa a questi scienziati dell’economia, che tutto fanno tranne quello di liberare risorse per lo sviluppo del Paese..

    Pagare Equitalia significa pagare 2 volte lo stato e le banche

    Permettere alle banche di guidare la moneta significa estendere il signoraggio anche ad organismi non riconosciuti come capaci di emettere moneta e di controllarla

    Stare seduti in poltrona a giudicare il Topo Amato (che poi amato assolutamente non è) o il Monti di turno, sinceramente non mi sembra un comportamento fattivo.

    Tutti quelli di voi che non hanno niente da perdere ma hanno ancora qualche neurone attivo, inizino a pensare sul da farsi e si rendano parte attiva del prossimo cambiamento del paese.

  • Claudio, forse intendi 220.357 MILIONI, non miliardi.. anche perchè il debito pubblico, ad oggi, è di poco più di 1.900 miliardi… ti ricordo che spesso, le cifre, sono espresse in milioni di euro, non in miliardi…

    Non prendertela.. però, 220mila miliardi, è persino oltre il debito pubblico MONDIALE, che si aggira sui 150mila miliardi di dollari…

    • Non te la prendere tu,

      ma quando ha governato amato (minuscola d’obbligo) l’euro non c’era.

       

      Quindi 220mila milardi di vecchie lire…

  • Ci siamo dimenticati che amatO (la maiuscola in fndo) da grande europeista raddoppiò il bollo sulla patente e l’anno successivo fu costretto ad abolirlo.

    Quando da presidente del consiglio pose la fiducia su un  importante provvedimento e disse che se avesse perso si sarebbe ritirato dalla vita politica, perse ed eccoli ancora lì.

    Quello che poteva non sapere, ma io credo che sapesse……

    Se si riuscisse a rinnovare tutto il parlamento con persone non coinvolte, diciamo vergini, avremmo risolto molto poco perchè ormai la corruzione e la nullafacenza dilagano a tutti i livelli delle stanze dei poteri: ministeri, regioni,province, comuni, enti vari (avariati). Come si potrebbe introdurre la meritocrazia dove la maggior parte degli assunti sono stati messi al loro posto dalla politica ed ad essa devono rendere conto ( e favori).

    Se vogliamo evitare di andare verso il fondo del baratro in cui stiamo precipitando dobbiamo rifondare tutte le istituzioni, azzerarle e ricominicare da capo. Non è possibile farlo ora e quindi dobbiamo attendere un bagno di sangue come accaduto nel nord-africa?

    Un saluto a tutti gli Amati lettori di questo blog.

     

     

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi